10
febbraio

Teresa De Santis fa causa alla Rai. Gli avvocati: «Il Sanremo da lei realizzato ha ottenuto ascolti record»

Teresa De Santis

Redde rationem. Il Sanremo dei record – come lo hanno ribattezzato a Viale Mazzini – si è concluso con un inaspettato strascico legale tutto interno alla Rai. L’ex direttrice di Rai1, Teresa De Santis, ha chiesto ai suoi avvocati di procedere contro l’azienda del servizio pubblico in merito alla propria rimozione dalla guida della rete ammiraglia, avvenuta proprio a poche settimane dall’avvio di un Festival che lei stessa aveva preparato.

La scelta di assegnare la conduzione della kermesse ad Amadeus, in effetti, era stata proprio della De Santis, sostituita poi in corsa da Stefano Coletta. L’ex direttrice sarebbe chiaramente rimasta spiazzata dall’interruzione del suo incarico alla vigilia di un evento così importante e non avrebbe gradito il fatto che, nel corso nella manifestazione, nessuno l’avesse citata o ringraziata.

Così, la donna ha fatto pervenire alla Rai una lettera da parte dei suoi avvocati, riportata da Repubblica.

La dottoressa De Santis ha dato mandato per rappresentarla contro l’azienda per la rimozione avvenuta senza alcuna motivazione e a pochi giorni dall’inizio del festival di Sanremo da lei realizzato che sta ottenendo ascolti record

si legge nella missiva, nella quale si rivendicano anche i “successi di ascolto e di critica della rete” ottenuti durante la direzione De Santis. Parole alle quali ieri, durante la conferenza stampa conclusiva della kermesse, sembrava aver risposto (in)direttamente Stefano Coletta, sollecitato dai giornalisti.

Nessuno vuole togliere il merito a Teresa De Santis. Ma degli avvicendamenti ci sono sempre stati. Non mi piace che noi dirigenti a volte abbiamo la capacità di indurre la stampa a pubblicare certe cose che si porta via il vento. La stampa non deve veicolare i pettegolezzi del condominio“.

Nessun commento, al riguardo, da parte dell’AD Rai Salini. A riconoscere i meriti all’ex direttrice era stato invece il Presidente di Viale Mazzini, Marcello Foa, che parlando di Amadeus aveva precisato:

L’ha scelto Teresa De Santis, lo ha voluto già dalla scorsa primavera e alla fine ha avuto ragione“.

Tra l’ex direttrice e la Rai si profila ora una battaglia legale, con la conseguente richiesta di reintegro.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Franco DI Mare
Rai, via alle nomine: Franco Di Mare nuovo direttore di Rai3, Mario Orfeo al Tg3. Teresa De Santis a RaiCom


Mario Orfeo, Monica Maggioni
Rai, nomine in arrivo: Mario Orfeo al Tg3, Franco Di Mare verso Rai3. Rientra Teresa De Santis


elodie
Elodie vs Marco Masini: «Dirmi ‘devi mangiare’, non è da str0nzo?» – Video


Michela Murgia
Michela Murgia, festival delle assurdità: «Sanremo 2020 maschilista, sessista, ipocrita»

4 Commenti dei lettori »

1. Ale ha scritto:

10 febbraio 2020 alle 18:22

Il cambio repentino è colpa di Salvini… dovrebbe prendersela con lui.



2. Salvuccio ha scritto:

10 febbraio 2020 alle 19:15

Ma come si permette? Sbaglio o era lei stessa ad ammettere di dover conto e ragione al governo per la gestione della rai? Il discorso funziona anche quando a governare sono le forze politiche opposte alle sue. L’unica cosa che può fare è tacere. Anzi mi auguro che la Rai possa licenziarla. E’ stata la peggior direttrice di Raiuno, Coletta è un genio della comunicazione e Rai 1 può solo cresce e fare decisamente meglio e di più. Spero che al pi
presto anche Marcello Foa possa andare via.



3. Patrick ha scritto:

11 febbraio 2020 alle 03:18

Uhhh eccola la matrona tignosa. Amadeus l’ha più e più e più volte ringraziata per averlo scelto, quindi se ne stesse al suo posto e fine, che di direttori così non ce n’è più bisogno fortunatamente.



4. Lorenzo78 ha scritto:

11 febbraio 2020 alle 08:54

Il direttore più disastroso di RaiUno che si sia mai visto!



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.