26
aprile

INTERVISTA A PAOLA BARALE: ECCO PERCHE’ NON HO ACCETTATO DA SUBITO LA CONDUZIONE DE LA PUPA E IL SECCHIONE.

E’ tornata in grande spolvero. Raggiante, con un immancabile nuovo look e assolutamente in forma. Dopo nove anni di assenza e una parentesi “talpesca” in Sudafrica, si è riappropriata del video grazie ai reality show. Genere, quest’ultimo, che non ha mai gradito ma che, oltre ad averla aiutata a “voltar pagina” in un periodo buio, sancisce una rentrèe con un riscontro di pubblico decisamente buono. Inizialmente titubante, e non per questioni economiche – come ci tiene a sottolineare, ha accettato la conduzione dell’agognato ritorno de La Pupa e il Secchione. Per darle il bentornato anche noi, abbiamo intervistato Paola Barale mentre era in compagnia dell’amico di sempre Luca Tommasini, poco prima della messa in onda della seconda puntata del reality show di Italia1.  

Volevo iniziare con una considerazione. Sai che brava!?!

Ma io ti ringrazio. Probabilmente è perchè mi diverto, la Pupa e il Secchione è intrattenimento puro.  Devo dirti che mi sono piaciuta abbastanza anche io.

Come mai abbiamo dovuto aspettare tutti questi anni prima di vederti nuovamente in video?

Quando decisi di non far più Buona Domenica non lo feci perchè non avevo più voglia di lavorare. Era piuttosto voglia di fare altro. Potevo permettermi il lusso di fermarmi un attimo, cosa che ritengo sia una grande opportunità che non tutti hanno, e ho preso del tempo. Alcune cose che mi hanno proposto non mi sono piaciute, quelle che aspettavo non sono mai arrivate ma ora è arrivata quest’opportunità in un momento in cui avevo davvero una gran voglia di tornare. Così ho accettato.

Non subito a quanto pare…

Non ho accettato sin da subito, ma non è stata una questione economica come hanno scritto in tanti. Sin dall’inizio, da quel punto di vista, non ci sono stati problemi. Percepisco una cifra adeguata ai tempi che ci sono oggi. Era, invece, una questione di contenuti: all’epoca non vidi il programma perchè non ero in Italia ma, stando a ciò che si diceva, mi sembrava che non mi piacesse. Prima di accettare, quindi, ho voluto vedere di cosa si trattasse e capire quale sarebbe stato il mio ruolo. All’inizio mi sembrava uno show offensivo nei confronti delle donne, poi ho visto che si trattava di un gioco, una parodia. E mi piace perchè è spudoratamente onesto nel senso che non fa finta di essere un’altra cosa: è una comicità facile ma dichiarata.

A proposito di estero e viaggi, tempo fa anticipammo su DM l’arrivo di un tuo programma alla scoperta della cultura asiatica…

Era una gran bell’idea scritta da alcuni miei amici conosciuti durante la Talpa in SudAfrica. Purtroppo il progetto non è andato avanti. Ma guarda un po’ se devi sempre farmela…

E’ una coincidenza che sia tu che Raz debuttiate contemporaneamente su Italia1? (Degan condurrà Mistero, ndDM)

Si (ride). Sia io che Raz non abbiamo questo potere di decidere il palinsesto. Una strana coincidenza, ma soprattutto una strana cosa che Raz faccia il conduttore.

A proposito di Raz e di Misteri, so che siete amanti della Puglia e vi rifugiate spesso in terra salentina…

Raz ha un trullo a Cisternino. La sua casa vera è quella; quindi stiamo un po’ a Milano da me, un po’ a Cisternino da lui.

Hai detto a Papi che vi siete reincontrati dopo quasi dieci anni ma è come se non fosse passata neanche una settimana. In realtà la Barale sembra cambiata.

E’ purtroppo per una questione anagrafica (ride, ndDM). Ho superato i quaranta e mercoledi prossimo è pure il mio compleanno. Scherzi a parte, forse le mie scelte sono servite a qualcosa, mi hanno fatto crescere. In qualche modo credo che si sia aperta un po’ la mente…

Che cosa ha influenzato Paola Barale? Lontani dalla tv a cosa si pensa?

Lontani dalla tv si vive una vita vera. Io ho iniziato a lavorare in televisione molto presto (mi è piaciuto, per carità, e sono felice di essere tornata in uno studio televisivo) ma ero soprattutto Paola Barale. Quando ho iniziato a fare Paola ho riscoperto l’ebbrezza dell’anonimato: superato il confine, non mi conosceva nessuno. Ho ritrovato una libertà che non avevo.

Magari non ti risconoscevano perchè sei una maestra nei cambi di look.

Mi piace molto cambiare. Questo lavoro mi ha regalato la fortuna di conoscere grandi professionisti come Antonio Berardi, DSquared o Navarra che si sostituiscono alla classica amica che – se non avessi fatto questo lavoro – mi avrebbe accompagnato a far shopping per comprare un abito nuovo. Io sono convinta che fare tv sia un lavoro di immagine e quindi devi presentarti in un certo modo. La moda va al di là dell’abito fine a sè stesso. Credo che tutti, se potessero, si metterebbero a tavolino con alcuni stilisti per poter decidere il proprio look…

Probabilmente si, ma sul piccolo schermo italiano un’immagine così studiata ce l’avete solo tu e la Ventura.

Io penso di essere quella che ha cominciato e ha rovinato la moda (ride, ndDM). Ma è giusto farlo perchè oltre a ciò che dici, è importante anche come appari e come sei.

Nel 1999 hai vinto un Telegatto come Personaggio Femminile dell’anno. Erano in lizza con te, se non erro, la Ventura e la Carrà. La Ventura, dopo 11 anni, è nell’olimpo dei conduttori. La Barale?

Meno male che nella vita non tutti fanno le stesse cose. Amo la Ventura, penso sia bravissima e abbia inventato un nuovo modo di fare tv. Non è una conduttrice istituzionale, ha un modo tutto suo. E’ moooolto capace, una vera professionista. Io, però, penso che non avrei mai potuto fare quello che ha fatto la Ventura. Non sarei capace di passare tutta la vita a lavorare. Non perchè non abbia voglia di lavorare ma perchè sono arrivata ad un certo punto della vita in cui avevo bisogno di fare altro. Ora sono tornata, sarà difficile raggiungere i livelli di Simona ma sono felice di aver raggiunto Paola. Mi gratifica molto.

In questi anni di assenza se ne son dette di cotte e di crude. Qual è la cosa che più ti ha infastidito?

 Io ho una grandissima capacità: rimuovere. Diciamo che mi dato parecchio fastidio tutta la storia montata sulla droga. Ci hanno beccato insieme ad alcune persone, c’era del fumo… ma hanno parlato di droga, vibratori, casa sporca. Questo mi ha fatto molto male, principalmente per i miei genitori. Loro, però, mi hanno creduto. Poi, però, mi son presa la mia rivincita perchè ho fatto causa (durata quattro o cinque anni) e sia io e Raz abbiamo vinto. Ci hanno risarcito economicamente. Anche la storia del tradimento di Raz però non mi è piaciuta. Noi in quel periodo ci eravamo allontanati e non mi ha fatto bene vedere quelle cose…

Anche tu in quel periodo ti sei “distratta”?

E’ stato un periodo molto brutto per me che è cominciato con la perdita della mia amica di sempre che è mancata di tumore. Però in quel periodo sono stata più furba di Raz (ride, ndDM).

Voltiamo pagina, Capitolo Talpa…

Proprio nel periodo dell’allontanamento da Raz e della perdita della mia amica, la televisione è arrivata con una proposta che molto probabilmente uno o due anni prima non avrei mai accettato. Invece è arrivata in un momento giusto; anche perchè ho imparato ad amare i viaggi, a stare fuori dall’Italia (prima mi sentivo a casa solo in Italia) e quindi il fatto che mi fosse stato proposto di fare una cosa in tv, ma all’estero, mi sembrava un regalo quasi divino.

 Eppure i reality non li hai mai digeriti troppo.

Io non ho mai amato i reality ma La Talpa l’ho preso come un talent. E’ un po’ come i “10 Piccoli Indiani” di Agatha Christie. Ma a parte questo, mi piace molto spostare i mie limiti: quando cambio idea su qualcosa, mi sembra d’aver fatto un passo avanti. In questo caso, poi, La Talpa mi ha anche aiutato ad uscire da un periodo difficile e mi ha riportato alla serenità. E’ sbagliato precludersi delle cose per dei limiti che ci poniamo noi.

Nei momenti difficili Paola su chi o cosa fa affidamento?

Su me stessa. Dovrei fare un corso di autostima ma ho fatto passi avanti anche in questo senso.

Sei insoddisfatta di te stessa?

Insoddisfatta no però a volte mi piacerebbe avere delle certezze in più. Sarebbe un grande traguardo.

 Hai lavorato con i più grandi. Che rapporto avevi e che rapporto hai con Costanzo?

Non ho rapporti, non ho mai avuto rapporti. Avevo solo dei rapporti di lavoro ma dal giorno in cui ho finito Buona Domenica non l’ho più nè visto nè sentito.

Era proprio amore.

Anche con Mike era la stessa cosa. Questi personaggi così potenti hanno una vita completamente diversa dalla mia che ci porta a non incrociarci. E’ impensabile, ad esempio, fare un viaggio con Costanzo. Se vuoi incontrarlo vai ad Ansedonia…

Mi parli di Ansedonia, mi viene in mente Maria. Per anni, si è parlato di una simpatia tra voi due…

Mi sembra assurdo che venga ancora chiesto. Io penso di averla incontrata in tutta la mia vita dieci volte.

Per concludere, era necessario inscenare una protesta della Cipriani quando pare che il suo ingresso fosse già deciso?

Ma perchè, è stata inscenata?

Ma che paracula! (ridiamo di gusto, ndDM)



Articoli che potrebbero interessarti


Francesca Cipriani, intervista
FRANCESCA CIPRIANI A DM: VORREI MOSTRARE IL MIO LATO DRAMMATICO O FARE LOVE BUGS CON ENRICO PAPI. SE VINCE L’ITALIA AI MONDIALI? MI VESTO DA SUORA


DM Live24: 4 Giugno 2010
DM LIVE24: 4 GIUGNO 2010


INTERVISTA A PAOLA BARALE: ECCO PERCHE' NON HO ACCETTATO DA SUBITO LA CONDUZIONE DE LA PUPA E IL SECCHIONE.
LA PUPA E IL SECCHIONE 2, LA SEMIFINALE. ECCO LE COPPIE FINALISTE.


La Pupa e il Secchione il ritorno - Le Pupe e i Secchioni
LA PUPA E IL SECCHIONE 2, SESTA PUNTATA. DOPO LO SCOPPIO DI TETTA, LA CIPRIANI E’ IN NOMINATION. INTANTO PARTE IL PRIMO TELEVOTO PER RIUNIRE PASQUALINA E TASSINARI

15 Commenti dei lettori »

1. GIOBOND ha scritto:

26 aprile 2010 alle 14:44

Bellissima intervista, Davide!
Grande Paola, bentornata in tv! …era ora!
Gio



2. Marinella ha scritto:

26 aprile 2010 alle 15:06

Cara Paola, avresti fatto bene a non cambiare idea, meriti ben di più della conduzione di un programma così svilente…parli di gioco, di parodia…sarà…a me sembra soltanto una triste vetrina di persone che calpestano la propria dignità…



3. Phaeton ha scritto:

26 aprile 2010 alle 15:27

Ma no Marinella a me lo spirito del programma piace molto poi apprezzo che non c’è un televoto, è molto goliardico. La Barale poi è bravissima e mi è piaciuta tanto in questa intervista. Il fatto di non sovraesporsi poi è un bene perchè di sicuro non potrà stancare.



4. fragolina ha scritto:

26 aprile 2010 alle 15:38

Gran bella intervista,quanto mi piace Paola Barale!Non seguo la Pupa e.. perchè mi guardo Tutti pazzi.. ma sono contenta che sia tornata in tv e spero che nel futuro possa essere più presente!



5. Valentina Segatori ha scritto:

26 aprile 2010 alle 16:05

Paola Barale per me è un mito, adoro il suo look, adoro il suo modo di condurre. La adoro insomma



6. Chiara ha scritto:

26 aprile 2010 alle 16:07

Grazie a Dio è tornata Paolaaa!
Che intervista fantastica io la adoro…



7. lilli ha scritto:

26 aprile 2010 alle 16:50

anche io adoro paola barale e sn contenta che finalmente è ritornata in tv!!!
ma mi mancava la storia della droga…mmm ora studiero’ :D



8. Chiara ha scritto:

26 aprile 2010 alle 17:02

Lascia perdere questa storia della droga…La Barale è così…semplicemente unica!



9. zia-assunta ha scritto:

26 aprile 2010 alle 17:12

Paola fai la personal shopper di Madonna o di qualche vera star (quindi non la Ventura), per la conduzione sei negata, potresti fare ancora la valletta e nessuno lo rimpiangerebbe.



10. Alessiofanreality ha scritto:

26 aprile 2010 alle 20:38

Anche io sono molto felice del ritorno di Paola Barale anche come inviata della Talpa fù bravissima!!!Trovo la sua conduzione alla Pupa e il secchione molto fresca e professionale poi ha ragione lei che nel programma si ride molto!!!Ma a Zia Assunta non va mai bene nessuno???critica chiunque!!!



11. zia-assunta ha scritto:

26 aprile 2010 alle 20:54

è l’età caro Alessio (ti prego diventa fan della Balivo ma dei reality NO…..



12. Chris Girolamo ha scritto:

27 aprile 2010 alle 01:09

mi duole dirlo da fan di paola, ma ho notato un pò di falsità quando ha parlato di costanzo, andavano d’amore e d’accordo e mo dice che non l’ha + sentito? quando un annata era anche tornata da costanzo bugiarda



13. zia-assunta ha scritto:

27 aprile 2010 alle 10:32

Mi sa che Floppanzo e la Sanguinaria c’entrano con la sua epurazione dal video.



14. Leonzio ha scritto:

27 aprile 2010 alle 12:50

Ma credete veramente a tute le baggianate che dice la Barale? Non dirà mai la verità sul suo rapporto con Costanzo e con la Defilippi, così come non dirà mai la verità sulle ragioni che l’hanno portata a stare fuori dalla TV per un lunghissimo periodo. E non dirà mai come mai questo rantrè.



15. zia-assunta ha scritto:

27 aprile 2010 alle 14:14

Pinocchia Barale.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.