Serie A



11
settembre

CIELO ACQUISTA IL PACCHETTO ‘6A’ DEL CAMPIONATO DI CALCIO. SIMONA VENTURA TORNA ALLA DOMENICA POMERIGGIO?

Simona Ventura a Quelli che il Calcio

Colpo di coda! Dopo due settimane dall’inizio del campionato di Serie A ma alla vigilia del primo turno pomeridiano del torneo tricolore, Cielo mette a segno un colpaccio acquisendo i diritti del cosiddetto ‘pacchetto 6A’ che includono la possibilità di mandare in onda in chiaro – e prima di tutte le altre emittenti nazionali (Rai compresa) –  gli highlights delle partite di serie A in un orario dalle 18 alle 18.15.

Ma c’è di più. Cielo afferma di essere “la nuova casa televisiva in chiaro della domenica pomeriggio in diretta dagli stadi di Serie A“. L’espressione è abbastanza oscura e, a voler essere maliziosi, la si potrebbe interpretare nel senso dell’esistenza di un progetto ambizioso che vedrebbe il ritorno di Simona Ventura alla conduzione di un talk show sul mondo del pallone con gli ospiti in giro per i campi. Ed invero, tra i contenuti del pacchetto 6A specificati nell’allegato 3 dell’invito a offrire della Lega Calcio è compreso (oltre agli highlights in esclusiva tra le 18 e le 18.15) anche il contenuto principale di Quelli che il Calcio, ovvero:

“Immagini Correlate in Diretta concernenti immagini degli spalti e di massimo due commentatori presenti in tribuna, nella fascia oraria compresa tra i 10 minuti antecedenti il fischio d’inizio della Gara e i 10 minuti successivi al fischio finale della Gara”.




24
agosto

SERIE A, TUTTI GLI APPUNTAMENTI TV. RAI2 CONFERMA I SUOI PROGRAMMI, AUSTERITY PER ITALIA1. LE PAYTV PUNTANO SULLE DIRETTE (E SKY SULL’HD)

Quelli che

Si riparte! Tra poco più di 24 ore tornano in campo le squadre di Serie A e con esse tutto il cucuzzaro di approfondimenti sportivi che i calciofili sono abituati a seguire per non perdersi nemmeno un gol, una polemica, un’azione da moviola di quello che era il campionato più bello del mondo. Per comodità espositiva, una prima distinzione che occorre fare è quella tra programmi in chiaro e l’offerta delle pay tv che puntano forte sulla diretta delle partite. Le trasmissioni di Rai2 e Italia1, uniche due emittenti nazionali che dedicano parte del proprio palinsesto del weekend al calcio italiano, saranno le uniche accessibili alle tasche di tutti.

MEDIASET – A risentire maggiormente dell’austerity è proprio il canale diretto da Luca Tiraboschi. Archiviati infatti Controcampo – che sarà sostituito da Undici, il nuovo talk show di Pierluigi Pardo in partenza lunedì 17 settembre su Italia2 – e Guida al Campionato, ad offrire una panoramica generale sui match è rimasta solo l’edizione domenicale di Sport Mediaset XXL in onda per un’ora dalle 13 con la conduzione di Mino Taveri. L’impossibilità di competere con le tv a pagamento sul terreno della Serie A ha portato Mediaset a spendere tutte le risorse sul terreno europeo dove, tra le dirette dei match di Champions ed Europa League e i relativi approfondimenti, ha allestito un’ottima programmazione in grado di soddisfare li calciofilo che non ha sottoscritto alcun abbonamento pay.

RAI – Nonostante l’estenuante tira e molla sui diritti tv, Rai2 è riuscita a confermare (ad un prezzo molto più basso di quello richiesto dalla Lega di Serie A) quasi tutte le trasmissioni che il tifoso da poltrona è ormai abituato a conoscere. Il quasi è riferito a Quelli che il calcio, collocato in uno slot per il quale il Servizio Pubblico non è riuscito ad accaparrarsi i diritti ed è stato rinominato semplicemente Quelli che (al via il 16 settembre). Per il resto nessuna novità: confermati Sabato Sprint (con Simona Rolandi), Stadio Sprint (Varriale), 90°Minuto (Lauro) e la Domenica Sportiva (Ferrari e Gnocchi) mentre si è studiata una nuova formula per Dribbling che perde il conduttore e lo studio ed è stato ripensato come un rullo di sevizi l’uno dietro l’altro.

Scopri dopo il salto l’offerta pay.


26
luglio

SERIE A: IL SORTEGGIO DEL CALENDARIO IN DIRETTA DALLE 20.30 SU SKY SPORT1 (E IN STREAMING)

Il sorteggio dei calendario dello scorso campionato - Zamparo, Bonan e Beretta

Si parte! Ad un mese esatto (start previsto per domenica 26 agosto, probabilmente in notturna) dall’inizio di quel che era il campionato più bello del mondo, questa sera alle 20.30 verrà stilato il calendario ufficiale del campionato di Serie A valido per la stagione 2012/2013.  Come accade ormai da qualche anno a questa parte, il sorteggio delle partite si trasformerà in evento televisivo con Sky Sport1 che organizzerà una serata di gala in diretta dagli studi televisivi di Deruta 20 di Milano con la conduzione di Alessandro Bonan, ormai cerimoniere ufficiale dell’evento.

Il conduttore di Speciale Calciomercato sarà coadiuvato dal competente Mario Sconcerti e dalle Sky Sport women Sara Benci e Veronica Baldaccini che, oltre ai commenti sulla composizione del calendario, si occuperanno di intervistare Presidenti, Direttori Sportivi e tutti gli addetti ai lavori presenti questa sera. Tra qualche ora quindi i calciofili di tutta italiana sapranno le date dei derby di Milano, Roma, Genova e Torino e delle partite più interessanti che il massimo campionato offre ogni anno.

Importante sottolineare che la trasmissione sarà visibile a tutti: oltre agli abbonati Sky che potranno seguire il sorteggio su Sky Sport1 (da ieri passato al tasto 214 del telecomando causa lancio delle Olimpiadi di Londra, i cui canali dedicati hanno occupato le posizioni che vanno dal 201 al 213), è prevista per i comuni mortali la diretta streaming dell’evento sul sito della pay tv satellitare.

Questi i criteri dei quali terrà conto il cervellone elettronico nell’elaborazione delle 38 giornate di campionato:





11
luglio

SERIE A, DIRITTI TV: DA CIELO NESSUNA OFFERTA. STRATEGIA PER ABBASSARE IL PREZZO?

Diritti Tv per la Serie A

La Rai 2 dei tempi d’oro sperata da Simona Ventura non sembra, almeno per il momento, vedere la luce. Dopo lo sbarco di Michele Santoro a La7 (che, di fatto, ha tolto a Cielo l’illustre prime time del giovedì), ora a fare notizia è la mancata offerta del canale digitale di Sky per i diritti in chiaro della Serie A nel triennio 2012-2015.

A sorpresa, infatti, terminata ieri la trattativa, la Lega Calcio non ha ricevuto nessuna busta in merito. Preso atto della rinuncia della Rai alla fascia 13.30-18.15 (con Victoria Cabello ufficialmente privata dei collegamenti dagli stadi durante le partite della domenica), sembrava certa l’offerta di Cielo – intorno agli 8 milioni di euro – per acquisire l’illustre pacchetto che, oltre ad ereditare la fascia di Quelli che il Calcio, consente anche di trasmettere in chiaro i primi gol della giornata di campionato.

In Lega Calcio, però, tutto tace, e nei prossimi giorni si discuteranno eventuali modifiche ad un pacchetto che, a metà luglio, risulta inaspettatamente invenduto. E’ difficile, però, che lo sia ancora per troppo tempo. E soprattutto, quella di Cielo ha tutta l’aria di una strategia per abbassare il prezzo, considerando anche la corsa solitaria (salvo sorprese) del canale free di Rupert Murdoch per aggiudicarsi la posta in palio.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,


29
maggio

SERIE A, DIRITTI TV: LA RAI SI ‘SALVA’ DALLE 18.15 IN POI. NIENTE DA FARE PER QUELLI CHE IL CALCIO

Diritti Tv per la Serie A

Mentre il calcio, tra perquisizioni e arresti, è alle prese con l’ennesimo scandalo scommesse, ieri è stata una giornata importante nell’assemblea di Lega dove si è discusso dei diritti in chiaro del campionato di Serie A per il triennio 2012 – 2015. La notizia è che la Rai salva trasmissioni storiche come 90° minuto, La Domenica Sportiva e Tutto il calcio minuto per minuto.

L’assemblea, infatti, ha accettato l’offerta della tv di Stato di trasmettere – oltre alla diretta radiofonica degli incontri – gli highlights e le interviste post-partita nella fascia oraria che va dalle 18.15 in poi. Salvi, dunque, i programmi sopra citati, per un accordo che vale 14,5 milioni di euro (11,5 per i diritti tv e 3 per quelli della radio).

Prosegue, invece, in forma privata la trattativa per l’acquisizione della fascia 18.00 – 18.15, che consentirebbe di trasmettere i primi gol in chiaro. L’offerta di Sky per Cielo, infatti, è stata ritenuta troppo bassa e dunque tali diritti restano ancora invenduti. A qualcosa, visti i tempi, tocca comunque rinunciare, e la Rai sembra aver definitivamente abbandonato al suo destino Quelli che il Calcio.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,





27
maggio

SPORT IN TV: LA F1 POTREBBE PASSARE SU SKY (CIELO?), DOMANI GIORNATA DECISIVA PER I DIRITTI IN CHIARO DI SERIE A

Formula 1 - Fernando Alonso

Carlo Vanzini, esperto di motori di Sky Sport, si starà fregando le mani. Dopo anni di totale disinteresse della pay tv satellitare per tutto ciò che avesse a che fare con il mondo delle due e quattro ruote sembra arrivato il momento della ‘redenzione’ per il colosso di Murdoch. Dopo i diritti della MotoGP a partire dal 2014 infatti, in quel di Milano Santa Giulia starebbero puntando sulla Formula1 approfittando dei tentennamenti del CdA Rai che non ha ancora presentato alcuna offerta per i prossimi tre Mondiali.

L’aumento del costo dei diritti – che arrivano a 43,9mln di euro annui – ha portato la tv pubblica a non aver ancora rinnovato l’accordo con Bernie Ecclestone e, stando a quanto riportato da La Stampa di ieri, nella trattativa si sarebbe inserita Sky disposta a offrire la cifra richiesta dal patron della Formula1.

Ancora incerte le modalità di trasmissione dei vari GP con due soluzioni al vaglio: la pay tv che potrebbe acquistare l’intero pacchetto per poi cedere alla Rai una metà dei GP in diretta (e l’altra metà in differita di 12 ore). Un’altra ipotesi – chiaramente finalizzata a far sì che la F1 non diventi uno sport d’elite ma resti nazionalpopolare – prevederebbe la messa in onda delle gare in chiaro su Cielo. In ogni caso, sempre secondo il quotidiano torinese, la Rai sembra intenzionata a non presentare alcuna offerta.


16
aprile

DM LIVE24: 16 APRILE 2012. BBC SESSISTA?, AL JAZEERA SI ESPANDE IN EUROPA, LA SERIA A RECUPERA IL 25/4

Diario della Televisione Italiana del 16 aprile 2012

>>> Dal Diario di ieri…

  • Capitan Kuk per mangiare frutta e verdura

Giuseppe ha scritto alle 06:13

Il Ministero della Salute lancia una campagna per invogliare i bambini a mangiare frutta e verdura attraverso la serie animata Capitan Kuk. Realizzata in animazione flash con le musiche di Daniele Silvestri e Gianluca Misiti, è attualmente in onda su Rai YoYo per 26 puntate ogni sabato e domenica alle 8,50 e in replica alle ore 17,50. (fonte Salute.Gov.it)

  • La Serie A recupera il 25 aprile

Giuseppe ha scritto alle 07:44

La serie A recupererà il 25 aprile, un mercoledì, il turno sospeso questo fine settimana per la tragedia accaduta a Pescara col malore che ha stroncato il giocatore del Livorno Morosini. Le gare del 33° turno verranno ’spalmate’ su tre fasce orarie:12.30, 15 e 18. Non si giocherà la sera, che l’Uefa riserva alla semifinale Champions Real Madrid-Bayern. Ma c’è anche l’ipotesi di far slittare i turni: il prossimo weekend si giocherebbe il 33°, il 25 il 34°. Rinviato lo stage degli azzurri in calendario il 23 e 24 aprile. (fonte Televideo)

  • BBC sessista?

Giuseppe ha scritto alle 06:34

La Bbc, spesso vantata come esempio di modernità, è sessista. Un’inchiesta del ‘Telegraph’ che, appellandosi alla legge sulla trasparenza dell’informazione, il Freedom of information Act, ha ottenuto i dati sugli stipendi dei dipendenti, scoprendo un certo maschilismo nella scelta dei manager e, soprattutto, nei loro stipendi. Tanto che, in media, un uomo guadagna 17 mila sterline più di una donna. Non solo. Anche i numeri del personale sono tutti a favore degli uomini, con quasi il doppio di incarichi dirigenziali (82 contro 42) e ben più del doppio se scendiamo un gradino sotto la scala gerarchica (223 contro 111). (fonte Panorama.it – Corriere della sera.it)

  • Al Jazeera si espande in Europa

Giuseppe ha scritto alle 16:56


12
febbraio

SERIE A IN CHIARO: LA LEGA RIFIUTA LE OFFERTE, SI VA VERSO LO ‘SPACCHETTAMENTO’. CONFERME PER L’IPOTESI DI ZAZZARONI?

Simona Ventura a Quelli che il calcio

Altro giro, altra corsa. Ennesima puntata di quello che sta diventando uno dei tormentoni televisivi più coinvolgenti dell’ultimo periodo: l’asta per l’acquisizione dei diritti tv in chiaro per il campionato di calcio di Serie A nel triennio 2012-2015.

Come avevamo già avuto modo di dirvi le offerte presentate da Mamma Rai lo scorso 3 febbraio non sono state giudicate congrue dalla Lega Calcio, che ieri ha ufficialmente rifiutato le proposte di Viale Mazzini oltre a quelle presentate dai network Europa 7 e Pangea relative ai diritti per la trasmissione in diretta sul digitale terrestre delle otto squadre di Serie A non incluse nell’offerta di Mediaset Premium e che sono attualmente prive di copertura televisiva.

Per quanto riguarda i diritti in chiaro (e quindi la possibilità di trasmettere programmi come 90°Minuto, Quelli che il calcio, Stadio Sprint e La Domenica Sportiva) la Lega ha deciso di procedere al cosidetto “spacchettamento” in trattativa privata con la conseguente suddivisione in almeno due pacchetti del prodotto. La conseguenza è che – almeno in via ipotetica e a puro titolo esemplificativo – un network potrebbe aggiudicarsi i diritti dello slot 15-18 e un altro potrebbe accontentarsi della possibilità di mandare in onda prima di tutti gli highlights delle partite.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,