29
marzo

PIETRO MENNEA – LA FRECCIA DEL SUD: ANTICIPAZIONI SECONDA PUNTATA – 30 MARZO 2015

Pietro Mennea - La Freccia del Sud 6

“Contro il nemico si combatte, con l’avversario si compete. E la competizione implica lealtà e rispetto”. Basta questa sua citazione per descrivere la solida personalità di Pietro Mennea, un atleta che dei valori e dei principi etici legati allo sport ne fece da sempre la propria bandiera. La figura del grande velocista pugliese rivive questa sera e domani in Pietro Mennea – La freccia del sud, miniserie di Rai1 con protagonista Michele Riondino. La fiction è scritta e diretta da Ricky Tognazzi che, proprio qualche anno fa, ebbe modo d’incontrare casualmente Mennea e sentire dalla sua viva voce il racconto della sua intensa vita sportiva e privata:

“È da molti anni che pensavo a questo film, da quando, nel lontano 2000 insieme a Simona, ho conosciuto Pietro Mennea. Un incontro casuale dal quale è nata una collaborazione. Lui aveva una grande voglia di raccontarsi e io tanta voglia di mettere in scena i suoi ricordi, la sua vita, il percorso che lo aveva portato ad essere un grande campione, un parlamentare europeo, un marito esemplare, un plurilaureato. Quello che mi ha colpito profondamente di lui, che allora aveva quasi 50 anni, era la sua instancabilità, unita a un doverismo quasi ossessivo, un metodo che applicava a tutto grazie al quale primeggiava su qualsiasi terreno si avventurasse. Con Pietro, sua moglie Manuela e Simona, abbiamo in quei giorni ripercorso tutta la sua vita.”

La seconda puntata della miniserie andrà in onda domani, lunedì 30 marzo, alle 21,15 su Rai1. Di seguito le anticipazioni.

Pietro Mennea – La freccia del Sud: anticipazioni seconda puntata – 30 marzo 2015

Pietro rivede Manuela e inizia la relazione sentimentale più importante della sua vita. Intanto, si prepara per le Olimpiadi di Montreal ‘76. Vittori, in conflitto con i vertici della Fidal (Federazione italiana atletica leggera), viene sanzionato: non potrà seguire Mennea come preparatore atletico nell’Olimpiade canadese. Ma a Pietro, per evitare che reagisca compromettendo la sua partecipazione, dice di essersi dimesso. Pietro si sente abbandonato. E nonostante Vittori lo raggiunga per supportarlo, Pietro corre e arriva soltanto quarto. A quel punto la sua rabbia esplode, accusa Vittori di avergli fatto pagare lo scotto dei contrasti personali con la Federazione: i due si separano per sempre.

Pietro Mennea – La freccia del Sud: foto

Pietro cerca rifugio in Manuela che lo sprona a rialzarsi e a riprendere gli allenamenti. Poi un giorno, in un incontro con il giornalista Minà, scopre la verità su Vittori: non si era dimesso, ma era stato allontanato. Pietro decide a questo punto di recuperare il rapporto con il suo allenatore. Insieme tenteranno il record mondiale – quello ancora detenuto da Tommie Smith – a Città del Messico in occasione delle Universiadi ‘79. Alla notizia, la Fidal si oppone: in quel periodo Pietro rappresenterà l’Atletica nazionale nella Coppa del Mondo in Canada.

Contravvenendo ai disegni promozionali della Federazione, Pietro e Vittori sono ora alle Universiadi di Messico ‘79, nonostante gli ostacoli e la sfiducia di tutti. Mennea corre e vince. Stabilisce il nuovo record mondiale: 19’’72. È finalmente l’uomo più veloce del mondo. È festa grande per il Campione che è già proiettato verso la medaglia d’oro olimpica. E a supportarlo è proprio la madre Vincenzina: Pietro ha 28 anni, ma non può lasciare senza aver tentato quell’ultima sfida.

Mosca ‘80. L’Italia, con le altre nazioni del Patto Atlantico, aderisce al boicottaggio dell’Olimpiade sovietica, in reazione all’invasione dell’Afghanistan. Pietro si spende con la Fidal per tenere alta la bandiera della Sport come valore di fratellanza universale. Il risultato è che gli atleti azzurri partiranno, eccetto gli appartenenti ai corpi militari, e comunque gareggeranno senza inno e senza bandiera. Non è l’unico peso nel cuore di Pietro: prima di partire ha discusso aspramente con Manuela e con lei tutto sembra irrimediabilmente finito. In queste condizioni, Pietro corre la finale dei 100 e la perde.

È forse arrivato il momento di chiudere la carriera, ancor prima di misurarsi con la finale dei 200, la sua specialità? Appare demotivato, Vittori gli è vicino, ma non basta. Un incontro inaspettato con Borzov, avversario più temuto e rispettato, lo riaccende. Pietro deve cercare in sé le forze per recuperare. È il giorno più lungo della sua vita. Ed ecco materializzarsi Manuela, a suggellare il suo momento. È come se il puzzle dell’esistenza di Pietro si ricostituisse per intero. Ora è pronto a sfidare quegli atleti fortissimi e affamati di vittoria. Pietro corre e vince con una rimonta esemplare, unica nella storia dell’Atletica. È il suo trionfo e il coronamento di una vita da mito dello Sport.



Articoli che potrebbero interessarti


Amici 2017 - Morgan e Elisa
Amici 2017: anticipazioni seconda puntata Serale. Gli ospiti e l’eliminato di sabato 1° aprile (Foto)


I Fantasmi di Portopalo 8
I Fantasmi di Portopalo: anticipazioni seconda ed ultima puntata di martedì 21 febbraio 2017


C'era una Volta Studio Uno
C’era Una Volta Studio 1: anticipazioni seconda ed ultima puntata di martedì 14 febbraio 2017


Il Bello delle Donne... Alcuni anni dopo - Lalla la Sciacalla 2
IL BELLO DELLE DONNE… ALCUNI ANNI DOPO: LA SECONDA PUNTATA IN ONDA QUESTA SERA (ANTICIPAZIONI)

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.