24
febbraio

ORLANDO PORTENTO “TRICCHEBALLACCHE” QUESTO SCONOSCIUTO

Orlando Portento @ Davide Maggio .it

Quando essere di destra è scomodo!


Il marito, fino a qualche giorno fa sconosciuto, dell’Infermierona Angela Cavagna autore del tormentone del momento non è poi cosi’ sconosciuto.

Nel suo blog, tra una cammellata e l’altra, ritrovo la sua biografia. Mi è sembrata interessante :

“Orlando Portento nasce a Bagnara Calabra (RC) il 20/02/1947 sotto il segno dei pesci. Da oltre 50 anni vive a Genova, pertanto si sente un Calabro-italoGenovese dall’8 settembre del 2005 si sposa (dopo 18 anni di convivenza) con Angela Cavagna.

Ha vissuto per oltre trent’anni nel mondo del calcio, prima come calciatore, dopo come insegnante di tecnica calcistica nella Sampdoria. L’ambiente artistico lo assapora nel 1979 (dopo aver visto il successo di Grillo fatto di sue battute e modo di parlare) con radio Genova Sound (la più importante in quegli anni), poi le prime emittenti private (TeleGenova-TeleNord).

Conduce insieme a Walter Chiari “Ciao come stai” (1981) Antenna 3 Lombardia. Gianni Minà lo vuole per condurre gli esterni di “Blitz” (Rete 2), ma viene cacciato fuori da Enzo Tortora per una sua satira fatta sulla trasmissione “Portobello”. Tortora si scusò con lui solo dopo che venne scarcerato da quelle abominevoli accuse. Quell’anno viene premiato come miglior cabarettista Ligure. E’ con Federico Fazzuoli e Mario Marenco in “Tutto il mondo è paese”. Rai 1. Con Paolo Valenti sdrammatizza il calcio nel programma “Diretta Stadio” Rete 1 nel 1989 e sono dolori. Il mondo del calcio non era ancora pronto per essere preso per il culo! E viene dinuovo allontanato.

Nel 1994 conduce “L’Orlando curioso” (radio Rai). Dal 1995 per tre anni presenta “Sport…ento” sulla Rai 3 regionale dove viene contestato da alcuni sindacalisti, che come dei “Carbonari” mettono un volantino con la scritta “ecco la Rai come spende i suoi soldi per un fascista!”. E’ costretto ad andarsene, nessuno lo difende.

Nel frattempo è autore personale di Angela Cavagna a “Detto tra noi” Rai 2 attuale “Vita in diretta” dopo 80 puntate Portento denuncia gli intrallazzi di alcuni personaggi del cast e viene cacciato fuori assieme alla Cavagna, come sempre nessuno lo difende. Nel 1997 ritorna a TeleGenova con “A qualcuno piace il calcio” (trasmissione sportiva di grandissimo successo).

Nel 2002 Angela Cavagna ritorna sulla Rai 1 “Uno mattina” chiede e ottiene Portento come autore, altro schifo altra cacciata dalla Rai. Nel 2004 denuncia furti facendo nomi e cognomi a “Striscia la notizia”, vengono sospesi gli accusati per qualche mese e poi ripresi, ma per Portento niente da fare, in poche parole non lo caga nessuno.

Attualmente conduce su TeleNord “Zeneixi ghe nè ancon?” “Genovesi ce n’è ancora?”

Adesso, dopo un matrimonio arrivato dopo 18 anni al quale la Cavagna si è presentata con un bouquet di basilico e per il quale sono state utilizzate le cosiddette FEDI DEL DUCE (cioè le fedi che lo Stato dava a chi avesse donato oro alla Patria in sostituzione delle originali, sembra che le cose stiano prendendo la piega giusta!!!

Prima di chiudere pero’… una CURIOSITA’.

Ma BLITZ, il programma in cui il nostro TRICCHEBALLACCHE faceva l’inviato per Minà, non era mica lo stesso che costò a Leopoldo Mastelloni la CLAMOROSA CACCIATA dal mondo dello spettacolo per una bestemmia pronunciata in diretta!?!  Sembra proprio di si…



Articoli che potrebbero interessarti


la-fattoria-4-esce-fabrizio-corona
LA FATTORIA: TELEVOTO TRUCCATO PER ELIMINARE FABRIZIO CORONA?


DM Live24: 31 Marzo 2010
DM LIVE24: 31 MARZO 2010


DM Live24: 24 Marzo 2010
DM LIVE24: 24 MARZO 2010


ORLANDO PORTENTO "TRICCHEBALLACCHE" QUESTO SCONOSCIUTO
DM LIVE24: 20 GENNAIO 2010

1 Commento dei lettori »

[...] partecipazione al reality show La Fattoria, che la vede protagonista assoluta insieme al compagno Orlando Portento e le loro “cammellate”. A questo seguono ospitate tv a non finire. Oggi si occupa del suo [...]



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.