3
febbraio

TUTTA LA MUSICA DEL CUORE: FRANCESCA CAVALLIN TRA SETTE NOTE E MAFIA TORNA SU RAI1

Francesca Cavallin

In attesa della partenza del nuovo periodo di garanzia, previsto come ogni anno in concomitanza con il debutto del Festival di Sanremo, la Rai, attenta a preservare i prodotti di punta ai sempre più esigenti investitori pubblicitari, ne approfitta per fare pulizia nei propri magazzini. E così dopo L’isola, serie tv rivelatasi – complice la mancata concorrenza – più fortunata del previsto, è il turno di Tutta la musica del cuore.

La nuova fiction in 6 puntate, scontata un’anticamera di oltre 2 anni, debutterà questa sera alle 21.10 su Rai1. Prodotta dalla Casanova Multimedia, Tutta la musica del cuore ha per protagonista Francesca Cavallin (qui la nostra intervista), attrice nota al pubblico di Rai1 per il ruolo di Bianca in Un medico in Famiglia, fiction tra le più amate e popolari, la cui partenza è prevista per domenica 3 marzo.

La Cavallin veste i panni di Angela, una giovane funzionaria del Ministero dell’Istruzione relegata in uno sperduto Conservatorio della Puglia a verificare che i conti procedano come si deve. Nell’istituto, però, alla musica classica si affianca un’altra musica fatta di regole non scritte, pronte a soffocare sogni e speranze di tanti giovani. Nell’omertà generale soltanto Mattia (Johannes Brandrup), un docente locale, rivendica ad alta voce la legalità. Dopo un iniziale scontro, tra Angela e Mattia nasce un’alleanza decisiva per difendere la scuola: la battaglia per la musica è, infatti, forse l’ultima occasione per non far tacere per sempre la musica silenziosa (primo titolo dato alla serie) ovvero la speranza.

La serie, diretta da Ambrogio Lo Giudice, vede nel cast anche Lucrezia Lante Della Rovere, Ugo Pagliai, Paola Gassman e Laura Glavan. Il soggetto porta la firma di Laura Ippoliti, mentre la sceneggiatura oltre che della stessa Ippoliti, è di Francesco Arlanch, Andrea Leoni, Andrea Purgatori e Luisa Cotta Ramosino.

Tutta la musica del cuore punta dunque a raccontare la musica classica in una maniera nuova, come un’attività vitale non più stantia o riservata a pochi, che si propone come risposta positiva all’illegalità presente nel sud dell’Italia. Un meridione spesso in grado di alzare la testa e lottare contro le ingiustizie. Un messaggio importante, al quale si aggiunge la volontà di esplorare l’eterno rapporto tra musica e giovani che proprio in questi ultimi anni ha dato vita a talent show e programmi di successo.



Articoli che potrebbero interessarti


Tutta la musica del cuore
TUTTA LA MUSICA DEL CUORE: MORTI, ELEZIONI E RITORSIONI NELLA SECONDA PUNTATA


Non Uccidere 2 - 24
Non Uccidere 2: un nuovo dramma in arrivo nella vita dell’ispettore Miriam Leone


Doctor Foster - Gemma
Doctor Foster: anticipazioni seconda ed ultima puntata di mercoledì 12 aprile 2017


L'Onore e il Rispetto 5 -- 24
L’Onore e il Rispetto 5: trama, cast e foto dell’Ultimo Capitolo

5 Commenti dei lettori »

1. ANTONELLA ha scritto:

3 febbraio 2013 alle 22:14

MI DISPIACE SIETE STATI A GIRAR IL FILM A MONOPOLI è LO DESCRIVETE COME UN PAESE,CONSERVATORIO SPERDUTO DI MONOPOLI …AVETE CAMBIATO IL NOME …. OFFESE VERSO LA NOSTRA CITTà.MONOPOLI LOCALITà TURISTICA BALNEARE DI 50.000 ABITANTI…….. GENTE DI TT ITALIA AMMIRATE LE NOSTRE BELLEZZE KE SONO GIà NOTE A MOLTI……SOLO ALLA RAI E A KI SCRIVE KE è UN PAESE SPERDUTO NN è NOTO CIò



2. ANTONELLA ha scritto:

3 febbraio 2013 alle 22:14

MI DISPIACE SIETE STATI A GIRAR IL FILM A MONOPOLI è LO DESCRIVETE COME UN PAESE,CONSERVATORIO SPERDUTO DI MONOPOLI …AVETE CAMBIATO IL NOME …. OFFESE VERSO LA NOSTRA CITTà.MONOPOLI LOCALITà TURISTICA BALNEARE DI 50.000 ABITANTI…….. GENTE DI TT ITALIA AMMIRATE LE NOSTRE BELLEZZE KE SONO GIà NOTE A MOLTI……SOLO ALLA RAI E A KI SCRIVE KE è UN PAESE SPERDUTO NN è NOTO CIò



3. Grazia ha scritto:

5 febbraio 2013 alle 21:07

possibile che sapete descrivere la Puglia e il Sud in genere solo come paesi di illeciti e corruzioni? il marcio non è quì….In Puglia ci sono soltanto cose belle e ne risente del brutto che è certamente altrove!



4. Irene ha scritto:

5 febbraio 2013 alle 22:22

Purtroppo è la
mentalità che viene rispecchiata
bene nel film. Ormai è generalizzata
in tutta Italia!



5. tizia ha scritto:

25 febbraio 2013 alle 16:04

la serie era bellissima!! complimenti!! anke se la fine non era delle migliori…



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.