26
marzo

D-DAY: TOMMASO CERNO SU RAI3 RILEGGE I GIORNI DECISIVI DELLA SECONDA GUERRA MONDIALE

Andrea Vianello, Tommaso Cerno

A settant’anni dalla fine della Seconda Guerra Mondiale, Rai3 riscopre i momenti cruciali che hanno segnato gli esiti del conflitto, trasformando l’Europa e il mondo. L’operazione storica sarà effettuata in prima serata dal giornalista Tommaso Cerno, che domani – venerdì 27 marzo – debutterà sulla terza rete alla conduzione di “D-Day. I giorni decisivi“.

D-Day, Tommaso Cerno su Rai3

Il programma in quattro puntate approfondirà gli aspetti meno noti e gli snodi del periodo bellico, a cominciare dagli ultimi giorni di vita di Hitler e Mussolini (protagonisti del primo appuntamento). Il racconto di Cerno sarà arricchito dal contributo di storici e studiosi, con testimoni e commentatori anche apparentemente spiazzanti. Paolo Mieli sarà ospite fisso lungo le quattro puntate, mentre Fabio Toncelli sarà l’inviato dai luoghi simbolici evocati in studio. Luoghi evocativi e cruciali, che a volte la storia ha cancellato, come nel caso del bunker di Hitler sotto la Cancelleria.

Rai3, D-Day: temi e ospiti della prima puntata

La figura del Führer, assieme a quella del Duce, sarà al centro della prima puntata in onda domani. Con un dettagliato countdown, D-Day ripercorrerà gli ultimi giorni di vita dei due dittatori a partire da alcuni interrogativi storici: la fine a cui andarono incontro era l’unica possibile? Chi li voleva morti? E poi che fine fanno i resti dei loro corpi? Tra gli ospiti in studio, Gian Enrico Rusconi e Luigi Ganapini, ma anche lo psichiatra Vittorino Andreoli e Franca Leosini, che analizzerà il legame dei due dittatori con le donne che rimarranno al loro fianco fino alla fine. Infine, Lilli Gruber che racconterà una storia personale, quella della prozia Hella, una convinta nazista protagonista del suo ultimo romanzo storico.

Nella seconda puntata, D-Day parlerà dell’estate del ‘43, cioè del periodo che va dalla riunione del Gran Consiglio alla liberazione di Mussolini dal Gran Sasso.

La terza puntata sarà invece dedicata al racconto dell’Italia in guerra mentre nell’ultima puntata si parlerà delle armi segrete, vere o presunte, che sono state propagandate o hanno inciso sull’andamento della guerra.

Per quattro settimane, al venerdì, la rete diretta da Andrea Vianello punta sull’approfondimento storico e culturale con un conduttore preso in prestito dalla carta stampata. Operazione sperimentale da tenere d’occhio, anche se – forse – non destinata a registrare grandi numeri.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti

Non ci sono articoli correlati


PIETRO VALSECCHI, MA UN PO’ DI AUTOCRITICA MAI?

La stagione televisiva sta per concludersi e non è stata delle migliori per la fiction Mediaset, che ha collezionato risultati tiepidi con...


SERIE TV E FICTION: TUTTE LE NOVITÀ DI FEBBRAIO

Il febbraio seriale porta qualche novità e tanti ritorni, riabbracciando titoli di spicco pronti a riprendere dopo la pausa di mezza...


ASCOLTI TV DI LUNEDI 13 GIUGNO 2011: FRATELLI DETECTIVE (4,5 MLN – 19%) SUPERA IL FILM DI RAI1 (13.6%). BOOM DELL’INFEDELE (9.6%), I TAMARRI DI ITALIA1 DEBUTTANO CON L’8%.

PRIME TIME - Il quinto appuntamento con la fiction di Canale5 Fratelli Detective si aggiudica la prima serata di ieri. La serie interpretata da...


X FACTOR 4, DORINA LEKA A DM: E’ UNA STRONZATA DIRE CHE STEFANO NON SAPPIA CANTARE.

Dorina Leka, ultima concorrente della giudice Tatangelo è stata eliminata alla sesta puntata. A punirla è stato il “tilt”, quindi il...

1 Commento dei lettori »

1. Nina ha scritto:

26 marzo 2015 alle 14:35

Tommaso Cerno, direttore del Messaggero Veneto, Gruppo l’espresso la Repubblica. Soprendentemente uno con molta onestà intellettuale. Che ci faccia con quell’editore per me è un mistero.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.