TG5



7
settembre

ALBERTO BILA’ A DM TV: IL PUBBLICO SI E’ STANCATO DI ARGOMENTI TROPPO LEGGERI AL POMERIGGIO. MA I TONI DELLA CRONACA SPESSO SONO TROPPO PRESSANTI

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , , ,




8
agosto

TG5 NUMERI IN CHIARO: DA STASERA LA CRISI ECONOMICA SPIEGATA IN MEZZ’ORA

Crisi economica: Borse impazzite

Gli Usa sono alla prese con il primo downgrade della loro storia, intanto la Bce acquista i titoli di Stato e la Borsa vola al +4,8%. Si riduce così lo spread tra Btp e Bund. Tutto chiaro? Nei giorni in cui la crisi globale mette in ginocchio i mercati e fa temere il collasso, pare che spesso le notizie economiche vengano divulgate in codici cifrati, sconosciuti ai più. Il tentativo di rendere la comunicazione finanziaria più accessibile al pubblico va riconosciuto solo a poche testate tv, tra le quali prova a distinguersi il Tg5.  Da oggi e per tutto il mese, infatti, il notiziario diretto da Clemente Mimun trasmetterà un nuovo approfondimento per raccontare e analizzare l’attuale momento di crisi economica.

Lo spazio si chiamerà Tg5 numeri in chiaro, ed andrà in onda dal lunedì al venerdì alla fine della prima serata. In trenta minuti al giorno, la redazione di Canale5 ragguaglierà i telespettatori sulla situazione finanziaria in Italia, in Europa e nel mondo. Sul piatto ci saranno molti interrogativi da affrontare e soprattutto da spiegare al pubblico con un linguaggio commestibile. Cosa ha provocato il crollo dei mercati internazionali? Perché gli Stati Uniti, la nazione più potente del mondo, hanno rischiato il fallimento? Quali sono le cause di una nuova recessione alle porte che spaventa il mondo?

Per cercare di rispondere a queste domande, Tg5 numeri in chiaro proporrà una serie di servizi, di intervistecollegamenti in diretta, ascoltando ogni sera il parere di un grande nome del giornalismo italiano. Nella prima puntata odierna, l’approfondimento di Canale5 ospiterà Ferruccio De Bortoli, direttore del Corriere della Sera. Il quotidiano di via Solferino, proprio ieri era entrato a gamba tesa sulla crisi italiana con un editoriale in cui l’economista Mario Monti denunciava il commissariamento del Governo da parte della Bce. Con tutta probabilità, lo scottante argomento verrà ripreso anche stasera.


28
luglio

DM LIVE24: 28 LUGLIO 2011. UNO MATTINA ESTATE TRASLOCA, BARBARA D’URSO TALENT SHOW, CURRENT CHIUDE, ALLEN SCEGLIE IL TG5, LA FICO IN POLE PER CONTROCAMPO

Diario della Televisione Italiana del 28 Luglio 2011

>>> Dal Diario di ieri…

  • Uno Mattina Estate a Viareggio

lauretta ha scritto alle 08:20

Ad Uno mattina estate i presentatori, Georgia Luzi e Gerardo Greco, annunciano che da venerdì andranno in onda da Viareggio.

  • Barbara d’Urso Talent Show

lauretta ha scritto alle 12:47

Barbara d’Urso ha appena acquistato una villa a Capalbio in Toscana e il 6 agosto ha deciso di organizzare una grande festa per inaugurare la sua nuova residenza, ma non è finita qui perchè la serata sarà organizzata come un talent show, in cui tutti dovranno esibirsi in uno spettacolo. La notizia suona un pò “bislacca” per usare un termine caro alla conduttrice perchè ci sarà anche una giuria che giudicherà ogni numero, un vincitore e la premiazione finale come in ogni spettacolo che si rispetti.

  • Current chiude

lauretta ha scritto alle 14:47

Il contratto con Sky non é stato rinnovato e Current tv è costretta a chiudere le sue trasmissioni domenica 31 luglio. Ha deciso però di congedarsi dal suo pubblico con un messaggio che da oggi fino a domenica aprirà e concluderà i break pubblicitari. In sostanza, parole di ringraziamento, in cui si ricorda però che i “lettori sono i veri padroni di una testata che fa informazione”.

  • Woody Allen sceglie il Tg5

lauretta ha scritto alle 15:10

La data del set è ancora top secret, ma difficilmente verrà rifiutata la richiesta formulata da Woody Allen, a Roma per girare il suo nuovo film ambientato in Italia dal titolo The bop Decameron. Anzi, per il Tg5 potrebbe essere una vera e propria ciliegina su una torta che inevitabilmente finirebbe in faccia al Tg1. Il regista ha deciso di affidarsi al tiggì diretto da Clemente Mimun per una scena del film nella quale si vede un televisore acceso su un telegiornale. Il Tg5 appunto. In redazione è già cominciata la corsa al faccione che verrà immortalato nella prestigiosa pellicola. Chi la spunterà? Cristina Parodi, Cesara Bonamici o Giuseppe De Filippi? Magari l’ultimo arrivato, Mario De Scalzi. (Italia Oggi via Dagospia)

  • ControFico

lauretta ha scritto alle 21:12





26
luglio

DM LIVE24: 26 LUGLIO 2011. CECCHI GORI ARRESTATO, LA MARCUZZI TRANQUILLIZZA, LA GALEAZZI SBAGLIA, TRAVAGLIO TERREMOTATO (VIDEO)

Diario della Televisione Italiana del 26 Luglio 2011

>>> Dal Diario di ieri…

  • Cecchi Gori arrestato

AnTo ha scritto alle 13:58

Arrestato per bancarotta Vittorio Cecchi Gori. Il produttore è finito in manette lunedì, nella Capitale, con l’accusa di bancarotta fraudolenta. Finanzieri del Comando provinciale delle Fiamme Gialle di Roma hanno eseguito nei suoi confronti un’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari. Già nel 2008, Cecchi Gori – coinvolto in una lunga inchiesta sul fallimento di due delle sue società – era stato arrestato, quindi aveva trascorso 4 mesi tra carcere e arresti domiciliari. Con l’ intermezzo di un ricovero per motivi di salute e del successivo intervento in una clinica.

  • Alessia Marcuzzi tranquillizza

VincenzoB ha scritto alle 15:32

Dalla sua pagina Facebook, Alessia Marcuzzi difende il Grande Fratello dicendo: “Mi sono informata. Il televoto non è stato messo in discussione dall’Antitrust, e quello che conta è che tutti, e ripeto, tutti i vostri voti, sono stati correttamente conteggiati. Nessun voto è andato disperso. State tranquilli.”

  • Susanna Galeazzi sbaglia

elenoireurgot ha scritto alle 18:10

Susanna Galeazzi, al termine del Tg5Minuti, ci lascia in compagnia di Pomeriggio Cinque… finito la settimana scorsa!

  • Travaglio terremotato

lauretta ha scritto alle 19:19

Mentre era in corso la forte scossa di terremoto, Marco Travaglio stava registrando la trasmissione sul web ‘Passaparola’. La stanza della sua casa di Torino ha cominciato a tremare e il vicedirettore de Il Fatto Quotidiano è stato costretto ad abbandonare immediatamente la sua scrivania. (fonte Dagospia)

[Video: dal minuto 26 circa]


3
giugno

DM LIVE24: 3 GIUGNO 2011. ECCO I NUOVI GIUDICI DI XFACTOR UK. FORUM TORNA IL 5 SETTEMBRE

Diario della Televisione Italiana del 3 Giugno 2011

>>> Dal Diario di ieri…

  • I nuovi giudici di XFactor UK

Clà ha scritto alle 12:23

E’ ufficiale: Kelly Rowland insieme a Gary dei Take That, Tulisa Contostavlos (cantautrice) e il veterano Louis Walsh faranno parte della Nuova squadra dei giudici di X Factor UK

  • Un ventinaio

mats ha scritto alle 14:26

Alla Sessione pomeridiana di Forum (in replica), Rita Dalla Chiesa: quanto hai fumato? Bracconeri: Mah, un VENTINAIO di sigarette…

  • Forum torna il 5 settembre

veronica ha scritto alle 18:15





25
maggio

MULTE AGCOM AI TG, PER BERLUSCONI E’ “UNA VERA FOLLIA”

Silvio-Berlusconi

Quando si dice fare i conti senza l’Agcom. Ai vertici Mediaset gira ancora la testa dopo la batosta che venerdì scorso si è abbattuta impietosa sui telegiornali del gruppo: più di 258.000 euro la multa per il TG4, 100.000 per il TG5 e per Studio Aperto. Il conto per le interviste a Silvio Berlusconi è salato: 458.000 gli euro in totale da pagare (per maggiori info clicca qui).

Sconcerto e stupore hanno prevalso nelle reazioni dei Direttori. Mediaset ha dichiarato di voler ricorrere immediatamente al Tar contro quella che è sembrata una spedizione punitiva. Ma il Cavaliere come ha reagito alla presa di posizione dell’Authority? I primi commenti dal diretto interessato arrivano solo oggi, dall’Ufficio di Presidenza del PdL e a riferirli sono alcuni presenti:

Una follia, una vera follia. Nei giorni in cui sono rimasto in silenzio tutti, a cominciare dall’opposizione, mi chiedevano di pronunciarmi sull’esito del primo turno. Insomma, prima mi chiedono di parlare e poi puniscono i Tg per avermi dato la parola, una vera follia”.


24
maggio

AGCOM: SUPER MULTE AI TG CHE HANNO ‘SOVRAESPOSTO’ IL PREMIER. ERA INEVITABILE?

Silvio Berlusconi, Tg1

L’Agcom non perdona e picchia duro. Rocky gli fa un baffo. Ieri l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni ha tartassato i principali tg di Rai e Mediaset, multandoli sonoramente per aver violato la par condicio in occasione delle interviste rilasciate venerdì scorso dal premier Silvio Berlusconi. Una stangata senza precedenti, emessa a maggioranza dalla Commissione servizi e prodotti dell’Authority per punire la sovraesposizione che Tg1, Tg2, Tg5, Tg4 e Studio Aperto avrebbero ‘regalato’ al Cavaliere in questi delicati giorni di campagna elettorale. L’onerosa batosta ha suscitato reazioni, critiche ed anche perplessità sul ruolo assunto dal Garante.

Alla luce degli esposti presentati” ieri l’Agcom ha deliberato di infliggere a Tg1 e Tg4 la sanzione massima prevista dalla legge (258.230 euro), in quanto recidivi, mentre a Tg2, Tg5 e Studio Aperto una multa di 100 mila euro ciascuno. Tanto costò loro un’intervista a Berlusconi. Dopo aver ricevuto la bastonata, i diretti interessati hanno manifestato il loro disappunto. Secondo il direttore del Tg1 Augusto Minzolini la sanzione avrebbe messo da parte il criterio giornalistico, mentre il responsabile del Tg5 Clemente Mimun ha affermato che ”quel che è accaduto è di una gravita inaudita e si manifesta come una pesante intimidazione“. In un comunicato, Mediaset ha fatto sapere che “ricorrerà immediatamente al Tar“.

Intanto le multe emesse del Garante gravano sulle principali testate telegiornalistiche – solo Tg3 e Tg La7 si salvano - gettando benzina sul già rovente clima politico raggiunto negli ultimi giorni in vista dei ballottaggi per le Amministrative. L’informazione televisiva non ne esce certo rafforzata nell’immagine. Anzi. Così, viene spontaneo domandarsi se la super tirata d’orecchie dell’Authority si potesse in qualche modo evitare. Dopotutto la notizia delle interviste a  Berlusconi era stata divulgata diverse ore prima della loro trasmissione (se ne parlava già dalle 9 del venerdì mattino, ndDM), e qualche dirigente avrebbe potuto valutare per tempo l’opportunità di bloccarne la messa in onda integrale causa par condicio. Pare che questa accortezza non ci sia stata.


21
maggio

RAI, GARIMBERTI RICHIAMA I TG DOPO IL BERLUSCONI SHOW: ORA SERVE RIEQUILIBRIO

Il Presidente della RAI, Paolo Garimberti

Il Presidente della Rai Paolo Garimberti chiede un riequilibrio tempestivo per dare spazio a punti di vista di candidati o leader di partiti diversi da quello del Presidente del Consiglio. La richiesta arriva con toni severi ed espliciti, dopo che ieri Silvio Berlusconi aveva rilasciato interviste ai principali notiziari nazionali (Tg1, Tg2, Tg4, Tg5, Studio Aperto). Un contropiede mediatico inaugurato dal Cavaliere a seguito della batosta elettorale al primo turno delle Amministrative.

”Un conto è dare una notizia, e il primo commento del Presidente del Consiglio ai risultati delle amministrative certamente lo era. Altro discorso è consentire che questa notizia diventi poi una sorta di comizio, per giunta senza un’adeguata compensazione con opinioni di altri candidati” ha affermato Garimberti, proseguendo: “Questo nessun giornalista dovrebbe mai permetterlo, meno che mai i giornalisti del Servizio Pubblico che devono sempre avere chiara la missione fondamentale che è affidata loro: informare e dare al cittadino la possibilità di avere un panorama completo delle opinioni“.

Una sferzata ai notiziari Rai che ieri hanno offerto ampio spazio alle dichiarazioni del premier, il quale ha parlato del responso delle urne ma ha anche utilizzato toni da campagna elettorale. “Alla luce di quanto accaduto, è necessario che la Rai – per adempiere appieno alla sua missione di servizio pubblico – riequilibri tempestivamente dando spazio sui temi delle amministrative a punti di vista di candidati o leader di partiti diversi da quello del presidente del Consiglio” ha concluso il Presidente della Rai.