Report



20
giugno

PREMIO TV 2016: TUTTI I VINCITORI. REPORT MIGLIOR PROGRAMMA, CONTI E RAFFAELE PERSONAGGI DELL’ANNO

Report - Milena Gabanelli

Quest’anno la cerimonia di assegnazione non è andata in onda per ragioni mai chiarite, ma questo non significa che il Premio Tv abbia smesso di chiudere la stagione televisiva premiando i programmi e i personaggi migliori che si sono avvicendati sul piccolo schermo. E infatti l’Accademia del Premio Tv, presieduta da Umberto Brindani, ha fatto le proprie scelte e premiato tra gli altri Carlo Conti, l’ottima Virginia Raffaele, e Laura Pausini, letteralmente “esplosa” in questa stagione televisiva.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,




24
aprile

REPORT: INCHIESTA SUI GETTONI D’ORO ‘TAROCCATI’. CHI FA LA CRESTA SULLA RAI?

Report, gettoni d'oro

Chi fa la cresta sulla Rai? Report si prepara a trasmettere un’inchiesta di ‘valore’ (economico), destinata ad avere un seguito. Nella puntata di stasera – 24 aprile – il programma di Milena Gabanelli indagherà sui “gettoni d’oro” che il servizio pubblico elargisce ai vincitori dei suoi giochi a premi. Secondo quanto emerso dalle ricerche del giornalista Sigfrido Ranucci – autore del reportage – in ogni chilo d’oro assegnato vi sono cinque grammi di materiale non prezioso, ai danni dei vincitori della stessa Rai. Il fornitore dei lingotti? Banca Etruria.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,


13
ottobre

LE PAGELLE DELLA SETTIMANA TV (5-11/10/2015). PROMOSSI REPORT E CAPITANI CORAGGIOSI, BOCCIATI CLERICI E SORCI VERDI

J-AX

Promossi

9 a Report che ritorna in tv con un’inchiesta sugli appalti Rai. “Parlare di Rai in casa Rai non è ovvio“, come ha sentenziato la stessa Gabanelli in trasmissione.





11
ottobre

REPORT: MILENA GABANELLI INDAGA ANCHE IN RAI. DIRITTI TV E APPALTI GONFIATI APRONO LA NUOVA EDIZIONE

Report, Milena Gabanelli

Le inchieste che accompagneranno il debutto stagionale di Report si annunciano scottanti. Come sempre, del resto. Stavolta, però, il programma di Milena Gabanelli documenterà una vicenda che ha coinvolto – suo malgrado – anche l’azienda di Viale Mazzini. In occasione del ritorno sugli schermi (domenica 11 ottobre in prime time su Rai3), la trasmissione parlerà anche di appalti gonfiati sui grandi eventi, con riferimenti a uomini Rai, Mediaset, La7 e Infront.


29
settembre

VINCENZO DE LUCA CONTRO IL “CAMORRISMO GIORNALISTICO” DI RAI3. VIALE MAZZINI REPLICA. LA POLITICA TACE?

Vincenzo De Luca

Aveva usato parole di fuoco, Vincenzo De Luca. Parole pesanti, che hanno fatto discutere. Ospite alla Festa nazionale di Scelta Civica, il governatore della Campania si era scagliato contro Rai3 ed i suoi programmi d’inchiesta, con particolare riferimento a Report. “Ci sono campagne di informazione che tendono a distruggere la vita di un essere umano” ha accusato l’esponente Pd, parlando di “camorrismo giornalistico“. Dichiarazioni forti, che hanno suscitato reazioni indignate da Viale Mazzini. Ma non dal partito cui De Luca appartiene.





12
aprile

REPORT: LA NUOVA STAGIONE. MILENA GABANELLI RIPARTE DALL’ANAS E DALLA MALASANITA’

Report, Milena Gabanelli

Dalla Lombardia alla Sicilia, come viene amministrata la più importante stazione appaltante d’Italia? Report ritorna in carreggiata su Rai3 ed inaugura la nuova stagione parlando di strade e autostrade. In prime time, il programma di Milena Gabanelli ripartirà con un’inchiesta sull’Anas, la società pubblica di proprietà del ministero dell’Economia e vigilata dal ministero dei Trasporti che gestisce 25.000 chilometri di asfalto. Al centro dell’approfondimento, la gestione dell’Ente nazionale per le strade diretto dal 2006 da Pietro Ciucci.

Report riparte dall’Anas

Le telecamere di Report, in particolare, documenteranno la situazione del viadotto Scorciavacche – in Sicilia – inaugurato a Natale con tre mesi d’anticipo, senza collaudo, ma chiuso una settimana dopo a seguito del crollo della rampa d’accesso. Un caso emblematico, che il programma affronterà a partire da alcuni interrogativi: perché, ad esempio, i collaudatori si sono dimessi prima dell’inaugurazione? Al centro dell’attenzione, anche la Statale Maglie Leuca, in Puglia, dove Anas ha affidato l’appalto a un consorzio di imprese, ma gli esclusi hanno vinto il ricorso al Consiglio di Stato e adesso Anas ha dovuto passargli l’appalto: così, 44 km attendono di essere rifatti da quindici anni.

Il viaggio su strada degli inviati di Milena Gabanelli proseguirà in Umbria, dove gli operai che hanno costruito di un tratto di strada non ancora terminato dicono che le ditte avrebbero messo meno cemento del dovuto nella volta di una galleria. La stessa cosa che è successa nella costruzione della Salerno – Reggio Calabria, eterna incompiuta finita anche nell’inchiesta Grandi Opere.

Report: le nuove inchieste

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,


22
dicembre

REPORT, GUCCI SI DISSOCIA DALL’INCHIESTA DELLA GABANELLI. LEI REPLICA: ABBIAMO FATTO IL NOSTRO MESTIERE

Milena Gabanelli, Report

L’inchiesta era destinata a far discutere, e così è stato. Ieri sera, 21 dicembre, Report è tornato ad occuparsi dei marchi del lusso Made in Italy e ha fatto le pulci a Gucci. Dopo una puntata altrettanto rumorosa dedicata alla filiera di Moncler, il programma di Milena Gabanelli si è interessato al celebre marchio italiano di proprietà del gruppo francese Kering. Con l’ausilio di telecamere nascoste, e grazie alla denuncia di un artigiano, Report ha documentato alcune anomalie nella fase di assemblaggio delle borse.

Stando a quanto mostrato su Rai3, una parte dei prodotti di lusso verrebbe realizzata in Italia da operai cinesi pagati a cottimo. Da un lato, le immagini eloquenti carpite da Report, dall’altro i ‘report’ effettuati dagli ispettori del noto marchio, i quali – ha denunciato la Gabanelli – chiuderebbero un occhio su questo aspetto.

Gucci contro Report

All’indomani della messa in onda dell’inchiesta è arrivata, come prevedibile, la replica del marchio fiorentino:

Gucci si dissocia nel modo più assoluto dai contenuti e dalla forma del servizio mandato in onda domenica 21 dicembre da Report. Telecamere nascoste o utilizzate in maniera inappropriata, solo in aziende selezionate ad arte da Report (3 laboratori su 576) non sono testimonianza della realtà Gucci. Accordarsi a insaputa di Gucci con laboratori che utilizzano manodopera cinese a basso costo e non in regola è una truffa dalla quale Gucci si dissocia e che perseguirà in tutte le sedi…” si legge in un estratto della nota divulgata dall’azienda.

Report: Milena Gabanelli replica a Gucci

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,


5
novembre

TWITTER TV RATINGS: REPORT IN CLASSIFICA GRAZIE ALLA PELLE D’OCA DI MONCLER

Twitter Tv Ratings

Twitter Tv Ratings

I giornali ignorano la questione Moncler, ma l’argomento non passa per nulla inosservato dagli internauti che, invece, hanno commentato in massa l’inchiesta di Report sul famoso brand del lusso Made in Italy. Grazie infatti alla “pelle d’oca” il programma condotto da Milena Gabanelli salta in terza posizione nella Twitter Tv Ratings di Nielsen (27 ottobre – 2 novembre) con 5300 autori unici e 15 mila tweet totali, per una audience di 57300 utenti e 809 mila impression, ovvero numero complessivo di volte in cui tweet sono stati visti.

A tenere le redini, invece, è ancora X Factor 8. Il talent show di SkyUno, che sta regalando non poche soddisfazioni dal punto di vista degli ascolti, è ancora primo con 17600 autori unici e 95 mila tweet per un audience di 160 mila utenti. Bene la semifinale di Pechino Express, che si piazza al secondo posto con 7100 autori unici, 39 mila tweet e 84 mila utenti “esposti” ad almeno un tweet sul programma.

Quarto, incredibilmente, Piazzapulita che, nonostante i bassi ascolti e una tipologia di pubblico meno dinamica rispetto ad altre produzioni, si ritrova con 13 mila tweet e 4200 autori unici. Chiude Ballando con le stelle che, di nuovo, supera Tu sì quel vales con 2954 autori unici, 10 mila tweet e un audience di 51 mila utenti.