La Pupa e il Secchione – il Ritorno



16
aprile

LUCA GARAGOZZO, LA PUPA E IL SECCHIONE 2

Luca Garagozzo, Pupa e Secchione 2Età: 29

Luogo: Bologna

Vive a: Bologna

Stato civile: Celibe

Altezza: 168 cm

Peso: 60 kg

Studi effettuati: diplomato all’istituto tecnico industriale. Laurea in chimica e successiva abilitazione alla professione con iscrizione all’Albo dei Chimici di Bologna

Lavoro: ha svolto l’attività di chimico analista e ricercatore presso importanti aziende, ed attualmente si occupa di consulenza ambientale e di sicurezza nei luoghi di lavoro.

Hobby e Sport: si diletta a suonare la chitarra e dipingere paesaggi ad olio; inoltre è appassionato di arti magiche ed illusionismo. Frequenta una palestra ed in passato ha giocato a golf.

Per lui “Chemistry is life and Life is Chemistry”: una passione che è nata quando da piccolo sfogliava i libri della madre, farmacista. Durante la sua carriera scolastica si è sempre impegnato molto e non si limitava solo alle materie d’esame, ma andava alla costante ricerca di approfondimenti e nuovi stimoli, leggendo saggi e articoli scientifici.




16
aprile

ROBERTO CAVAZZONI, LA PUPA E IL SECCHIONE 2

Roberto Cavazzoni, Pupa e Secchione 2Età: 33

Luogo di nascita: Guastalla (RE)

Vive a: Gualtieri (RE)

Stato civile: celibe

Altezza: 167 cm

Peso: 63

Studi effettuati: diploma in elettronica e telecomunicazioni con qualifica di perito industriale capotecnico.

Lavoro: ricercatore elettronico e inventore indipendente

Hobby: riparazione di dispositivi elettronici e/o meccanici, lettura di riviste/articoli di elettronica o scienza

Sport: nessuno

Si definisce un inguaribile sognatore e uno studioso fin troppo impegnato, sogna di fare lo scrittore.

Esce pochissimo e per farlo, preferisce aspettare l’estate. Non è mai stato fidanzato, né ha mai avuto storie o relazioni amorose. Non ama frequentare i locali affollati o i luoghi in cui c’è troppo rumore. Da bambino si divertiva ad annotare su un quaderno numeri sempre più grandi partendo da zero, crescendo ha cominciato ad appassionarsi ai giochi elettronici ed è diventato campione di “Brain Training”. Da grande ha realizzato un suo progetto durato 12 anni, per questo dice di essere tenace e paziente, ma anche lungimirante e disponibile. Riconosce, però, di essere anche insicuro e talvolta permaloso. “Se faccio qualcosa che ritengo importante, controllo ossessivamente per paura di aver sbagliato”. Roberto detesta l’incoerenza e l’ipocrisia e adora fare lunghe passeggiate, perché gli permettono di distrarsi e di rimanere solo con i suoi pensieri. Ama la tecnologia,  non riuscirebbe a vivere senza il computer, odia i rettili e ha paura dell’altezza. Ha scoperto un rivoluzionario sistema di compensazione per filtri elettronici; mentre, la sua massima ambizione, è progettare un filtro elettronico perfetto. Non cura la propria immagine, ma è ossessionato dall’igiene personale.


16
aprile

FEDERICO BIANCO, LA PUPA E IL SECCHIONE 2

Federico Bianco, Pupa e Secchione 2Età: 26

Luogo di nascita: Asti

Vive a: Asti

Stato civile: celibe

Altezza: 183 cm

Peso: 61 Kg

Studi effettuati: Laurea di I livello in Scienze della comunicazione, in fase di scrittura della tesi specialistica in Comunicazione multimediale e di massa presso l’Università degli Studi di Torino

Lavoro: studente

Hobby: fumetti, animazione, videogames, cinema, giochi di ruolo, lettura.

Sport: nessuno

Affascinato dallo studio, ha da sempre una predilezione per la linguistica, la semiotica e la letteratura. Si definisce intelligente, zelante e un gran conoscitore della cultura in generale, non ama fare shopping, compra vestiti una o due volte l’anno, sempre senza andare oltre gli scaffali di jeans e magliette, tutt’al più una camicia per le occasioni formali. Cinefilo e con una smodata passione per Paolo Villaggio, si descrive come un testardo che spesso si impunta per questioni di principio, al primo approccio tende ad essere distaccato, risultando arrogante, freddo o burbero. Sente di essere diverso rispetto ai suoi coetanei, perché non ama le discoteche e i locali notturni. Federico non ha un legame sentimentale, ma dice di aver conosciuto l’amore vero, quello che lo ha reso meno cinico: una storia importante, l’unica, con una ragazza di un’altra città, per questo vissuta soprattutto attraverso internet, durata quasi un anno e finita ad ottobre.





16
aprile

FULVIO DE GIOVANNI, LA PUPA E IL SECCHIONE 2

Fulvio De Giovanni, Pupa e Secchione 2Età: 27

Luogo di nascita: Caserta

Vive a: Milano

Stato civile: celibe

Altezza: 175 cm

Peso: 67 kg

Studi effettuati: maturità scientifica. Laurea in ingegneria informatica.

Lavoro: Software Engineer, realizza software per telecomunicazioni ed il controllo del traffico aereo

Hobby e Sport: cucina e musica sono le sue passioni, soprattutto ama ascoltare gruppi ”underground”. Ha praticato tennis ed equitazione, ma sopratutto si dedica al jogging.

Perfezionista e presuntuoso  si diverte a prendere in giro le persone che dimostrano una cultura palesemente inferiore alla sua, per questo lo accusano di essere saccente. I suoi genitori lo considerano un vero e proprio genio o qualcosa di simile ad uno scienziato pazzo. La sorella lo spinge ad avere una vita sociale, ma lui con gentilezza declina tutti gli invite, perché preferisce dedicarsi a cose meno frivole. La vita mondana non fa per lui, nonostante viva in una città dalla grande movida, come Milano. A differenza dei suoi coetanei non guarda la tv, non va in vacanza ad Ibiza, non compra l’ultimo modello di cellulare e non ama vestire seguendo la moda. Definisce il suo modo di vivere semplice e: “mi bastano i  miei affetti per essere felice”. Fulvio non riuscirebbe resistere senza il suo computer e il suo orologio, adora stare all’aria aperta, al mare e ascoltare la buona musica, preferibilmente underground. Ha imparato a suonare qualche strumento musicale seguendo le orme di uno zio. Proprio l’amore per la musica lo spinge lontano dalle discoteche in cui “si balla in maniera convulsa e non si possono neppure scambiare quattro chiacchiere”. Oltre al “pallino” per l’informatica ha coltivato anche un lato artistico: sin da piccolo, infatti, scriveva racconti e poesie.