Amarcord



8
novembre

AMARCORD : CHE FINE HANNO I PROTAGONISTI DI “RALPH SUPERMAXIEROE”?

Ralph Supermaxieroe (Greatest American Hero) @ Davide Maggio .it

Nel corso di questa rubrica ma non solo, abbiamo visto quanto la televisione negli anni 80 fosse votata al disimpegno. Storie semplici e talvolta surreali che si proponevano anche di far riflettere in qualche maniera o comunque di “educare”. Requisiti  quasi indispensabili per confezionare un buon prodotto televisivo all’epoca, che descrivono perfettamente uno dei più grandi successi del periodo: il telefilm Ralph Super Maxi Eroe (The Greatest American Hero).

La serie, andata in onda in America dal 1981 al 1983 (3 stagioni – 45 episodi) ed in Italia a partire dal 1982, ha riscosso fin da subito un grandissimo consenso soprattutto per le particolarità che caratterizzavano il protagonista, un vero e proprio anti-eroe, forse uno dei primi proposti dalla tv.

Più che un successo, un grande cult che ha fatto la fortuna dei produttori anche in termini di merchandasing. La tuta indossata da Ralph infatti è diventata in breve tempo uno dei gadget più venduti nei negozi di giocattoli. Ed ancora oggi, è considerata dai fan, riuniti in numerosi fan club, un cimelio imprescindibile.

Non a caso, la chiusura della serie, avvenuta non per un calo d’interesse ma per la voglia dell’ABC d’investire in nuovi progetti ha gettato gli appassionati nel panico. E neanche le loro continue proteste hanno potuto salvare il telefilm.

Vediamo ora che fine hanno fatto i protagonisti del telefilm. 

WILLIAM KATT – RALPH HINKLEY

William Katt

Figlio dell’attore Bill Williams e dell’attrice Barbara Hale (la Della Street di Parry Mason), l’attore ha iniziato a recitare, ottenendo piccoli ruoli in telefilm di successo come Ironside ma anche in film per il cinema molto amati come Carrie, lo sguardo di Satana e Star Wars. All’inizio degli anni 80 ha debuttato a teatro ma il grande è successo è arrivato proprio grazie a queste serie, nel corso della quale Katt ha potuto sfoderare ironia e capacità d’attore inaspettate. Dopo la chiusura della serie si sono aperte per lui le porte della tv. In particolare l’attore ha legato il suo volto alla serie cult Perry Mason, rinunciando di fatto alle proprie aspirazioni da protagonista. Katt in seguito ha avuto modo di partecipare a telefilm come La signora in giallo, Settimo Cielo, Walker Texas Ranger e Jag. Al contempo ha portato avanti la sua carriera di doppiatore e di attore cinematografico partecipando al film Batman. E’ sposato e ha due figli. Una delle sue grandi passioni è il surf che pratica costantemente anche a scopo di beneficienza. Ha tre film in uscita nel 2008 e oggi ha 56 anni.

Scopri che fine hanno fatto gli altri protagonisti :




1
novembre

AMARCORD: GUIDO NICHELI

Guido Nicheli @ Davide Maggio .it

La scomparsa ravvicinata di Pavarotti e Sabani ci ha insegnato che anche la morte, come la vita e lo spettacolo, è soggetta a fenomeni per così dire imprevisti. Pavarotti osannato e vittima di sciaccallaggio e sensazionalismo di varia natura e genere, Sabani dimenticato e proprio per questo strumentalizzato.

C’è però una scomparsa, avvenuta proprio in questi giorni e più precisamente il 28 ottobre 2007, che ha rivelato un’altro aspetto ancora: l’affetto della gente quando è genuino diventa trascinante anche se a morire è un attore che non si è di certo distinto per le sue spiccate qualità artistiche.

Questa è in breve la storia di Guido Nicheli, attore caratterista più per passione che per mestiere tornato alla ribalta proprio grazie alla sua scomparsa.

O forse sarebbe più corretto dire attore per caso e uomo messo duramente a prova dalla vita. Rimasto orfano di padre, quando aveva appena un anno, Guido ha dovuto occuparsi fin dalla più tenera età della sua famiglia. Da qui sono nate la sua concretezza e il suo approccio alla vita un pò “mordi e fuggi”.

Perchè Guido voleva, prima di tutto, riuscire a vivere alla grande. E proprio per questo, una volta terminati gli studi, aveva iniziato a lavorare nello studio dentistico del cugino. Luogo dove è stato scovato da Stefano Vanzina che con grande lungimiranza lo ha voluto nel film Il padrone e l’operaio.

Nonostante il discreto successo ottenuto attraverso quest’esordio, Guido seguendo il pragmatismo che lo ha sempre contraddistinto, ha continuato a lavorare con il cugino, concedendosi solo di tanto in tanto qualche partecipazione al cinema in film come Cattivi Pensieri, Saxofone, Una vancanza bestiale e Si ringrazia la regione Puglia per averci fornito i milanesi.


25
ottobre

AMARCORD, Che Fine Hanno Fatto…GLI INTERPRETI DE…L’ALBERO DELLE MELE?

Albero delle Mele

Negli anni 80 la televisione americana, aveva l’ossessione di moralizzare e sensibilizzare il pubblico divertendo.  E così una dopo l’altra nascevano sit-com in grado di soddisfare queste due esigenze tanto diverse tra loro. Prodotti come I Robinson, I Jefferson e Arnold cercavano così di strappare risate ai telespettatori lanciando messaggi importanti e riguardanti quasi sempre il valore della famiglia, l’aborto, il divorzio e più in generale argomenti di grande interesse sociale.

E proprio grazie al grande successo di Arnold nel 1979 è nato uno spin-off destinato a diventare uno dei telefilm più amati e longevi della televisione americana: L’albero delle Mele. Come è noto infatti le storie dell’Eastland School, il collegio newyorkese dove era ambientata la sit-com, hanno preso vita grazie all’assunzione di Enda Garrett, fino a quel momento governante di casa Drummond.

La sit-com  che ha avuto fin da subito un successo inaspettato e travolgente, è andata in onda in America dal 1979 al 1988 (8 stagioni – 209 episodi) e in Italia a partire dal 1983, con un titolo ben lontano dall’originale che tentava in qualche maniera, di sfruttare il successo del film Il tempo delle mele.

Vediamo ora che fine hanno fatto alcuni dei protagonisti della sit-com.

CHARLOTTE RAE – EDNA GARRETT

Charlotte Rae

Al personaggio interpretato da quest’attrice e cantante molto popolare in America, è ispirata l’intera serie. Grazie al successo personale ottenuto nella sit-com Arnold i produttori hanno deciso di impiegare il personaggio di Edna Garrett nell’Albero delle Mele. L’attrice ha così lasciato Arnold, per diventare star assoluta della sit-com. Quest’interpretazione le è valsa anche un Emmy come Miglior Attrice Protagonista. E non solo. Charlotte ha vinto anche numerosi premi per la sua attività di cantante, iniziata già negli anni 50. Grandi riconoscimenti anche per la sua carriera teatrale e di interprete di musical. L’attrice nonostante il continuo impegno televisivo non ha mai abbandonato del tutto il teatro. In tv ha preso parte anche ad altre serie televisive come Good Times e Love Boat. Recentemente è comparsa in due serie televisive ma le sue apparizioni si sono fatte sempre più sporadiche a causa dell’avanzare dell’età. Oggi ha 81 anni.





18
ottobre

AMARCORD, Che Fine Hanno Fatto…GLI INTERPRETI DI NONNO FELICE?

Nonno Felice @ Davide Maggio .it

Negli anni 90, a differenza di quanto avviene in questo periodo, la televisione commerciale sapeva ancora proporre prodotti dal forte carattere sperimentale che si rifacessero in qualche maniera alla grande tradizione americana. E così anche in seguito al successo di sit-com come I Cinque del Quinto Piano e Casa Vianello, Canale 5 in collaborazione con Aran S.r.l. (oggi semplicemente Endemol Italia) ha dato il via ad una serie destinata a conquistare grandi e piccini per la sua semplicità: Nonno Felice.

La sit-com, andata in onda dal 1992 al 1994, ha avuto un grandissimo successo, dovuto alla carismatica interpretazione di Gino Bramieri che per la prima volta si misurava con un genere per lui del tutto nuovo.

Nel 1995 trovandosi nella necessità di apporre qualche cambiamento alla story line, gli autori hanno dato vita allo spin-off Norma e Felice che ha portato all’ingresso di Franca Valeri in qualità di coprotagonista. Di questa serie che ha avuto lo stesso successo della precedente, era prevista una seconda stagione, mai realizzata a causa della morte di Gino Bramieri.

Vediamo ora che fine hanno fatto i protagonisti.

GINO BRAMIERI – FELICE MALINVERNI

Gino Bramieri

Desideroso di lavorare in teatro, pur di stare a contatto con quell’ambiente accetta un lavoro come tecnico. Il debutto vero e proprio avviene nel 1943. Da lì in poi Gino collabora con i più grandi artisti del periodo: Macario, Tognazzi, Govi, Totò, Walter Chiari e Wanda Osiris. Grazie a queste sue fortunate performance fa la conoscenza di Garinei e Giovannini che lo portano al successo definitivo. Per lui inizia così una stagione ricca di successi televisivi, radiofonici e cinematografici. Tra i suoi lavori di maggior successo: Votate per Venere, rivista con Macario; Carosello; Davanti a lui TreNava tutta Roma; Controcorrente, con Walter Chiari; La granduchessa e i camerieri di Garinei e Giovannini, con Wanda Osiris, Mario Riva e Riccardo Billi; L’amico del Giaguaro, con Raffaele Pisu e Marisa del Frate. Non contento decide di partecipare al Festival di Sanremo con la canzone Lui andava a cavallo. Seguono Batto Quattro, programma radiofonico durato ben 11 anni, Felicita Colombo, commedia musicale con Franca Valeri e Don Lurio, Angeli in bandiera di Garinei e Giovannini con Milva, Milleluci, spettacolo televisivo condotto da Mina e Raffaella Carrà, Felicibumta, il G.B. Show, sette edizioni per Rai Uno, il musical Pardon, Monsieur Molière, Una zingara mi ha detto e naturalmente Nonno Felice nonchè lo spin-off Norma e Felice. Poco prima di spegnersi ha portato in scena la piece Riuscire a farvi ridere. Si è spento nel 1996, pochi giorni prima del suo settantottesimo compleanno.

Scopri che fine hanno fatto Franco Oppini, Paola Onofri ma soprattutto le gemelle Eva e Morena con foto e video mai visti :


11
ottobre

AMARCORD : RICORDANDO PAOLA TOVAGLIA

Amarcord Paola Tovaglia @ Davide Maggio .it

La televisione amplifica e distorce tutto ciò che propone. Talvolta in maniera metodica, altre volte in modo del tutto casuale. E non si limita a fare questo. Perchè qualche volta cancella. Elimina ciò che è ritenuto inutile o che non serve più senza farci troppo caso, nella speranza che anche il pubblico si adegui.

Può succedere così che un personaggio molto amato si perda nel tempo. Anche se questo stesso personaggio è rimasto nella memoria del grande pubblico. Incredibilmente.

Questo potrebbe essere il caso di tanti addetti ai lavori che la televisione hanno contribuito a fondarla. E’ invece la storia di un personaggio che l’ha fortemente caratterizzata, divertendo, intrattenendo, entrando infine nel cuore della gente.

Il nome di questo personaggio forse non dirà nulla a molti di voi. Se però i blog hanno una funzione è proprio quella di riportare alla luce questo genere di storie. Come quella di Paola Tovaglia, per l’appunto.

Conduttrice, cantante, doppiatrice e molto altro ancora, Paola ci ha tenuto a lungo compagnia grazie alla sua voce e alle sue performance, per poi spegnersi a causa di un male incurabile, pochi giorni prima del suo ventinovesimo compleanno.

Nata a Milano il 9 aprile del 1965, fin dalla più tenera età Paola ha dimostrato un certo interesse per la recitazione e per tutto ciò che era intrattenimento. Questo l’ha portata ad impegnarsi in questo senso, attraverso corsi di recitazione e mimo presso l’Accademia dei Filodrammatici di Milano.

Nel 1986, desiderosa di entrare nel mondo dello spettacolo si è sottoposta ad un provivo che le ha permesso di iniziare la sua carriera di doppiatrice. Era sua la voce di Grinta, interpretato da Giordano Garramone, nel telefilm Love Me Licia.

Da qui in poi la carriera di Paola ha preso il volo. L’attrice è stata infatti arruolata nei telefilm Licia Dolce Licia e Balliamo e Cantiamo con Licia nel ruolo della maestra.

A bussare alla sua porta è arrivato poi Ciao Ciao, programma di intrattenimento per bambini, in onda su Rete 4. Paola ne è diventata la conduttrice nel 1989, affiancata naturalmente dal pupazzo Four.

Continua a leggere l’Amarcord su Paola Tovaglia e guarda il video della sigla di Ciao Ciao :





4
ottobre

AMARCORD, Che Fine Hanno Fatto…LE CONDUTTRICI DI…NONSOLOMODA?

NonSoloModa Contemporaneamente @ Davide Maggio .it

Esistono programmi che in maniera garbata e mai invadente ci fanno compagnia ormai da anni. Senza troppi clamori proseguono il loro cammino, mantenendo inalterate le loro caratteristiche. Un’evoluzione, la loro, dettata dalla necessità di portarsi al passo con i tempi, senza per questo rinunciare al proprio appeal.

Pochi tra questi possono essere descritti con queste parole. In alcuni casi si tratta di trasmissioni nate recentemente ed in poche altre dei programmi più longevi della tv italiana: Forum, La Domenica Sportiva ma soprattutto Nonsolomoda.

Un programma che non sempre ha ricevuto l’attenzione che meritava forse per la collocazione oraria infelice e più sicuramente per la sua natura particolare. Non un programma di informazione, nè di intrattenimento. Un magazine dal taglio giornalistico, in cui la moda diventa solamente un pretesto per parlare di molto altro: architettura, arte, viaggi, cinema, pubblicità, motori ed una certa attenzione al sociale.

Il rotocalco di Canale 5 nato da un’idea di Fabrizio Pasquero ed andato in onda per la prima volta nel 1983 era inizialmente condotto da Daniele Sassi, straordinaria voce fuori campo (già voce ufficiale di RDS), ancora oggi presente nel programma.

Successivamente nel tentativo di restituire un’immagine più calda alla trasmissione, la produzione ha pensato di introdurre una conduttrice che con le sue parole facesse da collante ai vari servizi.

La vera e propria rivoluzione però è avvenuta grazie al regista Alessandro Baracco (che oggi cura i collegamenti dall’Honduras per L’Isola dei Famosi), che grazie alla direzione di Target ha offerto a Nonsolomoda validi spunti per rivoluzionare il suo impianto.

A questo ha fatto seguito più recentemente una piccola modifica del titolo del programma che è diventato: Nonsolomoda E’ Contemporaneamente. Giusto per rimarcare il carattere di un programma all’avanguardia sia nella forma che nel contenuto.

E non è tutto. Perchè Nonsolomoda ha avuto anche il merito di dare una svolta alla carriera di tutte coloro che lo hanno condotto. Tutte, nessuna esclusa, dopo aver partecipato al programma hanno visto le loro quotazioni salire, talvolta riuscendo ad ottenere risultati sorprendenti ed inaspettati.

Vediamo quindi che fine hanno alcune di loro.

AFEF JNIFEN

Afef @ Davide Maggio .it

Figlia di un politico e dal carattere piuttosto irruento, a soli 14 anni ha sposato il suo vicino di casa, per ripicca nei confronti dei genitori. Ha intrapreso gli studi a Parigi dove ha iniziato a lavorare come modella, lanciata da Jean Paul Goude. Quest’attività l’ha portata in Italia. Negli anni 90 ha sposato l’avvocato Marco Squattriti: da quest’unione è nato Samy. Qualche tempo dopo ha iniziato a farsi notare grazie alla sua partecipazione al Maurizio Costanzo Show. Nel 1996 fresca di separazione, ha conosciuto Marco Tronchetti Provera (che ha sposato nel 2001), proprio nel corso di un’intervista rilasciata a Nonsolomoda, che ha condotto a partire dall’anno successivo, per due stagioni (1997/1999). L’anno dopo è stata la volta del programma Scomettiamo che? al fianco di Fabrizio Frizzi ma anche di eventi come La Partita del Cuore per la Pace, Montecarlo Night Hit ed il Gran Galà di Montecarlo. E’ stata nominata Ambasciatrice per la Pace dalla Croce Rossa Italiana e ha collaborato per un lungo periodo con il Telefono Azzurro. Ancora oggi fa parte del comitato Fondazione Enfants en danger patrocinato dall’UNESCO. L’anno scorso ha affiancato Gene Gnocchi nel programma La Grande Notte. A breve compirà 44 anni.

Scopri le altre conduttrici di Nonsolomoda e il bellissimo video della sigla del programma del 1984 :


27
settembre

AMARCORD: Che Fine Hanno Fatto…GLI INTERPRETI DI VITA DA STREGA?

Vita da Strega @ Davide Maggio .it

C’era un tempo in cui la televisione amava proporre storie dal forte spirito conservatore senza per questo rinunciare ad un tocco di stravaganza. Un mix che ha premiato decine di prodotti televisivi negli anni 70 e 80, permettendo a questi di entrare di diritto nella storia della televisione.

Risponde a questi requisiti uno dei telefilm più amati di quel periodo, diventato in brevissimo un vero cult e più precisamente il simbolo di un modo di fare e di intendere la tv  che ormai sembra quasi preistorico, purtroppo : Vita da Strega.

La serie andata in onda in America dal 1964 al 1972 (8 stagioni) e in Italia a partire dal 1979 ha avuto nel nostro Paese un successo strepitoso che ancora oggi non stenta a diminuire. Anche all’ennesima messa in onda il telefilm riscuote ancora risultati ragguardevoli.

Vediamo ora che fine hanno fatto i protagonisti.

ELISABETH MONTGOMERY – SAMANTHA STEPHENS

samantha-stephens.jpg

Figlia dell’attore Robert, ha debuttato proprio recitando insieme al padre. Il suo talento le ha permesso presto di allontanarsi dalla figura paterna, lavorando tra gli altri con Marlon Brando nel film On The Waterfront e con Alfred Hitchcock. La grande popolarità è arrivata in un secondo tempo proprio grazie a questa serie che l’ha resa  una delle attrici televisive più amate. Dopo la fine del telefilm ha continuato a lavorare, anche per il cinema. Al contempo si è fatta notare in qualità di portavoce di importanti battaglie sociali. Attività che l’ha assorbita completamente negli ultimi anni della sua vita. Si è spenta nel 1995 a causa di un male incurabile. Aveva 64 anni.

DICK YORK – DARRIN STEPHENS

Dick York

Attore soprattutto teatrale è diventato popolare recitando in radio. In teatro così come al cinema ha avuto modo di affiancare veri e propri mostri sacri del cinema come Gary Cooper, Jack Lemmon e Joanne Woodward solo per citarne alcuni. Come la collega è stato diretto da Hitchcock. Ha dovuto abbandonare la serie nel corso della quinta stagione a causa di problemi alla schiena: è stato sostituito dal quasi sosia e omonimo Dick Sargent.  Dopo essersi ristabilito ha ripreso a recitare per la tv, comparendo in molti telefilm di successo tra i quali ricordiamo Simon&Simon e Fantasilandia.  E’ morto nel 1992, aveva 63 anni.

ERIN MURPHY – TABATHA STEPHENS

Erin Murphy


21
settembre

AMARCORD : C’ERAVAMO TANTO AMATI

C’eravamo Tanto Amati (Luca Barbareschi) @ Davide Maggio .it

In più occasioni ci siamo trovati a parlare degli albori del trash. Ovvero delle modalità attraverso le quali la tv urlata ha preso piede in Italia. Lo abbiamo fatto, parlando di Indietro Tutta, varietà nel corso del quale un lungimirante Renzo Arbore si prendeva gioco della piega che stava prendendo la televisione anche grazie all’avvento della tv commerciale. E ancora ne abbiamo parlato, rievocando i tempi in cui Marta Flavi era la regina del pomeriggio di Canale 5.

Il momento in cui la televisione ha fatto il grande salto verso quello che sarebbe diventato il trash è però indiscutibilmente rappresentato da un programma oggi diventato un cult, non sempre in senso positivo : C’eravamo tanto amati.

Un programma andato in onda su Rete 4 – quando ancora non era considerata il “deposito” di Mediaset – dal 1989 al 1994 nella fascia preserale ottenendo un successo innimaginabile sia per quanto riguarda il target di riferimento che per l’idea azzardata, tratta da un format italiano sviluppato dal mitico Tullio Ortolani.

Un progetto partito da un’idea molto semplice in realtà ed in linea con un certa sanguigna italianità. Nel corso di ogni puntata veniva invitata in studio una coppia alle prese con problemi coniugali più o meno seri. I due avevano la possibilità di esporre al pubblico il loro problema che a sua volta era invitato ad intervenire per dare un’opinione. Marito e moglie erano ad ogni modo supportati da un “testimone a testa” : un amico o un parente dalla parte del’uno o dell’altra che poteva prendere la parola in difesa del suo assistito.

Il presupposto dichiarato era la chiarificazione, il risultato subdolamente provocato era la lite. Provocato non tanto dal conduttore e nemmeno dalla situazione ma da un vero e proprio copione che gli ospiti del giorno, erano chiamati ad interpretare. I protagonisti della puntata erano infatti attori più o meno professionisti che attraverso il loro mestiere cercavano di rendere la puntata a dir poco fulminante.

Tant’è vero che le storie più interessanti non si esaurivano in una sola puntata ma potevano durare anche un’intera settimana. Tutto dipendeva dalle capacità della attori in scena ma anche dalla durata ridotta del programma, mezz’ora.

Luca Barbareschi @ Davide Maggio .itUn mix esplosivo che ha saputo dare grandi frutti alla rete. C’eravamo tanto amati era infatti seguito da più di due milioni di telespettatori ogni sera e totalizzava spesso uno share piuttosto alto (più del 25%). Numeri che hanno convito chi di dovere a promuovere il programma in prima serata: puntate speciali di due ore che non hanno deluso le aspettative del pubblico e degli addetti ai lavori orchestrate dal conduttore, una vera rivelazione per quegli anni, Luca Barbareschi.

Fino ad allora un attore certamente apprezzato grazie a lavori come Piazza Navona e Bye Bye Baby e programmi come Quo Vadiz (dove ha debuttato) ma poco conosciuto dal grande pubblico, Barbareschi grazie a C’eravamo Tanto Amati, ha ricevuto la sua consacrazione, diventando uno dei volti televisivi più amati di quel periodo.

Un successo strabordante il suo, accompagnato da un caso unico nel suo genere. Il format della trasmissione è stato venduto infatti in America con il titolo di That’s Amore, mantenendo inalterata la sua struttura e la conduzione. Barbareschi ha quindi avuto la possibilità di farsi conoscere anche dal pubblico americano, nel corso delle centocinquanta puntate della versione americana dalle trasmissione.

La chiusura del programma, avvenuta nel 1994 e dettata semplicemente dalla voglia di sperimentare nuovi generi, ha chiuso un capitolo importante della carriera del condu-attore che ha ripreso quasi immediatamente la sua attività teatrale e cinematrografica che in vero non aveva mai del tutto abbandonato.

Per lui fiction come Trenta righe per un delitto, Cronaca Nera e lo sfortunato Giorni da Leone, molto teatro impegnato e altrettanto cinema, qualche partecipazione a produzioni internazionali (soprattutto tedesche) e ancora televisione.

Programmi che giocavano sul suo talento di attore poliedrico e sul suo gusto per la polemica, molte volte azzecccato, altre decisamente fuori luogo. Programmi a loro modo cult come Il grande Bluff, I GuastaFeste, lo sfortunato quiz Greed e l’altrettanto infelice Proposta Indecente.

E proprio di recente è tornato a far discutere per alcune sue dichiarazioni polemiche riguardo al cinema, un sistema malato che sembra non volerlo chiamare più.

Si è così dedicato alla televisione girando una fiction per la tv commerciale tedesca e naturalmente alle tournée teatrali. E non è tutto. In pieno stile con il suo lato da “telepredicatore” ed in assenza di un programma televisivo che gli permettesse di potersi togliere qualche sassolino dalla scarpa,  Luca Barbareschi ha fondato al LB TV, visibile accedendo al suo sito ufficiale. Una serie di video attraverso i quali l’attore spiega il suo punto di vista, su questioni più o meno importanti e delicate.

Del resto lui ha ricevuto il suo battesimo di fuoco, proprio dribblando le polemiche relative a C’eravamo Tanto Amati, colpevole secondo una parte della critica e del pubblico, di aver traghettato la lite in tv, promuovendola, diffondendola e facendola diventare colonna portante della tv di oggi.

E probabilmente è così anche se il dubbio rimane a far compagnia al ricordo di C’eravamo Tanto Amati, piaccia o non piaccia, uno dei programmi cult della televisione italiana.

Per chiudere… un telecimelio su DM TV (il video è tratto dal sito ufficiale di Luca Barbareschi).