4 marzo 2008



4
marzo

CI LASCIA L’AVVOCATA TINA LAGOSTENA BASSI

Tina Lagostena Bassi @ Davide Maggio .it

Le battaglie ideologiche, quando sono portate avanti con coerenza e caparbietà, sono sempre apprezzabili, condivisibili o meno che siano. Lo sono in quanto portatrici di valori in cui si crede fermamente e ancor di più se combattute in difesa di diritti affermati in via di principio ma calpestati nella quotidianità. 

E Augusta Lagostena Bassi, per tutti Tina, è diventata un simbolo per la tutela dei diritti delle donne riuscendo a far cadere quegli omertosi tabù che aleggiavano anche nei palazzi di giustizia e non permettevano, complice il muro di silenzio della società dell’epoca, di ristabilire la legalità lì dove era stata violata.

Icona del movimento femminista, la Lagostena Bassi è balzata agli onori delle cronache per gli storici processi per stupro che l’hanno vista protagonista nei quali, grazie alle sue crude arringhe, è riuscita a rendere giustizia alle donne vittime di abusi.

Uno per tutti, nel settembre del 1975, quello in cui difendeva Donatella Colasanti contro gli autori del massacro del Circeo.

Fu proprio grazie a questi processi che Tina Lagostena Bassi diventò per tutti e rimarrà per sempre l’avvocatA, come le piaceva essere chiamata nelle aule dei tribunali.

Si, piaceva. Purtroppo Tina Lagostena Bassi non c’è più. E’ deceduta questa sera, 4 marzo, a 82 anni in una clinica privata romana, ma già sofferente da tempo.

I telespettatori più attenti si erano accorti della presenza di qualcosa di anomalo. Da circa due settimane, infatti, l’avvocata non presiedeva le cause del tribunale televisivo più famoso d’Italia in cui era approdata nel 1998 e nel quale aveva continuato a sensibilizzare il grande pubbico sulle tematiche che ha sempre avuto a cuore.

Forse non sarà stato un caso che a Forum sia arrivata da poco un nuovo giudice-arbitro, Beatrice Dalia. Una new entry che diventa adesso una sostituzione. Tutta al femminile, come avrebbe voluto Tina, per la quale, purtroppo, l’udienza è definitivamente tolta.

La ricordiamo così, con la Sua ultima sentenza a Forum, lo scorso 19 febbraio e con un video di una delle sue storiche arringhe nel 1979.