14
luglio

FABRIZIO CORONA SARA’ UN BOSS IN “SQUADRA ANTIMAFIA – PALERMO OGGI”

Fabrizio Corona Squadra Antimafia Palermo Oggi @ Davide Maggio .it

Le vicende giudiziarie di Vallettopoli che lo hanno visto protagonista, e l’appellativo di “padrino” guadagnotosi durante la sua permanenza al reality brasiliano “La Fattoria” rappresentano probabilmente la giusta gavetta per poter interpretare un boss mafioso nella prossima stagione di “Squadra Antimafia – Palermo Oggi“.

Stiamo parlando, per chi non lo avesse ancora capito, di Fabrizio Corona, nel quale Pietro Valsecchi ha intravisto il talento necessario per una carriera di attore. “Fabrizio sarà uno dei protagonisti della fiction oltre a Claudio Gioè, Simona Cavallari e Giulia Michelini” – spiega il produttore di Taodue a Chi – “Lo so che è un personaggio fin troppo esposto e spesso criticato, ma ha delle qualità. Nella fiction sarà il Catanese, un boss siciliano. Punteremo molto sulla sua fisicità artistica“. A far conoscere i due sarebbe stato Matteo Garrone, divenuto famoso dopo aver filmato la regia del film “Gomorra“; il regista starebbe lavorando proprio ad un film sulla vita di Corona, che dovrebbe vedere Kim Rossi Stuart nei panni del protagonista.

Sembra dunque che Valsecchi abbia già trovato, con largo anticipo sulla messa in onda della serie, un modo per fare pubblicità a questo ritorno sugli schermi della “Squadra Antimafia” di Canale 5, con la scelta di un non-attore la cui personalità, vita privata e lavorativa, sono da (troppo) tempo sotto le luci della ribalta. E così, mentre la trattativa che porterebbe la sua fidanzata Belen Rodriguez sul set del nuovo film comico di Massimo Boldi sembra essere ad un buon punto, anche il re del gossip è pronto per la carriera da attore, dopo un provino che gli ha immediatamente spalancato le porte della fiction. “Alle prove mi sono presentato senza aver letto nemmeno le prime due pagine del testo – rivela CoronaHo improvvisato ed è andata benissimo“.




14
luglio

NAPOLI CANTA PRIMA E DOPO CON CATERINA BALIVO

Caterina Balivo

Caterina Balivo torna a celebrare la canzone napoletana. Domani sera alle 21.20 la Grazia Regina si riappropria del prime time di Raiuno con Napoli prima e dopo, il programma dedicato alla classica canzone napoletana, nato nel 1983. Per la terza volta al timone dell’evento canoro, la Balivo continua a tenere compagnia agli spettatori di Raiuno dopo il buon riscontro di Miss Italia nel Mondo (3.782.000, 24.64% di share), in attesa del ritorno quotidiano con la sua Festa Italiana dal 14 settembre.

Napoli prima e dopo, giunto al ventisettesimo anno d’età, col tempo ha scalato le tappe televisive, guadagnandosi il prime time (più la replica invernale), diventando un classico dell’estate televisiva, arrivando a toccare nella scorsa edizione quattro milioni di spettatori e il 22% di share. Sul palco allestito al Grand Hotel La Sonrisa di San’Antonio Abate, sedici celebri cantanti e personaggi famosi, tra cui l’attrice Nancy Brilli, madrina dell’evento e Raoul Bova, ospite d’onore.

Ricco il cast musicale: Peppino Di Capri, Sal da Vinci, Povia, Lola Ponce, Amii Stewart, Albano, Matia Bazar, Gloriana, Luisa Corna, Fuasto Leali, Giacomo Rizzo, Manuela Villa, Annalisa Minetti e tanti altri. Momento speciale della serata il collegamento con la tendopoli Collemaggio a l’Aquila dove sarà presente Gigi D’Alessio. L’appuntamento è per domani sera in prima serata su Raiuno con una Caterina Balivo nella sua terra natale, pronta a scommettere su una vetrina invernale della festa della musica napoletana.


14
luglio

VIVA LA RAI-VOLUTION: 365 GIORNI DI RAI4

Rai4

Erano le 21.00 di lunedì 14 luglio 2008 e una nuova stella si accendeva sul firmamento del digitale terrestre. Stiamo parlando, naturalmente, di Rai4, la rete della tv di Stato trasmessa esclusivamente sul digitale terrestre e diretta da Carlo Freccero, presidente di RaiSat, che oggi compie il suo primo anno di vita. Giovani tra i 20 e i 40 anni, navigatori della Rete e giocolieri dei blog, sensibili alle suggestioni della moderna comunicazione, sono il target della rete che oggi, dopo 365 giorni di trasmissioni, fa il punto pensando al futuro.

Se nei primi tempi il palinsesto era basato su film e telefilm, oggi Rai4 si dedica alla sperimentazione con i backstage dei reality Rai (Isola e XFactor) e con rubriche innovative dalle ambientazioni bizzarre come Sugo, ambientato non in una cucina, come il nome lascia intendere, bensì in un bagno pubblico dove il via vai di strani personaggi è all’ordine del giorno. Saranno proprio la sperimentazione e l’innovazione il fil rouge del futuro prossimo del canale che punterà alla produzione: “Ora – avverte il direttore Freccero - bisogna cominciare a produrre, il che significa poter disporre per il 2010 di un budget superiore a quello attuale, di circa 8 mln.”

Anche gli ascolti, monitorati dallo scorso novembre, hanno premiato il grande ed intenso lavoro di Freccero: ”L’audience va davvero bene – ha aggiunto – Siamo tra le prime reti digitali in assoluto. In prime time dal primo al 12 luglio facciamo una media di 95 mila 991 persone. A giugno ci siamo piazzati stabilmente al secondo posto sulle 24 ore (share medio del 2,48 per cento) dietro solo a SkyCinema1”.





14
luglio

CHI DI ZAPPING FERISCE… D’ESTATE PERISCE

Zapping

Metti una giornata d’estate a casa, sì, perché può capitare di stare in casa a luglio, o no? E come milioni di italiani, può capitare di non avere Sky e di essere inguaribili romantici della generalista “free”, o no? Perché non è che a giugno si prende il televisore e lo si mette in cantina a svernare… quello rimane lì dov’è sempre stato e lo si accende, ma, ora più che mai, chi di zapping ferisce di zapping perisce!

D’inverno, per un’intera annata tv, sotto il plaid, scanaliamo con passione e sentimento dieci canali guardabili che, all’improvviso, d’estate, “fuori periodo di garanzia”, lontano da fasti incassi e da numeri mirabolanti, diventano infami traditori e ci regalano sostanzialmente ed inevitabimente avanzi, conditi però sempre con spot, più abbronzanti, ma sempre spot.

E allora ecco che lo zapping diventa un tic. Dalle prime ore del giorno, le più fresche, all’ora di pranzo, possiamo zappettare tra succulente repliche dei tribunali più incredibili d’Italia e goderci le beghe di condominio della Rita o zappettare sul primo per non perderci LEI, l’irrinunciabile Signora in Giallo (del resto che estate sarebbe senza la simpatica voce della Fletcher?). Ma poi, sgranocchiando la fresca insalatina, aspettiamo qualcosa di altrettanto fresco, roba fatta lì al momento, i TG. E lo zapping-tic si acquieta: d’estate i nostri notiziari diventano proprio simpatici, e tra un servizio sul “ritorno degli asini” (giuro, l’ho visto coi miei occhi!), uno sui consigli per proteggersi dal caldo (bere molto, stare in casa nelle ore più calde, pensa te!) e quello sulle malattie da esposizione al sole (un po’ di terrorismo non può mancare, ci fa crescere sani!) arriviamo al lungo, infinito pomeriggio (detto anche “pomeriggio d’amore”).


14
luglio

MILANO – ROMA: GUERRA ALL’ULTIMO CIAK. ROBERTO CASTELLI: PARLANO TUTTI ROMANESCO, E’ UNA COSA INSOPPORTABILE

Roberto CastelliHollywood? Non ce n’è bisogno.. Cinecittà? Per carità, la nuova mecca delle produzioni cinematografiche e televisive sarà (forse) Milano (zona Fulvio Testi). È stato inaugurato ieri pomeriggio, alle 17.30 circa, il Polo della Cinematografia Lombarda, sede restaurata di quella che fu la vecchia Manifattura Tabacchi. Il centro inoltre accoglierà la Fondazione Cineteca Italiana, il Centro Sperimentale di Cinematografia, la Civica Scuola di Lombardia e la Lombardia Film Commission.

Esulta la Lega Nord, esulta in primis il leader del Carroccio Umberto Bossi che lo considera il primo passo verso il federalismo, anche nell’ambito dello spettacolo. Una superficie di circa 90.000 metri quadrati, per un costo complessivo di  8,7 milioni di euro, finanziati quasi per intero dalla regione Lombardia, rappresentata all’ inaugurazione dal presidente Roberto Formigoni; insieme con lui, il sindaco Letizia Moratti e molte altre personalità di spicco della politica italiana. Tra gli altri, il ministro Giulio Tremonti e il  vice-ministro delle Infrastrutture Roberto Castelli, che non si è risparmiato nei commenti a caldo: «Basta con gli attori che parlano in romanesco, è una cosa insopportabile, da fastidio da un punto di vista culturale. Che sia un bergamasco, un altoatesino o un tedesco comunque parlano tutti con accento romanesco – ha detto Castelli riferendosi alle produzioni cinematografiche e televisive – è una cosa insopportabile. E dà fastidio non tanto per una questione localistica o campanilistica, ma è chiaro che il linguaggio è parte essenziale dei personaggi (abbastanza chiaro il riferimento alla fiction su Giovanni XXIII, bergamasco doc)».

Non si sono ovviamente fatte attendere le repliche: «Ancora una volta la Lega parla a vanvera su argomenti che non conosce» attacca Pierfrancesco Majorino del PDI, ma qualche voce dissonante anche nella maggioranza del PDL, tra tutti un “addetto ai lavori” come Luca Barbareschi che sottolinea: «L’industria dello spettacolo è a Roma e lo è sempre stata, per varie ragioni, non ultima che a Roma c’è il bel tempo, il sole, elementi che servono quando si girano i film, e non nebbia e pioggia, con le quali si possono girare solo alcune scene». (E meno male che è interprete di “Nebbie e Delitti“, ndDM) .





14
luglio

Protetto: ASCOLTI TV DI LUNEDI 13 LUGLIO 2009: PREVALE IN PRIME TIME LO SBIRRO DI RAIUNO, SEGUE PRESTIGE. CRIMINAL MINDS ALZA LA MEDIA DI RAIDUE, IL CIRCO MASSIMO QUELLA DI RAITRE

Questo post è protetto da password. Per leggerlo inserire la password qui sotto:


Inserire la propria password per visualizzare i commenti

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,


14
luglio

BUFERA SUL TG3: “QUATTRO GATTI AD ASCOLTARE IL PAPA”

Fulmini, saette e tempeste intermittenti rendono incandescente  in queste ore la poltrona del direttore del Tg3 Antonio Di Bella dopo lo scherzetto rifilatogli dal vaticanista della sua testata, Roberto Balducci, che nell’edizione del notiziario delle 19 di domenica ha piazzato una coda di servizio che ha sollevato un caso diplomatico di notevole entità.

Fatale la scelta di condire il solito pezzo di metà estate che annuncia e descrive i giorni di vacanza del Santo Padre con una descrizione icastica dell’ambiente che accoglierà il Papa nei prossimi giorni. Parlando infatti dei gattini che abitano lo chalet di Les Combes, il giornalista butta giù un parallelismo azzardato e superfluo, facilmente etichettabile come sottile tentativo anticlericale non solo Oltretevere ma anche in seno alla Commissione di Vigilanza, che non ha perso tempo, attraverso le parole del democratico Giorgio Merlo, a prendere le distanze dall’incauta vena lirica del Balducci.

Nel ‘baldo’ servizio andato in onda il giornalista pensa bene di affermare che [I gattini] ”Gli strapperanno un sorriso, almeno quanto i proverbiali quattro gatti (forse un po’ di più) che hanno ancora il coraggio e la pazienza di ascoltare le sue parole“. Nel generale ballo di San Vito della redazione dopo il fattaccio si è levato il tentativo disperato del direttore di smorzare immediatamente le invettive vaticane facendo appello alla ‘fedina penale’, finora immacolata, della penna vaticanista del tg.


14
luglio

DM LIVE24: 14 LUGLIO 2009

DM Live24: 14 Luglio 2009
Live Comment on davidemaggio.it

Non sai cos’è DM Live24? Leggi qui

Dal Diario di ieri…

  • Errori imperdonabili

iLollo ha scritto alle 22:51

IMPERDONABILE ERRORE: RaiDue, invece di trasmettere un nuovo episodio di Life on Mars, ha mandato in onda uno già trasmesso due settimane fa! Credo sia la prima volta dopo molto tempo che accada una cosa del genere, anche perché si parla delle 22.40, non della notte o del daytime!


Davide Maggio consiglia...

Ascolti TV: i debutti dell’estate 2022 confrontati con quelli dell’anno precedente

Con la stagione tv 2021/2022 alle battute finali e l’estate 2022 al via, DavideMaggio.it continua a monitorare gli ascolti di tutti i debutti, confrontandoli con quelli della precedente

Streaming: punti di Forza e Debolezza, Opportunità, Minacce per Netflix, Disney+ e co.

E’ la nuova tv che avanza. Dai passi spediti però si è passati a qualche inciampo. Cosa succede nel modo delle piattaforme streaming? Molto spesso quando si parla

Giortì, 10 momenti cult: dal ‘rapimento’ di Giulia De Lellis alla voce del sess0 di Gemma Galgani

Dal goliardico rapimento di Giulia De Lellis alle mirabolanti gesta di Gemma Galgani nelle vesti di pizzaiola. Dalla “voce del sesso” sfoderata dalla dama di Uomini e Donne Over

10 espedienti per «massaggiare» gli ascolti TV

Sulla generalista vincono sempre tutti, non c’è mai nessuno che perda. Sulle tematiche è un record dopo l’altro, è sempre il miglior risultato di sempre. L’avvento dei nuovi