22
luglio

TIVU’ SAT: DAL 31 LUGLIO LA PRIMA PIATTAFORMA SATELLITARE GRATUITA ITALIANA

Tivù Sat

Si accenderà tra meno di due settimane, il 31 luglio, la prima piattaforma satellitare gratuita e completamente italiana. Il suo nome è TivùSat.

La piattaforma, ideata e progettata da Tivù, società partecipata in ugual misura da Rai e Mediaset e solo parzialmente da Telecom Italia Media, avrà il compito di coprire tutto il territorio italiano replicando e ampliando l’offerta del digitale terrestre. TivùSat offrirà integralmente, senza alcun oscuramento, sia i canali generalisti (RaiUno, RaiDue, RaiTre, Canale5, Italia1, Rete4, La7), sia i nuovi canali pensati esclusivamente per il digitale terrestre (fra cui Rai4, Boing, Iris, RaiGulp, Rai News24, RaiSport più, RaiStoria, Mediashopping, Class News, Sat2000, K2); trasmetterà anche importanti emittenti internazionali (come Euronews, France24, BBC World, TVE International, Canal 24 Horas, Arte, Deutsche Welle, ZDF, ARD) già disponibili gratuitamente sul satellite. Gli unici costi, per gli italiani, saranno l’acquisto del decoder (99 euro, in commercio da fine luglio) nel quale verrà inserita la smart-card TivùSat, inclusa nella confezione, che decripterà i canali e, nel caso in cui l’utente ne fosse sprovvisto, l’acquisto di una parabola satellitare orientata su Eutelsat 13° Est. La navigazione nei canali avverrà in modo simile a quanto avviene già oggi sul digitale terrestre. Sarà disponibile una guida elettronica ai programmi (EPG) che permetterà di guardare la programmazione giornaliera e settimanale dei canali della piattaforma.

Molti noteranno che la data di lancio della piattaforma coincide con la data di scadenza del contratto che lega RaiSat a Sky ma Giancarlo Leone, vice direttore generale Rai, ha subito messo a tacere le voci di un imminente trasferimento sulla piattaforma dicendo che “non vi e’ alcuna relazione con la strategia industriale che la Rai sta portando avanti con Sky Italia” e sottolineando che “la trattativa in corso con Sky Italia non riguarda i canali Rai, ma solo quelli di RaiSat e se si vedranno o meno sulla piattaforma Sky dipenderà esclusivamente dall’esito della trattativa ancora in corso.”




22
luglio

TELE-RICICLI. QUALE CONCORRENTE VORRESTE RIVEDERE IN UN REALITY LA PROSSIMA STAGIONE?

Telericicli

Tutti nella vita meritiamo una seconda possibilità. Quante volte, infatti, abbiamo commesso un errore non cogliendo appieno l’opportunità che ci era stata presentata, e questo ci ha fatto passare notti insonni ed in lacrime perchè convinti d’aver perso quel treno che passa solo una volta nella vita? Ebbene, se è vero che pure nel dorato mondo dello spettacolo “anche i vip piangono”, perchè sono (dis)umani tanto quanto noi, Simone Venture, Paole Perego, Mille Carlucci, fatelo per loro e … mettevi una mano sulla coscienza!

In realtà, già in tanti, famosi e meno famosi, hanno provato a bissare la loro prima esperienza, ma lo hanno fatto con risultati non poprio degni di nota (Floriana Secondi ed Ivan Cattaneo), se non addirittura fallimentari (Lory Del Santo e Daniela Martani). Il tele-riciclo da reality, infatti, è diventata, ormai, una vera professione: ci sono carriere che devono ancora decollare o ripartire da zero, ed attendono il loro reality; ma ci sono, soprattutto, carriere mai decollate, iniziate proprio con un reality e che nel reality-riciclo trovano l’unica occasione per poter appagare l’irrefrenabile desiderio di essere sotto la luce dei riflettori. E così, come nel famoso gioco dell’oca, i “titolari” della carriera mai decollata scelgono di ritornare al via per iniziare un nuovo giro.

Oltretutto, trovare nel nostro panorama televisivo un concorrente “vergine da reality” è impresa degna del miglior rabdomante: dopo anni di usura televisiva, è più facile rimpolpare isole, fazende e balere del piccolo schermo con facce già note. Dopo il salto, quindi, vi proponiamo qualche nome e lasciamo a voi l’ultima scelta prima che qualche produzione televisiva in partenza per la prossima stagione decida di andare nuovamente sul sicuro ed offrire questa fantomatica seconda chance.


22
luglio

LA SCELTA DI LAURA: FLOP PER L’AUDITEL, SUCCESSO PER I SUOI TELESPETTATORI

La Scelta di Laura (Giulia Michelini e Giorgio Pasotti) 

Si avvia verso la conclusione, questa sera in prime time, La Scelta di Laura, il medical drama dell’estate di Canale 5; e lo fa con un pubblico di telespettatori, per lo più donne, fidelizzato, che seppur poco numeroso ha dimostrato di gradire la serie, al pari della critica. Lo share medio (16% circa) registrato dalla fiction, difatti, non deve trarre in inganno sulla qualità del prodotto che seppur non esente da limiti, è superiore per storylines, recitazione e sceneggiatura a molte altre produzioni del Belpaese. D’altronde, per una serie nata sotto una cattiva stella (prima, la messa in onda rimandata all’ estate, periodo poco adatto ad un medical, poi l’abbandono del vecchio titolo Chirurgia d’urgenza in favore di un altro, di matrice soappistica, per sfuggire alla crisi e all’inflazione medical italiana) il flop era quasi inevitabile.

Ma le cause dell’insucesso vanno oltre la pessima strategia di lancio e la programmazione messa in atto da Mediaset, e sono adducibili alle connotazioni della fiction che, anelando a modelli americani irragiungibili, la rendono ”sperimentale” e, in quanto tale, incapace di far presa su una larga fetta di pubblico. La Scelta di Laura, infatti, ha scontato il fatto di essere poco sofisticata per gli amanti del medical drama, abituati alla pregiata fattura della serialità americana, e troppo sofisticata per i più numerosi fan della fiction italiana medical,  le cui preferenze, in tema di serialità, sono ancorate a trame semplici, prevedibili e  a personaggi stereotipati (alla Dottoressa Giò, per intenderci). Il gradimento dell’italiano medio, probabilmente, sarebbe stato assicurato se il telefilm, anzichè La Scelta di Laura, si fosse chiamato e avesse seguito le vicende de “La misericordiosa dottoressa Laura” e se, magari, la protagonista, al posto dell’aspra Michelini fosse stata una Manuela Arcuri, tanto monoespressiva quanto scollaciata.

Il verdetto negativo emesso dall’auditel non lascerebbe speranze per una seconda stagione, eppure, a parer nostro, il buon livello qualitativo della serie e la fidelizzazione del pubblico dovrebbero essere “patrimoni” da salvaguardare, in casa Mediaset. La soluzione potrebbe essere quella di proporre una seconda stagione su Italia1, rete meno ambiziosa dal punto di vista dell’auditel e maggiormente aperta a prodotti “innovativi”. Sulla rete giovane del Biscione la fiction potrebbe, altresì, fungere da apripista per eventuali produzioni seriali (ad oggi inesistenti) che, analogamente a La Scelta di Laura, prendano a riferimento i modelli americani.

Per concludere, ecco, per gli accaniti fan che si staranno chiedendo come andrà a finire la serie, le trame degli episodi finali:





22
luglio

Protetto: ASCOLTI TV DI MARTEDI 21 LUGLIO 2009: TIEPIDI ASCOLTI SULLE AMMIRAGLIE, VINCE MYSTERE CHE SUPERA LEZIONI DI VOLO. OTTIMI I RISULTATI DI RETE4, RAIDUE E LA7

Questo post è protetto da password. Per leggerlo inserire la password qui sotto:


Inserire la propria password per visualizzare i commenti

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,


22
luglio

DM LIVE24: 22 LUGLIO 2009

DM Live24: 22 Luglio 2009
Live Comment on davidemaggio.it

Non sai cos’è DM Live24? Leggi qui

Dal Diario di ieri…

  • Ah, se non ci fosse la Fico!

giulia ha scritto alle 18:02

E a proposito di fenotipi fauneschi, alcuni giornali del settore raccontano di una Raffaella Fico ormai al centro del gossip internazionale per la sua presunta storia con Cristiano Ronaldo. Io penso che la vergine del Doppio Senso (il Doppio Senso è una strada extra-urbana che collega Napoli all’interland da cui proviene la Fico ) stia ”spopolando” all’estero perchè lì non la capiscono. Se ad esempio al party privato di Elton John dove la ragazzotta accompagnava Ronaldo, s’è improvvisato un gioco dei sinonimi come al GF e alla Fico hanno chiesto un sinonimo di pizza e lei ha risposto hamburgher come in quell’occasione, nessuno se n’è accorto; se le hanno chiesto una parola con la elle e lei ha risposto lombretto (l’ombretto) come al GF, nessuno le ha tirato una pizza in faccia.





21
luglio

SUPERNATURAL: CHE LA CACCIA AI DEMONI ABBIA INIZIO. DA STASERA SU RAIDUE LA TERZA STAGIONE

Supernatural

Creature provenienti dagli inferi, demoni e spiriti maligni sono le forze soprannaturali cui i giovani fratelli Winchester danno la caccia e che ritroveremo nella terza stagione di Supernatural, da questa notte alle 23 e 35, per una “serata da brivido” targata Raidue. Tale stagione, composta da sedici episodi, approda sugli schermi della seconda rete di Viale Mazzini circa due anni dopo la messa in onda negli Usa, sul canale The Cw, dove ha registrato una media di circa tre milioni di telespettatori.

Al centro del telefilm di fantascienza troveremo le vicende dei fratelli Sam (Jensen Ackles) e Dean Winchester (Jared Padalecki) la cui infanzia non è stata facile: la madre, cui erano molto legati, è morta prematuramente, uccisa con efferatezza, sotto gli occhi del padre, da uno spaventoso demone. Un dramma di siffatte dimensioni, non poteva che incidere profondamente sul prosieguo delle loro vite, anche se il segno lasciato dal rumore dei ricordi è stato diverso per ciascuno di loro. Sam, il fratello minore, ha cercato di rimuovere il passato, sfuggendo a tutto ciò che poteva riportarlo a quelle tremende circostanze. Al contrario, Dean, ha deciso di seguire le orme del padre, e dedicarsi ad affannose ricerche e lotte contro demoni e forze soprannaturali. 

Proprio la misteriosa sparizione del padre sarà il motivo di ricongiungimento dei due fratelli, che inizieranno a girare l’America per cercarlo. Nel corso del viaggio, Sam e Dean si troveranno ad affrontare misteri irrisolti, creature mostruose che la gente aveva relegato al ruolo di leggende, riuscendo al tempo stesso a trovare indizi per il ritrovamento del padre scomparso. La terza stagione ha inizio dopo che si sono dischiuse le porte dell’inferno, ciò significa che i demoni camminano liberamente sulla Terra. Per i due fratelli, la situazione si è fatta più dura, anche perché sanno di poter contare su pochi alleati.


21
luglio

CARLO PASTORE FA IL VERSO A CRISTINA DEL BASSO: IN DIRETTA CON DUE PALL…ONI COSI’

Carlo Pastore TRL

Abbiamo un nuovo personaggio da “idolatrare”.

Resa nota da DM la notizia dell’approdo di Cristina Del Basso ad MTV (leggi qui e qui le nostre esclusive), Carlo Pastore, attuale conduttore di Total Request Live, ha pensato bene di far sfoggio nella scorsa puntata del programma di due “Pongo e Peggy” da far invidia anche alla futura, popputa collega. La motivazione è stata resa nota dallo stesso VJ che nel corso dello show, mostrando orgoglioso l’attrezzatura artificiale, ha dichiarato: “mi adeguo ai tempi che corrono“, salvo poi tentare di esploderle in chiusura di puntata, quasi in segno di disapprovazione.

Ironico, esilarante e adorabilmente sarcastico, avrà voluto il nostro Carlo Pastore darci una conferma di quanto anticipato dalle pagine di questo blog? Godetevi il momento finale… 


21
luglio

ALDA D’EUSANIO A DM TV: “IN OGNI STORIA C’E’ UN LUOGO OSCURO, IGNOTO, INESPLORATO”


Davide Maggio consiglia...

Il Moige premia Chef Save the Food

Anche la stagione tv che va concludendosi, sacrificata e limitata dalla pandemia, ha offerto programmi family friendly e buoni progetti che il Moige (Movimento Italiano Genitori) ha voluto

Netflix e la regola delle ‘3 s’: Sesso, Sangue, Spagna

Sesso, Sangue, Spagna. La popolarità su Netflix riscrive la regola delle 3 s (sesso, sangue, soldi); gli abbonati della piattaforma prediligono prodotti dai “contenuti bollenti”, infarciti di omicidi

Ascolti TV: i debutti della stagione 2019/2020 confrontati con quelli dell’anno precedente

La stagione tv 2019/2020 è ormai nel vivo e il tema caldo degli ascolti, crocevia per la riuscita o meno di un programma, anima (e agita) diretti interessati

10 espedienti per «massaggiare» gli ascolti TV

Sulla generalista vincono sempre tutti, non c’è mai nessuno che perda. Sulle tematiche è un record dopo l’altro, è sempre il miglior risultato di sempre. L’avvento dei nuovi