5
febbraio

IL PUNTO G(F) di GUENDALINA

Volevo complimentarmi con Eliana Bosatra. Chi è Eliana Bosatra? La casting director del Grande Fratello! Colei che, in pratica, ogni anno dice l’ultima parola su chi deve entrare nella caaaaasa e chi deve rimanere, invece, nella propria.

I complimenti Le arrivano dopo aver guardato le prime puntate del padre di tutti i reality e aver cercato di dare un perchè ai concorrenti della settima edizione del GF. Un perchè che, ahimè, non sono riuscito a trovare. La casa più spiata d’Italia è quest’anno abitata, salvo rarissime eccezioni, da potenziali tronisti e troniste. Sembra in pratica di trovarsi in una trasposizione di lusso del programma della De Filippi “Uomini e Donne”. E’ raccapricciante constatare che coloro che fanno la televisione puntino, ancora oggi, su un unico requisito che sembra la chiave del successo : la bellezza.

Se, infatti, anni fa, la venustà era un valore aggiunto che andava a completare (e sottolineo com-ple-ta-re) un personaggio che s’affacciava timidamente al mondo dello spettacolo, adesso è diventato un requisito essenziale (forse l’unico, in realtà) per poter conquistare la propria celebrità mediatica. Probabilmente perchè ciò che fa lo showbiz è, ormai, il gossip e l’accoppiamento selvaggio tra pseudo-starlette e Big Jim di turno con conseguenti ospitate, copertine, foto da vendere e scoop simil-scandalistici! In una parola… soldi. Massimo rendimento, minima spesa!

Poi ci si lamenta quando esplodono casi come Vallettopoli e ci si scandalizza quando balzano agli onori della cronaca i sexy-provini. Ma signori miei, se questi sedicenti “talent scout” hanno continuato la propria attività è perchè, certamente, avranno trovato tante persone disposte a “concedersi” per ottenere la parte promessa in queste “prestigiose” produzioni internazionali. State pur certi che se il ruolo promesso fosse stato realmente assegnato, il caso non sarebbe scoppiato e non sarebbe certamente approdato a Striscia la Notizia. Non credo che si sarebbe lamentato nessuno, purtroppo! E’ inutile colpevolizzare chi ha scelto di “concedersi” in cambio del ruolo da protagonista che avrebbe ottenuto. Il messaggio che passa, ormai, è questo! Non c’è niente da fare.

Ritornando al Grande Fratello, mi sarei aspettato scelte diverse proprio per i motivi appena citati.

Diventato, ormai, il trampolino di lancio più efficace per approdare celermente e senza gavetta alcuna al famigerato mondo dello spettacolo, potrebbe puntare su caratteristiche diverse nella scelta dei concorrenti.

Si potrebbe lanciare un messaggio diverso.

E invece no! Quest’anno s’è proprio esagerato. Le “danze” sono state aperte dalla russa Diana che, col suo pompiere, ha battuto ogni record in fatto di copulazione repentina et ostinata. Alla segretaria in cerca di fama son bastate poche ore per far capire al telespettatore che oltre a quella non aveva nient’altro da…trasmettere (per dirla col pubblico parlante di Amici). Soltanto Cecchi Pa(v)one poteva essere dalla Sua parte appoggiando il comportamento che la concorrente ha avuto nel reality.

[Ma non era proprio Cecchi Paone ad aver abbandonato la notte dei Telegatti quando fu assegnato il premio al GF? Ora lo guarda? Mah...]

Qui, badate bene, non è questione di morale, è questione proprio di decenza. Di un minimo di dignità!

Per una concorrente che esce però (Diana è uscita dalla casa lo scorso giovedi), c’è una sostituta pronta a rubarle la scena.

Questo è ciò che è accaduto nelle ultime ore…

Senza parole…

Ah, prima di lasciarVi al video, volevo ricordare all’ufficio casting di Endemol Italia che cura le selezioni del GF soltanto questo –> Casting 122 / BA Mediaset Premium.




4
febbraio

SE TORNANO I PUFFI … C’E’ UN PERCHE’!!!

I puffi @ Davide Maggio .it

La notizia, ormai, è nota ai più.

Dal prossimo lunedi, alle 7 su Italia1, tornano “I Puffi”, straordinario cartone animato a cui hanno avuto modo di affezionarsi milioni di persone, bambini e non!

Non Vi nascondo che mi è venuta una certa voglia di celebrare questo ritorno.

Un ritorno al passato, ad una televisione che, quanto meno secondo me, non è minimamente paragonabile a quella attuale… anche nei cartoni animati!

Questa volta non ho voglia di mettere a confronto la TV “vecchio stile” con quella attuale. Sono eventi come questo (nel loro piccolo) a far tornare alla mente la buona televisione di un tempo.

Ho voglia, invece, di condividere con Voi alcune notizie che sono riuscito a reperire in rete.

Mi sono chiesto, tra le altre cose, il perchè di questo ritorno e, forse, una spiegazione sono riuscito a trovarla.

Ma andiamo per gradi.

E’ curioso sapere che “I Puffi” sono nati, in realtà, come personaggi secondari di Johan & Peewit (in Italia, John e Solfamì -nella foto che segue), un fumetto nato nel 1948 ad opera del disegnatore Peyo sul giornale belga Le Soir. La pubblicazione fu spostata dal 1952 sul giornale “Spirou”.

Puffi e John & Solfamì @ Davide Maggio .it

L’idea, rivelatasi geniale, di inserire nel fumetto appena citato i piccoli ometti blu avvenne il 23 ottobre 1958, giorno di nascita dei Puffi!

Il successo fu strepitoso e presto (nel 1959) I Puffi da personaggi secondari diventarono i protagonisti di un autonomo fumetto.

Il Flauto a 6 Puffi @ Davide Maggio .itA decretare il definitivo successo ci fu, nel 1976, un lungometraggio intitolato “La Flûte à six schtroumpfs” conosciuto in Italia come “Il Flauto a 6 Puffi” o “I Puffi e il Flauto Magico” (forma tradotta della versione americana del film arrivata negli USA nel 1983) con cui si portava sugli schermi il famoso episodio di John e Solfamì in cui esordirono i Puffi.

Fu nel 1981, però, che Hanna e Barbera iniziarono a lavorare alla celeberrima serie animata realizzata per la NBC che, per prima, dunque, ebbe l’onore di trasmettere il fortunato cartone animato.

Furono prodotti 256 episodi che, tutt’oggi, sono trasmessi (seppur saltuariamente) in 30 paesi!

Nello stesso anno Hanna & Barbera realizzarono anche una serie che aveva per protagonisti i personaggi grazie ai quali I Puffi furono creati, “John e Solfamì”. Questo cartone animato ebbe un successo e una durata decisamente minori!

In Italia l’arrivo dei Puffi (a parte qualche episodio dei Puffi versione fumetto pubblicata sul Corriere dei Piccoli tra gli anni 60/70) risale al 1982 e precedette di ben 3 anni il cartone animato “John e Solfamì” che trovò spazio anche nel nostro paese per luce riflessa!

Non Vi ho ancora svelato, però, il perchè di questo ritorno.

Curiosando in rete, ho scoperto che la Paramount Pictures e la Nickelodeon Movies hanno acquisito i diritti del cartone animato per la Kerner Entertainment che ha intenzione di produrre almeno 3 nuovi film sui Puffi. L’uscita del primo della saga è prevista per il 2008, anno in cui si celebrerà il 50° anniversario degli strani ometti blu alti due mele o poco più!

Qualora conosciate già curiosità e dettagli sul cartone del quale parliamo, la lettura di questo post può terminare qui. In caso contrario proseguite pure.

Rispolverando un vecchio archivio, ho ritrovato un disco di vinile con “La Canzone dei Pufficantata da Cristina D’Avena nel 1983 che, tra l’altro, ha vinto il disco d’oro.

E’ proprio riascoltando questa canzone che si può avere un quadro completo delle peripezie dei puffi che vivono “vicino al fiume blu” dove sorge una diga presso la quale lavora la maggior parte di loro. –br[Continua a leggere la storia de I PUFFI]–

Altri puffi invece si dedicano alla raccolta del cibo nella foresta (le famose puff-bacche) mentre i protagonisti principali della serie li ritroviamo nel villaggio o addirittura fuori poichè “in città amici hanno già e senza esitar, li vanno a trovar”.

Ebbene si, i puffi, contrariamente a quanto si possa pensare, hanno degli amici umani che ben conoscono la collocazione del loro villaggio (a differenza del malefico Gargamella e della sua Gatta Birba che vorrebbero catturare i puffi per trasformarli in oro e per mangiarli).

Per spostarsi dal villaggio il Grande Puffo si serviva di un airone e così facendo poteva raggiungere il mago Omnibus (col quale giocava a scacchi o scambiava formule magiche) e Madre Natura.

Continuando a riascoltare la canzone ( “il grande puffo però trasformare sa già, un puffo assai cattivo in un puffo che puffa bontà”) sveliamo, per chi non lo sapesse, il perché nell’intero villaggio ci sia una sola puffetta.

In realtà è stato il mago Gargamella a crearla (con la chioma nera) affinché fosse accolta nel villaggio per poi rivelarne l’esatta collocazione al mago. Tuttavia sarà l’anziano “Grande Puffo” (da non confondere con “Nonno Puffo”, vestito di giallo, che farà la sua comparsa negli anni ’90) a trasformare la “puffetta streghetta” nell’adorabile puffetta bionda.

Puffetta però non è la sola estranea del villaggio! Anche “Baby Puffo” è stato adottato dalla comunità blu (portando a 101 il numero iniziale dei puffi) senza che nessuno conoscesse la “provenienza” del piccolo Puffo dotato persino di poteri magici di cui solo il saggio Grande Puffo ne è a conoscenza.

Per dirla tutta, i “veri” Puffi sono quelli degli anni ’80; nel corso degli anni ‘90, infatti, sono state trasmesse varie serie in cui sono stati introdotti nuovi personaggi come i puffolini (Naturone, Sciccoso, Sciattone), Bontina (che è stata creata anche lei dai puffolini riutilizzando la stessa formula per creare Puffetta), il cane Puppy (donato dal mago Homnibus), l’aiutante di Gargamella Lenticchia , Buegrasso…

Per questa volta, ci fermiamo agli anni ‘80 e ci lasciamo con una delle tante sigle che hanno accompagnato negli anni uno dei più bei cartoni animati mai prodotti.

Si tratta della prima sigla, La Canzone dei Puffi, che ho usato come fonte per la stesura della seconda parte di questo post.

 


3
febbraio

AMICI : TU CHIAMALI SE VUOI… INEDITI.

Gli

La settimana scorsa avevo deciso di non affrontare l’argomento sulla base di due semplici considerazioni :

1. Maria l’avevo già “massacrata” abbastanza;

2. Errare humanum est.

Vi chiederete : ma di quale argomento parla?

Parlo degli “inediti” di Amici.

Quest’anno, qualora non lo sapeste, gli autori del talent show di Maria De Filippi hanno deciso di far interpretare agli allievi/cantanti della scuola alcuni brani inediti che potessero, grazie alle esibizioni dei nemici della signora Costanzo, non essere più tali e raggiungere il grande pubblico.

Idea originale ed interessante, non c’è dubbio. Peccato, però, che questi inediti non siano poi così… inediti!

La questione era balzata agli onori della cronaca per il brano interpretato da Federico (Amore e Mistero) ma, per i motivi cui ho accenato poche righe fa, avevo pensato che non fosse il caso di parlarne.

Ma se è vero che Errare è Umano, è altrettanto vero che Perseverare è Diabolico.

E, cari lettori, sembra che Maria e il Suo staff siano davvero diabolici.

Proprio questo pomeriggio, durante l’edizione pomeridiana di Amici, è stato, infatti, presentato da Giulia Franceschini il brano “inedito” “Dove Nascono Gli Amori“.

Stando a quanto dichiarato dagli autori del programma durante la presentazione dell’iniziativa, i brani sarebbero stati scelti tra più di 2000 pezzi da una commissione di esperti composta da Lavezzi, Mangiarotti & Soci insieme ai professori di canto del programma, ovvero Vessicchio, Pitteri, Palma e Di Michele.

Sembra, però, che le cose stiano diversamente.

Guardate un po’ i video che seguono. Poi riprendiamo il discorso.

Bene! Come avete potuto vedere, il brano interpretato da Giulia è praticamente identico al pezzo cantato nel secondo video che Vi ho proposto.

“Dove Nascono Gli Amori” è, infatti, una canzone presentata nel 2004 allo “Swiss National Final Eurosong” da Antonella Lafortezza (che avete potuto ascoltare nel secondo video).

Non sarebbe il caso di piantarla di parlare di inediti?

Maria… e allooooora, e allooooooora!

[Thanks to Lucky Me per la segnalazione]

[Segnalato su Libero.it : 63]





2
febbraio

MCS : PROSEGUE L’ “OPERAZIONE RIABILITAZIONE” DI PAOLO CALISSANO

Paolo Calissano @ Davide Maggio .itMaurizio Costanzo ci riprova. Per la seconda volta!

Ieri, durante la terza puntata del ritrovato Maurizio Costanzo Show, il padrone di casa ha proseguito l’ “operazione riabilitazione” di Paolo Calissano, ormai libero grazie all’indulto.

Quella dell’anchorman più famoso d’Italia sembra una vera e propria sfida con se stesso. Una sfida che sinceramente trovo fuori luogo, farcita di un mielismo da far cariare i denti anche a portatori sani di… dentiera!

Non sono sicuramente tra coloro che prosegue una condanna nei confronti di un reo anche dopo che quest’ultimo ha pagato, col carcere, per ciò che ha fatto.

Trovo, infatti, la “condanna sociale” ben più grave, ben più pesante e soprattutto di gran lunga più ingiusta (nella stragrande maggioranza dei casi) di qualsiasi altro tipo di condanna “tradizionale”.

Ma da qui a fare di quest’uomo un personaggio da far tornare sulle scene a tutti i costi ce ne passa.

Per quanto, infatti, sia lodevole il percorso “depurativo” (del corpo e, a quanto pare, anche dell’anima) dell’ex attore di Vivere, è altrettanto vero che tornare a calcare un palcoscenico non è un diritto nè, tanto meno, un fatto dovuto o, ancora peggio, una pretesa da soddisfare!

Siamo in pratica sempre alle solite. Se nel nostro paese si è al centro di uno scandalo, il mondo dello spettacolo è pronto a ripagare con una dose di… successo immeritato per il semplice fatto di fare… audience!

Se invece bestemmi sei fuori dai giochi per tutta la vita!

In questo caso c’è stato anche un morto, diamine!

E’ vero che sbagliare e poi capire i propri sbagli (per non commetterli più) è raro e, per alcuni aspetti, va premiato ma Paolo Calissano ha tutto il tempo per tornare a… Vivere, professionalmente parlando, senza la sponsorizzazione di Maurizio Costanzo.

C’è bisogno del pubblico che se ne avrà voglia e se ne dovesse sentire la mancanza avrà modo di richiamare a gran voce il “Lapo dei poveri”.

[Segnalato su Libero.it : 62]


31
gennaio

GF7 : QUANDO L’ABITO NON FA IL MONACO… DI LAPIO!

Raniero Monaco di Lapio @ Davide Maggio .it

Hai capito l’angioletto della casa?!?

Per la serie ”l’abito non fa il monaco”, si mormora che il concorrente mezzo italiano mezzo inglese del Grande Fratello 7, Raniero Monaco di Lapio, sia stato condannato dal Tribunale di Roma ad un anno di reclusione per LESIONI.

Pena poi sospesa con la condizionale.

Ogni anno ne spunta una nuova!

AGGIORNAMENTO DEL 31 GENNAIO 2007, h. 19.06

  • Roma, 31 gennaio (Adnkronos)

    Ha rischiato un anno di carcere per le lesioni che avrebbe provocato ad un ragazzo in una rissa in un bar di Roma nell’estate del 2003. Una reclusione evitata solo grazie alla sospensione condizionale della pena. Ed ora, ironia della sorte, si trova ‘recluso’ nella casa di ‘Grande Fratello’ ed e’ stato ‘rintracciato’ dai legali della controparte proprio in seguito all’apparizione televisiva nel reality di Canale 5. E’ la triste vicenda del bello di ‘Grande Fratello 7′, Raniero Monaco Di Lapio, uno dei quattordici concorrenti chiusi da tre settimane nella casa televisiva piu’ famosa di Cinecitta’, che e’ infatti stato condannato a un anno di reclusione per lesioni dal tribunale di Roma, con sospensione condizionale della pena. Una condanna in contumacia perche’ il ragazzo che vive tra Roma, Milano e Londra non sarebbe mai stato raggiunto dalla corrispodenza del Tribunale. Fino a quando, vedendolo in tv, il querelante si attivato per fargli arrivare l’infelice messaggio. La produzione del Grande Fratello conferma infatti di essere venuta in questi giorni a conoscenza della condanna in contumacia, a carico del concorrente Raniero Monaco Di Lapio, a un anno di reclusione per lesioni, con sospensione condizionale della pena.

  • Cologno Monzese, 31 gennaio (Ufficio Stampa Mediaset)

Dichiarazione di Massimo Donelli, direttore di Canale 5:

“Siamo veramente dispiaciuti per la fuga di notizie che riguarda Raniero Monaco Di Lapio, uno dei concorrenti del Grande Fratello.
Stiamo raccogliendo informazioni sulla sua vicenda giudiziaria per capirne gli esatti contorni e assumere le decisioni conseguenti. A quanto ci risulta fino a questo momento, Raniero sarebbe stato condannato in contumacia, ovvero non sarebbe stato presente al processo.
Non solo. Allo stato attuale (ma sono evidentemente necessarie delle conferme) sembrerebbe che Raniero fosse del tutto ignaro dell’indagine giudiziaria a suo carico, non avendone mai ricevuto notizia né a Londra né a Milano né a Roma, le tre città fra le quali si divide.
In ogni caso, fatte le debite verifiche e regolamento del Grande Fratello alla mano, ci riserviamo di decidere se lasciarlo dentro la casa oppure espellerlo. Di più, al momento, non possiamo assolutamente dire”.

AGGIORNAMENTO DEL 1 FEBBRAIO 2007, h. 00.31

  • Roma, 31 gennaio (Adnkronos)

Il concorrente di ‘Grande Fratello’ Raniero Monaco di Lapio ha dato mandato al legale Pierluigi Mancuso di ricorrere in appello contro la sentenza del Tribunale di Roma che lo ha condanno in primo grado in contumacia a un anno di reclusione per lesioni, con sospensione condizionale della pena.





31
gennaio

DIRITTO DI REPLICA : STEFANIA DADDA su davidemaggio.it

Riceviamo un fax da Stefania Dadda (Elias ne I Ragazzi della Terza C) che, in relazione a questo post, ci informa che, attualmente, è impegnata nella “realizzazione di documentari e/o servizi filmati“.  

Elias / Stefania Dadda @ Davide Maggio .it

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes


31
gennaio

PAR CONDICIO E’ FATTA! ACCANTO ALL’UOMO PERFETTO ARRIVA LA SPOSA PERFETTA!

L'Uomo Perfetto @ Davide Maggio .it

Se è vero che la televisione è lo specchio della nostra società, quanto sta per accadere nei palinsesti televisivi ci rivela una grande verità: abbiamo finalmente raggiunto la tanto agognata parità dei sessi!

Perchè se Sky sta per lanciare un nuovo reality dal titolo “L’Uomo Perfetto“, RaiDue non sta a guardare e risponde annunciando l’imminente arrivo de “La Sposa Perfetta“, che dovrebbe partire intorno al mese di aprile, occupando la prima serata del mercoledì.

Del primo si sta facendo un gran parlare. C’e’ chi pronostica a chi sarà affidata la conduzione, chi ne pubblicizza i casting, chi ammette un proprio “coinvolgimento” e chi è indeciso sul da farsi. 

L’Uomo Perfetto si propone, sostanzialmente, di cercare un uomo che risponda ai requisiti del “Bachelor” nostrano.

Mancano ancora, in realtà, informazioni ufficiali che svelino il meccanismo vero e proprio del programma.

Qualcosa in più invece è stato reso noto riguardo al progetto di RaiDue, “La Sposa Perfetta” che potrebbe essere condotto da Ambra o da Veronica Pivetti.

Il nuovo reality-comedy così come è stato definito dalla casa di produzione (Magnolia), va alla ricerca di una promessa sposa che non solo raccolga il gradimento del futuro marito ma anche di tutta la famiglia (della suocera, in particolare)!

Due progetti decisamente soft e sensibilmente diversi nell’obiettivo che si prefiggono di raggiungere ma in fondo molto simili nella struttura.

Un reality per lui ed uno per lei. Cosa potevano chiedere di più i sostenitori dell’emancipazione femminile?

Nell’attesa che questa domanda trovi una risposta, si accettano scommesse sulla conduzione e sui personaggi che andranno a comporre il cast di due programmi tanto simili. Si avvicineranno più allo sfortunato “Bachelor” di Cristina Parodi, al trash “Uomini e donne” o al genere comico sdoganato da “La Pupa e il Secchione”?

E se, alla fine, si decidesse di trovare un giusto compromesso affidando la conduzione di entrambi i programmi a Cristiano Malgioglio visto che, nel belpaese, l’essere al centro di uno scandalo sembra che abbia come unica conseguenza il rafforzamento della popolarità dei personaggi coinvolti? 

Qui di seguito troverete i contatti utili per partecipare alle selezioni di entrambe le trasmissioni.

L’UOMO PERFETTO
1. Telefonare allo
0423 402868
2. Inviare un email :
CLICCANDO QUI

LA SPOSA PERFETTA
1. Telefonare allo :
02 37009172
2. Inviare un email :
CLICCANDO QUI


30
gennaio

LIBERO DIVENTA…. STILE LIBERO – MAX! DA STASERA, su RAIDUE

Alessandro Siani @ Davide Maggio .itMax Giusti @ Davide Maggio .it

La Rai aveva provato, alla fine del 2006, a riportare in video il fortunato programma di scherzi telefonici condotto con successo da Teo Mammucari.

Lo aveva fatto, come si legge sul sito ufficiale del programma, ”mettendo in “palestra” il giovane attore napoletano Alessandro Siani: come già avvenuto in passato per Mammucari e Paola Cortellesi, tenterà di consacrarlo come nuovo volto televisivo”.

L’esperimento di Giovanni Benincasa, autore del programma, non è però riuscito. 

Libero, dopo aver incassato sonori flop nelle poche puntate in cui è andato in onda, è stato sospeso

Si era dato appuntamento al pubblico per gennaio 2007!

Ed, in effetti, la parola data è stata mantenuta. Da questa sera, su RaiDue, alle 23.15 torna Libero ma con alcune interessanti novità

Come avrete notato dall’orario, lo show non andrà più in onda in prima serata bensì in seconda. Un ritorno alle origini, insomma.

La novità più importante è rappresentata, però, dal conduttore : a prendere il posto di Siani ci sarà Max Giusti come tanti avevano giustamente auspicato.

La presenza del comico ha fatto si che anche il titolo del programma fosse modificato. Libero diventa, infatti, Stile Libero - Max!

Ma le novità non sono finite.

Nel cast del programma ci sarà anche Lucia Ocone straodinaria comica che, a mio parere, con il collega conduttore farà davvero scintille.

Apprendo, inoltre, via ansa, che sarà presente anche “Richard Benson, musicista che giudichera’ senza pieta’ le canzoni escluse dal festival di Sanremo” e che gli ospiti della prima puntata saranno :

  • Ignazio La Russa

  • Alba Parietti

  • Biagio Izzo

  • Solange

  • Maurizio Mattioli


Davide Maggio consiglia...

Autunno 2019: quando partono i programmi TV

La stagione televisiva 2019/2020 è pronta a partire, con le sue riconferme e le novità di cui i telespettatori hanno tanto letto e sentito parlare negli scorsi mesi

Ascolti TV: i debutti della nuova stagione 2019/2020 confrontati con quelli dell’anno precedente

La stagione tv 2019/2020 è ufficialmente partita e il tema caldo degli ascolti, da sempre crocevia per la riuscita o meno di un programma, è tornato ad animare

Celebrity Hunted – Caccia all’Uomo: ecco il cast. Ci sono anche Totti, Fedez e Claudio Santamaria

“Non cercatemi. Devo rimanere in incognito. Presto capirete perché“. E’ questo il messaggio ’sibillino’ apparso stamattina sui canali social di alcuni vip. Il mistero però è abbastanza facile

10 espedienti per «massaggiare» gli ascolti TV

Sulla generalista vincono sempre tutti, non c’è mai nessuno che perda. Sulle tematiche è un record dopo l’altro, è sempre il miglior risultato di sempre. L’avvento dei nuovi