4
settembre

MEDIASET RIBADISCE PIENA FIDUCIA A PAOLA PEREGO. “GESTO RIPARATORIO” SUFFICIENTE?

Mediaset ribadisce piena fiducia a Paola Perego

Lucio Presta, agente di Paola Perego, l’aveva detto dichiarato a chiare lettere sulle pagine di questo blog: (La situazione, ndDM) è risolvibile qualora l’azienda ponesse in essere un gesto riparatorio nei confronti di Paola Perego, ma non dovrebbe esserle molto difficile visto che nel privato ha sempre manifestato apprezzamento, stima e rispetto per il lavoro svolto dalla mia assistita. In assenza la situazione rimarrà invariata

La situazione cui si fa riferimento è, come noto, l’improvviso abbandono de La Tribù – Missione India da parte di Paola Perego, per “esser stato violato – affermava Presta – il rapporto di fiduciario indispensabile tra l’artista e l’azienda“ a causa del mancato sostegno alla conduttrice de La Tribù da parte di Mediaset in relazione ad alcune dichiarazioni rilasciate da Barbara D’Urso al Corriere della Sera, goccia che ha fatto traboccare un vaso già colmo di rancori che si protraggono da svariati mesi (info qui).

E il “gesto riparatorio” non ha tardato ad arrivare. Questa sera, dall’headquarter di Cologno, è stato diramato un comunicato con il quale “Mediaset ribadisce piena fiducia a Paola Perego“:

Paola Perego è una professionista di alto livello. Lo dimostra il fatto che Mediaset da anni le affida produzioni importanti come il nuovo reality in partenza il 16 settembre su Canale 5. I malintesi che hanno ingenerato comprensibili tensioni sono frutto di un eccesso di esternazioni personali a cui Mediaset è estranea, che non corrispondono al pensiero dell’azienda e rispetto alle quali da sempre Mediaset è solita non intervenire. Confidiamo in una responsabile composizione della vicenda e confermiamo che il programma andrà regolarmente in onda nella data prevista“.

Per la verità, a cercare un salvataggio in extremis era stata la stessa D’Urso che in una più recente intervista spendeva (incomprensibilmente, quanto meno sino al “terremoto mediatico” di ieri mattina) parole positive nei confronti della “titolare uscente” andando, per certi versi, a ritrattare quanto dichiarato al Corsera:




3
settembre

GREY’S ANATOMY – ER MEDICI IN PRIMA LINEA: ITALIA1 TRA PASSATO, PRESENTE E FUTURO DEI MEDICAL DRAMA

Grey’s Anatomy e ER (Serata Medical Italia1)

Una suggestiva giustapposizione, di emozioni e storie, personaggi e interpreti, tra i serial che hanno lasciato un’impronta, tra le più visibili, nella storia dei medical:  ER – Medici in prima linea -prima stagione e Grey’s Anatomy. Il passato e il presente dei medical drama a confronto. Adrenalina, ritmo ed essenzialità contrapposte ad empatia, sentimenti e riflessione. Ma soprattutto, per il pubblico femminile, una sfida, a colpi di stetoscopio e fascino, tra il Dottor Ross alias George Clooney e il Dottor Sheperd alias Patrick Dempsey.

A proporci la coinvolgente serata medical è Italia1, che da stasera ore 21:10 propone la quinta stagione inedita, in chiaro, di Grey’s Anatomy e a seguire, in seconda serata, la prima stagione di ER. Ebbene sì, a 13 anni da quell’11 gennaio 1996, che ha segnato il debutto sui nostri teleschermi, ritorna la prima storica stagione del medical più amato di tutti i tempi, che ha spiazzato e appassionato i telespettatori di tutto il mondo. Una rentrèe su Italia1, in grande stile, per il telefilm simbolo di Raidue. La rete Rai che, dopo Friends, si vede costretta così a dire addio a un’altra serie ”identitaria” per una beffarda questione di diritti ed esclusive.

Plauso, ad ogni modo, a Tiraboschi, che ha scelto di puntare sulla qualità, decidendo di valorizzare un telefilm che, per il profilo tipico del suo pubblico, sarebbe sembrato più adatto ad un’altra rete. Stasera sarà altresì un’occasione per ritrovare il cast originale dello show, letteralmente stravolto negli anni, e che comprendeva: Anthony Edwards (dott. Mark Greene), George Clooney (dott. Doug Ross), Julianna Marguiles (infermiera Carol Hathaway), Sherry Stringfield (dott. Susan Lewis), Noah Wyle (John Carter III) ed Eriq La Salle (dott. Peter Benton).


3
settembre

BOOM! COME DM ANTICIPATO AL “PROCESSO A X FACTOR” ARRIVA CARLO PASTORE INSIEME AD ANTONELLA ELIA E BENEDETTA MAZZINI

Processo a XFactor (Carlo Pastore, Benedetta Mazzini e Antonella Elia)

La terza stagione di X Factor è appena iniziata: i casting sono in onda, il nuovo giudice Claudia Mori sta prendendo confidenza con i talenti più o meno (in)compresi e i preparativi per la prima diretta serale di giovedì 10 settembre sono a buon punto. Ultimo tassello da sistemare Il processo, la costola pomeridiana del talent show, sperimentato lo scorso anno e pronto a tornare in onda da sabato 12 settembre alle 15.30 (causa prove della F1, dal 19 l’orario tornerà ad essere il solito: le 14.00), scontrandosi da fine mese con i sanguinari Amici di Maria.

Ad accompagnare Francesco Facchinetti per il pelo e contropelo ai cantanti in gara un parterre di opinionisti ed esperti di musica in gran parte rinnovato e piuttosto pepato. A sostituire le critiche spietate di Alessandro Rostagno (impegnato con Scalo76 Talent) ci penserà Antonella Elia, pronta per il nuovo ruolo da giurata dopo qualche anno di assenza dalla tv. A darle man forte un’altra donna senza peli sulla lingua, Benedetta Mazzini, figlia di Mina, già vista lo scorso anno ad X Factor come aiuto di Simona Ventura ai casting per i nuovi ingressi.

Tra le due, un volto giovane proveniente da Mtv: come vi avevamo anticipato a suo tempo (leggi qui e qui), Carlo Pastore, (ex) conduttore di Trl, approda a Raidue e lo fa proprio nel giorno dell’Mtv Day del 12 settembre. Unica conferma della vecchia squadra è Pierpaolo Peroni, produttore musicale e compagno della cantante Syria. Salutano così il Processo Matteo Bordone, Giusy Ferrè, e Selvaggia Lucarelli che tanto si era spesa alla causa tra presunti flirt e polemiche fresche di giornata.

Scopri i nuovi vocal coach dopo il salto:





3
settembre

BOOM! GIANLUIGI LENTINI E’ L’ULTIMO COMPONENTE DELLA TRIBU’ MISSIONE INDIA

Gianluigi Lentini (La Tribù Missione India)

Con l’arrivo di Sergio Arcuri, fratello della più famosa Manuela, si era risolto il problema della presenza nella Tribù indiana di Canale5 del belloccio di turno. Rimaneva, dunque, lo sportivo ad essere l’ultimo anello mancante della catena dopo il forfait (non voluto) di Andrew Howe. Ma tutto è bene quel che finisce bene.

Proprio nel giorno in cui è scoppiato un terremoto mediatico senza precendenti, possiamo rivelarvi in anteprima assoluta che sarebbe stato individuato un degno sostituto di Andrew Howe per la Tribù – Missione India. Si tratta di uno dei calciatori più discussi degli ultimi anni: Gianluigi LentiniNato nel 1969, nel 1992 viene acquistato dal Milan, tra il clamore del tifo granata (in rivolta verso la società e lo stesso giocatore) e della stampa (il cartellino fu pagato 18,5 miliardi di lire, una cifra record per l’epoca, inoltre vi furono indagini giudiziare per il presunto pagamento di altri 10 miliardi fuori bilancio). Il primo anno è buono, poi nell’Agosto 1993, al rientro da una partita amichevole, è coinvolto in un grave incidente automobilistico lungo l’Autostrada Torino-Piacenza (ha sostituito una gomma forata con il “ruotino”, ma continua a correre, si schianta a quasi 200 km all’ora e si salva per miracolo). Tornerà in campo verso la fine della stagione 1993/1994 senza però recuperare la stima dell’allenatore Fabio Capello. Da li la parabola in discesa della sua cattiere. Dalla stagione 2008-2009 sempre insieme a Diego Fuser, altro buon ex professionista, indossa la maglia rossoblu della Saviglianese squadra che milita in Promozione piemontese. [biografia tratta da Wikipedia]

Vi è di più, Gianluigi Lentini è stato, in un passato non troppo recente, tenero amico di Simona Ventura, che per prima cercò di averlo tra i concorrenti della sua Isola dei Famosi, proprio per la storia particolare che il calciatore ha alle spalle. Ma stavolta, sembra (fino alla firma del contratto chi può dirlo) che il reality show di Canale5 abbia avuto la meglio.


3
settembre

ISOLA DEI FAMOSI 7: DOPO PAMELA PRATI, E’ LA CALIENTE CLAUDIA GALANTI LA SECONDA NAUFRAGA

Claudia Galanti (Isola dei Famosi)E con questa siamo (o dovremmo essere) a due. Dopo Pamela Prati, il numero di Chi in edicola questa settimana ufficializza il nome della seconda concorrente all’Isola dei Famosi 2010: si tratta di Claudia Galanti, ventisettenne paraguaiana con tutte le proverbiali forme al posto giusto. Toccherà all’ex sexy infermiera di Scorie riempire la casella delle “calienti d’importazione” destinate a scuotere l’equilibrio ormonale dell’italico spettatore. A lei, quindi, il compito di raccogliere l’eredità della venezuelana Yespica, della triade brasileira Ribas (un caliente-vintage, il suo), Lessa, Veridiana e, in ultimo, quella più pesante appena lasciata sulla spiaggia di Cayo Cochinos dall’argentina Belen Rodriguez.

Modella senza infamia e senza lode, la sexy Claudia nelle ultime stagioni è comunque riuscita a conquistarsi una qualche ribalta sulle passerelle televisive. L’anno scorso, infatti, è stata avvistata in contemporanea a Mediaset, come valletta della Folliero a Stranamore, e per la Rai sul secondo canale come presenza hot di Scorie al fianco di Digei Angelo. Più nutrito il curriculum quando si passa a parlare di gossip: avrebbero approfondito la sua conoscenza il già tronista Salvatore Angelucci, Pippo Inzaghi e il famigerato furbetto del quartierino Stefano Ricucci (con cui, pare, aspirasse alle giuste nozze prima che Debora Salvalaggio glielo soffiasse). Piccolo appunto: fino a poco fa Claudia Galanti figurava tra le risorse artistiche in forze a Lele Mora ma, per amor di Isola – e per il diktat monesco - sembra l’abbia lasciato (anche lei, poveretto).

Un’edizione particolare, la prossima dell’Isola, con nuova location (non più l’Honduras ma una non meglio precisata playa dell’America Centrale), nuovo periodo di messa in onda (da gennaio),  e una nuova regola volta a frenare la diaspora dei naufraghi a metà gioco. Magnolia, che produce il reality, ha infatti deciso che chi dovesse abbandonare il gioco sua sponte riceverà il 70% in meno del cahet accordato e non verrà ospitato in trasmissione. Poco male, comunque, per Claudia Galanti: il contratto appena firmato le garantisce il calendario d’ordinanza da lanciare all’indomani del ritorno in Italia.





3
settembre

MISS ITALIA 2009 E LA QUESTIONE “PARIS HILTON”. DM TV NEL BACKSTAGE DELLE PREFINALI CON GIANNA TANI, RICCARDO SARDONE’, FIORETTA MARI, RAFFAELLO TONON E CLIZIA FORNASIER

Miss Italia 2009 - Backstage

Tra set fotografici, bagni di folla e frenetiche corse tra i camerini, continua la traversata delle Miss verso le serate finali che andranno in onda su Rai Uno. L’allenatore (come ama definirsi lei stessa: guarda qui l’intervista per DM TV) Milly Carlucci tiene in mano le redini della manifestazione e controlla che tutto fili liscio.

Le prefinali hanno “eletto” le 60 finaliste grazie ad una giuria composta da Gianna Tani, Clizia Fornasier e Riccardo Sardonè, Fioretta Mari, Raffaello Tonon, Gianfranco Terrini ed Edelfa Chiara Masciotta. Per voi, nel nostro Dietro le Quinte di Miss Italia, abbiamo fatto quattro chiacchiere proprio con alcuni giurati.

Il dictat è sempre lo stesso: “cercare il giusto mix tra bellezza e capacità“, con tutte le difficoltà del caso come ci hanno sottolineato proprio la talent-scout Gianna Tani e Sardonè, durante le riprese; non mancano poi le iperboli di Fioretta Mari che definisce “geniale“ la riduzione del numero di serate, in quanto “strumento” per conoscere meglio le ragazze.


3
settembre

LA TRIBU’, TERREMOTO IN INDIA! LUCIO PRESTA A DM: LA SITUAZIONE E’ RISOLVIBILE A PATTO CHE…

Paola Perego - Barbara D’Urso (La Tribù)

E fu il terremoto! Che ci fosse maretta tra Paola Perego e Barbara D’Urso lo si era capito da tempi non sospetti. A quale telespettatore sarà sfuggito, giusto per citare un caso, che nel daytime de La Fattoria, ospitato da Pomeriggio Cinque, la Bislacca non ha nominato, nemmeno per errore, la conduttrice del reality show di Canale5?

Ma le dichiarazioni rilasciate da Barbara D’Urso ad Emilia Costantini del Corriere della Sera lo scorso 31 agosto 2009 devono aver rappresentato la goccia che ha fatto traboccare il vaso: un attacco “tra le righe” che non solo ha colpito la Perego ma ha gettato ulteriore benzina sul fuoco colpendo anche un altro esponente di spicco della scuderia di Lucio Presta (Paolo Bonolis e il suo programma calcistico di qualche anno fa “Serie A”). Dichiarazioni inaccettabili per l’agente più potente dello showbiz nostrano che questa mattina ha dato il benservito: Paola Perego non condurrà più la Tribù, in partenza il 16 settembre, in quanto considera violato il rapporto fiduciario indispensabile tra l’azienda e l’artista” per una serie di episodi e “significative incomprensioni”. L’ultimo di questi, spiega Presta, è relativo alle “opinioni (immotivate, gratuite, provocatorie e offensive) della signora Barbara D’Urso a proposito dell’attività professionale della mia assistita Paola Perego” alle quali non è seguita, sottolinea l’agente, da parte di Mediaset, “una presa di posizione che pubblicamente rendesse merito ed il giusto riconoscimento” alla Perego tutelandone l’immagine.

Un affaire che i bene informati valutano in 10.000.000 di Euro e che, probabilmente, potrebbe essere risolto con quella mancata presa di posizione, lamentata dall’agente, con la quale rendere pubblicamente merito e il giusto riconoscimento alla Perego. Inevitabili le conseguenze di questo colpo di scena: se la situazione non dovesse trovare una pacifica risoluzione La Tribù Missione India difficilmente potrebbe partire, a parer nostro, il prossimo 16 settembre. Ma con questo terremoto mediatico un obiettivo lo si è già raggiunto: oscurare la “rivale mediatica” Barbara D’Urso proprio nei giorni del suo ritorno con Pomeriggio Cinque visto che l’attenzione dei media sarà inevitabilmente concentrata sulla Perego piuttosto che sulla Bislacca di Cologno.

Abbiamo sentito telefonicamente Lucio Presta che alla nostra domanda sulla “componibilità della lite”, ci ha dichiarato: “E’ risolvibile qualora l’azienda ponesse in essere un gesto riparatorio nei confronti di Paola Perego, ma non dovrebbe esserle molto difficile visto che nel privato ha sempre manifestato apprezzamento, stima e rispetto per il lavoro svolto dalla mia assistita. In assenza la situazione rimarrà invariata”.


3
settembre

FERMI TUTTI! PAOLA PEREGO ABBANDONA LA TRIBU’

Paola Perego - La Tribù

Paola Perego rinuncia alla conduzione di La tribù, il reality previsto su Canale 5 a partire dal 16 settembre. L’agente della conduttrice, Lucio Presta, spiega di considerare “violato il rapporto fiduciario indispensabile tra l’azienda e l’artista” per una serie di episodi e “significative incomprensioni”. L’ultimo di questi, spiega Presta, è relativo alle “opinioni (immotivate, gratuite, provocatorie e offensive) della signora Barbara D’Urso a proposito dell’attività professionale della mia assistita Paola Perego” alle quali non è seguita, sottolinea l’agente, da parte di Mediaset, “una presa di posizione che pubblicamente rendesse merito ed il giusto riconoscimento” alla Perego tutelandone l’immagine.

Queste le dichiarazioni oggetto del “contendere”:

[da intervista per Corsera del 31 agosto 2009] E pensare che i figli, Giammauro di 23 ed Emanuele di 21 anni, le avevano intimato: «Guai a te se accetti di condurre un programma come “Buona Domenica”». Evidentemente non era di loro gradimento. «Quando hanno saputo che avevo accettato — racconta Barbara — ho fatto loro una promessa solenne: vostra madre non si presterà mai alla volgarità». Ciò significa che, secondo la famiglia D’Urso, Paola Perego si era distinta nel trash. «La Perego è un’ottima professionista — corre ai ripari — ma io faccio la mia domenica: divertente, ironica, mai volgare, il che è difficile, trattandosi di una diretta così lunga, la volgarità è sempre in agguato».


Davide Maggio consiglia...

Il Moige premia Chef Save the Food

Anche la stagione tv che va concludendosi, sacrificata e limitata dalla pandemia, ha offerto programmi family friendly e buoni progetti che il Moige (Movimento Italiano Genitori) ha voluto

Netflix e la regola delle ‘3 s’: Sesso, Sangue, Spagna

Sesso, Sangue, Spagna. La popolarità su Netflix riscrive la regola delle 3 s (sesso, sangue, soldi); gli abbonati della piattaforma prediligono prodotti dai “contenuti bollenti”, infarciti di omicidi

Ascolti TV: i debutti della stagione 2019/2020 confrontati con quelli dell’anno precedente

La stagione tv 2019/2020 è ormai nel vivo e il tema caldo degli ascolti, crocevia per la riuscita o meno di un programma, anima (e agita) diretti interessati

10 espedienti per «massaggiare» gli ascolti TV

Sulla generalista vincono sempre tutti, non c’è mai nessuno che perda. Sulle tematiche è un record dopo l’altro, è sempre il miglior risultato di sempre. L’avvento dei nuovi