14
aprile

LA GRANDE FATTORIA!

Grande Fratello @ Davide Maggio .it     La Fattoria @ Davide Maggio .it

Partiamo da un dato di fatto!

Il reality per eccellenza (IL GRANDE FRATELLO) e la sorella gemella (LA FATTORIA) non hanno riscosso, quest’anno, l’agognato successo di pubblico.

Sono stati vani i tentativi di risolvere una crisi dovuta ad una conduzione poco “severa” per l’uno e ad una forzatamente frivola per l’altra.

Due scelte sbagliate, insomma, che hanno prodotto un susseguirsi di colpi di scena ”riparatori” ai quali ha fatto seguito solo ed esclusivamente  una pioggia di critiche.

Non contenti della scontentezza del pubblico, gli autori dei due programmi hanno pensato bene di unire le forze e compiere un incesto salva audience.

E’ stata, infatti, annunciata stasera, durante la puntata settimanale del Big Brother italiano, a 3 concorrenti già eliminati del GF la loro partenza alla volta del marocco.

Avete capito bene!

3 concorrenti del GF andranno a far compagnia ai “colleghi” contadini spala-escrementi della casbah di Tamdaght.

Si conoscerà, però, solo sabato sera, nel corso della puntata de La Fattoria, il nome del ”fortunato” che entrerà a far parte dell’allegra combriccola di fattori.

Dopo 

  • cammellate e tricchebballacche (Fattoria)
  • uscite e rientrate per il voto (Fattoria e GF)
  • eliminazione e ripescaggio immediato tra le disperate urla cinesi (Fabiano, GF)
  • grandi coalizioni contrapposte alla CdL – Ulivo (Fattoria)
  • beautiful nostrano (Simona e Filippo, GF)
  • traslazione di programmi dal mercoledi alla prima serata del sabato (Fattoria)
  • proposte di matrimonio ricevute dal buco di una vetrata, alla regina coeli insomma (Laura, GF)
  • accoppiamenti selvaggi e presunte inseminazioni (Arca & Rodriguez, Fattoria)
  • congedi temporanei per lutto mai concessi prima (Fabiano, GF)
  • defilippate a sopresa (Maria De Filippi a La Fattoria)

l’ultima trovata è un incesto tra i due reality fratelli. Speriamo che l’accoppiamento non dia i suoi frutti… un reality-figlio proprio no!

[Segnalato su Libero.it, Davide ringrazia]




12
aprile

Semplicemente RULA!

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes


12
aprile

WHITNEY HOUSTON SHOCK: SOLIDARIETA’ DA MARIAH CAREY MA LA COGNATA RINCARA LA DOSE

Whitney Houston

Vi ricordate il post in cui, alcuni giorni fa, parlavo della grave situazione in cui è precipitata Whitney Houston? (No!?! leggete il post allora cliccando qui)

Il successo riscosso da quel post mi porta ad aggiornarVi sugli sviluppi della situazione.

A differenza, infatti, di quanto spesso (se non sempre) accade nel mondo dello spettacolo ci sono state delle manifestazioni di solidarietà per la ”nostra”.

L’acerrima nemica di un tempo, Mariah Carey, vorrebbe ritornare sui suoi passi.

Dopo gli scontri per il duetto del 1998 (When You Believe, del quale Vi fornisco una “diapositiva” qui a lato) arriva una dichiarazione della Carey che parrebbe aver accantonato i vecchi rancori.

“A Whitney va  tutto il mio amore – ha detto la Carey – è un tale, immenso talento. Vorrei incidere un altro duetto con lei”.

Dopo aver provato sulla propria pelle depressione e solitudine, quella che è sempre stata definita (forse a torto) un’artista capricciosa e viziata, vuole mettere a disposizione della collega sfortunata la forza e l’energia che le hanno permesso di voltar pagina dopo non poche sventure.

Nonostante, infatti :





11
aprile

DAN BROWN… L’ENIGMA E’ STATO RISOLTO!

L’ALTA CORTE di LONDRA HA DECISO!!!

Il Codice da Vinci è opera di Dan Brown. (nella foto a destra l’opera in una versione americana)

Sono, dunque, svanite nel nulla le accuse di plagio che  Michael Baigent e Richard Leigh avevano mosso nei confronti dell’autore americano e la casa editrice Random House.

I due scrittori sostenevano, infatti, che Dan avrebbe preso “spunto” dal loro “Holy Blood and the Holy Graal”  edito dalla stessa casa editrice del Da Vinci Code nel 1982.

Scendiamo nei particolari!?! Bene!

Nello specifico l’accusa di plagio verteva sulla teoria centrale del romanzo secondo la quale Gesù e Maria Maddalena ebbero un figlio e ci sarebbero tutt’ora dei loro discendenti nel mondo; questa verità sarebbe stata protetta nei secoli dai Templari e da altre società segrete.

Dan Brown, dal canto suo, ha ammesso d’aver letto l’opera dei due “contestatori” ma ha assicurato che ha rappresentato soltanto una delle fonti e non è stato la “musa ispiratrice” di quello che e’ diventato il best seller più venduto di tutti i tempi (40 milioni le copie vendute nel mondo).

A quanto pare, l’alta corte londinese gli ha dato ragione.

Mi viene, però, da fare una considerazione…

Questo cult dell’editoria ha portato nelle tasche del suo autore circa 350 milioni di euro … Delle due l’una…

  • che sia stato l’ingente patrimonio a far venire l’acquolina in bocca ai due “accusatori” che hanno tentato il tutto per tutto!?!
  • che il potere dei soldi abbia colpito ancora una volta facendo avere la peggio ai due scrittori di “serie B”?!?

Sta di fatto che la pronuncia due effetti ben precisi li ha avuti. 

In primis Baigent e Leigh dovranno pagare le spese processuali che ammontano a 350 mila sterline;

in secondo luogo non ci saranno (o quanto meno non ci dovrebbero essere) slittamenti nell’uscita del film tratto dal best seller in programma per il prossimo 19 maggio. Una sentenza a favore degli autori di “Holy Blood and the Holy Graal” avrebbe infatti potuto bloccarne l’uscita in attesa di un accordo tra i 3 autori sui milionari diritti d’autore in ballo.

Nel frattempo godetevi il trailer cliccando qui

 Ricodatevi che MANCA POCO!


10
aprile

MELANIE GRIFFITH DENUNCIATA

Giunge da New York, fresca di stampa, una notizia che ha dell’incredibile.

Eh si… Melanie Griffith pare sia stata denunciata da Niklas Palm.

Vi chiederete chi sia costui…

Parliamo dello stilista che ha “conciato per le feste” la Griffith e le sue due figlie, Dakota Johnson e Stella Banderas, all’ultima cerimonia per la consegna dei Golden Globes.

Motivo della denuncia!?!

Melanie non avrebbe pagato i vestiti realizzati per l’occasione, il cui costo sarebbe stato di “soli” 26.000 euro.

Probabilmente lo stilista aveva già il dente avvelenato dal momento che la “nostra” aveva anche omesso di citare la paternità degli abiti durante la prestigiosa kermesse.

Che dire… più ne hanno e più ne vogliono e, a quanto pare, MENO NE SPENDONO!!!

Dimenticavo. Per le mie affezionate lettrici credo di essere riuscito a trovare gli abiti oggetto della discordia. Eccoli qua





8
aprile

DOPO LA “PATATINA”…ROCCO PAR ROCCO!

Mentre in Italia assistiamo ad una versione riveduta aggiornata e sopratutto muta della campagna pubblicitaria della “patatina”, a dar voce al pornoattore più famoso del pianeta ci pensa la Francia!

A quanto pare il paese dello champagne ha brindato al successo dell’ “attore” con la pubblicazione della sua autobiografia ufficiale. (Foto a destra)

In Francia, infatti, Rocco Tano (questo il suo vero nome) dopo aver abbandonato le scene ed essersi dedicato alla sola produzione (un certo momento arriva per tutti, eh) ha lavorato anche per il cinema che conta con la regista Catherine Breillat in Romance e Pornocrazia.

Cosi’, dopo 1500 film e oltre 4000 donne sul set, il ragazzotto di Ortona (CH) rivive i momenti salienti della sua straordinaria carriera dichiarando che ha scritto questa biografia pensando ai propri fans.

Ora mi chiedo quanto possa essere interessante (ma soprattutto varia) la biografia di un pornoattore… se consideriamo anche che i film ”seri” cui ha preso parte sono a dir poco insignificanti… i conti sono facili a farsi!

Per maggiori info sul libro… o se siete talmente appassionati del genere da volerlo comprare cliccate qui 

Dimenticavo… visto che siamo in periodo d’elezioni… beccatevi questo simpatico banner

[Segnalato su Libero.it, Davide ringrazia ]


7
aprile

L’ENNESIMA SBUFALATA DELL’ENNESIMA PRESUNTA BUFALA!

Premettendo che il mio Blog si occupa di Spettacolo, c’è anche da dire che quando ci sono delle cose che mi fanno incazzare non ho problemi a prendere “carta e penna” e buttar giù due righe.

Questo è uno di quei casi.

Oggi pomeriggio ho visitato il Blog di un esperto di IT Law che riportava nel suo “servizio antibufala” una mail che, a quanto pare, sta intasando le caselle di posta elettronica di tantissimi italiani.

Questa mail segnalerebbe l’erroneità dei dati presenti nell’opuscolo LA VERA STORIA ITALIANA che sta giungendo in questi giorni nelle case degli italiani.

I dati oggetto di contestazione sono quelli relativi al reddito medio degli italiani che nel 2005 sarebbe aumentato (e non di poco) rispetto a quello del 2001.

Per dovere di cronaca vi riporto la mail :

Ciao, hai ricevuto il libro di Silvio? (se non lo hai ricevuto:
http://www.forza-italia.it/speciali/riforme_risultati.htm)

Vai a pagina 154: c’è una serie di informazioni interessanti, tra cui, quella che più mi ha colpito è la prima.

E’ scritto che nel 2006 il reddito medio degli Italiani è pari a 27.119 dollari, mentre nel 2001 era di 24.670 dollari. Facendo due conti risulta che il reddito medio degli Italiani è cresciuto di circa 2.500 (2449) dollari.

Mi sono chiesto: ma perché mi danno le cifre in dollari? E’ forse un modo di disorientare e disinformare moltissime famiglie, massaie e pensionati che, come me, hanno ricevuto il libro?

Comunque, per capire meglio queste cifre e per non essere davvero un “COGLIONE”, mi sono fatto un po’ di conti; sono andato sul sito internet www.uic.it, che è il sito dell’Ufficio Italiano dei Cambi, per tradurre le cifre in euro.
Dunque, il 22 maggio 2001 (il giorno dopo le ultime elezioni politiche), per fare un dollaro ci voleva un euro e 15 centesimi, quindi 24.670 dollari (reddito 2001) moltiplicato per 1,15 fa:28.370,5 euro.

Poi, il 31 marzo 2006 (l’altro ieri), per fare un dollaro bastavano solo 83 centesimi di euro, quindi 27.119 dollari (reddito 2006), moltiplicato per 0,83 fa: 22.508,77 euro. In altre parole, mi si spacciano le cifre in dollari per farmi credere che il reddito medio sia aumentato, mentre, invece, di fatto è diminuito di 5861,73 euro!!!

Chi è il vero COGLIONE ?
DIFFONDETE!!!

Naturalmente se la cosa fosse stata vera, mi sarei preoccupato anche io…

Così, pur non essendo un economista, ho deciso di fare una piccola ricerca

Sono riuscito a “portare a casa” un po’ di dati.

Innanzitutto il reddito medio dei cittadini di un paese è un dato particolarmente difficile da calcolare e, soprattutto, possono essere usati parametri di riferimento differenti che fanno venir fuori risultati sensibilmente differenti.

Ciò a cui si fa riferimento per il calcolo è il GPD (ossia il Prodotto Interno Lordo) e il PPP ossia un TASSO DI CAMBIO RICHIESTO PER LIVELLARE IL POTERE DI ACQUISTO DI VALUTE DIFFERENTI e quindi NON E’ IL COMUNE TASSO DI CAMBIO che ci viene praticato, insomma, quando andiamo in banca per cambiare la nostra moneta con un’altra valuta.

Quindi… per tradurre le cifre in euro DOBBIAMO SEMPLICEMENTE USARE, questa volta e PER TUTTI e DUE I DATI a CONFRONTO, IL TASSO UFFICIALE DI CAMBIO.

Di conseguenza i dati indicati sono, o quanto meno dovrebbero essere, C O R R E T T I.

Per approfondire (informazioni in inglese) :

IL POST SI COMMENTA DA SOLO!!! Poi mi dirà l’autore (o gli autori) della mail chi è il “COGLIONE”


5
aprile

FORSE NON SONO COSI’ FOLLE… SANDI THOM docet!

 

Stasera ho avuto la conferma (è la prima, spero ne arrivino altre) di non essere completamente folle!

A quanto pare l’idea di potermi far conoscere grazie a qualche ”pensiero” buttato giù tra le “righe” di questo blog non è del tutto sbagliata.

Certo… il mio progetto e’ solo agli albori (la mia “sfida” è inziata con l’apertura del Blog) ma verrà fuori nel suo complesso a breve… Ho un progettino che spero Vi piaccia.

Sandi Thom, invece, è arrivata al capolinea.

Eh si… questa giovane 24enne scozzese che si appresta a diventare il mio mito, cantando negli scantinati di casa sua (in quel di Tooting – UK) ed esibendosi live (con una webcam) sul suo sito ha ricevuto numerose proposte da altrettante case discografiche e il 3 aprile scorso ha firmato un bel contratto con la prima etichetta del Regno Unito, RCA/SONY BMG.

Craig Logan, MD di RCA/SonyBMG si è affrettato a definire quella di Sandi una storia unica.

Pensate che l’artista aveva addirittura dato il via ad un tour mondiale (naturalmente sempre dagli stessi scantinati con musicisti che sedevano su semplici sgabelli) Twenty One Nights From Tooting che, se la prima serata ha registrato “solo” 600 accessi, due domeniche fa ha raggiunto il suo apice con 182000 spettatori.

Pensate che lo stadio di Wembley ne può accogliere solo la metà.

E’ stata annunciata anche l’uscita, per il prossimo mese, del primo album vero e proprio il cui titolo è Smile, It Confuses People.

Siete curiosi di vederla?!? Innanzitutto potete visitare il suo sito ufficiale www.sandithom.com e gustarVi la foto che segue mentre io continuo nella mia opera di “corteggiamento” della “mia” Gianna Tani che prima o poi farà con me ciò che hanno fatto i vertici di Sony con la Thom. Non siete d’accordo!?! 

GIANNA TANI, SANTA SUBITO!!!

Ricordate che MANCA POCO!


Davide Maggio consiglia...

A – MARE è l’album di debutto di Luca Vismara – Ascolta

Mentre si gode gli ultimi giorni di permanenza sull’Isola dei Famosi, qui in Italia per Luca Vismara è tempo di una grande novità. E’ uscito ieri A-MARE, il

Palinsesti Rai 1, estate 2019: debutta The Resident, Baudo fa festa il 7 giugno

Con la stagione 2018/2019 arrivata alle battute finali, la direttrice Teresa De Santis ha messo a punto i palinsesti estivi di Rai 1. Tra novità, repliche e conferme,

Palinsesti Canale 5, estate 2019: nel pomeriggio debutta la soap turca Bitter Sweet – Ingredienti d’Amore. Lontano da Te dirottata a giugno, Temptation dopo il GF

L’estate 2019 di Canale 5 inizia nel segno delle novità, sia sul fronte dell’intrattenimento che delle serie tv. Andiamo a scoprire nel dettaglio – salvo variazioni – cosa

10 espedienti per «massaggiare» gli ascolti TV

Sulla generalista vincono sempre tutti, non c’è mai nessuno che perda. Sulle tematiche è un record dopo l’altro, è sempre il miglior risultato di sempre. L’avvento dei nuovi