29
dicembre

FACCIAMO I CONTI CON LE VINCITE TELEVISIVE

Gettoni D'oro @ Davide Maggio .it

I commenti a questo post di TVBlog mi hanno spinto a scrivere ciò che state per leggere.

Si parla di vincite televisive. E allora… facciamo un po’ di chiarezza!

Iniziamo col dire che i montepremi indicati nei vari programmi consistono in GETTONI D’ORO del valore (più o meno) dell’importo indicato. Non sarebbe possibile assegnare premi in contanti poichè ciò costituirebbe gioco d’azzardo consentito, in Italia, esclusivamente in appositi luoghi autorizzati (per maggiori informazioni contattare Pupo).

Detto questo, bisogna considerare che, per legge, le vincite sono soggette ad una ritenuta fiscale del 20%. Dovete pagare le tasse, insomma, sull’importo vinto. Per questo il montepremi che il concorrente vincerà non sarà MAI quello che vedere in trasmissione.

Facciamo un esempio : qualora vinceste il milione di Euro di Chi Vuol Essere Milionario, prima della consegna del premio VideoTime (gruppo Mediaset) provvederà a decurtare dall’importo il 20% di cui abbiamo parlato poc’anzi. Il montepremi scenderà, in sostanza, a 800.000 Euro.

Andiamo avanti ed arriviamo alla consegna del premio.

Premesso che la consegna avviene numerosi mesi dopo la vincita, dobbiamo dire che, quanto meno per i programmi Mediaset, questa consegna si paga.

Nello specifico (e sempre che non siano intervenuti dei cambiamenti) l’ammontare delle spese di spedizione ammontano al 3.5% del premio consegnato.

Continuando con l’esempio prima citato, dovremo sottrarre alla vincita di 800.000, il 3,5% che equivale a 28.000 Euro. Il Vostro premio scenderà, quindi, dagli 800.000 a 772.000 Euro.

Non è finita qui…

Ora si pone il problema di cambiare i gettoni d’oro vinti.

Mediaset allega al Documento di Trasporto che accompagna il premio un elenco di gioiellerie convenzionate (in realtà molto poche) presso cui è possibile vendere i propri gettoni (gettoni che la gioielleria rivenderà a Mediaset che, a sua volta, dopo averli opportunamente lucidati, li rimetterà in palio).

Bene. E’ importante che il giorno in cui andate a cambiare i Vostri gettoni la quotazione dell’oro sia abbastanza alta altrimenti correte il rischio di perdere ancora qualche centinaio di Euro. Diciamo che, se siete mediamente fortunati, il valore nominale del gettone d’oro rimane più o meno quello anche al momento del cambio.

Rimane però il compenso del gioielliere :-) La gioielleria, con molta probabilità, vi prenderà un importo pari al 5% sul valore dei gettoni venduti.

Mettiamo il caso che il tasso di cambio faccia si che i 772.000 Euro a cui ci eravamo fermati non incida su questo importo, dovrete sottrarre il 5% (38.600 Euro) e, conseguentemente, il premio scenderà ancora a 733,400 Euro.

Ora qualche “chicca”. Passiamo alle testimonianze fotografiche… (clicca sulle immagini 2,3 e 4 per ingrandirle)

  • Gettone d’oro Mediaset

Gettone D'oro Mediaset @ Davide Maggio .it

  • Parte superiore del Documento di Trasporto che accompagna una vincita Mediaset

Documento di Trasporto Vincite Mediaset @ Davide Maggio .it

  • Parte Inferiore del Documento di Trasporto che accompagna una vincita Mediaset

Documento di Trasporto Vincita Mediaset @ Davide Maggio .it

  • Fattura del Corriere

Documento Corriere Consegna Vincita Mediaset @ Davide Maggio .it




28
dicembre

AMARCORD, Che fine hanno fatto…LE RAGAZZE DI “NON E’ LA RAI”? (1^ puntata)

Non è la Rai @ Davide Maggio .it

Un tempo la televisione, per creare programmi di culto, non aveva bisogno di risse innalza share, tronisti ingioellati o naufraghi più o meno noti. Bastava un’idea, piccola, semplice ma d’effetto che poteva catalizzare l’attenzione di milioni di telespettatori senza troppa fatica. Questo è il caso di Non è la Rai, trasmissione cult creata da Gianni Boncompagni e Irene Ghergo nel 1991 ed andata in onda per i successivi quattro anni su Canale 5 prima e Italia 1 poi.

Un programma inizialmente destinato ad un target adulto (non a caso la conduzione era affidata ad Enrica Bonaccorti) che ha subito un’evoluzione naturale nel tempo, diventando di fatto un programma cult destinato ad un pubblico giovane.  

A rendere il programma una vera e propria icona degli anni 90, ci hanno pensato le ragazze presenti in studio che ancora oggi sono idolatrate dagli instancabili fans. Tra le più note ricordiamo:

  • Laura Freddi, ex velina, conduttrice di Buona Domenica e in seguito attrice nella fiction i Cesaroni (probabile la sua partecipazione alla seconda serie);

  • Alessia Mertz, ex velina e naufraga dell’Isola dei Famosi, vera e propria prezzemolina della nostra tv;

  • Alessia Mancini, attualmente moglie di Flavio Montruccio, è stata velina, valletta di Gerry Scotti in Passaparola e, al momento, è inviata di Stranamore;

  • Nicole Grimaudo, attrice in fiction di successo come “Il Bello delle Donne” e “Ris”;

  • Sabrina Impacciatore, vero talento della trasmissione “Macao” e attrice in film di culto come “L’ultimo bacio”;

  • Pamela Petrarolo ex contadina de La Fattoria;

  • Cristina Quaranta, ex velina, valletta di Guida al Campionato e successivamente collerica naufraga de “L’isola dei famosi”;

  • Miriana Trevisan, anche per lei un passato da velina oltre che da valletta accanto a Mike Bongiorno per numerosi anni; 

  • Ambra Angiolini, mamma e compagna di Francesco Renga, l’enfant prodige è tutta dedita alla conduzione sia radiofonica che televisiva (attualmente uno dei volti di Rai Tre).

Se conosciamo i destini delle più note, c’è da dire che ci sono tante altre protagoniste delle quali s’ingnora persino la partecipazione al programma che hanno riscosso, in alcuni casi, un successo ben maggiore

In questa prima puntata di ”AMARCORD, Che fine hanno fatto…le ragazze di Non è la Rai?” ci occupiamo proprio di queste ultime.

VERONIKA LOGAN

Veronika Logan @ Davide Maggio .it

 Dopo la trasmissione ha intrapreso la carriera d’attrice ottenendo dapprima un ruolo nella fiction “Sorellina e il principe del sogno”. Ha inoltre partecipato a produzioni internazionali come “Le Avventure del Giovane Indiana Jones”. Infine ha trovato una certa popolarità grazie all’interpretazione del personaggio di Chiara Bonelli nella soap opera “Vivere”. Ha recitato ne “L’ispettore Coliandro” ed è recentemente diventata mamma. Oggi ha 37 anni.

KARIN PROIA

Karin Proia @ Davide Maggio .it

Pur non avendo avuto un ruolo di primo piano nella trasmissione, è riuscita ad emergere come attrice, facendo il suo esordio a teatro accanto a Michele Placido. Ha preso parte a piece come “Il Piccolo Principe” e “Salomè”. In televisione ha sostituito Vittoria Belvedere nella fiction “Lui e Lei”, recitando al fianco di Enrico Mutti e ha preso parte alla fiction “Ho sposato un calciatore“. Oggi continua a lavorare, dividendosi tra tv e teatro ed ha 32 anni.

CHIARA CONTI

Chiara Conti @ Davide Maggio .it

Anche per lei, un esordio in sordina a Non è la Rai ma una carriera di tutto rispetto come attrice impegnata, tra l’altro spesso lodata dalla critica. A pellicole commerciali come “Faccia di Picasso” alterna partecipazioni a film impegnati come “L’ora di religione” di Marco Bellocchio. Attualmente è in video con Butta la Luna su RaiUno. Oggi ha 32 anni.

Una curiosità che la riguarda: ha partecipato alla pellicola-trash “The Protagonists”, nella quale ritroviamo una giovanissima Michelle Hunziker, qui al suo esordio assoluto. Alcune scene del film sono state mandate in onda nel corso della sua conduzione a “Striscia la Notizia”.

MARIA MONSE’

Maria Monsè @ Davide Maggio .it

Tutti pensano che a lanciarla sia stato Massimo Giletti, in realtà l’autrice del Monsè-Pensiero ha iniziato la sua carriera proprio a Non è la Rai. A questo sono seguite partecipazioni a vari programmi televisivi, un libro di aforismi, la mancata partecipazione alla Fattoria a causa di una gravidanza, il ruolo in qualità di giurata a La Pupa e il Secchione nonché naturalmente lo scandalo di Vallettopoli. Nel suo futuro una probabile partecipazione alla soap opera Vivere. Oggi ha 30 anni.

ANNALISA MANDOLINI

Annalisa Mandolini @ Davide Maggio .it

Ogni buon teledipendente associa il suo viso alle telepromozioni legate ai programmi di Maria De Filippi e a qualche comparsata in fiction Mediaset e Rai. In realtà ha iniziato la sua carriera con “Non è la Rai”. In seguito si è dedicata alla conduzione di eventi come “Il concerto dell’Epifania” e di programmi per bambini come “La banda dello zecchino”. Oggi ha 32 anni.

LUCIA OCONE

Lucia Ocone @ Davide Maggio .it

In pochi sanno che ha fatto il Suo esordio nel programma di Boncompagni. In seguito ha partecipato a Macao, altra creatura dell’istrionico regista. A renderla nota al grande pubblico, però, ci ha pensato Mai Dire Grande Fratello e Figli. Oggi lavora al fianco di Simona Ventura a “Quelli che il calcio e” e ha 32 anni.

Per il momento è tutto!

  • AGGIORNAMENTO del 29 DICEMBRE 2006 ore 23.09

La maggior parte dei Nonelaraiofili ricorda come momento cult il tormentone Please Don’t Go.

Io, invece, ricordo ciò che successe a Pamela Petrarolo durante una delle innumerevoli in cui le ragazze di dimenavamo come pazze sulle note di Please Don’t Go.

Accadde questo…


28
dicembre

I NEMICI DI MARIA, ADESSO, SONO I PROFESSORI

Amici di Maria De Filippi @ Davide Maggio .it

La regina del male della televisione italiana, per l’edizione di quest’anno di Amici, ha scelto nuove strategie impenna audience.

Se sino all’anno scorso la tecnica privilegiata da Maria Costanzo consisteva nell’aizzare ”amorevolmente” l’un l’altro gli allievi della scuola, quest’anno si cambia!

Affinchè sulle labbra di Maria affiori il sarcastico ghigno di compiacimento è necessario che a darsi battaglia siano i … professori.

Nella nuova edizione di Amici, l’unanimità della commissione nel valutare gli allievi è cosa proibita e, naturalmente, è necessario che ogni professore difenda con i denti e con le unghie le valutazioni date.

L’ultima puntata di questa nuova saga della De Filippi è andata in onda lo scorso sabato.

Oggetto delle accese discussioni : l’accesso di AGATA al serale!

E’ opportuno premettere che AGATA è l’allieva meno “succube del sistema”. In parole povere non ha peli sulla lingua e non è disposta ad accettare passivamente delle decisioni che riguardano la sua persona qualora non le ritenga giuste. Personaggio, dunque, del quale la DeFilippi non può fare a meno per i “giochietti” ai quali siamo abituati.

Se da una parte, dunque, la discussioni all’interno della commissione erano d’obbligo, dall’altra la De Filippi doveva far si che le divergenze sfociassero in un’unanimità necessaria per il predetto “passaggio”.

Ma così non è stato! E’ accaduto l’impensabile.

Nonostante i numerosi tentativi della conduttrice di “modellare” le opininioni contrarie all’accesso di Agata al serale, nostra “monopolizzatrice della scatola magica” non è riuscita ad “imporre” l’unanimità necessaria.

Maura Paparo e Alessandra Celentano hanno rotto… le uova nel paniere alla stratega del sabato pomeriggio e non sono state disposte a tornare sulle decisioni prese!

Alias : AGATA nonostante l’esame di sbarramento superato e l’esser prima in classifica, passerà al serale solo se rimarrà al di sopra della “linea di sbarramento” della classifica del televoto. 

Certo, dispiace per l’allieva, personaggio interessante e singolare, ma quanto meno nei confronti della DeFilippi, …

(un po’ di) Giustizia è fatta!

Alla prossima puntata della saga!





28
dicembre

PERICOLO USTIONE : TELESPETTATORI SCOTT(I)ATI

Gerry Scotti @ Davide Maggio .it

Sembrava che con la “disfatta” di Passaparola, la stagione televisiva in corso avrebbe visto una netta diminuzione della presenza in video di Gerry Scotti che, stando a quanto dichiarato alcuni mesi or sono, avrebbe voluto dedicarsi, seppur con rigore, a pochi programmi tv (uno su tutti, Paperissima) e rispolverare una vecchia passione, la radio, portando lo storico quiz di Canale5 su Radio101.

Ed in effetti, in un primo momento, così è stato! 

Le vicende del preserale di Canale5 hanno, però, reso opportuno un dietrofront e i vertici di Canale 5 hanno pensato bene di riportare in tutta fretta al posto di un fallimentare Fattore C già supplente di un clamoroso flop (Formula Segreta), il collaudatissimo (a tratti, forse troppo) Chi Vuol Essere Milionario*.

Da questo momento, però, non ci si è più fermati.

La cattiva programmazione dell’ammiraglia di Mediaset ha trasformato l’erede di Mike Bongiorno in un Asso PigliaTutto.

L’entusiasmo manifestato dai telespettatori che hanno risposto positivamente al ritorno della versione italiana del quiz di Celador ha determinato nell’azienda di Cologno Monzese il concretizzarsi di una scelta, a mio avviso, sbagliatissima : una sovraesposizione in video del noto presentatore che altra reazione non è destinata a suscitare se non quella esattamente opposta all’iniziale entusiasmo del quale abbiamo parlato.

E così, accanto a Chi Vuol Essere Milionario, è arrivata la conduzione accanto ad Ezio Greggio di Striscia la Notizia. Situazione che ha fatto si che Scotti sia presente in video (con la sola interruzione del TG5) dalle 18 alle 21.10.

Com’era naturale che fosse, i primi segni di insofferenza non si sono fatti attendere troppo e si sono accentuati dopo la messa in onda del film natalizio “Il mio Amico Babbo Natale 2″, venerdi 22, cui ha fatto seguito, probabilmente per la scelta cui s’è pocanzi accennato, la replica del film dello scorso anno il lunedi seguente. Protagonista, inutile dirlo, Gerry Scotti.

Il colpo di grazia è, però, arrivato oggi.

1 vs 100 @ Davide Maggio .itApprendo grazie alla segnalazione di un fedele lettore, Mauro, che sul Corriere della Sera si parlava, oggi, di un nuovo quiz show che dovrebbe prendere il posto di Maurizio Costanzo e del Suo Conversando, la domenica pomeriggio. Il presentatore? Gerry – prezzemolo – Scotti. Proprio su questo blog, in effetti, avevamo accennato, alcuni mesi fa, che anche per il “re del preserale” erano in atto delle puntate zero per la sperimentazione di nuovi quiz show. Ora ne capiamo il perchè! Che il quiz domenicale sia proprio 1 CONTRO 100?

Se a tutto questo c’aggiungiamo che, recentemente, il caro Gerry ha affermato di volersi anche adoperare per il rilancio di una fascia oraria, il mezzogiorno, che ormai e’ appannaggio esclusivo della Rai e che soltanto lo stesso conduttore aveva osato, anni addietro con Ore12, sfidare.

Per quanto Gerry Scotti sia conduttore elegante e mai volgare oltre che portatore sano di una televisione gradevole e rispettosa del pubblico, probabilmente un’eccessivo presenzialismo risulta stucchevole.

Troppo facile far leva sui “soliti noti” per risolvere situazioni poco esaltanti.

Certo… sempre meglio “abusare” di Gerry Scotti piuttosto che infarcire i programmi di telerisse innalza share ma a tutto c’è un limite.

*Per completezza di informazione, il ritorno del quiz del presentatore pavese era già programmato per gennaio 2007 (avrebbe dovuto intervallare, come consuetudine la programmazione autunnale da quella primaverile) ma per ragioni ormai note ai più Gerry Scotti è arrivato in soccorso di un disatroso preserale.


28
dicembre

BASTA CON I “CAPODANNI” REGISTRATI

Capodanno Canale5 @ Davide Maggio .it

Ogni anno arriva puntuale la notizia della registrazione del capodanno di Canale5, numerosi giorni prima dell’evento che, con quel programma, si vorrebbe festeggiare.

E’ stato registrato al Palavela di Torino il veglione di capodanno a base di musica e pattinaggio che il 31 dicembre andra’ in onda su Canale 5. Presentato da Roberta Capua, in scaletta uno dopo l’ altro i campioni delle ultime Olimpiadi invernali. Dai russi Evgeny Pluschenko, straordinario sulle note di ‘Caruso’ cantate da Andrea Bocelli, ai neo campioni a cinque cerchi Tatiana Totmianina e Maxim Marinin, dalla coppia delle meraviglie Barbara Fusar Poli-Maurizio Margaglio fino a Carolina Kostner.

[Via Ansa]

Non riuscite a immaginare quanto mi dia fastidio l’idea di sapere che ci possano essere, proprio la notte di San Silvestro, dei telespettatori ignari di guardare un programma registrato parecchi giorni prima e che debbano, dunque, fare il rituale countdown con personaggi che potrebbero ben trovarsi in qualunque parte del globo fuorchè al Palavela di Torino, location scelta da Canale5 per lo show di San Silvestro.

Capisco che il rinchiudersi in uno studio televisivo piuttosto che prender parte ad un sontuoso veglione o ad un ricco cenone non sia così entusiasmante ma non è mica un obbligo (quanto meno per la tv commerciale) quello di dover fare compagnia a chi aspetta il primo dell’anno.

Soprattutto quando lo si fa al momento sbagliato!





26
dicembre

TORNA IL MAURIZIO COSTANZO SHOW

Tra un panettone e l’altro, oggi è arrivata con lo stesso effetto di un tappo che “lascia” una bottiglia di spumante, questa dichiarazione del Direttore di Canale5, Massimo Donelli :

“E’ per me un autentico piacere annunciare il ritorno su Canale 5 di un grande classico della tv italiana:

il Maurizio Costanzo Show.

Dall’11 gennaio e fino a maggio, ogni giovedì in seconda serata, Maurizio Costanzo si presenterà all’appuntamento con il suo pubblico a grande richiesta.
E sì, perchè sia lui personalmente che noi come rete siamo stati sommersi di e-mail e lettere da parte di telespettatori desiderosi di rivedere il capostipite dei talk-show italiani. A questo proposito, Maurizio sta lavorando con grande cura sui dettagli più piccoli per ricreare esattamente lo stile e il sapore che hanno fatto del Teatro Parioli un luogo mitico della tv nazionale. E sta lavorando con l’entusiasmo di un ragazzino, come sempre gli accade quando apre una nuova pagina del suo personalissimo romanzo televisivo”.

Maurizio Costanzo Show @ Davide Maggio .itOra, sarò controcorrente ma sono felice del ritorno del talk show più famoso d’Italia.

Sono dell’avviso che il pubblico abbia inflitto a Maurizio Costanzo la giusta punizione per le riprovevoli scelte che hanno caratterizzato la televisione “costanziana” degli ultimi anni e che hanno avuto il potere di decretare la chiusura di uno dei programmi cult della nostra tv. Delle sonore “sberle mediatiche” che hanno bocciato qualsiasi tentativo di rimpiazzamento del salotto più importante e prestigioso della tv nostrana sintomo, probabilmente, di una sfiducia generale nei confronti di qualsiasi “nuovo input televisivo” dell’anchorman italiano per eccellenza che negli ultimi tempi è stato tutto dedito ad infarcire, forse troppo, i propri programmi del trash più smodato.

Tutte le MattineBuon Pomeriggio (per non parlare del Maurizio Costanzo Show per il Digitale Terrestre per il quale non si è sprecata nemmeno una parola – alias : indifferenza totale) sono la testimonianza di quanto s’è detto sinora.

Da genio televisivo qual è, però, il CiccioBaffo nazionale non poteva non prendere atto del “calo del desiderio” della sua “schiera” di fedelissimi e tornare sui Suoi passi.

Non credo sia stato un caso che con Conversando (e il contemporaneo abbandono delle redini di Cattiva Domenica) ci si è trovati di fronte ad un’inversione di tendenza, una sorta di “ritorno alle origini” del caro Vecchio Costanzo. Quel Costanzo, per intenderci, che faceva del giornalismo d’inchiesta, della tv verità, delle battaglie sociali il punto forte dei propri spazi televisi. Quegli spazi televisi che tenevano incollati al video milioni di telespettatori sino ad orari improponibili, incuranti delle giornate lavorative che sarebbero iniziate di lì a poco.

Il trash, daltronde, lascia il tempo che trova. E’ innegabile che il trash rappresenti una sorta di Grande Fratello per chi fa televisione. E se è vero che come il padre dei reality regala successo in tempi da record così il trash regala ascolti ragguardevoli (senza doversi ingegnare più di tanto), è altrettanto innegabile che questi ascolti son destinati a fare la stessa fine dei neo-vip da reality che abbandonano lo schermo con la stessa velocità con cui sono riusciti a monopolizzarlo.

Che ben vengano, dunque, redenzioni di questo tipo che, seppur in ritardo, tengono conto del malcontento generale dei telespettatori in nome di una televisione di qualità (si spera) che non debba necessariamente servirsi del trash per regalare, al proprio pubblico, appuntamenti da non perdere!

Mi auguro che con questa nuova edizione del Maurizio Costanzo Show l’ “opera di redenzione” si porti a compimento e si possa tornare a sedersi in poltrona con la voglia di non alzarsi più.

  • CURIOSITA’

Il Senso della Vita di Bonolis che dovrebbe raddoppiare da gennaio con due puntate in seconda serata s’è visto spodestato dal Maurizio Costanzo Show quanto meno nella puntata del giovedi. Sono dunque annunciate modifiche di palinsesto che coinvolgeranno Matrix e Il Senso della Vita. 

La scelta del giovedi è parecchio strategica. A scanso di… flop (cosa che non sarebbe ammissibile per un MCS) si è scelto il giovedi sera forti della prima serata che sarata che sarà occupata dal Grande Fratello.

[Dichiarazioni di Massimo Donelli via SalaStampa Mediaset]

[Segnalato su Libero.it]


23
dicembre

IT’S CHRISTMAS TIME : BUON NATALE A TUTTI I LETTORI DI DAVIDEMAGGIO.IT

Albero Rio De Janeiro @ Davide Maggio .it

Forse non ci crederete ma uno come me che “sforna” quotidianamente parole su parole s’è trovato in difficoltà a trovare quelle giuste per ringraziare TUTTI i lettori che in soli 10 mesi hanno fatto di questo blog un punto di riferimento per chi, in rete, è alla ricerca di curiosità televisive. Ho cercato di condensare le mie emozioni, tante, in un piccolo video che ho realizzato per augurarVi un Natale Sereno e un DUEMILA7 col botto!!!

[Al termine c'è anche una sorta di anticipazione che tra qualche settimana potrete... toccare con mano]

Buona Visione


22
dicembre

TELERACCOMANDAZIONI?

Sarina Ferilli @ Davide Maggio .it

Leggo su DagoSpia :

Sarà perché l’ha difeso personalmente, sarà perché alla fine il panettone piace a tutti, fatto sta che il suo Natale a New York è già un record ai botteghini. Incassando 3 milioni di euro lo scorso weekend ha surclassato gli altri due film di natale Olè e Commedia Sexy. “La Presidentessa”, poi, richiama 1000 persone a sera e incassi medi da 50 mila euro al teatro Brancaccio di Roma e chissà Mediaset quale successo si aspetta dal film il Nijno che Sabrina ha appena finito di girare al fianco di Bisio. Ferilli mani d’oro? Se ne deve essere accorta anche Mediaset che si è assicurata la bellezza nazionale più popolare che mai con un contrattone da star come protagonista della nuova fiction “Anna e i sette” dove carambola tra sei bambini e un vedovo. E’ Natale, e vorremmo tutti essere più buoni ma proprio non riusciamo a darci una risposta…come mai Saccà, l’inventore dei film polpettone, s’è fatto dire di no? I maligni dicono che ce l’abbia con lei (malgrado la manifesta simpatia di Cappon e Del Noce) e chissà se pesano di più le antipatie personali o qualche motivo lontano

Mi chiedo come mai ci si stupisca del “contrattone da star” alla Ferilli in quel di Mediaset.

Noi ne avevamo già parlato –> qui della sbocciata “passione” tra l’attrice romana e la moglie del “boss” della TV nostrana, Maria De Filippi.

E questa “passione” inizia, evidentemente, a dare i Suoi frutti.

A chi è disattento, ricordo che, a Mediaset, la fiction è “amministrata”, guarda caso, proprio da Maurizio Costanzo!

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,


Davide Maggio consiglia...

A – MARE è l’album di debutto di Luca Vismara – Ascolta

Mentre si gode gli ultimi giorni di permanenza sull’Isola dei Famosi, qui in Italia per Luca Vismara è tempo di una grande novità. E’ uscito ieri A-MARE, il

Palinsesti Rai 1, primavera 2019: in arrivo La Corrida e le nuove fiction L’Aquila – Grandi Speranze e Mentre Ero Via

Superato il mese di “assestamento” e l’impegno per il Festival di Sanremo, la direttrice Teresa De Santis ha messo a punto i palinsesti primaverili di Rai 1. Tra

Palinsesti Canale 5, primavera 2019: staffetta Isola-Grande Fratello al lunedì, arriva Sabrina Ferilli con L’Amore Strappato

Dopo un inizio d’anno deludente, i dirigenti Mediaset e il direttore Giancarlo Scheri hanno così “sistemato” i palinsesti primaverili di Canale 5. Ecco – salvo variazioni – cosa

10 espedienti per «massaggiare» gli ascolti TV

Sulla generalista vincono sempre tutti, non c’è mai nessuno che perda. Sulle tematiche è un record dopo l’altro, è sempre il miglior risultato di sempre. L’avvento dei nuovi