29
giugno

BEPPE…UNA DOMANDA!

Cercherò di essere breve e conciso!

Trovo il blog di Beppe Grillo a dir poco nauseabondo!

Vi spiegherò il perchè…

Tra le tante cose che mi stanno sulle balle, nella vita, ci sono due categorie di persone:

  • I vertici della sinistra italiana (attenzione, parlo solo di vertici). Uomini, a mio parere, col cuore a sinistra e il portafogli a destra

  • Quei comunisti che, in barba alle proprie ideologie, s’arrogano il diritto di imporre le proprie idee e propinarle come giuste e perfette con atteggiamenti che sono molto più vicini all’estremismo di destra che a quello di sinistra.

Detto questo… credo di poter far rientrare, sempre e soltanto secondo il mio punto di vista, Beppe Grillo nella prima categoria.

Eh si… a mio avviso il comico più famoso d’Italia (per alcuni) si macchia di una grave colpa.

Lasciando da parte il fatto che non si può vivere di sole critiche a Berlusconi & Co (perché, alla fine, diventi ripetitivo e rompi le balle), credo che Beppe abbia lo stesso atteggiamento dei vertici della sinistra italiana : voler “impartire”, a tutti i costi, determinate ideologie, cercando proseliti e autoproclamandosi paladino della giustizia predicando il bene comune, ma razzolando, quanto meno mediaticamente, in maniera assolutamente non compatibile con le ideologie professate.

Ditemi quello che volete, ma chi si fa portavoce di idee che mirano ad una sorta di perequazione sociale dovrebbe, perlomeno, mettere in pratica ciò a cui aspira e non fare la vita da nababbo, alla faccia (e sulla pelle?!?) di chi, in quelle ideologie, ci crede davvero.

Un atteggiamento che io definisco di “massificazione” alla cui base, però, c’è la ferma consapevolezza di una superiorità (e, soprattutto, di una distanza – teorica e pratica) nei confronti di chi condivide quelle idee.

Un atteggiamento che, a mio parere, ha come unico fine il raggiungimento di una leadership e, con essa, tutti gli interessi (anche economici) collegati.

Passiamo ai fatti… cosi’ mi spiego meglio!

Mi stupisce che, sull’home page del blog di Grillo, i primi banner in cui ci si imbatte siano dedicati alla vendita di CD e DVD del “titolare”.

Fin qui, per quanto la cosa cozzi con ciò di cui si discute nel blog, nulla questio.

Pur non trovando, io , corretto incassare denaro dai quei lettori, “povere vittime di 5 anni di governo di destra che li ha lasciati senza un euro”, in un blog che si pone come fine precipuo ”un mondo migliore”… beh, si tratta di una questione di scelte.

Ma trovo, però, la motivazione della vendita davvero discutibile.

Eccola…

“Noi andremo avanti, grazie al vostro contributo.Questo Dvd è una piccola cosa che ho messo in vendita non per fare i soldi…
Lo potete anche trovare in Internet, lo potete scaricare gratuitamente e non sarò io a dirvi qualche cosa.

E’ una forma di finanziamento che fate nei miei confronti per poter andare avanti insieme a voi e provare a fare della democrazia diretta… Speriamo di riuscirci.Grazie col cuore a tutti”.

Dal messaggio di Beppe Grillo di presentazione del DVD.

A prescindere dall’opportunità, o meno, di “giustificare” la vendita (che mi sembra come voler dire : “so di essere nel torto però i soldi so soldi! Adesso parliamo di democrazia diretta, così, il parolone “giustifica tutto”, giustificherà anche il mio commercio on line”) ed evitando di parlare di scelte commerciali discutibili (sulle quali si potrebbe aprire un ampio dibattito), ciò che mi fa salire il sangue al cervello è l’utilizzo di questo italiano “volgare” (dove per volgare intendo “del vulgus”, cioè del popolo) stile piccola fiammiferaia che ha bisogno di vendere i fiammiferi altrimenti non può portare la pagnotta a casa e muore di fame tra le sue scatolette piene di zolfo.

Peccato, pero’, che Beppe Grillo, della piccola fiammiferaia, non ha nemmeno una scatola di cerini!!!

Ma, secondo Voi (e mi rivolgo ai malcapitati lettori naufragati, per caso, sul mio umile blog), Beppe Grillo ha davvero bisogno dei Vostri contributi?!?

Sapete che il Suo Tour 2005, beppegrillo.it, ha registrato, in 70 serate, come ha dichiarato lo stesso comico, oltre 300.000 spettatori e ogni spettatore ha pagato, all’incirca, 30 euro per assistere allo spettacolo?!?
Questo vuol dire, facendo un semplice calcolo (300.000 x 30) 9 MILIONI di EURO, 18 MILIARDI DEL VECCHIO CONIO, di incassi!!!

Da questo dato, per concludere, mi rivolgo direttamente a Beppe per porgergli una domanda : “possiamo sapere anche noi le motivazioni alla base di questa scelta, legittima, ma, quanto meno, discutibile in relazione a ciò che professi sul Tuo Blog?”

Io, nel frattempo, Ti regalo questo piccolo banner (posso farlo, vero?!? siamo in democrazia!) prontissimo, però, a toglierlo nel momento in cui vorrai palesarci le Tue ragioni.

Sai…anche Noi che stiamo da un’altra parte, a volte, avremmo voglia di poter chiedere spiegazioni e delucidazioni su qualcosa che ci sembra… “un po’ strano” !!!

Beppe Grillo Basta @ Davide Maggio .it

[Questo post è stato scritto esercitando un diritto del quale sono legittimamente titolare in base all'art.21 della Costituzione. Le informazioni relative al Tour sono prese direttamente da beppegrillo.it; i prezzi delle date si riferiscono al prezzo medio (diritti di prevendita esclusi) dello spettacolo di Avellino al Teatro Gesualdo; il banner è stato realizzato da Cavalla Golosa (che mi ha pazientemente aiutato nella revisione del post); ha fatto da sottofondo, durante la stesura, Mas Que Nada di Sergio Mendes]

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes




28
giugno

LETTORE…DICO A TE!!!

Locandina Si si… parlo con Te che stai leggendo!

Ho una domanda…

Posso chiederTi perchè mi visiti quotidianamente e non Ti va di esprimere la Tua opinione su ciò che scrivo?

Sai…dal 19 febbraio ad oggi, questo blog è stato visitato dalla bellezza di circa 37.000 persone diverse. Ma sai quanti hanno commentato?!? Mooolto pochi rispetto al numero di visite ricevuto…

Cosi’ non va!!! Questo silenzio mi sta assordando!

Non mi dire che non commenti perchè Ti vergogni, hai timore di dire qualcosa di non appropriato o, ancora peggio, perchè hai il braccio ingessato!!! 

Qui è “casa mia” e sei il benvenuto qualunque cosa Tu voglia dire (con rispetto ed educazione, ovviamente!).

Pensa che su questo blog non c’e’ bisogno nemmeno di registrarsi. Ti basta cliccare su “-n- commenti” alla fine di ogni post e scrivere ciò che hai da dire. 

E poi, diciamocelo pure, i blog sono fatti per questo… perchè l’autore e i lettori stessi possano confrontarsi su ciò che è stato scritto.

Ancora dubbi?!? Non Ti ho spronato?!? Ok dai… se commenti (lasciando il Tuo indirizzo email) Ti invio una foto porno di Milly D’abbraccio o Selen (per le donne puo’ andar bene una mia foto nudo?!? No, eh)!

Scherzi a parte… facciamo una prova. Se leggi questo post, commenta semplicemente con una frase del tipo –> FRANCESCA C’è o MICHELE E’ STATO QUI …

Davide Maggio @ Davide Maggio .itVediamo che ne esce fuori…

E che sia la volta buona!!!

Un abbraccio a Tutti

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,


27
giugno

CHE STILE DA… MIGNOTTA!

Logo DASPU @ Davide Maggio .itLa prima settimana di Giugno, chi si fosse trovato in Brasile non avrebbe potuto far a meno di fare un salto a Fashion Rio, la settimana della moda di San Paolo!

C’era una grossa novità : il pienone di mignotte!!!

Eh si… contemporaneamente alle sfilate ufficiali, dieci audaci prostitute indossavano le proprie creazioni al Circo Voador.

Riunite, infatti, in un’Organizzazione Non Governativa (DAVIDA) che lotta per i diritti civili di 4500 “operatrici del sesso”, hanno pensato bene di dar vita ad una propria casa di moda, la DASPU, per autofinanziare i propri progetti.

Il nome della loro trasgressiva ”maison” è, a dire il vero, abbastanza imbarazzante e provocatorio. 

E’, infatti, una forma contratta di DAS PUTAS…insomma, ROBA DA PUTTANE!

Immagino già tante ragazzine che, tornando a casa, dicono ai propri genitori : “Mamma, papà, guardate… ho comprato una maglietta da mignotta!”

Non solo…

DASPU si pone anche l’ambizioso obiettivo di ironizzare con DASLU, un esclusivo centro commerciale di San Paulo, consacrato come autentico tempio del lusso, dove i milionari brasiliani possono comprare qualunque prodotto delle marche più prestigiose, incluse auto e yatchs.

Guardando il sito ufficiale della “casa di moda” (tra poco, probabilmente, capirete il perchè delle “virgolette”!), oltre ad essere storditi da un sottofondo musicale inopportuno, si nota che la produzione principale verte su T-shirts. Girovagando qua e la in rete, però, sono riuscito a trovare alcune “favolose” creazioni indossate da top model di prim’ordine…

Non posso privare anche Voi di questa visione celestiale…

Models DASPU @ Davide Maggio .it

[Segnalato su Libero.it, Davide ringrazia]

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,





26
giugno

PICCOLI MOMENTI DI GODURIA…

Ho letto poco fa un post di Beppe Grillo (su un blog che non e’ quello di Beppe Grillo) che è riuscito, strano ma vero, a farmi digitare, dopo una ventilazione adeguata – al pari di quella che si appresterebbe a fare un sub in procinto di battere il record del mondo – , www.beppegrillo.it

Ebbene… finalmente anche i sostenitori più ferventi della sinistra italiana (di cui Grillo è un esempio lampante) si apprestano a fare un passo indietro riconoscendo la “pochezza” di Romano e dei Suoi “acchiappapoltrone”.

Vi riporto con immensa gioia questo post tratto dal blog di Beppe Grillo :

“Parole nuove. Non sentite il bisogno di parole nuove? Non siete stanchi di Ponte sullo Stretto, di Tav, di Mastella, di D’Alema, dell’Alitalia che fallisce tra sei mesi ogni sei mesi, dell’uso politico del referendum, delle grandi opere, dell’Anas, dei cantieri fermi, di Tronchetti, di Benetton, delle intercettazioni, delle leggi per proibire le intercettazioni, del deficit pubblico, del conflitto di interessi, della riforma radiotelevisiva, delle Authority senza uno straccio di autorità, dei nomi dei politici che a cinquant’anni sono giovani e a settanta sono in piena carriera, di Scaroni, dei monopoli privatizzati con la benedizione dei poteri forti e del salotto marcio.
Parole, le stesse parole. Le stesse facce. Gli stessi giornalisti con le stesse interviste. Un incubo quotidiano.
Questo governo aveva la possibilità di usare parole nuove, di rianimare il Paese. Di lanciare un urlo. Le parole vivono di vita propria, creano speranza, diventano realtà. Muovono le persone.
Nuove parole, prodifassinodalemarutellibertinottipecorarodipietrodiliberto prendete in mano un vocabolario della lingua italiana. Cercate le parole, quelle che non usate mai e gridatele. Per una volta un atto di coraggio. C’è bisogno di aria pura, non di inseguire l’elefante. Alcuni mi dicono che quando lo incontrate in Parlamento ve la fate sotto. Maledetti, non è per questo che siete stati votati. Non per diventare escrementi elefantizi conto terzi. Altrimenti come si spiegherebbe la nomina di Mastella, noto giurista e grande innovatore. Le Procure non hanno la carta e i fax e lui, conto terzi, si indigna per le telefonate di quattro delinquenti e non spende una parola per i 25 ragazzi incarcerati senza processo da tre mesi a San Vittore. Parole nuove. Anche in questo referendum, per farsi votare, si va al rilancio, a chi taglia più deputati. Ma ci prendete per fessi? Altro che qualche centinaio di deputati bisogna tagliare. Abbiamo settecentomila impiegati dello Stato in eccesso e intere Regioni italiane che vivono di sussistenza grazie alle mafie che governano al posto dello Stato, con lo Stato, e impediscono ogni sviluppo. Stiamo parlando di decine di milioni di persone assistite. Parole nuove Prodi, parole nuove. Il Paese, quello che vedo nelle piazze piene con gli asssessorini comunaliprovincialiregionali chiusi negli uffici a spiare dietro le persiane, questo Paese ha bisogno di coraggio, di felicità, di sfide, di innovazione, di interventi immediati, duri, senza sconti contro i monopoli dei media, delle telecomunicazioni (Gentiloni sei ancora lì o ti sei già dimesso?), delle autostradeautogrill, dell’elettricità. Del rilancio delle università e della Ricerca. Di gesti importanti e simbolici come la nomina a consulenti del Governo di persone di fama internazionale, le poche che abbiamo, i Rubbia, i Piano.
Senza parole nuove questo Governo non durerà. Abbiamo scelto il meno peggio, non la fotocopia.”

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes


25
giugno

CHE FINE HA FATTO JESSE METCALFE?!?

di Zeck

Desperate HouseWifes Italia per davidemaggio.it


Jesse Metcalfe @ Davide Maggio .itNumerosi telespettatori di Desperate Housewives ci hanno chiesto che fine abbia fatto Jesse Metcalfe (nella foto)… e noi rispondiamo!!! 

Ebbene, Jesse Metcalfe non è più nel cast di Desperate Housewives e non ci ritornerà, almeno per il momento!

Sta, infatti, girando un film, “John Tucker Must Die”, con Sophia Bust, Ashanti e Brittany Snow : si tratta di una commedia romantica, diretta da Betty Thomas e scritta da Jeff Lowell.

La trama narra la storia di tre ex fidanzate del “casanova” della città (Metcalfe, per l’appunto) che organizzano un piano per farlo innamorare della nuova arrivata in città affinchè costei possa, poi, lasciarlo e spezzargli il cuore. Tutto questo per vendetta, essendo state, le tre protagoniste, scaricate dopo essere rimaste vittime del fascino del playboy!

Storia un po’ scontata che lascia già presagire quale sarà il finale!!!

Dimenticavamo una cosa. Chi volesse rivederlo, può farlo guardando il finale della seconda stagione (su DH Italia). Non preoccupatevi! Nessuno spoilers ma solo immagini di flashback.

In attesa di rivederlo sugli schermi… due immagini del nuovo film!

John Tucker Must Die - image @ Davide Maggio .it   John Tucker Must Die - images @ Davide Maggio .it

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes





24
giugno

CALAFRICA?!?

Calabria ( Davide Maggio @ davidemaggio.it )I CALABRESI E IL TRENO

Che i calabresi abbiano abitudini a volte un po’ strambe… è un dato di fatto!

Che i calabresi occupino tutti e 6 i posti dello scompartimento di un treno pur essendo in 3, per allestire un picnic piCCCCCante a bordo… è un dato di fatto!

Che i calabresi abbiano l’abitudine di togliersi le scarpe e “inebriare” il malcapitato che ha preteso di occupare uno dei 3 posti rimasti liberi nel treno di cui sopra… è un dato di fatto!

Che i calabresi usino ancora vecchi cartoni come valigie e le dotino di favolosi manici fatti di scotch…è un dato di fatto!

Che i calabresi preferiscano portar con sè un termos di caffè (e offrire la prelibata bevanda a tutto il treno) pur di NON andare nella carrozza ristorante… è un dato di fatto!

Che i calabresi parlino sul treno sempre a voce alta stile comizio… è un dato di fatto!

Che i calabresi preferiscano gli espressi e i treni notte a InterCity ed Eurostar…è un dato di fatto!

Che le calabresi passino gran parte del viaggio al telefono per tenersi costantemente in contatto con i propri cari onde scongiurare strupri di gruppo… è un dato di fatto!

Che il treno Crotone-Milano abbia le sembianze di un carro bestiame… è un dato di fatto!

Ma che una calabrese sull’ EUROSTAR ITALIA TRENOK ROMA-BARI risponda alla mia domanda “Ma tu di dove sei?” –> “CALAFRICA”… mi ha lasciato senza parole!

[Questo post è dedicato a tutti i miei amici calabresi. Tanto per citarne qualcuno : Anna, Fioretta, Francesco detto "Ciccio", Sebastian, Bruno, Giovanni etc etc... Che i calabresi siano gente buona, genuina e simpatica... anche questo è un dato di fatto!!!]

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,


23
giugno

TORNA A BAUDO IL FESTIVAL DI SANREMO!

Verrà annunciato a Cannes, durante la presentazione ai pubblicitari del palinsesto della prossima stagione, che…

PIPPO BAUDO TORNA ALLA CONDUZIONE DEL FESTIVAL DI SANREMO accompagnato da Michelle Hunziker!

Ed io ci aggiungerei… ERA ORA!

Finalmente, dunque, dopo una marea di errori madornali dei vertici della RAI, il Festival di Sanremo torna ad essere IL Festival.

E che non v’azzardiate a commentare negativamente il ritorno di Baudo.

Pippo è il Festival! 

Non ricordate, forse, i tempi in cui intere famiglie si riunivano per seguire la kermesse canora che otteneva risultati, in termini di telespettatori, tali da far concorrenza ad una finale dei mondiali di calcio Italia – Brasile!?! O forse dimenticate i prestigiosissimi ospiti internazionali che calcavano il palco dell’Ariston, insieme ai cantanti italiani in gara, impreziosendo il Festival ancora di più!?! (Pensate a Madonna! Rimarranno un cult le Sue esibizioni! Altro che John Travolta a massaggiare i piedi della Cabello!!!)

Tutt’al più avrei  scelto diversamente la “compagna baudiana”!

Ditemi quello che volete ma, io, le due presenze femminili, una bionda e una bruna, le ho sempre ritenute una formula vincente.

E Vi dirò di più…delle due, una DEVE essere straniera. E non per esterofilia ma perchè credo che un tocco di internazionalità, anche nella conduzione, non guasti.

Vedrei sul palco dell’Ariston Monica Bellucci.

Sarebbe una bella occasione per dimostrare che non ha completamente dimenticato l’italiano e “dedicare” la Sua bellezza e la Sua eleganza alla conduzione. Come attrice, infatti, tutta questa bravura io non l’ho mai vista. Ma questo, in Francia, pare non l’abbiano capito!

E la bionda?!?

Non so perchè ma m’è venuta subito in mente Jenny McCarthy, statunitense, attrice, modella e playmate simpatica e spiritosa. Le basterebbe interpretare ciò che ha già fatto nel 1995 in “Singled Out”, un programma di MTV dove, per l’appunto, appariva volontariamente come la bionda bella e stupida.

E voi!?! Chi mettereste ad affiancare Baudo se aveste la possibilità di poter scegliere il cast?!?

Ah…un giorno, il Festival, lo condurrò io! E questa è una promessa!!!


22
giugno

DEFERITI 2 /ALLA FACCIA DELLA PRIVACY

Luciano Moggi

Antonio GiraudoAdriano GallianiLeonardo MeaniAndrea Della ValleDiego Della Valle

Sandro MencucciClaudio LotitoCosimo Maria FerriFranco CarraroInnocenzo Mazzini

Tullio LanesePaolo BergamoPierluigi PairettoGennaro MazzeiPietro Ingargiola

Paolo BertiniMassimo De SantisPaolo DondariniFabrizio BabiniDomenico Messina

Gianluca PaparestaGianluca RocchiPasquale RodomontiPaolo TagliaventoClaudio Puglisi

Quando, intorno alle 19.30, sono stati comunicati i tanto attesi deferimenti del procuratore federale Stefano Palazzi, s’era detto che non sarebbero stati svelati, per motivi di privacy, i nomi dei 26 tesserati che s’aggiungevano ai 4 club dei quali era stato comunicato, ab origine, il nome (Fiorentina, Juve, Lazio e Milan).

La tutela della privacy è durata ben poco. In serata TUTTI i 26 nomi sono stati resi pubblici. Risultano quindi deferiti, insieme alle società calcistiche :

  1. Luciano Moggi

  2. Antonio Giraudo

  3. Adriano Galliani

  4. Leonardo Meani

  5. Andrea Della Valle

  6. Diego Della Valle

  7. Sandro Mencucci

  8. Claudio Lotito

  9. Cosimo Maria Ferri

  10. Franco Carraro

  11. Innocenzo Mazzini

  12. Tullio Lanese

  13. Paolo Bergamo

  14. Pierluigi Pairetto

  15. Gennaro Mazzei

  16. Pietro Ingargiola

  17. Paolo Bertini

  18. Massimo De Santis

  19. Paolo Dondarini

  20. Fabrizio Babini

  21. Domenico Messina

  22. Gianluca Paparesta

  23. Gianluca Rocchi

  24. Pasquale Rodomonti

  25. Paolo Tagliavento

  26. Claudio Puglisi

[Segnalato su Libero.it, Davide ringrazia]


Davide Maggio consiglia...

Il Commissario Montalbano: tre nuovi film in cantiere per il 2020

Il Commissario Montalbano si fa in tre. Festeggiati i primi vent’anni televisivi della serie e ‘incassati’ gli ottimi ascolti dei due nuovi film, Palomar ha rilanciato, mettendo in

Palinsesti Rai 1, primavera 2019: in arrivo La Corrida e le nuove fiction L’Aquila – Grandi Speranze e Mentre Ero Via

Superato il mese di “assestamento” e l’impegno per il Festival di Sanremo, la direttrice Teresa De Santis ha messo a punto i palinsesti primaverili di Rai 1. Tra

Palinsesti Canale 5, primavera 2019: staffetta Isola-Grande Fratello al lunedì, arriva Sabrina Ferilli con L’Amore Strappato

Dopo un inizio d’anno deludente, i dirigenti Mediaset e il direttore Giancarlo Scheri hanno così “sistemato” i palinsesti primaverili di Canale 5. Ecco – salvo variazioni – cosa

10 espedienti per «massaggiare» gli ascolti TV

Sulla generalista vincono sempre tutti, non c’è mai nessuno che perda. Sulle tematiche è un record dopo l’altro, è sempre il miglior risultato di sempre. L’avvento dei nuovi