12
luglio

EROS IN THE SKY: IL SATELLITE SEMPRE PIU’ BOLLENTE

Sexy Camera all’Italiana

A ciascuno piace caldo, è quello che avranno pensato a Sky. A memoria di abbonato infatti non si ricorda mai un così grande ventaglio di offerta a chiaro sfondo erotico nel palinsesto. È come se allo scoccare della stagione calda tutti i canali del bouquet di intrattenimento avessero impresso una svolta nella politica di gratificazione dello spettatore propinandogli una bella dose quotidiana di materiale altamente stimolante.

Nello specifico appare forte la tendenza alla genderizzazione dell’erotismo, anche se è fondamentalmente il target maschile a monopolizzare l’attenzione di chi riempie le caselle della programmazione. Le fantasie femminili, infatti, possono avere rappresentazione solo nel piccante patinato del canale Lei con Sex Academy e The Strip. Eloquente dello squilibrio di ‘potere del desiderio’ è la connotazione di Lady Channel in cui si susseguono solo polpettoni melodrammatici, con una conseguente, anacronistica e stereotipata, equazione tra donna e massaia, a cui pone rimedio, solo parzialmente però, la più contemporanea visione della sessualità rosa portata avanti da Fox Life con Sex And the City (programmato a blocchi di quattro episodi per notte).

Gli uomini, invece, hanno benzina per sfrecciare con pieno tripudio tra le mille curve femminili, osservabili da ogni angolazione. Con un taglio più documentaristico scende in campo Current che in questo recente e parziale ammiccamento al disimpegno cerca comunque di mantenere il profilo sociologico d’inchiesta con speciali quali Red o Donne di piacere; ma anche Jimmy e Axn mettono tanta ‘carne al fuoco’ partendo sempre da reportage sul porno o dibattiti sul sesso: vedere per tutti Gola profondissima e Porno Valley.




11
luglio

ROMA FICTION FEST, IN UN ECCESSO DI PREMIAZIONI LA FICTION ITALIANA RIMANE A BOCCA ASCIUTTA: FAVINO RIFIUTA IL PREMIO, PREMIATA SOLO “NON PENSARCI”. ALESSANDRA MASTRONARDI E GABRIEL GARKO I MIGLIORI ATTORI (PER I LETTORI DI SORRISI. E PER FORTUNA)

Roma Ficton Fest 2009 - Eric Dane e Justin Chambers

Si chiude stasera la terza edizione del Roma Fiction Fest, un’edizione segnata dal successo di pubblico (battuto ogni record di presenza con più di quarantamila spettatori) e dal trionfo, in qualità di miglior miniserie e prodotto in assoluto, di Burn up, thriller ambientalista della BBC. A tenere banco, però, a poche ore della cerimonia di chiusura, è il clamoroso gesto di Pierfrancesco Favino che, premiato nel corso della serata di ieri come migliore attore in una miniserie, per la fiction Pane e Libertà, nell’ambito del concorso Fiction italiana edita (qui tutti i vincitori), ha ringraziato ma ha rifiutato il premio, in segno di protesta per la scomparsa del Fondo Unico per lo Spettacolo. Un gesto forte, questo, ma compreso persino da Gesualdi, presidente della fondazione Lazio per lo Sviluppo dell’audiovisivo, vista la validità della motivazione addotta, e che siamo sicuri non mancherà di far discutere.

Ma Roma Fiction Fest è soprattutto sinonimo di premi e premiazioni, davvero un’infinità: più di cinquanta i riconoscimenti assegnati che, purtroppo, finiscono solo per nuocere, svilendo la manifestazione. Per quanta riguarda il Concorso Internazionale, quello più prestigioso, i cui premi saranno consegnati stasera, oltre a Burn up, a farla da padrone, con quattro premi, Buddenbrooks, coproduzione austriaca, tedesca e francese. Tre premi, invece, per Burn Up, e per il francese La Journee de la Jupe. A bocca asciutta o quasi la fiction italiana premiata solo con Non Pensarci, vincitore di un premio speciale.

Oltre ai suddetti riconoscimenti, stasera saranno assegnati i premi dei lettori di Tv Sorrisi e Canzoni che hanno scelto, udite udite, Alessandra Mastronardi e Gabriel Garko come migliori attori, I Cesaroni come miglior serie lunga, Belli Dentro e Un posto al sole, rispettivamente, come miglior sitcom e soap operas.


11
luglio

UN POSTO AL SOLE D’ESTATE: AL VIA LA QUARTA STAGIONE DA LUNEDI 13 LUGLIO SU RAITRE

Un Posto al Sole d’Estate

Orfani di Un Posto al Sole? Niente paura. Puntuale, come da quattro anni a questa parte, arriva Un Posto al Sole d’Estate, la serie estiva a recarci sollazzo e ristoro (??) in queste afose giornate d’estate. Lo spin-off della più celebre soap partenopea, la più longeva in Italia, apre i battenti da lunedì 13 luglio, ore 20.35, sempre sulla terza rete. Leggerezza, superficialità delle storie, caratterizzazioni psicologiche aleatorie e indefinite, questi i tratti di una soap di cui non si sente affatto la mancanza e i cui presupposti d’inutilità sociale e televisiva fanno capolino timidamente.

Lode e onore ai dirigenti Rai che promuovono prodotti innovativi in pieno periodo estivo, ma altrettanto plauso a quegli spettatori inermi che si ritrovano in salotto situazioni assurde, personaggi macchiettistici e caricature grottesche, che danno l’impressione di un folle circo itinerante, all’insegna di svago e risate forzate.

Se nella prima stagione il filo conduttore sulla scomparsa di Elena poteva esercitare una seppur minima attrattiva sul pubblico, con il proseguire degli anni le storie si sono snaturate, il tutto all’insegna di mare, sole e babà. Quest’anno la soap apre con una sfilza di ospiti che arrivano al villaggio Baia Mille, gestito da Dado, l’attore Salvio Simeoli; Ada sarà ancora Penny, interagendo ancora con Pietro (Luca Riemma); se però Emma ci abbandona, non preoccupatevi: arriverà una guest star d’eccezione che vi placherà gli animi, la modella Ludmilla Radchenko (ne sentivamo proprio la mancanza). Non dimentichiamo le future comparsate di Gianni Nazzaro.





11
luglio

Protetto: ASCOLTI TV DI VENERDI 10 LUGLIO 2009: CASTROCARO UMILIATO DALL’ISOLA DEI SOGNI DI CANALE5. TERAPIA D’URGENZA SUPERA SOLTANTO IL FILM DE LA7

Questo post è protetto da password. Per leggerlo inserire la password qui sotto:


Inserire la propria password per visualizzare i commenti

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,


11
luglio

DM LIVE24: 11 LUGLIO 2009

DM Live24: 11 Luglio 2009
Live Comment on davidemaggio.it

Non sai cos’è DM Live24? Leggi qui

Dal Diario di ieri…

  • Roma Fiction Fest: vincitori del Concorso Fiction Italiana Edita

Mattia Buonocore ha scritto alle 16:18

La giuria (Enrica Bonaccorti, Arnaldo Colasanti e Maurizio Gianotti) ha decretato i vincitori del Concorso Fiction Italiana Edita, riservato a fiction, documentari per la TV e docu-fiction prodotti in Italia e trasmessi dalle emittenti televisive italiane nel periodo compreso fra il 1° settembre 2008 e il 30 aprile 2009. Eccoli:

Miglior regia
Alex Infascelli e Francesco Patierno per Donne Assassine

Miglior sceneggiatura
Fabrizio Bettelli e Alberto Simone per In nome del figlio

Migliore musica
Germano Mazzocchetti per Carabinieri 7

Migliore attore per la categoria TV Movie
Massimo Ghini per Dr. Clown

Migliore attrice per la categoria TV Movie
Angela Finocchiaro per Due mamme di troppo

Migliore attore per la categoria Miniserie
Pier Francesco Favino per Pane e Libertà

Migliore attrice per la categoria Miniserie
Maya Sansa per Einstein

Migliore attore per la categoria Lunga Serie
Vinicio Marchioni per Romanzo Criminale

Migliore attrice per la categoria Lunga Serie
Sandra Ceccarelli per Donne Assassine

Migliore attore non protagonista
Primo Reggiani per Raccontami

Migliore attrice non protagonista
Sonia Bergamasco per Tutti pazzi per amore

Miglior documentario edito* (assegnato al produttore ed al broadcaster)
Steno Genio Gentiledi Maite Carpio

*=assegnato dalla Direzione artistica





10
luglio

GABRIELLA CARLUCCI A DM TV: LA MIA “BUONA DOMENICA” E’ STATA IRRIPETIBILE


10
luglio

ECCO A VOI NICOLETTA PACIARONI, LA REALE POTENTE VEGGENTE: “ME NE DISPIACCIO MA IO ESISTO!”

Nicoletta Paciaroni

Veggenti, medium, cartomanti o, più semplicemente, fattucchieri occupano un posto predominante nella nostra televisione; una tradizione molto più consolidata nelle televisioni locali dove questi personaggi trovano decisamente più spazio di quanto possano aspirare ad averne a livello nazionale, ma che restano comunque una realtà che non può passare di certo inosservata.

In alcuni casi, poi, la visibilità limitata non intacca affatto le potenzialità di uno o più personaggi e da una piccola syndication italiana alla ribalta nazionale, il passo può essere più breve di quanto si pensi. In caso contrario, ci pensiamo noi.

E’ il caso di Nicoletta Paciaroni, gentilmente segnalata da Mauro (che ringraziamo ora perchè dopo non so se avremmo il coraggio di farlo), non una semplice medium ma bensì una terapeuta spirituale o “reale potente veggente” come ama lui lei stessa definirsi. Se questo nome non dovesse dirvi nulla, godetevi a fondo questi ultimi momenti di santa pace e mite armonia; ma se, invece, la conosceste già, sappiate che noi di DavideMaggio.it vi offriamo tutto il nostro appoggio nella speranza di una quanto mai rapida guarigione.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,


10
luglio

ANTONELLA CLERICI ORA IN LIZZA PER “LA PROVA DEL CUOCO FLASH”? MA SE S’ACCONTENTASSE DEI SUCCESSI IN PRIME TIME E LA PIANTASSE DI AMMORBARCI CON INCREDIBILE COSTANZA?

Antonella Clerici e Elisa Isoardi

Antonella Clerici mi ha rotto le palle. Per la verità ha cominciato a rompermele da quando l’animatore al quale s’accompagna ha iniziato a comparire timidamente nei titoli di coda dei suoi programmi in veste d’autore. Ma quanto meno ad Eddy Martens si deve la segnalazione del format Tutti Pazzi per la Tele che, grazie a lui, sarebbe arrivato in Italia. Ma questa è un’altra storia.

Sfortuna ha voluto, però, che l’amore tra la conduttrice e l’animatore sia culminato in quella che dovrebbe essere la gioia più grande per una coppia affiatata: la nascita di un bambino. Ma, ahinoi, la maternità della Clerici anzichè essere motivo di gioia per la coppia, è stata la causa prima per ammorbare gli osservatori del piccolo schermo che hanno dovuto subire passivamente, negli ultimi mesi, un’infinita querelle tra l’epurata – causa maternità – dalla Prova del Cuoco e l’ex Direttore di Raiuno, Fabrizio del Noce. Il motivo? Stranoto! Antonella non ha digerito che Elisa Isoardi le abbia soffiato la poltrona del mezzogiorno della prima rete di Viale Mazzini.

Il problema è che non solo ne abbiamo decisamente abbastanza delle lamentele della Clerici, che sembra l’ultima delle Parietti incazzate per il mancato ritorno di Grimilde, ma ci siamo anche stancati di dover assistere a quelli che qualcuno chiama, giustamente, ”segnali di fumo”. Se avessimo dovuto dar credito a tutte le offerte che la “cuoca degli Italiani” avrebbe ricevuto negli ultimi mesi e agli innumerevoli contatti presi con la concorrenza, avremmo allo stesso tempo dovuto esser pronti ad etichettare Antonella Clerici come la star più in vista del piccolo schermo italiano. D’altro canto, non è un caso che il buon Maurizio Costanzo ci abbia costruito su uno dei suoi “gialli dell’estate” che impazzano su TV Sorrisi e Canzoni. 


Davide Maggio consiglia...

Autunno 2019: quando partono i programmi TV

La stagione televisiva 2019/2020 è pronta a partire, con le sue riconferme e le novità di cui i telespettatori hanno tanto letto e sentito parlare negli scorsi mesi

Ascolti TV: i debutti della nuova stagione 2019/2020 confrontati con quelli dell’anno precedente

La stagione tv 2019/2020 è ufficialmente partita e il tema caldo degli ascolti, da sempre crocevia per la riuscita o meno di un programma, è tornato ad animare

Celebrity Hunted – Caccia all’Uomo: ecco il cast. Ci sono anche Totti, Fedez e Claudio Santamaria

“Non cercatemi. Devo rimanere in incognito. Presto capirete perché“. E’ questo il messaggio ’sibillino’ apparso stamattina sui canali social di alcuni vip. Il mistero però è abbastanza facile

10 espedienti per «massaggiare» gli ascolti TV

Sulla generalista vincono sempre tutti, non c’è mai nessuno che perda. Sulle tematiche è un record dopo l’altro, è sempre il miglior risultato di sempre. L’avvento dei nuovi