8
marzo

Made in Sud da martedì 14 marzo su Rai2. D’Alessio sfida Isola e Un Passo dal Cielo

d'alessio e i comici di made in sud

Gigi D'Alessio e i comici di Made in Sud

Non c’è pace per Made in Sud. Slitta (ancora una volta) l’esordio della nuova stagione del programma dalla comicità tutta (o quasi) meridionale. Inizialmente previsto per lo scorso 22 febbraio e poi spostato a stasera (come annunciato in conferenza stampa), il cabaret della seconda rete Rai potrà intrattenere il suo pubblico soltanto a partire da martedì 14 marzo.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,




15
settembre

FATIMA TROTTA A TALE E QUALE SHOW 2016

Fatima Trotta

Dopo il trionfo di Francesco Cicchella nella passata edizione, il mondo di Made in Sud continua ad essere protagonista sul palco di Tale e Quale Show, dal momento che una delle conduttrici del programma comico di Rai 2 sarà tra i concorrenti dell’edizione 2016: si tratta di Fatima Trotta, trentenne napoletana nota per la verve e l’ironia che usa per giocare e farsi prendere in giro costantemente da Gigi e Ross.


3
marzo

MADE IN SUD 2015: LA COMICITA’ DI RAI 2 TORNA IN PRIMA SERATA CON UNDICI PUNTATE

Made in Sud

In diretta su Rai 2 dall’Auditorium del Centro di Produzione Tv Rai di Napoli, questa sera alle 21.05 riprende il via la comicità targata Made in Sud. La trasmissione, promossa a pieni voti dal pubblico anche nell’ultima edizione – in onda da settembre a dicembre scorsi (media di circa 2.300.000 telespettatori e quasi il 10% di share) – riconquista con merito la prima serata con undici nuove puntate.

Made in Sud 2015: confermati Gigi e Ross con Fatima Trotta ed Elisabetta Gregoraci

Alla conduzione dell’edizione 2015 di Made in Sud ritroviamo le ex iene Gigi e Ross, affiancati da Fatima Trotta ed Elisabetta Gregoraci. Con loro, in studio, il professor Enzo Fischetti, il cui ruolo all’interno del programma si è fatto via via sempre più indispensabile per tradurre al telespettatore battutte “eccessivamente terrone”. Confermata anche la partecipazione del musicista dj Frank Carpentieri, che scandirà il ritmo di ogni puntata con le sue originali musiche. Ad arricchire lo show, inoltre, il corpo di ballo delle Suddine.

Made in Sud 2015: il cast di comici





7
giugno

MADE IN SUD FUNZIONA ANCHE IN PRIMA SERATA. RAI2 HA TROVATO IL SUO COLORADO?

Made in Sud

Made in Sud

Ce l’hanno fatta. Dopo la bellezza di dieci anni, Rai2 trova finalmente il suo show comico da “prima serata”, e ad Angelo Teodoli piove addosso un’altra “vittoria” dopo The Voice: se anche il secondo appuntamento “estivo” dovesse raggiungere gli stessi incoraggianti risultati d’ascolto, non c’è dubbio che Made in Sud possa fare il “grande salto” e finire diretto in periodo di garanzia per coprire un’altra serata. E dire che di acqua sotto i ponti ne è passata: tutti (non solo alla seconda rete) – in virtù dei successi comici di Cologno, Zelig e Colorado in testa – hanno sperimentato in tal senso, nessuno però ha mai raggiunto gli obiettivi sperati.

Anni di sperimentazioni televisive che, va detto, non hanno mai dato i loro frutti. Alla fine, “disperati”, si sono accaparrati Made in Sud, che è stata forse una delle mosse strategiche più furbe che l’azienda pubblica potesse fare: il contenitore comico di stampo meridionale, nato nel 2008, funziona soprattutto perché ha un’importante storia alle spalle – che a tratti ricorda quella del Seven Show – e una struttura tipicamente teatrale-cabarettistica, come nelle “migliori” tradizioni di questo genere. E con gli anni si è coltivato un suo pubblico: in teatro in primis, ma anche in tv, sempre però su reti defilate (Canale 34 TeleNapoli, poi Comedy Central e Mtv), che hanno contribuito a fidelizzare gli spettatori.

Il programma ricalca in tutto e per tutto lo stile dei più blasonati Zelig e Colorado, e la versione da prime time non differisce affatto da quanto proposto mesi addietro in seconda serata, a parte i soliti cambiamenti scenografici – forse un po’ eccessivi – operati per l’occasione. Stesso canovaccio dunque, ma anche stessa comicità: Made in Sud, come Colorado, fa dei tormentoni, delle esibizioni brevi e della battuta facile e veloce i suoi cavalli di battaglia, puntando però sul pubblico “terrone”. Tutto l’opposto della (comunque facile, in Italia) satira politica e della tanto chiacchierata stand up comedy alla Aggratis, che nel Belpaese peraltro continua a non funzionare, non solo per le “tipologie di pubblico” ma anche per la mancanza di comedian che si possano definire tali.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,


7
novembre

MADE IN SUD: BENVENUTI ALLA RAI(2)

Made in sud

Che la Rai abbia un rapporto complicato con la comicità è quasi una certezza. Sono anni ormai che l’unico modo in cui riesce a far ridere il pubblico è con gli spezzoni delle gag di Vianello e con quelle più contemporanee di Fiorello. O, al massimo, con qualche puntata di Porta a Porta. Sarà per questo che l’arrivo su Rai2  di Made in Sud (da mercoledì 7 novembre in seconda serata per 11 puntate), programma cult di Comedy Central, lo commentiamo con qualche riserva.

Il programma si propone come la risposta meridionale a Zelig. Affermazione dal retrogusto snob, di quelli che un po’ si “autoghettizzano” perché quelli del Nord vogliono monopolizzare la comicità. E noi che credevamo che dopo “Benvenuti al Sud” e “Benvenuti al Nord” fosse stata consacrata la liberalizzazione della risata. Made in Sud nasce sui comici cresciuti, prima che in tv su Crt34 e su Comedy Central, al TAM di Napoli, dove hanno creato una sorta di compagnia stabile composta da una trentina di comici, tutti giovanissimi. Il programma è scritto, ha un copione. Non è quindi una sequenza di comici, ma ha una struttura che lega tutte le esibizioni tra loro.

Qualità del teatro e ritmi televisivi: questo l’obiettivo del programma di Paolo Mariconda, Nando Mormone (direttore artistico del TAM) e Stefano Sarcinelli, scritto con Gianluca Belardi, Paolo Caiazzo, Nello Iorio, Angelo Venezia, con la regia di Sergio Colabona. La conduzione è affidata a Gigi & Ross, voluti dalla Gialappa’s nel 2008 a “Mai dire Martedi”, affiancati da Fatima Trotta, già con loro su Comedy Central. Nel passaggio a Rai2 alla conduzione si aggiunge Elisabetta Gregoraci. Che già il passaggio da una rete satellitare a una nazionalpopolare è rischioso per un programma giovane, legarlo poi a un nome che attira polemiche negative come il formaggio svizzero i topi è proprio da quelli che confidano nella rottura del telecomando al tentativo di cambiare canale.