TV Estera


7
aprile

SUPERVIVIENTES 2015: UN’EX CORTEGGIATRICE DI UOMINI E DONNE NEL CAST VIP DELL’ISOLA SPAGNOLA

Elisa De Pancis

Tutte (o quasi) le edizioni dell’Isola dei Famosi sono state accompagnate dalla solita polemica sulla risicata fama del cast di concorrenti. Tuttavia se volgiamo lo sguardo al di là dei Pirenei, la situazione di Supervivientes sembra di gran lunga peggiore. Stessa location, stessa produzione – affidata alla filiale spagnola di Magnolia -, stesso editore (Mediaset) e un cast che non sembra poter fare a meno di personaggi dal talento tutto da dimostrare, “riciclati” da altri programmi.

Tra i concorrenti figurano ex di Gran Hermano (Grande Fratello), di Quién quiere casarse con mi hijo (Mammoni), di Gandia Shore (adattamento di Jersey Shore) e ben tre di Mujeres y Hombres y Viceversa (Uomini e Donne). Non solo, a Supervivientes 2015 ci sarà anche una naufraga italiana, proveniente dalla versione tricolore del dating show di Maria De Filippi.

Lei è Elisa De Panicis e nel curriculum televisivo vanta una partecipazione – passata quasi inosservata – in qualità di corteggiatrice a Uomini e Donne. Era la stagione 2011/2012 e sul trono sedeva Alessio Lo Passo. Nel suo video di presentazione l’avvenente Elisa dice di fare la modella e di aver partecipato per gioco al programma di Canale 5, all’età di 18 anni. Spiega, poi, che si innamora ogni settimana e che con un cameriere non potrebbe fidanzarsi (“gli uomini mi incantano quando hanno testa e posseggono qualcosa...”). Si definisce una leader e pensa di riuscire a cavarsela in Honduras. I media spagnoli, ghiotti delle sue foto sexy, l’hanno annunciata come un “terremoto italiano“.

Supervivientes 2015: l’inviata è la fidanzata di Alonso




31
marzo

LA VOZ SPAGNA (THE VOICE): UN PRETE TRA I CONCORRENTI

Padre Damian Maria - La Voz (The Voice)

Padre Damian Maria - La Voz (The Voice)

Se The Voice of Italy ha sfondato grazie ad una suora, a La Voz in Spagna non potevano non seguire la stessa strada. E così quest’anno, fiutato il potenziale di determinati personaggi a livello televisivo, a Telecinco hanno ben pensato di puntare su un’altra figura religiosa, con la speranza di avere lo stesso successo internazionale della seconda edizione nostrana: il prete.

La Voz 2015 – Tra i concorrenti il sacerdote Padre Damian Maria

Padre Damian Maria si è presentato sul palco de La Voz con Angels di Robbie Williams e se in un primo momento non ha brillato particolarmente con la sua esibizione, è riuscito comunque – seppur sul finale – a far premere l’agognato pulsante rosso. Peccato che, a differenza della nostra Suor Cristina, non abbia ottenuto il “poker coach”  (due i coach girati) e nonostante l’iniziale interesse anche la “nostra” Laura Pausini abbia desistito. Proprio Laura, la prima ad intervenire, ha così giustificato il suo rifiuto “al buio”:

Io non mi sono girata perché non mi ha convinto molto l’esibizione per via di alcune imperfezioni, però se l’obiettivo è di portare la parola di Dio attraverso la musica tramite questo talent show ti ringrazio per averlo fatto”.

Non è mancata la risposta del sacerdote, peraltro missionario:

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,


10
marzo

DM LIVE24: 10 MARZO 2015. SCONTRO TRA ELICOTTERI IN ARGENTINA: MORTI CONCORRENTI DEL PROGRAMMA TV DROPPED DI TF1

Dropped - Tf1

Dropped - Tf1

[Da RaiNews] Almeno dieci persone sono morte nello scontro di due elicotteri nei pressi di Villa Castelli, località della provincia di La Roja, nel nordest dell’Argentina. Secondo le prime informazioni diffuse dai media locali uno degli elicotteri apparteneva al governo de La Roja e l’altro agli organizzatori di un concorso tv internazionale di sopravvivenza, che per il terzo anno consecutivo erano venuti in Argentina per le riprese.

Otto delle dieci vittime sarebbero cittadini francesi che partecipavano al concorso, secondo l’emittente locale Radio La Torre. “Nei due elicotteri viaggiavano concorrenti e personale logistico“, ha informato la radio. Le condizioni meteorologiche erano ottime nel luogo dove è avvenuto l’incidente, per cui si ignora per il momento il motivo dello scontro tra i due velivoli.

Tre delle otto vittime francesi, insieme a due piloti argentini, erano partecipanti del programmaDropped” del canale francese TF1. I tre erano sportivi noti in Francia: Camille Muffat è stata medaglia d’oro di nuoto nei Giochi Olimpici di Londra, Florence Arthaud era una velista che aveva battuto il record della traversata dell’Atlantico Nord in solitario e Alexis Vastine è stato medaglia di bronzo di boxe nei Giochi Olimpici in Cina nel 2008. Le altre cinque vittime francesi erano membri dell’equipe di TF1 venuta in Argentina per le riprese del programma.





5
marzo

MADONNA SI MASTURBA IN DIRETTA SULLA TV FRANCESE (VIDEO). E LUZ DI CHARLIE HEBDO TIRA FUORI L’UCCELLO

Madonna - Lux - Canal+

Madonna - Lux - Canal+

Madonna, che siparietto! Altro che gli sguardi di ghiaccio riservati al compunto Fabio Fazio sulla tv italiana. In Francia, la pop star Madonna si è lasciata decisamente andare: tornata sugli schermi d’oltralpe dopo dieci anni (mancava dal 2005), la cantante ha creato scompiglio a Le Grand Journal, in diretta su Canal+, mimando gesti di autoer0tismo davanti alle telecamere.

Madonna si tocca in tv su Canal+

Invitata dal programma francese come caporedattrice d’eccezione, Madonna ha scelto di confrontarsi con Luz, uno dei disegnatori sopravvissuti all’attentato di Charlie Hebdo. Durante la trasmissione, i due hanno risposto alle richieste formulate dal pubblico. “Tu che sei la regina delle provocazioni, ce lo dimostri?” ha domandato qualcuno alla pop star. E lei, col sorriso malandrino, non ci ha pensato due volte: ha leggermente divaricato le gambe ed ha iniziato ad accarezzarsi le parti intime.

La richiesta al disegnatore di Charlie Hebdo è stata ancora più esplicita: “ti sfido a tirarti fuori l’uccello“. Pronti: Luz ha abbassato la cerniera lampo e mostrato le pudenda. Nel corso del programma, la ‘material girl’ ha abbracciato commossa il vignettista: “grazie per essere un difensore della libertà” gli ha detto. “Mi piacerebbe bere un drink con Marine Le Pen” ha anche dichiarato la cantante: la leader del Front National ha accettato l’invito. Un’ospitata decisamente diversa da quella registrata a Che tempo che fa e in onda su Rai3 domenica 8 marzo.


4
febbraio

BRUCE JENNER (PATRIGNO DI KIM KARDASHIAN) CAMBIA SESSO IN TV

Bruce Jenner e Kim Kardashian

Un nuovo capitolo dell’epopea a marchio “Kardashian/Jenner” proporrà intrecci che neanche le soap opera più intricate riescono a formulare: per la serie “quando la realtà supera la finzione”, gli spettatori americani assisteranno ad un documentario che seguirà il cambio sesso del patriarca di una delle famiglie più discusse degli Stati Uniti.

Chi segue la docu serie “Al passo con i Kardashian” non ha potuto fare a meno di notare i cambiamenti che la medaglia d’oro ai Giochi olimpici di Montreal 1976 Bruce Jenner stava “covando” dietro l’aspetto – già ampiamente modificato dalla chirurgia estetica – di capo famiglia più famoso nel mondo dei reality a stelle e strisce. Mr. Jenner è sempre stato un personaggio in sordina rispetto all’esuberanza delle figlie e di sua moglie (ormai ex), ma ora avrà uno show tutto suo, che documenterà il graduale passaggio da uomo a donna.

Una saga familiare quella dei Kardashian/Jenner che appassiona da sette anni milioni di telespettatori americani e che ha reso celebre la regina del gossip Kim. Ambientato nella ricca cittadina di Calabasas (Lo Angeles), il docu di E! segue la vita quotidiana della famiglia allargata composta dal campione olimpico Bruce Jenner, dalla sua terza moglie Kris, dai quattro figli di lei Kim, Kourtney, Khloé e Rob – avuti dal precedente matrimonio con il noto avvocato Robert Kardashian – e dalle loro due figlie Kendall e Kylie Jenner. Dopo mesi di speculazioni, una fonte vicina alla famiglia ha confermato sulle pagine di “People Magazine” che Bruce sta subendo delle cure per cambiare sesso. Già l’anno scorso la star da reality aveva subìto un intervento chirurgico per rimuovere il pomo d’adamo ed era stato più volte immortalato dai paparazzi mentre sfoggiava una french manicure impeccabile; senza contare che la sua ossessione per i capelli lunghi raccolti in una folta coda di cavallo era fonte di ilarità per tutta la famiglia ma, ultimamente, stava “allarmando” un po’ tutti.





1
febbraio

SPOT SUPER BOWL 2015: TRA IRONIA ED EMOZIONE, IL MATCH PIU’ SEGUITO NEGLI USA SI CONSUMERA’ ANCHE DURANTE LA PUBBLICITA’ (VIDEO)

Kim Kardashian

Se c’è chi per 15 minuti di celebrità è disposto a vendersi l’anima, esistono anche colossi di svariati settori merceologici che hanno sborsato ben 4,5 milioni di dollari per 30 secondi di visibilità durante il Super Bowl XLIX, la finale del campionato di football americano che quest’anno verrà trasmesso dal network NBC (in Italia su Fox Sports 2).

Avvinghiati ad una cofana zeppa di alette di pollo fritte da deglutire con coloratissimi beveroni chimici, più di 100 milioni di americani questa sera sprofonderanno sul divano per alienarsi da tutto il resto, e assistere all’attesissimo match che vedrà scontrarsi i New England Patriots e i Seattle Seahawks. Trattandosi dell’evento sportivo (e mediatico) più importante e seguito dal pubblico a stelle e strisce, ogni anno i grandi brand realizzano per l’occasione accattivanti spot trasmessi durante le interruzioni pubblicitarie, e investono cifre da capogiro per emozionare e accaparrarsi nuovi potenziali acquirenti.

Di seguito vi proponiamo una selezione degli spot che andranno in onda questa notte durante la finale del Super Bowl.

Le testimonial hot: Kim Kardashian, Adriana Lima e Charlotte McKinney

Già virale è lo spot della compagnia telefonica T-Mobile, che quest’anno si affida alla vorticosa silhouette di Kim Kardashian per realizzare una finta pubblicità progresso che invita gli utenti ad utilizzare tutti i giga del proprio piano tariffario. Lo spot vede la sexy icona trash che ironizza sulla sua ossessione per i selfie e recita in tono serioso: “Ciao, sono Kim. Ogni mese milioni di giga di dati non utilizzati vengono ripresi dalle compagnie telefoniche. Tragico! Un numero di dati che hai pagato e che potrebbe essere utilizzato per vedere il mio trucco, il mio lato b, i miei vestiti, le mie vacanze e i miei abiti. Purtroppo tutto perduto. Per favore, contribuite a salvarli”.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,


28
gennaio

CELEBRITY BIG BROTHER UK: TUTTI CONTRO PEREZ HILTON

Perez Hilton al Celebrity Big Brother

La spettrale casa del Celebrity Big Brother – quest’anno ispirata alla foresta nera delle favole -, ospita per la sua quindicesima edizione il controverso blogger Perez Hilton che, tra fischi e polemiche, riesce ancora a proseguire la sua corsa verso la finale e a creare scandalo dentro e fuori la casa più spiata d’Inghilterra.

Nell’episodio trasmesso da Channel 5 lo scorso 24 gennaio, i telespettatori inglesi hanno avuto modo di ammirare un Perez semi nudo comodamente sprofondato su una poltrona, avvolto esclusivamente da una coperta di pelliccia bianca. Appena la conduttrice Emma Willis si è collegata con gli inquilini per annunciare l’esito del televoto che lo vedeva come candidato all’eliminazione insieme all’attrice Alicia Duval, il blogger ha iniziato a togliersi di dosso la coperta e, per festeggiare la vittoria, si è esibito in un balletto provocatorio mostrando dei boxer raffiguranti dinosauri. Non contento dei fischi del pubblico, ha ben pensato di offrire nuovi spunti per altri “buu” leccandosi le ascelle in diretta nazionale.

Già particolarmente disprezzato dalle star di Hollywood per la pubblicazione dei suoi post scandalistici – storica fu l’azzuffata mediatica con Lady Gaga – Perez non ha perso l’occasione per inimicarsi anche il pubblico inglese e i suoi colleghi di reality, grazie ai suoi modi diretti e all’atteggiamento esuberante mostrato in questi giorni di permanenza. L’eclettico blogger non sembra, però, affatto provato dallo scarso apprezzamento dentro e fuori dalla casa, ma un giorno si è “sfogato” con il Grande Fratello iniziando a dare di matto nella “stanza diario” (confessionale), dove si è presentato con indosso una parrucca nera presa in prestito dalla cantante Katie Price:

“Sto per darvi quello che volete…non so cosa sia, ma ho intenzione di continuare ad essere me stesso e divertirmi! Eccomi semi nudo… Sono come Madre Natura… Potete succhiarmi le tette quanto volete, io non mi seccherò!”

Celebrity Big Brother: la missione segreta di Perez e il “giallo” sulle clausole contrattuali


16
gennaio

MY HUSBAND’S NOT GAY: STORIA DI QUATTRO MARITI GAY “CREDENTI” NON PRATICANTI

My husband's Not Gay

Se volessimo provare a spiegare il senso del discutibilissimo docu trasmesso sull’emittente statunitense TLC, potremmo provare a semplificare prendendo come esempio l’inciso della “hit” di Povia che intonava “Luca era gay, ma adesso sta con lei”. Ecco, i protagonisti di “My Husband’s Not Gay” riformulerebbero il ritornello in Luca sta con lei, ma è rimasto gay.

Storie di “differenti stili di vita” quelle proposte da TLC, cable tv del gruppo Discovery e grande dispensatrice di format per il palinsesto di Real Time, primo su tutti “Little couple” (Il nostro piccolo grande amore) che spopola da sette anni negli Stati Uniti e, da qualche tempo, anche da noi.

Mio marito non è gay, è SSA

Domenica 11 gennaio il canale via cavo ha trasmesso uno speciale del controverso “My Husband’s Not Gay”, nuovo documentario che segue le vite di quattro uomini Mormoni residenti nello stato dello Utah, che, pur essendo attratti da altri uomini, scelgono di vivere come eterosessuali, con tanto di matrimoni tradizionali e nuclei familiari riconosciuti dalla Chiesa mormone. La cosa che lascia basiti è che le rispettive mogli non solo sono consapevoli, ma accettano la loro condizione in funzione del fatto che i loro mariti non si definiscono né gay né bisex, ma SSA (acronimo di Same Sex Attracted – attratti dallo stesso sesso). Ora, tra tutte le etichette per identificare i differenti orientamenti sessuali, questa sembra davvero quella che più fa sorridere ma che, al contempo, confonde. Facile immaginare l’imbarazzo delle mogli di questi quattro signori ogni qual volta sono messe nelle condizioni di dare spiegazioni: “No, non è gay. E’ solo attratto da quelli dello stesso sesso…!”. Il paradosso è che poi queste donne sembrano quasi orgogliose dei loro uomini, reputandoli “coraggiosi” e “onesti”. In realtà, il sottile confine tra ciò che è gay e ciò che è SSA, sembrerebbe legato al concetto di astinenza dal rapporto omosessuale, oltre che ad essere un pretesto per mantenere i vantaggi derivanti all’essere etero; in primis, l’accettazione da parte della Chiesa. Ma allora non sarebbe più “onesto” e “coraggioso” identificarli con l’acronimo GCNP (Gay Credenti Non Praticanti)?

My Husband’s Not Gay: la messa in onda tra un mare di polemiche

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,