Televisione


21
luglio

ALDA D’EUSANIO A DM TV: “IN OGNI STORIA C’E’ UN LUOGO OSCURO, IGNOTO, INESPLORATO”




21
luglio

ESCLUSIVO DM! I PRESERALI LASCIAMOLI A SORRISI. PRONTO IL PROGRAMMA PER CRISTINA DEL BASSO SU MTV. ECCO I DETTAGLI IN ANTEPRIMA

Cristina Del Basso - MTV

Iniziamo a chiamare le cose col proprio nome. Non per altro, ma perchè dal principale settimanale televisivo ci si aspetta quanto meno un lessico corretto. Access prime time e non preserale, dunque. Sarebbe questo lo slot in cui, secondo TV Sorrisi e Canzoni, andrebbe a debuttare la tettonica Cristina Del Basso, fresca fresca di calendario (qui le nostre foto del party di presentazione).

Una notizia che cozzerebbe con ciò che da noi è stato annunciato in anteprima esclusiva: l’arruolamento della Calen-Diva come nuovo volto di punta di MTV. Per questo motivo, abbiamo deciso di approfondire la faccenda.

Dopo aver fatto una “veloce ricognizione” siamo in grado di dirvi che Cristina Del Basso ha semplicemente registrato, la scorsa settimana, una puntata zero (vale a dire una puntata “di prova” come a decine ne vengono registrate in questo periodo) del programma ”Da 8 a 80“, format di Endemol Italia, che per l’occasione sarebbe stato affidato Cristiana Farina (ideatrice di Vivere, CentoVetrine e Amiche Mie). Bene! In considerazione dei tempi di preparazione di un qualsiasi settimanale e della data di registrazione della zero, risulta difficile, se non impossibile che lo show sia già stato “approvato” da chi di dovere (la zero potrebbe non essere stata neanche visionata ai tempi della chiusura del giornale).  Se a ciò s’aggiuge la partenza de Il Colore dei Soldi, tutt’altro che archiviata visto il continuo passaggio di crawl su Italia1… i conti sono presto fatti. Ma non ci siamo limitati a questo.

Per voi c’è di più, molto di più. Quest’oggi siamo in grado di fornirvi ulteriori dettagli sul passaggio della Del Basso a MTV. Non solo, infatti, le trattative sarebbero ad uno stato avanzato (in questi giorni la Del Basso sarebbe stata vista uscire dalla sede di MTV in Corso Europa a Milano) ma sono supportate da un progetto ben preciso nato e cucito addosso alla procace Gieffina. La Del Basso sarebbe infatti al timone di un varietà quotidiano per il quale è prevista la conduzione in coppia. Il collega? C’è già: si tratta di un personaggio non propriamente noto ma “scippato” ad un programma cult di Italia1. In seconda posizione ci sarebbe un bello della fiction italiana, provinato alcuni giorni fa. Il programma non andrà in onda dalla celebre terrazza di MTV e dovrebbe partire ad autunno inoltrato (si parla di novembre). Ma ciò che più conta, tenetelo ben a mente, è che sarà una grande festa.

Certo, che se poi la proprietaria di Pongo e Peggy (le inseparabili “amiche” della Del Basso) dovesse decidere di fare entrambi i programmi o di accettarne uno proposto da Italia1, “boicottando quello attuale” non è certamente nelle nostre possibilità prevederlo. Ma senza alcun dubbio sarebbe cosa futura.


21
luglio

LA CRISI DI MTV: QUANDO IL BILANCIO INCIDE SUL PALINSESTO E SUL NUMERO DEI DIPENDENTI. CHE SCIOPERANO (ECCO UN VIDEO)

MTV Manda Tutti Via

Si sa, la televisione è un business, e dietro le scelte di un palinsesto, non ci sono solo motivazioni, idee e personaggi, ma ci sono anche “conti da far quadrare”, investimenti e cifre.

Succede così che è facile farsi un’idea sui “conti economici” di un’emittente televisiva, anche sulla base delle trasmissioni che vengono fatte di anno in anno. Ne abbiamo già avuto prova con le presentazioni per le nuove annate RAI e Mediaset: poche novità, pochi “colpi ad effetto”, scarsa propensione al rischio pur di non perdere gli inserzionisti pubblicitari. E se i due colossi generalisti si sfidano a colpi di repliche per scongiurare la crisi (mentre il “terzo incomodo” SKY avanza), succede che le conseguenze di un momento economico critico, siano più evidenti e difficili da gestire per una rete con un giro di affari inferiore. E’ il caso di MTV Italia il canale più giovane, scanzonato e musicale della TV generalista.

Nato sulla base di un modello televisivo già rodato sui mercati anglosassoni, MTV Italia (posseduta per il 51% da Telecom Italia e per il 49% da Viacom) è entrata di diritto negli usi e nei consumi dei nostri telecomandi, e facendo un veloce excursus dei suoi dodici anni di storia ci torneranno alla memoria molte cose.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , , ,





20
luglio

COME CHIEDERE LA CARITA’ (MEDIATICA)… CON BUSTE DI DOLCE & GABBANA AL SEGUITO!

 

Adesso la carità si chiede sulle pagine dei più noti settimanali. Non che prima non si facesse, sia chiaro, ma almeno ci si limitava, ad esempio, a raccontare una storia, sperando, poi, nell’opera pia di qualche addetto ai lavori che prendesse a cuore la “caduta in disgrazia” del VIP di turno.  

Ma ora no. Si avanzano anche pretese ben precise: si richiede ad esempio la partecipazione ad un preciso reality show anzichè ad un altro, chè magari non garantirebbe un ritorno in auge, glorioso come quello del programma prescelto. Un po’ come i parcheggiatori abusivi, insomma, che ormai non si affidano più alla magnanimità del malcapitato ma immedesimandosi nel distributore dei ticket per il parcheggio orario, ti vengono incontro con fare minaccioso e ti domandano “quante ore?”.

L’ultimo “grido di disperazione” proviene da Loredana Bertè, tramite Sorrisi e Canzoni, parlando senza mezzi termini delle sue condizioni diventate precarie e della necessità di guadagnare per poter pagare un mutuo di 8.500 Euro ogni due mesi. Capite a cosa siamo arrivati? A chiedere l’elemosina per poter pagare le rate bimestrali di piccolissimo mutuo di otto-mila-cinquecento euro. Mutuo che avrebbe costretto la “povera” Loredana a vendere tutti i mobili della sua abitazione. Non avrebbe nemmeno la cucina.


20
luglio

LA RAI NELL’ERA GRAZIALE /2: “ANCORA GRAZIE: LA GRAZIA ALGIDA, LA GRAZIA SFORTUNELLA E LA GRAZIA SCARLATTA”

La Rai nell’Era Graziale: Elisa Isoardi, Eleonora Daniele e Veronica Maya 

Prosegue il nostro viaggio con “La Rai nell’Era Graziale“, il vademecum di DM sul “settennato” di Fabrizio Del Noce da “staccare e conservare”. Nel numero precedente abbiamo parlato della Grazia Regina, alias Caterina Balivo; oggi continueremo con le altre tre grazie in odor di corona: la Grazia Algida, la Grazia Sfortunella e la Grazia Scarlatta.

Iniziamo con la grazia algida. Imperturbabile accanto al dinoccolato Luca Giurato, fredda come un iceberg di fronte allo spaesato Michele Cucuzza, Eleonora Daniele è, dal 2005, l’indiscussa padrona di casa di Uno Mattina. Dai natali in casa Mediaset (qualche apparizione come figurante a La Sai l’Ultima e la partecipazione non memorabile ad un’edizione altrettanto non memorabile del Grande Fratello, la seconda, nel 2001), la Daniele è passata per una serie di comparsate in  fiction (tra cui Un Posto al Sole e Carabinieri 3) e qualche piccolo ruolo al cinema ed a teatro (spaziando, rispettivamente, da Vanzina a Pirandello!), fino a prendere definitivamente alloggio nella televisione pubblica (agli esordi in Rai, con molti sforzi di memoria, ricordiamo la sua conduzione di Futura City, magazine di RaiDue su attualità e nuove tecnologie).

L’utile palestra del contenitore mattutino di RaiUno la vede impegnata da cinque anni, ormai, tra interviste, attualità e rubriche varie che la bionda Eleonora affronta con piglio sicuro (e cartelletta alla mano), qualche occhiaia di troppo, e la licenza di non emozionarsi. Sì, perchè la Daniele non sa cos’è il pathos, parla con una voce robotica, ma è misuratanon invadente, e, dopo anni di forzati risvegli insieme, a noi tutti è diventata persino familiare; tanto che, come suo ultimo lascito, Noisette ha confermato per la prossima stagione la coppia Eleonora-Michele.





20
luglio

CHI NON MUORE SI RIVEDE: COME USCIRE DAL COMA SIA PIÙ CONVENIENTE NELLE SOAP CHE NELLA VITA REALE

Coma da soap

Se Seneca predicava anni or sono un’arte come imitazione della realtà, l’ideale a cui ammiccano gli sceneggiatori americani si rifà piuttosto agli stereotipi dell’arte cubista: come la pittura abbandona l’imitazione della natura, e la realtà rappresentata diventa una sequenza indefinita di immagini e forme sovrapposte, la soap opera americana si sta sempre più astraendo dai canoni realistici e sobri che dichiara di perseguire (talvolta).

Il British Medical Journal nel 2005 ha condotto un’inchiesta approfondita sul numero di casi di coma che hanno coinvolto personaggi di soap nella finzione per più di 24 ore, dal 1995 al 2005, in 9 soap campione, tra cui Beautiful, Febbre d’amore, Sentieri e General Hospital, la fonte più accreditata (“Epidemiology and prognosis of coma in daytime television dramas”). Con un totale di 73 personaggi in coma in quest’arco temporale e con una media di 8 malcapitati in coma per soap, la ricerca ha in seguito definito l’evoluzione dello stato incosciente, o vegetativo in alcuni casi, sottolineando come le cose procedano diversamente rispetto a quanto non succeda nella vita ordinaria.

In media, il coma dei personaggi da soap dura 13 puntate, ma i dati più interessanti sono altri: l’86% degli attori che per esigenze sceniche finisce in coma si ristabilisce perfettamente, mentre soltanto l’8%, pari a 5 pazienti, non sopravvive. Ma attenzione. In realtà, di questi cinque casi, secondo l’inchiesta, solo 3 personaggi sono stati dichiarati realmente morti dopo il coma: le altre due erano morti inscenate, per far credere allo spettatore che il personaggio fosse morto, e per dargli la possibilità di ritornare dopo un po’ di tempo nella soap (il noto effetto “resurrezione” tanto caro a Beautiful).


19
luglio

ANTICIPATO E… CONFERMATO. EDMONDO CONTI, PRODUTTORE ESECUTIVO DI ENDEMOL ITALIA A DM TV: “A TUTTI PAZZI PER LA TELE ARRIVA BEPPE BRAIDA. IL PROSSIMO PROGRAMMA VINTAGE CHE SPERO TORNI IN ONDA? OK, IL PREZZO E’ GIUSTO”

Edmondo Conti e Marco Liorni - Catania Talenti e Dintorni

Vi abbiamo annunciato in un’esclusiva anteprima l’arrivo a Tutti Pazzi per la Tele di Beppe Braida che affiancherà Antonella Clerici nella seconda edizione dello show dal sapore amarcord.

Ebbene! Il nostro inviato Carmelo Aurite ha rintracciato, in quel di Catania, il produttore esecutivo del programma, recatosi in Sicilia per ritirare l’ambito elefantino d’argento assegnato dalla manifestazione Catania Talenti e Dintorni.

Edmondo Conti ha confermato ai nostri microfoni l’arrivo del comico al prime time di Raiuno dal prossimo 15 settembre e ha approfittato per fare quattro chiacchiere con noi sulla TV che verrà, augurandosi un ritorno nei prossimi mesi di Ok Il Prezzo è Giusto e sperando che gli “amici di DM” siano più clementi con i programmi made in Endemol.

Buona visione. Il video, dopo il salto:


19
luglio

“HA TOCCATO”: 40 ANNI DOPO LA LUNGA NOTTE SI TORNA SULLA LUNA CON RAISTORIA

Rai Storia - Luna

Erano le 22.17 di domenica 20 luglio 1969, quando sul ”Programma Nazionale“, nel corso de La Notte della Luna, veniva dato quest’annuncio: “Ha toccato [...] Per la prima volta un veicolo pilotato dall’uomo, ha toccato un altro corpo celeste. Il riferimento era, ovviamente, al primo sbarco dell’uomo sulla Luna.

Sono ormai passati quarant’anni da quella straordinaria notte che lasciò un segno indelebile sulle persone, sul nostro satellite ma soprattutto sulla televisione italiana. La prima maratona televisiva Rai, durata ben 28 ore, fu un’assoluta novità per la tv, bloccata sino ad allora da rigide logiche di palinsesto. Grandi nomi del giornalismo italiano guidarono il pubblico italiano in quella lunga notte ma soltanto due sono rimasti, nel bene o nel male, impressi negli annali del giornalismo. Stiamo parlando di Tito Stagno e Ruggero Orlando protagonisti del battibecco più famoso della televisione. Mentre il primo annunciava “Ha toccato!”, il secondo in collegamento da Huston lo interrompeva dicendo “No, mancano ancora dieci metri” accendendo un lungo battibecco che fece perdere agli italiani lo storico annuncio dell’allunaggio.

Ma qualora non foste ancora nati, foste troppo piccoli o voleste rivivere l’emozione di quei momenti, Rai Storia, il più giovane dei canali digitali di mamma Rai, ha pensato ad una “settimana lunare” che vi farà rivivere quegli storici momenti. Dallo scorso mercoledì ogni giorno il canale sta già riproponendo i telegiornali del tempo raccontando, con le immagini e le voci originali, le fasi della missione Apollo 11. Nella notte tra il 20 e il 21 luglio, invece, andrà in onda la replica, quasi integrale, della diretta che la Rai, sul Programma Nazionale, trasmise quarant’anni fa e che terminerà, proprio come nel 69, alle 8 del mattino del 21 luglio. Il racconto verrà, inoltre, punteggiato da un esclusiva intervista a Tito Stagno, che condusse, insieme ad Andrea Barbato e Enzo Forcella, quella storica diretta.