Televisione


7
giugno

LIFE ON MARS: TRA CRIME E FANTASCIENZA, IL NUOVO SERIAL CULT TARGATO RAIDUE

Life On Mars

“Il mio nome è Sam Tyler, ho avuto un incidente e mi sono risvegliato nel 1973. Sono matto, in coma, indietro nel tempo. Qualunque cosa sia accaduta è come se fossi atterrato su un altro pianeta. Forse se riesco a capirne la ragione, riuscirò a tornare a casa”. Queste le parole, con cui comincia ogni episodio di Life on Mars, nuova serie televisiva britannica, da stasera in onda su Raidue alle 22.35. Parole che sintetizzano, altresì, l’essenza di un telefilm che riesce perfettamente a combinare la fantascienza al genere polizesco.

Infatti, la serie, pluriosannata dalla critica d’Oltre Manica, narra la storia di Sam Tyler (John Simm), ispettore capo, della Polizia di Manchester improvvisamente investito da un’auto in corsa mentre investigava sul rapimento della sua fidanzata e collega. Caduto sull’asfalto, quando si risveglia si accorge di non essere più nel 2006, ma nel 1973. Il suo lavoro non è però cambiato, l’uomo continua a lavorare per il dipartimento di Polizia sotto la supervisione dell’ispettore Gene Hunt (Philip Glenister). L’ennesima singolarità viene dal fatto che Tyler si troverà a investigare su un caso che ha molti legami con un altro del 2006. Il ritorno al passato è fonte di non pochi problemi per il nostro ispettore che sul lavoro si troverà più volte in difficoltà per via delle differenti tecniche di indagine tra la polizia moderna e quella degli anni settanta.

Life on Mars, il cui titolo si rifà all’omonima canzone di David Bowie che fa da colonna sonora al telefilm, è stata oggetto di remake: ha, infatti, una sua versione americana, dallo stesso titolo, in onda con scarso successo, per una sola stagione, sulla Abc (è tuttora in onda, in Italia, su Fox Crime). Ma, Life on Mars, potrebbe, altresì, avere una versione italiana prodotta da Paypermoon e intitolata 29 settembre, titolo “preso a prestito” dalla canzone portata al successo da Lucio Battisti. La fine della serie di cui parliamo, inoltre, arrivata dopo sole due stagioni per la volontà dell’attore protagonista di uscire dal cast, ha dato vita a uno spin off di successo dal titolo Ashes to Ashes, con protagonista Gene Hunt catapultato dagli anni ‘70 agli anni ‘80, da Manchester a Londra.




6
giugno

ACADEMY VS AMICI: PUI SAN SPICCA IL VOLO ALL’ARENA DI VERONA E ANBETA RIMANE TRA GLI AMICI DI MARIA

Academy - Pui San all’Arena di Verona

Academy vs Amici: 1 a 0. A un passo dalla finale, Academy, che non avrà brillato in ascolti e non è riuscito a diventare cult come il cugino X Factor, in campo di professionalità e di credibilità ha però raggiunto livelli che Amici non è riuscito ad ottenere in otto anni. Un’emozionata Lucilla Agosti ha annunciato in diretta che Pui San, ballerina di danza classica di punta del talent show, ha lasciato il programma per approdare al corpo di ballo dell’Arena di Verona. Un valido motivo per lasciare Academy (accompagnato da un mare di lacrime), per una grande opportunità lavorativa: un contratto per la stagione estiva dell’Arena.

Academy mette a segno un bel colpo. Ancora prima di chiudere i battenti di questa poco fortunata prima edizione, una concorrente riesce a realizzare il proprio sogno: ballare in una grande compagnia di danza. Messe da parte polemiche e sfide da reality show, è stato premiato l’impegno e la qualità della ballerina Pui San, molto amata dai professori/giudici e considerata una delle favorite alla vittoria (la finale si terrà sabato prossimo alle 14). Parlando di Pui San non può non tornare alla mente il caso Ambeta Toromani di Amici, la ballerina albanese dell’edizione numero 2, ora tra i professionisti del programma.

Da sempre speranzosa di entrare alla Scala di Milano, non è mai riuscita a far parte di quel prestigioso corpo di ballo. Scartata non per scarse doti ma per la sua popolarità televisiva, Anbeta è relegata da anni nello studio 5 di Cinecittà come aprifila delle esibizioni. Solo un anno fa Maria De Filippi ha ripreso in mano la causa, aprofittando dell’ospitata di Carla Fracci. Grazie all’intervento della Fracci, la Scala richiamò Anbeta per farle di nuovo un provino, ma questa volta fu lei a rifiutare per orgoglio dopo la prima scottante esclusione. Anbeta preferì così i riflettori televisivi a una carriera lontana dalle telecamere.

Pui San invece ha colto l’occasione al volo, ha salutato compagni e professori, e già da oggi è impegnata nelle prove in quel di Verona. Academy ha centrato il suo obiettivo primario; per una crescita del gradimento e degli ascolti si potrà aspettare la seconda edizione, confermata in esclusiva su DM proprio da Lucilla Agosti.


5
giugno

LA NUOVA MISS ITALIA TARGATA MILLY CARLUCCI: TRE SERATE E 60 FINALISTE PER L’EDIZIONE NUMERO 70

Milly Carlucci - Miss Italia 2009

Miss Italia compie 70 anni e si rinnova. Sono anni che il concorso di bellezza promette novità e un radicale svecchiamento, ma il 2009 pare sia l’anno della svolta: una conduzione al femminile firmata Milly Carlucci e una riduzione delle serate e del numero di aspiranti miss. Una vera rivoluzione considerata l’ingessatura dell’evento Rai. La Carlucci, più che mai determinata, e lo staff di Patrizia Mirigliani sono riusciti a vincere il braccio di ferro con gli sponsor e ridurre così da quattro a tre le serate su Raiuno, in onda sabato 12, domenica 13 e lunedì 14 settembre.

Aria nuova, dunque, per dare nuova linfa alla trasmissione che negli ultimi anni non veniva più premiata dagli ascolti, se non nella serata finale. La conduttrice, che a gennaio 2010 tornerà alla guida di Ballando con le stelle, proprio con lo staff del varietà ballerino, sta preparando la settantesima edizione del concorso: “In questa edizione il cambiamento più grande riguarda il numero di finaliste, da 100 a 60 la prima sera, 40 la seconda e venti l’ultima; pochissimi i ripescaggi, forse quattro“. Finaliste che dovranno ovviamente essere belle, oltre che preparate e brillanti. Modello di reginetta di bellezza incarnato perfettamente dalla miss Italia in carica Miriam Leone, ora impegnata nella conduzione di Unomattina estate.

Addio alle bellissime mute e oche, e avanti alle ragazze che sanno cantare, ballare e sfilare con maggior spazio dedicato al loro talento. Anche Miss Italia strizza l’occhio al talent show premiando stile e personalità per lanciare le bellezze italiche nel mondo della televisione e della fiction. Le selezioni per le finaliste sono in corso in tutta Italia per poi approdare alle prefinali di Salsomaggiore dal 24 al 28 agosto. Patrizia Mirigliani, figlia del patron Enzo, è soddisfatta per la svolta del concorso: ”Felici di cambiare. È il momento giusto e farlo con Milly Carlucci è la scelta migliore”.





5
giugno

PAOLO BONOLIS, IGNORATO DALLA RAI PER IL SANREMO 2010, SI “ACCONTENTA” DI MEDIASET

Paolo BonolisLe conferenze stampa non mi sono mai piaciute. La “chiamata a raccolta” per la comunicazione di una notizia che diventa, così, di tutti non rientra tra le mie principali soddisfazioni professionali, preferendo, com’è noto, produrla autonomamente, come capita nella stragrande maggioranza dei casi per tutto ciò che si legge su questo blog. Se, poi, per poter assistere ad un incontro devi aspettare mezz’ora sotto il sole, la “chiamata a raccolta” mi piace ancora meno. Diciamo che è questione di educazione, anzi, di maleducazione. Ma questa è decisamente un’altra storia.

Fatto sta che la situazione, ieri, a Cologno Monzese, era ghiotta: Paolo Bonolis, Alessandro Salem e Massimo Donelli hanno convocato la stampa, sotto l’occhio vigile di Piersilvio, al 48 di Viale Europa per comunicare la firma di un contratto di esclusiva di Bonolis col Biscione e i relativi progetti legati al suo ennesimo “cambio di rete”.

Ma così come non mi piacciono le conferenze stampa, inizia a non piacermi nemmeno Paolo Bonolis. Pur riconoscendogli un’indiscussa vena artistica che lo rende uno dei migliori “animali da palcoscenico” della tv nostrana, in quanto a coerenza e a buoni propositi ci sarebbe da rivedere qualcosa. Se, infatti, sino a qualche mese fa il conduttore di un rinato Festival di Sanremo era pronto a dichiarare apertamente di escludere a priori la sola ipotesi di un Bonolis bis sul palco dell’Ariston, ieri, in quel di Mediaset, non solo si è lamentato della totale assenza di contatti per una sua eventuale presenza alla prossima edizione della kermesse canora, ma ha altresì affermato che sarebbe stato pronto a prendere in mano le redini del Sanremo 2010, dichiarandosi incazzato, testuali parole, per non aver ricevuto nemmeno una telefonata dalla dirigenza RAI. “È inimmaginabile che neppure una sola persona in azienda, dopo quello che è successo, mi telefonasse. Se qualcuno mi avesse chiesto di rifare Sanremo probabilmente lo avrei rifatto - dice Bonolis – ma “con il contratto firmato con Mediaset è chiaro che ho dichiaratamente chiuso l’ipotesi Sanremo”. 

Tralasciando lo scarso savoir faire di parlare, in casa d’altri, di delusioni personali legate ai mancati contatti con la concorrenza, proprio mentre si rende nota la firma di un contratto in esclusiva per due anni, le parole di Bonolis trovano un perchè, forse, in un orgoglio misto a vanità o, peggio ancora, le dichiarazioni di alcuni mesi fa del conduttore altro scopo non avevano se non quello di farsi desiderare, facendo ”lievitare” l’attesa e, contestualmente, l’eventuale cachet per le prestazioni nella cittadina ligure. Ma non è finita qui. L’entusiasmo maggiore, da parte del conduttore e della dirigenza Mediaset, sembra risiedere nella ventata di novità che il passaggio di Bonolis sembrerebbe garantire all’ammiraglia di Viale Europa. “Ogni volta che ho cambiato azienda – dichiara Bonolis - ho sempre portato qualcosa di nuovo e l’intendimento che ho avuto con tutto il ‘cucuzzaro’ di Mediaset è di consolidare quello che di importante va consolidato ma anche fare qualcosa di nuovo”.

Ecco, qualcosa di nuovo. Il ritorno di Chi ha incastrato Peter Pan, nato nel 1999, e la quarta edizione de Il Senso della Vita.


5
giugno

X FACTOR CASTING TOUR: AL VIA DA ROMA I PROVINI PER LA TERZA EDIZIONE, IN ATTESA DEL NUOVO GIUDICE

XFactor 3 - Casting Ostia 

Riparte la caccia al talento: a partire da oggi si rimette in moto il carrozzone di X Factor con i primi casting per partecipare alla terza edizione del talent show di Raidue, prevista per la metà di settembre. I provini si terranno in tutta Italia,  dalle piazze di città alle località balneari, fino alla fine di agosto. Un vero e proprio tour di selezioni per scovare la nuova Giusy Ferreri o il nuovo Matteo Becucci. Prima tappa ad Ostia (piazza Ravennati) fino a domenica 7 giugno.

In questa prima fase verrà effettuata una prima scrematura degli aspiranti talent (la produzione parla di oltre 10.000 richieste pervenute, nonostante non siano partiti i promo ufficiali del programma) prima di affrontare il temuto verdetto dei tre giudici, una volta deciso il sostituto di Simona Ventura che affiancherà i confermati Morgan e Mara Maionchi. Sul nuovo giudice rimane ancora il mistero, anche se in pole position ci sarebbe Claudia Mori (senza escludere Giorgia). Dopo Roma, le selezioni continueranno a Milano (12-14 giugno), a Bari (20-21 giugno) e Napoli (25-26 giugno).

In queste location, all’aperto, verrà allestito una sorta di “X Factor Village” che ospiterà i candidati in salette insonorizzate dedicate alle audizioni; inoltre ci sarà un grande palco dove verranno trasmessi i provini più interessanti e in serata musica live con i concerti di band emergenti e degli artisti lanciati dal talent show. In quel di Ostia si esibirà domani sera il terzo classificato Jury e domenica i Farias.

Per partecipare alle audizioni chiama lo 0423 733060 o visita il sito ufficiale: www.xfactor.rai.it





4
giugno

BONOLIS FIRMA CON MEDIASET FINO AL 2011: “CHI HA INCASTRATO PETER PAN” IN AUTUNNO E IL “SENSO DELLA VITA” IN PRIMAVERA

Paolo Bonolis @ Davide Maggio .it

Mentre vi scriviamo è in corso al 48 di Viale Europa di Cologno Monzese una conferenza stampa annunciata stamattina alle 9:30, che vede protagonisti Paolo Bonolis, Massimo Donelli, direttore di Canale 5, e Alessandro Salem, direttore generale contenuti Rti. Secondo indiscrezioni i punti di cui si dovrebbe parlare riguardano la nuova agenda di impegni televisivi di Paolo Bonolis; in particolare della firma del contratto con Mediaset, di uno show musicale con Maria De Filippi che potrebbe sfidare il Festival di Sanremo, e del ritorno di “Chi ha incastrato Peter Pan“, che noi di davidemaggio.it vi avevamo anticipato in anteprima.

E’ arrivato dunque il momento per il Paolino nazionale e l’azienda di Cologno di fare chiarezza nel mare di indiscrezioni degli ultimi tempi. Dal tipo di contratto con Mediaset, alla collocazione di quel Peter Pan che vedrà protagonista la nuova generazione di bimbi italiani; dalla collaborazione con Maria De Filippi, all’ipotesi di un possibile “contro-sanremo” da condurre proprio con la sanguinaria, alle prese in questi giorni con i casting per la nuova classe di Amici. E come al solito, per le notizie e gli aggiornamenti del caso, vi basterà leggere DM…!

[Aggiornamento 17:08: News dalla conferenza stampa] La firma del contratto è stata ufficializzata. Si tratta di un contratto a progetto in esclusiva fino al 2011.  “Chi ha incastrato Peter Pan” arriverà in autunno, mentre in primavera toccherà al ritorno del “Senso della Vita“.


4
giugno

NON SMETTERE DI SOGNARE, FICTION DA DIMENTICARE MA CHAPEAU A MEDIASET

Non Smettere di Sognare - LocandinaQuesta volta abbiamo deciso di evitare i panegirici e affermare senza riserve che Non smettere di sognare è una fiction tremenda. Nata sulla scia del successo dei vecchi film alla Flashdance, ma anche dei talent show moderni e soprattutto della miniserie Per una notte d’Amore (Raiuno), la fiction è la fiera dei luoghi comuni, il trionfo delle banalità, una favoletta sentimentalista. Se, poi, aggiungiamo che Emanuela Tittocchia vi “recita” nei panni di una conduttrice, comprendiamo come al peggio non ci sia mai fine. Eppure, se dovessimo dire che ci ha stupito il 31% di share registrato dalla fiction, non potremmo farlo.

I quasi sette milioni di spettatori erano scontati quasi come la fiction, che proprio sulla scontatezza ha costruito il successo. Nulla di più rassicurante, e che cogliesse in pieno i gusti nazionalpopolari dell’italico telespettatore, della ragazzetta dei Cesaroni che interpreta una Cenerentola, nell’ordine, orfana di madre, povera con padre alcolizzato e costretta a fare un doppio lavoro. Come se non bastasse, la protagonista ha un unico grande sogno, quello di danzare, motivo per il quale rifiuta “addirittura” la televisione (perchè la tv è peccato) e finisce per innamorarsi del tenebroso bellimbusto di turno. A molti, l’operazione sarà sembrata ”paracula”, noi, invece, la definiamo, dal punto di vista del marketing, semplicemente perfetta.

Certo, la tv dovrebbe sperimentare, andare oltre, essere proattiva  ma ogni tanto si potrebbe pensare solamente ai desideri, seppur spiccioli, del pubblico, soprattutto quando a esser realizzati sono prodotti innocui come la fiction in questione, che al massimo può spingere qualche bambina a non mollare o ad iscriversi ad una scuola di danza. Ad onor del vero, Non smettere di Sognare è l’ultimo di una serie di tv movie, in alcuni casi molto sperimentali (vedi Quattro Padri Single), proposti da Mediaset che, però, solo in questo caso è riuscita a essere pienamente in linea col pubblico, proprio a riprova di quanto detto sopra.


4
giugno

SARABANDA: ECCO IN ANTEPRIMA I NUOVI GIOCHI DEL GAME SHOW PRESERALE DI CANALE5

Sarabanda

Ci siamo. Mancano ormai pochi giorni al debutto della nuova edizione Papiless di Sarabanda (lunedi, alle 18.50 su Canale5). Se abbiamo avuto il piacere di annunciarvi in anteprima l’approdo della chiacchieratissima Belen Rodriguez alla cococonduzione del game show accanto a Teo Mammucari, non potevamo esimerci dal comunicare agli appassionati di quiz che spopolano su DM i nuovi giochi del preserale dell’ammiraglia Mediaset.

Se, infatti, ritroveremo l’Asta Musicale e il gioco finale 7×30 (faremo, comunque, una veloce ripassata), il rinnovato Sarabanda, che vede sfidarsi 4 concorrenti, presenterà alcune novità. Ecco i giochi:

1. Extra Canto: verranno mandati in onda degli RVM registrati nelle piazze italiane più frequentate da turisti extracomunitari ai quali verranno fatte indossare delle cuffie speciali con le quali ascolteranno famosi brani italiani che dovranno cantare contemporaneamente all’ascolto. La speranza sarà quella di farsi capire dai concorrenti in studio. Questi ultimi, infatti, non appena avranno capito il brano cantato dal “malcapitato” turista, potranno prenotarsi per dare la risposta. I primi 3 che indovineranno il brano passeranno al secondo gioco.

2. KaraTeo: Belen canterà il ritornello di un celebre brano e Teo leggerà la strofa della stessa canzone con dei pezzi mancanti di cui verrà fornita l’iniziale. I concorrenti che risponderanno esattamente, indovinando il pezzo mancante, guadagneranno un punto. Il concorrente con meno punti, al termine della manche, verrà eliminato. (All’inizio di questa manche ai tre concorrenti si aggiungerà il campione in carica grazie al quale i concorrenti torneranno ad essere 4).

Continua a scoprire i giochi dopo il salto: