Televisione


19
luglio

ANTICIPATO E… CONFERMATO. EDMONDO CONTI, PRODUTTORE ESECUTIVO DI ENDEMOL ITALIA A DM TV: “A TUTTI PAZZI PER LA TELE ARRIVA BEPPE BRAIDA. IL PROSSIMO PROGRAMMA VINTAGE CHE SPERO TORNI IN ONDA? OK, IL PREZZO E’ GIUSTO”

Edmondo Conti e Marco Liorni - Catania Talenti e Dintorni

Vi abbiamo annunciato in un’esclusiva anteprima l’arrivo a Tutti Pazzi per la Tele di Beppe Braida che affiancherà Antonella Clerici nella seconda edizione dello show dal sapore amarcord.

Ebbene! Il nostro inviato Carmelo Aurite ha rintracciato, in quel di Catania, il produttore esecutivo del programma, recatosi in Sicilia per ritirare l’ambito elefantino d’argento assegnato dalla manifestazione Catania Talenti e Dintorni.

Edmondo Conti ha confermato ai nostri microfoni l’arrivo del comico al prime time di Raiuno dal prossimo 15 settembre e ha approfittato per fare quattro chiacchiere con noi sulla TV che verrà, augurandosi un ritorno nei prossimi mesi di Ok Il Prezzo è Giusto e sperando che gli “amici di DM” siano più clementi con i programmi made in Endemol.

Buona visione. Il video, dopo il salto:




19
luglio

“HA TOCCATO”: 40 ANNI DOPO LA LUNGA NOTTE SI TORNA SULLA LUNA CON RAISTORIA

Rai Storia - Luna

Erano le 22.17 di domenica 20 luglio 1969, quando sul ”Programma Nazionale“, nel corso de La Notte della Luna, veniva dato quest’annuncio: “Ha toccato [...] Per la prima volta un veicolo pilotato dall’uomo, ha toccato un altro corpo celeste. Il riferimento era, ovviamente, al primo sbarco dell’uomo sulla Luna.

Sono ormai passati quarant’anni da quella straordinaria notte che lasciò un segno indelebile sulle persone, sul nostro satellite ma soprattutto sulla televisione italiana. La prima maratona televisiva Rai, durata ben 28 ore, fu un’assoluta novità per la tv, bloccata sino ad allora da rigide logiche di palinsesto. Grandi nomi del giornalismo italiano guidarono il pubblico italiano in quella lunga notte ma soltanto due sono rimasti, nel bene o nel male, impressi negli annali del giornalismo. Stiamo parlando di Tito Stagno e Ruggero Orlando protagonisti del battibecco più famoso della televisione. Mentre il primo annunciava “Ha toccato!”, il secondo in collegamento da Huston lo interrompeva dicendo “No, mancano ancora dieci metri” accendendo un lungo battibecco che fece perdere agli italiani lo storico annuncio dell’allunaggio.

Ma qualora non foste ancora nati, foste troppo piccoli o voleste rivivere l’emozione di quei momenti, Rai Storia, il più giovane dei canali digitali di mamma Rai, ha pensato ad una “settimana lunare” che vi farà rivivere quegli storici momenti. Dallo scorso mercoledì ogni giorno il canale sta già riproponendo i telegiornali del tempo raccontando, con le immagini e le voci originali, le fasi della missione Apollo 11. Nella notte tra il 20 e il 21 luglio, invece, andrà in onda la replica, quasi integrale, della diretta che la Rai, sul Programma Nazionale, trasmise quarant’anni fa e che terminerà, proprio come nel 69, alle 8 del mattino del 21 luglio. Il racconto verrà, inoltre, punteggiato da un esclusiva intervista a Tito Stagno, che condusse, insieme ad Andrea Barbato e Enzo Forcella, quella storica diretta.


18
luglio

ESCLUSIVO DM! BEPPE BRAIDA AFFIANCHERA’ ANTONELLA CLERICI A “TUTTI PAZZI PER LA TELE”

Beppe Braida e Antonella Clerici - Tutti Pazzi per la Tele

Antonella Clerici e Cristian De Sica pronti a condurre il prossimo Festival di Sanremo? Per carità. Il nostro silenzio in merito, oltre ad essere eloquente, è stato dettato proprio dalla consapevolezza che la situazione sia meno definita di quanto possa apparire. Ma nella bufala c’era una grossa verità seppur in un contesto completamente diverso dal palco dell’Ariston.

Siamo pronti ad anticiparvi, infatti, una notizia che farà sobbalzare dalla sedia Nicola Savino. Risponde a verità l’ingresso di un comico nella vita professionale della Clerici, ma niente a che vedere con la kermesse canora: a Tutti Pazzi per la Tele è pronto a prendere il posto che fu di Carlo Pistarino (“scagliatosi”contro la post-produzione dello show) Beppe Braida, messo repentinamente da parte in quel di Cologno Monzese e tutt’a un tratto orfano di un Colorado da record.

E chiamatela legge del contrappasso ma Nicola Savino orgoglioso del passaggio alla concorrenza proprio per la conquista di un prime time dopo anni di terza serata, ha inconsapevolmente ceduto al collega, involontariamente scavalcato, nientemeno che la prima serata di uno dei programmi di maggior successo della scorsa stagione televisiva. Per giunta sulla rete ammiraglia della TV di Stato.

Allo Studio 8 dei De Paolis, dove verrà realizzata la prossima edizione di Tutti Pazzi per la Tele, sono già in fermento.





18
luglio

VOCAZIONE ROSA PER RAIDUE: IN UN PALINSESTO QUASI TUTTO AL FEMMINILE, SAREBBE PRONTA ANCHE MIRIAM LEONE

Miriam LeoneRaiDue ha in Simona Ventura una regina incontrastata. Ma uno stuolo di più o meno giovani, più o meno brave, ma tutte battagliere conduttrici sta per abbattersi come un tornado rosa sul secondo canale di Stato. Tra riconferme e novità assolute, infatti, nella prossima stagione televisiva, il palinsesto di RaiDue (qui i dettagli) si declinerà (quasi) tutto al femminile.

Iniziamo proprio dal volto di punta della rete. La Mona nazionale sta trascorrendo un’estate non propriamente serena, tutta presa tra tintarelle e tele-problemi: dopo le tante defezioni di Quelli Che il Calcio ed il suo abdicare quale terzo giudice di X-Factor, Simona, ultimamente, sta vivendo anche il dramma di dover traslocare dalla sua Isola dei Famosi. Causa golpe in Honduras, infatti, un’altra isola caraibica dovrà ospitare il reality show targato RaiDue, per la prima volta in partenza in inverno.

Daria Bignardi, con le sue interviste a L’Era Glaciale, rimane invece confinata, per ora, alla seconda serata del venerdì, ma non mancheranno, queste sono le intenzioni, alcune puntate in prime time. SuperSimo, che già paventava il pericolo di perdere la corona di unica reginetta, all’inizio ha provato a dribblare il pericolo Daria, dandosi per non reperibile (che suonava più per un “non disponibile”); alla fine, però, ha ceduto anche lei alle ragion di rete e s’è immolata, a fine stagione, in una glaciale intervista. Chissà se le due riuscisanno a convivere tranquillamente.


18
luglio

COCO CHANEL SUL RED CARPET DEGLI EMMY AWARDS: PER LA PRIMA VOLTA UNA NOMINATION ITALIANA AGLI OSCAR DELLA TV AMERICANA

Coco Chanel - Shirley MacLaine

In Italia è stata vista da 6.614.000 di telespettatori (24,10% di share), riuscendo nell’impresa di superare sia Zelig che l’Isola dei famosi; negli Stati Uniti, dove è andata in onda sul network Lifetime, è stata seguita da 6 milioni di abbonati della tv via cavo, diventando la seconda miniserie nella classifica degli ascolti della tv via cavo della passata stagione.

Forte del doppio successo, in patria e all’estero, la fiction Coco Chanel, prodotta dalla italianissima Lux Vide di Matilde e Luca Bernabei per Rai Fiction con partnership francese e americana, approda sul red carpet degli oscar della Tv made in USA, i celeberrimi Emmy Awards. La categoria che accoglie questo debutto del Bel Paese nelle celebrazioni del tubo catodico a stelle e strisce è quella dedicata ai film tv, “Outstanding made for television movie“, in cui compaiono anche Grey Gardens, Into the Storm, Prayers for Bobby e Taking Change, titoli che diranno poco al pubblico italiano, ma contro i quali dovrà gareggiare la nostra fiction dedicata alla stilista parigina, ancora oggi icona incontrastata di stile ed eleganza. E così, se la critica italiana fu poco clemente con la storia di Gabrielle Bonheur Chanel, questo il vero nome di Cocò, che dovette anche subire un pesante rimprovero dal poco clemente Aldo Grasso, che bollò il film come “noioso“, gli Stati Uniti premiano il prodotto e lo candidano ai loro oscar tv, la cui cerimonia si terrà il prossimo 20 settembre a Los Angeles.

Ma questa non è l’unica nomination che la fiction si è aggiudicata grazie all’Academy of Television Arts and Sciences: diretta interessata è anche l’attrice Shirley MacLaine, che nel film tv intepreta il ruolo della protagonista da anziana, nominata nella categoria “Miglior Attrice Protagonista in una Miniserie o Film tv“. La MacLaine, che si è sempre detta molto affine allo spirito ribelle di Chanel, e affascinata dalle sue mille contraddizioni, nella corsa per la statuetta dovrà vedersela con Sigourney Weaver (Prayers for Bobby), Drew Barrymore (Grey Gardens), Jessica Lange (Grey Gardens) e Chandra Wilson (Accidental Friendship). L’attrice, premio Oscar nel 1983 come miglior attrice con il film Voglia di tenerezza, in Cocò Chanel era affiancata da Barbora Bobulova (Chanel da giovane), Malcolm McDowell, Cosimo Fusco, Sagamore Stévenin, Brigitte Boucher, Anny Duperey, Simone Spinazze, Valentina Lodovini, Olivier Sitruk, Gea Lionello e Manuel Casella.





18
luglio

SKY GUARDA AL CINEMA ITALIANO: IL 31 LUGLIO NASCE SKYCINEMA ITALIA (ANCHE PER SOSTITUIRE RAISAT)

SkyCinema Italia

Capolavori di grandi maestri del cinema made in Italy, da Fellini a Germi, da De Sica a Tornatore e più in generale di tutto il grande schermo italiano, dagli anni 40 agli anni 90. Sarà questo ciò che offrirà ai propri abbonati il nuovo canale della piattaforma di Murdoch dal 31 luglio prossimo. SkyCinema Italia, questo il nome scelto, occuperà il canale 314 dei decoder satellitari Sky.

SkyCinema Italia dedicherà alcune serate ad attori, registi e a film pluripremiati: quella del 3 agosto sarà dedicata ad Adriano Celentano, con “Segni particolari bellissimo”, seguito da “Yuppi Du” in versione restaurata; il 7 agosto una première con “Mignon è partita”, opera prima di Francesca Archibugi, premiata con 2 David di Donatello e 2 Nastri d’argento; il 27 agosto “Pacco doppio pacco e contropaccotto” di Nanni Loy. Ogni martedì in prima serata, il ciclo “Martedì da maestro” proporrà, invece, rassegne dedicate ai registi italiani più amati (durante il mese di agosto il canale renderà omaggio a Sergio Leone, con la trilogia del dollaro e “Giù la testa”).

Il canale punterà a raccogliere una ampia fascia di pubblico che probabilmente, proprio dal prossimo 31 luglio, rimarrà orfana di RaiSat Cinema. Il canale Rai dedicato al cinema italiano e internazionale, infatti, rientra nella trattativa tra la tv di Stato e la pay tv satellitare che proprio in questi giorni è al giro di boa. Se Sky non dovesse alzare l’offerta, i vertici Rai sarebbero pronti a lasciare la piattaforma per approdare su TivùSat, la nascente piattaforma satellitare free che la Rai presenterà il prossimo 22 luglio insieme a Mediaset e Telecom.


17
luglio

GSG9 SQUADRA D’ASSALTO: ADRENALINA E AZIONE MADE IN GERMANY NELL’ESTATE DI RETE4

GSG9 - Squadra d’Assalto

Cinque uomini duri e pronti a tutto pur di combattere il terrorismo internazionale e la criminalità organizzata per salvaguardare la pubblica sicurezza. Sono gli agenti della polizia federale tedesca che compongono l’unità di élite anti-terrorismo le cui vicende seguiremo, da stasera, ogni venerdì alle ore 21.10 su Retequattro in prima tv assoluta.

GSG-9 – Squadra d’assalto, questo il titolo del telefilm d’importazione teutonica, si ispira al GSG-9 (Grenzschutzgruppe 9) tedesco, squadra nata dopo il fallimento della ”normale” polizia tedesca nel salvare gli ostaggi israeliani, nel corso delle tristemente celebri Olimpiadi di Monaco del ‘72. Considerata una delle elite anti-terrorismo e operazioni speciali migliori al mondo, la squadra viene usata come benchmark da moltissime nazioni al mondo che hanno organizzato le proprie unità speciali seguendo il suo modello.

La serie, caratterizzata da un alto tasso di adrenalina e ritmo, sembra avere tutti gli ingredienti per piacere sia al pubblico maschile, alla ricerca di azione allo stato puro, che a quello femminile, sensibile al fascino e al carisma dei protagonisti. A comporre l’unità troveremo: Gebhard “Geb” Schurlau (Marc Benjamin Puch), trentatreenne capo della squadra, sposato e con due bambine; Demir Aslan (Bülent Sharif), di origini turche e assai spiritoso ; Konstantin “Konny” von Brendorp (Andreas Pietschmann), molto istruito ma che apparentemente nasconde qualcosa; Frank Wernitz (Jorres Risse), atleta e cecchino di precisione; Caspar Reindl (Bert Böhlitz), modesto e taciturno.

Di seguito la trama degli episodi in onda stasera:


17
luglio

BOOM! ANZI BOOM BOOM! CHIUDE TRL, CRISTINA DEL BASSO NUOVO VOLTO DI MTV. FUORI LA CANALIS

Cristina Del Basso - MTV, TRL

Nina Senicar a MTV? A DavideMaggio.it risulta ben altro. Tenetevi pronti, spalancate le orecchie e fate lavorare i cervelli per elaborare e metabolizzare una notizia bomba, anzi due.

Due bombe proprio come quelle di colei che, a quanto pare, è destinata ad essere il nuovo volto di MTV. E’ opportuno sapere, infatti, che la Grande Sorella Desnuda Cristina Del Basso ha sostenuto poco più di un mese fa un provino per approdare sull’emittente giovane per eccellenza del piccolo schermo italiano. E a giudicare dal sorriso raggiante che sfoggiava al party di presentazione del suo calendario e stando ad insistenti voci di corridoio, la maggiorata del Bel Paese ce l’avrebbe fatta: potremmo trovare proprio lei al timone del programma di punta di MTV, altro che Senicar. La Del Basso alla conduzione di TRL, dunque?

Eh no, qui c’è la seconda notizia. Tra le vittime del nuovo DG Giampaolo Tagliavia e del suo nettissimo taglio dei costi (ne sono espressione i numerosi contratti non rinnovati), rientrerebbe proprio TRL, programma cult di MTV che dal prossimo settembre chiuderebbe i battenti cedendo lo scettro di “programma di punta” proprio alla Del Basso e al suo nuovo “show” e trasformandosi in un semplice contenitore di video musicali senza studio e senza conduttori.  

Ed Elisabetta Canalis vi chiederete? Semplicemente silurata. Dicono.