Televisione


22
ottobre

ASCOLTI TV DI MERCOLEDI 21 OTTOBRE 2009: NESSUNO INCASTRA BONOLIS (25,95%), NEMMENO LA CHAMPIONS (21.26%). COSTANZO BATTE TUTTI IN SECONDA SERATA

Paolo Bonolis e Luca Laurenti, ascolti tv 21 ottobre 2009

PRIME TIME – 6.865.334 telespettatori: è questa l’audience di Canale5 con cui Paolo Bonolis e il suo Chi ha incastrato Peter Pan? hanno battuto per la seconda volta un prestigioso incontro di calcio. Lo share è stato del 25.95%. Su Raiuno serata dedicata al calcio, con l’incontro di Champions League fra Real Madrid e Milan, seguita da 6.122.000 tifosi con uno share del 21.26%. La settima puntata di X Factor, con l’esibizione di Whitney Houston e l’eliminazione di Cristiana, si accontenta di 2.142.000 spettatori (9.86%). Vicine ai risultati della seconda rete ci sono le indagini de La Nuova Squadra: 2.138.000 spettatori e il 7.26% di share per I Piani Alti e 2.042.000 spettatori (7.91%) per Il Bandolo della Matassa. Su Italia1, Csi Miami ha totalizzato 3.140.000 spettatori (10.64%) e a seguire, stabile, The Mentalist con 2.502.000 (9.61%). Su Rete4 il film Autumn in New York è stato visto da 2.051.000 spettatori e l’7.72% di share. Chiude La7 con Exit che totalizza 743.000 spettatori (3.16%).

ACCESS PRIME TIMEStriscia la Notizia risulta il programma più visto della giornata con 7.647.000 telespettatori e il 26.36% di share. Anche nel periodo di sovrapposizione (20:47-21:11) il programma supera, con 7.634.000 e il 26,33% share, la partita di Champions League Real Madrid – Milan in onda su Raiuno (ferma a 6.066.000 spettatori – 20.92% di share).

PRESERALE – Risultati più tiepidi del solito per L’eredità che ha raccolto 4.355.000 spettatori e il 24.78% di share, cresciuti a 5.744.000 (25.20%) per il gioco finale della Ghiogliottina. Il Milionario di Scotti, poco distante, arriva a quota 4.606.000 spettatori con il 23.67% di share.

SECONDA SERATA – Il Maurizio Costanzo Show è stato il programma più seguito in seconda serata. La quarta puntata dell’ultima edizione del talk di Costanzo ha ottenuto 1.178.000 spettatori pari al 14.89% di share battendo anche la concorrenza Rai. Porta a porta infatti ha ottenuto 866mila spettatori pari al 13.12% di share. Il Chiambretti Night si ferma a 559.000 spettatori (9.71%), Le nuove Scorie di Elena di Cioccio si fermano all’8.81% con 419.000 spettatori. Parla con Me totalizza 1.247.000 (8.44%). Il film Sfera su Rete4, del ciclo i Bellissimi, raccoglie 686.000 spettatori (10.64%).

DAYTIME – Da segnalare il 31.11% riscontrato da Verdetto Finale, il 26.62% della prima parte della Vita in Diretta e Il Mondo di Patty su Italia1 che registra uno share del 15,19%.

ASCOLTI SKY - Nell’intera giornata i canali della piattaforma Sky hanno raccolto uno share medio dell’8,8%. In prime time l’audience media dei canali Sky è stata di 2.845.781 spettatori medi con il 9,9% di share. Tra le 9 e mezzogiorno, lo share dei canali della piattaforma Sky è stato dell’8,7% mentre nel pomeriggio tra le 15 e le 18 è stato del 10,5%. Nella fascia preserale, tra le 18 e le 20.30, i canali Sky hanno registrato uno share del 7,8%. In seconda serata, tra le 22.30 e le due di notte, lo share raccolto dai canali della piattaforma Sky è stato del 10,6%.

Nell’intera giornata sono stati i canali Sky Sport e Sky Calcio (3.798.186) ad ottenere il maggior numero di contatti, seguiti dai canali Fox (3.727.522) e Sky Cinema (2.386.377). Poi Discovery (1.442.445) e Sky Uno e Sky Uno+1 (1.000.889).

In prime time sono stati i canali Sky Sport e Sky Sport (3.070.057) ad ottenere il maggior numero di contatti, seguiti dai canali Fox (1.303.585). Poi Sky Cinema (1.090.671), Discovery (524.659) e i canali Sky Uno e Sky Uno+1 (203.045).

Sui canali Sport e Calcio, 1.776.287 spettatori medi complessivi (share del 6,1%) hanno visto i match della 3^giornata della fase a gironi della Champions League, in onda dalle 20.45: in particolare, Real Madrid-Milan, su Sky Sport 1 (in Standard Definition e in High Definition) e Sky Calcio 3, è stata vista in media da 1.080.159 spettatori complessivi mentre Juventus-Maccabi Haifa, su Sky Sport 3(in Standard Definition e in High Definition) e Sky Calcio 4, ha ottenuto un ascolto medio complessivo di 506.068 spettatori.

In evidenza anche gli ascolti di “Diretta Gol Champions League”, l’esclusivo servizio per godere di tutti i match in contemporanea trasmesso da Sky SuperCalcio (in Standard Definition e in High Definition), seguito in media da 171.423 spettatori.

Sui canali Cinema, il film “Al ritmo del ballo”, trasmesso dalle 21 circa su Sky Cinema 1 (in Standard Definition e in High Definition) e Sky Cinema+1, ha ottenuto un ascolto medio complessivo di 120.780 spettatori.

Sui canali Fox, l’episodio della serie tv “Shark”, in onda dalle 21.55 circa su Fox Crime (in Standard Definition e in High Definition) e Fox Crime+1, ha ottenuto un ascolto medio complessivo di 124.611 spettatori mentre l’appuntamento con “Csi New York”, in onda dalle 22.50 circa sugli stessi canali, è stato seguito da 120.763 spettatori medi complessivi.




21
ottobre

XFACTOR 3, LA SETTIMA PUNTATA LIVE SU DAVIDEMAGGIO.IT

XFactor 3, settima puntata

Mancano poco più di 60 minuti all’inizio. Siamo pronti per commentare LIVE la settima puntata di XFactor. Per info sulla puntata clicca qui.

21:03 – INIZIO ANTE-FACTOR

iLollo alle 20:58 ha scritto: voglio fuori Damiano, e dentro qualcuno di giovane e contemporaneo! cmq puntata boom, per la prima volta in questa edizione aspetto con grande interesse la puntata!

21:05 – CESARE CREMONINI CANTA “IL PAGLIACCIO”

Peppe alle 21:10 ha scritto: Se non altro Cremonini sa cantare dal vivo! Non se se vi ricordate il disastro fatto da Neffa!

21:13 – INGRESSO SQUADRE

Peppe alle 21:14 ha scritto: Oh mio Dio che cavolo hanno in mano gli Over? Una mummia? Sono impazziti tutti! E’ un regalo per Morgan? Mi sembra azzeccato!

21:16 – FACCHINETTI APRE IL TELEVOTO

21:20 – SILVER CANTA “DRIVE MY CAR”

Peppe alle 21:19 ha scritto: Ok Silver ami i Beatles. Ma stai a casa ad ascoltarli, che non sei proprio adatto a cantà!

BIG SISTER alle 21:21 ha scritto: la cantavano meglio a non è la rai ma silver apprezzo il tentativo, sicuramente mi sembra la sua esibizione migliore!!!!

Mari 611 alle 21:22 ha scritto: E noooooooo!!!!!!! Rovinarmi i Beatles no. A casa, ma a pedate! E a casa pure Morgan che glieli ha affibiati!

21:23 – FINE ANTE-FACTOR, PUBBLICITA’

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,


21
ottobre

SCALO 76 TALENT CHIUDE I BATTENTI: IN ATTESA DI UNA NUOVA PRODUZIONE, RAIDUE RISPOLVERA “LA SIGNORA DEL WEST”

Scalo 76 Talent soppresso (Lucilla Agosti e Alessandro Rostagno)

Era nell’aria ormai da qualche settimana, ora arriva l’ufficialità: Scalo 76 Talent chiude i battenti, precisamente questo venerdì, almeno per quanto riguarda la versione infrasettimanale. Come recita il comunicato Rai, “la Direzione di Raidue ha deciso di chiudere l’appuntamento infrasettimanale di “Scalo 76 Talent”, dal lunedi al venerdi, mentre conferma la messa in onda del programma nella collocazione del sabato pomeriggio“.

E’ durata un mese circa l’avventura di Lucilla Agosti e Alessandro Rostagno nel “traballante” day time della seconda rete, i quali, insieme ai talenti più disparati, dovranno accontentarsi dello spazio del sabato alle 16.00 del pomeriggio. La chiusura (erano previste 102 puntate con finale il 23 gennaio) è ovviamente dovuta ai risultati d’ascolto (non oltre il 3% di share di media) che hanno toccato i minimi storici per Raidue. Voluto fortemente dalla precedente direzione targata Marano, Scalo76 non ha mai avuto vita facile, in tutte le versioni andate in onda. Ora il nuovo direttore Massimo Liofredi ha voluto dare un taglio definitivo alla trasmissione, guardando al futuro e soprattutto non dimenticandosi della produzione made in Mecenate (leggi qui):

“Raidue informa che è in fase di avanzata preparazione un nuovo programma che avra’ la stessa collocazione in palinsesto, una durata oraria più ampia, realizzato sempre negli studi Rai di via Mecenate a Milano, con l’impegno di avvalersi di alcuni dei collaboratori già utilizzati nella produzione cancellata”.

In attesa del nuovo programma, probabilmente condotto da Paolo Limiti, Raidue è corsa ai ripari ristrutturando il palinsesto per la seconda parte del pomeriggio, rispolverando dagli archivi Rai una serie tv datata.

Scopri dopo il salto il nuovo palinsesto di Raidue.





21
ottobre

BARBARA D’URSO SI SCUSA AL TG5: “E’ DIFFICILE MODERARE QUESTE TELERISSE”

Barbara D'Urso (Domenica Cinque, telerissa)Ci sono telerisse e telerisse. Talune possono sembrare costruite e artefatte al punto tale da strapparti un sorriso (per il nervosismo), talaltre sono fomentate ad arte grazie ad un pool di autori sempre più scaltri ed esperti in “materia”; ma ce ne sono anche alcune che risultano genuine. Queste, però, si contano sulle dita di una mano… monca!

L’ultima, famosa, telerissa di Domenica Cinque, che abbiamo descritto minuziosamente qui, ha superato ampiamente il limite del buon gusto: può essere anche naturale, infatti, che i toni si alzino, complice un argomento particolarmente caldo, ma c’è sempre un confine da non oltrepassare soprattutto per rispetto verso i telespettatori che, a patto che non siano televisivamente masochisti, a certi spettacoli difficilmente vorrebbero assistere.

La lezione sembra averla assimilata anche la stessa Barbara D’Urso, anche lei non esente da colpe per essere venuta meno al ruolo di moderatrice, fondamentale in queste occasioni. Una “redenzione” sfociata nella puntata di ieri di Pomeriggio Cinque, in cui la Bislacca ha deciso di intavolare una discussione fruttuosa (?) proprio sulle telerisse, sperando  che potesse fungere da insegnamento. Come dire, una puntata dal respiro quasi “autoreferenziale”.

Ovviamente un dibattito dai toni pacati anche perchè causare una telerissa parlando di telerisse sarebbe stato il colmo dei colmi.


21
ottobre

SKY E LA DIGITAL KEY DELLA DISCORDIA

SKY Digital Key

Abbiamo sbagliato questi mesi ad accorrere in massa, fiato in gola e bande nere agli occhi, all’acquisto di un decoder digitale terrestre. Rupert Murdoch, numero uno di NewsCorp, infatti, ha deciso di travestirsi da Babbo Natale e, per le strenne prossime venture, ha pensato ad un cadeau tanto piccolo quanto prezioso: la Digital Key, una sorta di pen drive definita anche dongle, che fungerà, appunto, da decoder in miniatura e renderà, dunque, il decoder d Sky “universale”.

Questa è solo l’ultima, sorprendente contromossa che Sky sembra essersi inventata nella guerra fredda e catodica ingaggiata contro i colossi Rai e Mediaset, mai vicini e fraterni quanto in questa vicenda. Ma, d’altronde, il “nemico del mio nemico è mio amico” e, pertanto, ecco spiegata la ragione del coalizzarsi di queste ultime due. La penultima mossa a noi nota era stata quella della creazione di una nuova piattaforma satellitare gratuita, TivùSat, in cui far migrare da parte di Rai-Set alcuni canali “scippati” alla temibile concorrente Sky, insieme ad altri 70 canali. Idea che, per ora, sembra non aver riscosso il successo sperato (leggi qui).

E in casa Rai stanno a guardare? Quasi. La questione della chiavetta della discordia è arrivata ieri all’attenzione di Sergio Zavoli, presidente della commissione di vigilanza vigila sulla Rai. Per discutere, in sostanza, della scorciatoia che Murdoch ha, così, imboccato, dopo che la Rai questa estate aveva deciso di uscire dalla piattaforma Sky e rendere, così, non accessibili i suoi canali agli abbonati della piattaforma. Scorciatoia che, di fatto, ha permesso a Sky di raggiungere il medesimo risultato, senza sborsare 55 milioni l’anno, ma, anzi, guadagnandoci pure con la vendita della suddetta chiavetta!

Roba, in sostanza, da far tremare i vetri di tutti i palazzi di Viale Mazzini. E, invece, sembra che foglia non si muova. Seppur si sia già in un autunno e seppur questo inverno si prospetti più gelido di quanto la Rai quest’estate poteva aspettarsi. Giancarlo Leone, vicedirettore generale della tv di Stato, salomonicamente afferma: “E’ vero, Sky ci offriva dei soldi. In cambio voleva i canali di RaiSat, ma anche tutti i nuovi canali digitali che avessimo creato: le clausole del contratto erano soffocanti. Noi abbiamo preferito creare un bouquet di canali in digitale terrestre, gratuiti, che ci portano già maggiori ascolti pari al 4,1%. Presto avremo importanti ricavi pubblicitari. La “chiavetta” Sky? Funziona sui decoder Hd, una minoranza“. Una minoranza. Sì, per ora.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , , ,





21
ottobre

X FACTOR 3: WHITNEY HOUSTON, CESARE CREMONINI E UN NUOVO INGRESSO, GLI INGREDIENTI DELLA SETTIMA PUNTATA

XFactor 3, Whitney Houston

Questa sera, settima puntata di “X Factor” e nuova occasione per i giudici per far entrare in gara (con il “benestare” del pubblico televotante) un nuovo concorrente per la propria categoria. Inutile dire che quella che al momento ha più bisogno di nuovi innesti è proprio la squadra dei “gruppi vocali” guidati da Mara Maionchi e Gaudi, già ridotta ad un solo componente (le “vendute” Yavanna).

Alla base di questa “moria” culminata con l’eliminazione dei Luana Biz (qui la nostra intervista, diventata oggetto di discussione anche durante l’ultima puntata del “Processo”), probabilmente l’eccessivo pragmatismo di Nonna Salice (rinomatamente priva dell’estro creativo di Morgan) e la mancanza quest’anno di un gruppo “conquista-pubblico” come l’anno scorso erano stati i Bastard Sons of Dioniso. I tre giovani trentini sono stati, infatti, i famosi “vincitori morali” della seconda edizione. Creativi, ribelli, indipendenti, il gruppo è stato la proverbiale ”scommessa vinta” della Maionchi e l’uscita del loro nuovo album “In stasi perpetua” (ben accolto dalla critica), dimostra non solo la validità artistica del trio, ma anche la lungimiranza del giudice nella scelta dei ragazzi trentini.

Super ospite della serata, Whitney Houston (in pieno tour promozionale) che interpreterà la nuovissima “Million Dollar Bill”, tratta dall’album “I Look To You”, uscito lo scorso 28 agosto e balzato subito ai vertice delle classifiche di vendita. E poi l’italianissimo Cesare Cremonini, che ritorna sul palco talent show con “Il primo bacio sulla luna”, nonchè nelle vesti di quarto giudice.

Scopri i brani assegnati ai talenti, dopo il salto:


21
ottobre

IL COLORE DEI SOLDI, E I TELESPETTATORI, RESPIRANO LA CRISI. E SE LA SOLUZIONE SI CHIAMASSE FAMILY FORTUNES?

IL COLORE DEI SOLDI FAMILY FORTUNES

Il colore dei Soldi ha chiuso i battenti, lasciando il posto ad una nuova edizione di Prendere o Lasciare, come da noi anticipato. A non abbandonarci, però, è la crisi economica. E anche sul nostro blog le difficoltà di chi ne risente sono palpabili.

Perchè mettiamo in relazione un gioco televisivo con la situazione economica in cui versa il nostro paese e gran parte del pianeta? E’ presto spiegato. Ogni giorno, uno dei post che avevamo dedicato al game-show  di Enrico Papi viene raggiunto da numerose richieste di aiuto di chi questa crisi è costretto a viverla e non si è rassegnato all’impossibilità di realizzare quei sogni che Il Colore dei Soldi aveva, nel suo piccolo e con i limiti del caso, promesso di realizzare. Arrivato dall’Inghilterra, il nuovo access della rete giovane Mediaset era, infatti, partito da due presupposti fondamentali. Il primo era quello di essere il gioco “più stressante della tv“; in secundis c’era poi l’appeal di quel montepremi destinato a realizzare un piccolo o grande progetto dichiarato da ogni concorrente prima di iniziare a giocare con gli slot colorati a cui dare il fatidico “stop“.

Fra le innumerevoli richieste di coloro che ci hanno scritto (o commentato), inconsapevoli della soppressione del programma di Papi, si possono leggere le storie più disparate. Nico e Sandro, ad esempio, sono disoccupati e hanno bisogno di una mano per poter andare avanti con la propria famiglia; Giorgio che non ha “mai avuto una bella vita“, vorrebbe semplicemente “dare due stanze al figlio a cui non ho mai potuto dare granchè“; Giulio ha 28 anni, si è laureato in Economia e Commercio, e sta facendo praticantato presso uno studio. Il suo sogno? “Non essere sfruttato in continuazione“; Nilanthi è arrivato in Italia dallo Sri Lanka, e vorrebbe semplicemente dare un futuro migliore a suo figlio; Gabriella ha “lo sfratto esecutivo e due bimbe“; Lucia lavora in macelleria, ha un fidanzato che è rimasto senza lavoro e sogna di potersi sposare. E potremmo andare avanti ancora per molto.

E allora, volendo continuare a ragionare parallelamente sui binari della crisi economica e quella del Colore dei Soldi, non si può fare a meno di chiedersi se nel nostro paese manchi proprio un gioco che ne sia lo specchio e che aiuti a sperare in un futuro più roseo. A quanto pare gli slot multicolore di Enrico Papi, con tanto di Raffaella Fico sculettante, non ci sono riusciti. Scarso appeal del meccanismo del format? Probabile, ma a nostro avviso c’è dell’altro. E per spiegarlo partiremo proprio dal paese dal quale il format “The Colour of Money” è arrivato.


21
ottobre

LE IENE COLPISCONO ANCORA: FRATE MOLESTATORE ALLONTANATO E SOSPESO.

Le Iene (Molestie in convento)

E’ sempre destinato a far discutere l’intreccio Chiesa-scandali sessuali: questa volta sono state Le Iene a portare a galla un nuovo caso di “molestie spirituali” consumatesi tra incensi e confessionali della provincia italiana, miseri comportamenti che sembrano non appartenere solo al passato e a realtà lontane (vengono in mente le gelide lande irlandesi del film Magdeline) ma a tanta contemporaneità insospettabile.

La denuncia, a cui la trasmissione ha dato sfogo ieri sera, stavolta arriva da un giovane ragazzo di Marigliano, sconvolto per le molestie di cui è rimasto vittima dopo che molto ingenuamente aveva creduto alla buona fede di un frate, teoricamente disposto solo a consolarlo spiritualmente. Un licenziamento e un mutuo da pagare, bastano queste sciagure alla vittima per cadere nella rete del molestatore, dispensatore di abbracci molto ma molto intimi in nome di Gesù Cristo.

Ma questa volta, sotto il crocifisso del Convento di San Vito, c’è una telecamera nascosta a documentare dettagliatamente le carezze molto poco confortevoli accompagnato da un folle teorema secondo cui, di fronte alle resistenze del ragazzo, il frate dichiara che non sarebbe stato peccaminoso cedere, per distruggerne definitavamente le ultime difese.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,