Televisione


21
ottobre

X FACTOR 3: WHITNEY HOUSTON, CESARE CREMONINI E UN NUOVO INGRESSO, GLI INGREDIENTI DELLA SETTIMA PUNTATA

XFactor 3, Whitney Houston

Questa sera, settima puntata di “X Factor” e nuova occasione per i giudici per far entrare in gara (con il “benestare” del pubblico televotante) un nuovo concorrente per la propria categoria. Inutile dire che quella che al momento ha più bisogno di nuovi innesti è proprio la squadra dei “gruppi vocali” guidati da Mara Maionchi e Gaudi, già ridotta ad un solo componente (le “vendute” Yavanna).

Alla base di questa “moria” culminata con l’eliminazione dei Luana Biz (qui la nostra intervista, diventata oggetto di discussione anche durante l’ultima puntata del “Processo”), probabilmente l’eccessivo pragmatismo di Nonna Salice (rinomatamente priva dell’estro creativo di Morgan) e la mancanza quest’anno di un gruppo “conquista-pubblico” come l’anno scorso erano stati i Bastard Sons of Dioniso. I tre giovani trentini sono stati, infatti, i famosi “vincitori morali” della seconda edizione. Creativi, ribelli, indipendenti, il gruppo è stato la proverbiale ”scommessa vinta” della Maionchi e l’uscita del loro nuovo album “In stasi perpetua” (ben accolto dalla critica), dimostra non solo la validità artistica del trio, ma anche la lungimiranza del giudice nella scelta dei ragazzi trentini.

Super ospite della serata, Whitney Houston (in pieno tour promozionale) che interpreterà la nuovissima “Million Dollar Bill”, tratta dall’album “I Look To You”, uscito lo scorso 28 agosto e balzato subito ai vertice delle classifiche di vendita. E poi l’italianissimo Cesare Cremonini, che ritorna sul palco talent show con “Il primo bacio sulla luna”, nonchè nelle vesti di quarto giudice.

Scopri i brani assegnati ai talenti, dopo il salto:




21
ottobre

IL COLORE DEI SOLDI, E I TELESPETTATORI, RESPIRANO LA CRISI. E SE LA SOLUZIONE SI CHIAMASSE FAMILY FORTUNES?

IL COLORE DEI SOLDI FAMILY FORTUNES

Il colore dei Soldi ha chiuso i battenti, lasciando il posto ad una nuova edizione di Prendere o Lasciare, come da noi anticipato. A non abbandonarci, però, è la crisi economica. E anche sul nostro blog le difficoltà di chi ne risente sono palpabili.

Perchè mettiamo in relazione un gioco televisivo con la situazione economica in cui versa il nostro paese e gran parte del pianeta? E’ presto spiegato. Ogni giorno, uno dei post che avevamo dedicato al game-show  di Enrico Papi viene raggiunto da numerose richieste di aiuto di chi questa crisi è costretto a viverla e non si è rassegnato all’impossibilità di realizzare quei sogni che Il Colore dei Soldi aveva, nel suo piccolo e con i limiti del caso, promesso di realizzare. Arrivato dall’Inghilterra, il nuovo access della rete giovane Mediaset era, infatti, partito da due presupposti fondamentali. Il primo era quello di essere il gioco “più stressante della tv“; in secundis c’era poi l’appeal di quel montepremi destinato a realizzare un piccolo o grande progetto dichiarato da ogni concorrente prima di iniziare a giocare con gli slot colorati a cui dare il fatidico “stop“.

Fra le innumerevoli richieste di coloro che ci hanno scritto (o commentato), inconsapevoli della soppressione del programma di Papi, si possono leggere le storie più disparate. Nico e Sandro, ad esempio, sono disoccupati e hanno bisogno di una mano per poter andare avanti con la propria famiglia; Giorgio che non ha “mai avuto una bella vita“, vorrebbe semplicemente “dare due stanze al figlio a cui non ho mai potuto dare granchè“; Giulio ha 28 anni, si è laureato in Economia e Commercio, e sta facendo praticantato presso uno studio. Il suo sogno? “Non essere sfruttato in continuazione“; Nilanthi è arrivato in Italia dallo Sri Lanka, e vorrebbe semplicemente dare un futuro migliore a suo figlio; Gabriella ha “lo sfratto esecutivo e due bimbe“; Lucia lavora in macelleria, ha un fidanzato che è rimasto senza lavoro e sogna di potersi sposare. E potremmo andare avanti ancora per molto.

E allora, volendo continuare a ragionare parallelamente sui binari della crisi economica e quella del Colore dei Soldi, non si può fare a meno di chiedersi se nel nostro paese manchi proprio un gioco che ne sia lo specchio e che aiuti a sperare in un futuro più roseo. A quanto pare gli slot multicolore di Enrico Papi, con tanto di Raffaella Fico sculettante, non ci sono riusciti. Scarso appeal del meccanismo del format? Probabile, ma a nostro avviso c’è dell’altro. E per spiegarlo partiremo proprio dal paese dal quale il format “The Colour of Money” è arrivato.


21
ottobre

LE IENE COLPISCONO ANCORA: FRATE MOLESTATORE ALLONTANATO E SOSPESO.

Le Iene (Molestie in convento)

E’ sempre destinato a far discutere l’intreccio Chiesa-scandali sessuali: questa volta sono state Le Iene a portare a galla un nuovo caso di “molestie spirituali” consumatesi tra incensi e confessionali della provincia italiana, miseri comportamenti che sembrano non appartenere solo al passato e a realtà lontane (vengono in mente le gelide lande irlandesi del film Magdeline) ma a tanta contemporaneità insospettabile.

La denuncia, a cui la trasmissione ha dato sfogo ieri sera, stavolta arriva da un giovane ragazzo di Marigliano, sconvolto per le molestie di cui è rimasto vittima dopo che molto ingenuamente aveva creduto alla buona fede di un frate, teoricamente disposto solo a consolarlo spiritualmente. Un licenziamento e un mutuo da pagare, bastano queste sciagure alla vittima per cadere nella rete del molestatore, dispensatore di abbracci molto ma molto intimi in nome di Gesù Cristo.

Ma questa volta, sotto il crocifisso del Convento di San Vito, c’è una telecamera nascosta a documentare dettagliatamente le carezze molto poco confortevoli accompagnato da un folle teorema secondo cui, di fronte alle resistenze del ragazzo, il frate dichiara che non sarebbe stato peccaminoso cedere, per distruggerne definitavamente le ultime difese.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,





21
ottobre

ANTEPRIMA DM. AMICI: GABRIELE MANZO NUOVO ALLIEVO DELLA SCUOLA. STEFANO DI MARTINO IN PARTENZA PER LOS ANGELES

Gabriele Manzo (Amici)

E’ durata poco la vacanza del banco di hip hop nella scuola di Amici. Giorgio Miceli, allievo probabilmente già dimenticato dai telespettatori, ha già trovato un degno sostituto. Possiamo, infatti, anticiparvi che il prof. Kris è riuscito a portare il proprio preferito tra i titolari degli Amici di Maria. 

Ecco così che la classe acquista un tono più black arruolando Gabriele Manzo (in basso il suo primo provino andato in onda a maggio), ballerino di colore che con la sua presenza continua una tradizione iniziata con Augusto da Graca (per gli Amici Gugu) nella seconda edizione fino ad arrivare al ballerino Leonardo Monteiro dell’ultima annata.

La puntata di oggi, però, non presenta solo questa novità. Siamo infatti in grado di anticiparvi che un allievo sarà destinatario di un ”premio speciale“, di cui finora né la De FilippiZanforlin avevano parlato: Stefano Di Martino, già molto apprezzato da Marco Garofalo che gli ha promesso un posto nella sua compagnia, potrà togliersi infatti lo sfizio di vedere in anteprima a Los Angeles il film su Michael Jackson e, in veste di inviato di Amici, potrà allegramente “lanciarsi” sul red carpet tra divi ben più navigati.

[Dopo il salto il risultato delle sfide di danza]


21
ottobre

ORCHESTRA SINFONICA NAZIONALE RAI: LA GRANDE MUSICA SUL WEB

Orchestra Sinfonica Nazionale RAIUn Auditorium grande come il web: dal 22 ottobre – con il concerto diretto da Christian Arming con Natalia Gutman al violoncello – la grande musica dell’Orchestra Sinfonica Nazionale Rai sarà in diretta su internet dall’Auditorium Rai “Arturo Toscanini” di Torino ogni giovedì, per raggiungere un pubblico sempre più vasto e proporre anche ai navigatori della rete la propria stagione concertistica, in audio e in video. In tutto ventidue concerti che saranno visibili in streaming sul sito www.orchestrasinfonica.rai.it, sui portali rai.it e rai.tv e con un link al sito www.radio3.rai.it.

Il servizio – realizzato in collaborazione tra Centro di Produzione di Torino, Radiofonia e RaiNet – ha avuto la sua “prima” lo scorso aprile con il concerto d’apertura del ciclo dedicato a Beethoven e Schubert dall’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai, con Alexander Lonquich nella doppia veste di pianista e direttore: un appuntamento seguito in diretta web da oltre tremila spettatori.

Ora la nuova stagione, con “bacchette” ed interpreti di primissimo piano del panorama musicale internazionale. Tra i direttori, musicisti come Juraj Valcuha, Jeffrey Tate, James Conlon, Roberto Abbado, Nicola Luisotti, Christopher Hogwood e Marc Albrecht; tra i solisti Nicolaj Znaider, Angela Hewitt, Enrico Dindo, Paolo Poli e Arcadi Volodos.





20
ottobre

L’ISOLA DEI BANDITI GRAZIATI: GRAZIANO MESINA PRONTO A NAUFRAGARE SULL’ISOLA DEI FAMOSI

Graziano Mesina - Isola dei Famosi

Chissà come accoglieranno la notizia i compagni d’avventura quando apprenderanno che quest’anno, per la settima edizione dell’Isola dei Famosi, si troveranno a braccetto con l’ex primula rossa del banditismo sardo, il re del Supramonte di Orgosolo. E già, Graziano Mesina, dopo 40 anni trascorsi in carcere e 5 da latitante, sembrerebbe pronto a passare da un’isola, la sua, ad un’altra, ben più famosa.

E noi che aspettavamo una repentina smentita da un altro boss, quello decisamente più buono di Magnolia, Giorgio Gori, ci siamo dovuti ricredere: la casa di produzione del più bel reality della penisola si limita a “non confermare”. Alias, ci sono buone probabilità che Graziano Mesina sull’Isola dei Famosi ci finisca davvero anche lo stesso “Grazianeddu” si affretta a chiarire: “Nessuno mi ha ancora ufficialmente contattato, ma se dovessi partecipare all’Isola dei famosi non vorrei trovarmi nelle sabbie mobili o in mezzo ai serpenti. Ho letto anch’io la notizia sui giornali, ma per ora non c’è niente. Se mi chiameranno, vedremo. Devo fare alcune valutazioni sia sul posto dove si svolgerà la trasmissione, sia sul senso della mia eventuale partecipazione”. Un modo per difendere probabilmente la propria partecipazione, vista la proverbiale riservatezza che contraddistingue il cast del reality di Simona Ventura. Altre fonti, infatti, sono pronte a giurare che sia stato contattato per entrare a far parte del cast del programma ma non abbia ancora firmato alcun contratto. “Se mi chiamano, sono pronto” avrebbe difatti dichiarato ad un’amico che, appresa la notizia da La Nuova Sardegna, lo avrebbe immediatamente contattato.

Dopo un’iniziale sconcerto, la domanda che ci poniamo è semplice: “Perchè no?“. Dopo anni in cui hanno preso parte ai reality “avanzi catodici” d’ogni tipo, l’ex bandito, forse, potrebbe affrontare con più dignità di tanti altri ”colleghi isolani” il catodico naufragio. D’altro canto, la stessa Simona Ventura ce l’aveva detto a chiare lettere: “Per il momento le donne sono molto forti e stiamo cercando gli uomini all’altezza” (qui tutta l’intervista). Se le premesse sono queste, l’eco mediatica dell’Isola mediatica più celebre del belpaese non avrà paragoni.

E sull’Isola potrebbe regnare almeno un po’ di ordine. Sempre che Mesina non decida di evadere anche da un’isola deserta.

Sei favorevole alla partecipazione di Graziano Mesina all'Isola dei Famosi?

Loading ... Loading ...


20
ottobre

CICCIOLINA CONTRO SKY PER LA SERIE “MOANA”: IL SUO PERSONAGGIO E’ STATO UTILIZZATO SENZA AUTORIZZAZIONE

Cicciolina e Moana Pozzi

Cicciolina non è soltanto il nome di una delle pornostar più conosciute al mondo, nè si può ridurre il soprannome di Ilona Staller al facile collegamento con il suo personalissimo record, quello di prima porno attrice ad aver avuto una poltrona in un parlamento.

Cicciolina è anche, e soprattutto, un marchio, che in passato ha fruttato guadagni alla diva del film per adulti legati ai suoi film, alle sue apparizioni e ai suoi scandali, studiati e, c’è da scommetterci, costruiti ad arte per attirare l’attenzione dei media, strumento che la Staller ha saputo sempre usare con enorme maestria. E se attualmente questo marchio è più un cult, una sorta di paradigma del porno declinato in chiave nostalgica, non si può dire che la Staller ci abbia messo, su quelle possibilità di guadagno, una pietra sopra. Fa notizia, dunque, la richiesta di risarcimento avanzata a Sky, rea secondo la procace Ilona, di aver usato senza autorizzazione la sua immagine per la fiction Moana, in onda il prossimo dicembre.

La serie, incentrata sulla figura di Moana Pozzi, tocca da vicino, infatti, anche la figura di Cicciolina, che alla vigilia della messa in onda parla di utilizzo illeggittimo del suo personaggio, interpretato nella finzione televisiva dall’affascinante Giorgia Wurth. “Abbiamo intrapreso un procedimento legale presso il tribunale di Roma” – ha spiegato Luca Di Carlo, il rappresentante legale di Ilona Staller – “Facciamo causa perchè c’è stato un utilizzo illegittimo del personaggio di Cicciolina, del nome e dell’immagine di Ilona Staller in relazione alla miniserie Moana. Tutto questo in assenza di autorizzazione e liberatorie da parte della Staller che ha il diritto esclusivo sul personaggio da lei inventato e registrato presso l’Ufficio Italiano Brevetti“.


20
ottobre

SIMONA VENTURA A DM: SIGNORINI? OGNUNO PUO’ ESPRIMERE LE PROPRIE OPINIONI, MA CI SI DOVREBBE GUARDARE ALLO SPECCHIO – ALL’ISOLA, DUELLO TRA DUE DONNE MOLTO HOT.

Simona Ventura, intervista esclusiva

O la si ama, o la si odia. Proprio come accade con i più grandi artisti dello showbiz. E lei è indiscutibilmente una delle primedonne della televisione italiana. Volto di punta della seconda rete della TV di Stato, totalizza con i suoi due show risultati che vanno ben al di là degli obiettivi di Raidue. Da piccola, giurava ai propri amici che un giorno avrebbe condotto la Domenica Sportiva, e così è stato ma il mondo del pallone, sua vera grande passione, non l’ha mai abbandonato e continua a seguirlo tutte le domeniche in Quelli che il Calcio. Già pronta per la prossima edizione dell’Isola dei Famosi, sulla quale ci riserva una piccola anticipazione, Simona Ventura si racconta per la prima volta, ed in esclusiva, dalle pagine di un sito web confidandosi a Davide Maggio  in un’intervista che passa al microscopio la sua carriera, i suoi progetti e il suo rapporto col pubblico. Buona lettura.

Prima di iniziare, una domanda fondamentale. Porti le mutande durante quest’intervista?

Ma io ce le ho sempre le mutande (ride, ndDM). Se non le portassi non avrei avuto quello che ho avuto.

Secondo te, il fatto che possa ancora destare scalpore il fatto che un’artista indossi o meno la biancheria intima, non ti sembra un assurdo?

Non mi sembra assurdo, mi fa ridere e non mi stupisce. C’è stato addirittura un momento in cui alcuni giornali si sono fatti la lotta per capire chi mi avesse regalato un cane. Quello che più mi è dispiaciuto, invece, è stato essere considerata una persona trash perchè non me n’ero assolutamente accorta. Tra l’altro era un fuorionda e mai avrei fatto una cosa del genere se fossi stata in onda.

 Ma poi, diciamoci la verità, ognuno fa ciò che vuole.

Ma si, a me diverte. Parliamo di cose sulle quali puoi farti una risata. Io non sarei mai intervenuta. Mi veniva da ridere quando è uscita questa cosa ma ha preso un tale piede, è diventata una cosa talmente grossa, che sono dovuta intervenire per dire “non cadiamo nel ridicolo”.

Non credi che un personaggio pubblico debba comunque essere un po’ sopra le righe?

Si, ho sempre detto che chi fa spettacolo dev’essere spettacolare ma se, naturalmente, ha questa spettacolarità dentro. Non è che uno può essere spettacolare o sopra le righe per forza. Striderebbe. Uno dev’essere ciò che è nella vita. E io nella vita sono proprio come appaio in televisione. Niente di più, niente di meno.

Voltiamo pagina, avevo definito Marano-Gori-Ventura il “trio dello svecchiamento” di Raidue. Con l’arrivo di Liofredi è cambiato qualcosa?