Televisione


31
ottobre

L’AGCOM ALZA LA VOCE SUL CASO SCAZZI: IN TV PERICOLOSA SPETTACOLARIZZAZIONE. E LUCA BERNABEI (LUX VIDE) ATTACCA LA RAI

Agcom e Bernabei contrari alla trattazione in tv del caso Scazzi, Sabrina Misseri

Prima le puntatone “esclusive”, gli speciali no stop, le giornate intere trascorse a parlare dell’omicidio della “piccola” Sarah Scazzi con una morbosità a dir poco impietosa. Poi l’indignazione, le facce sbigottite, perchè alcuni esemplari selvatici di teleguardone da obitorio avevano ben pensato di scollare le terga dal divano e andare in gita turistica ad Avetrana. Tutti a vedere da vicino il garage degli orrori di zio Michele Misseri, “l’orco”, e a scattare una bella foto ricordo. A quel punto qualcuno suggeriva che, dopo settimane passate a fomentare la curiosità degli spettatori, forse la tv aveva fatto un po’ da  tour operator a quello squallido tipo di escursionismo.

Sul ruolo e le responsabilità del piccolo schermo è intervenuto anche l’Agcom, che nei giorni scorsi ha indirizzato una lettera sull’argomento al Comitato per l’applicazione del codice di autoregolamentazione in materia di rappresentazione delle vicende giudiziarie nelle trasmissioni tv. “Lo spazio che gli organi di informazione hanno dedicato al delitto di Avetrana ha suscitato polemiche che impongono una seria riflessione“ scrive l’Autorità segnalando la pericolosa spettacolarizzazione offerta dalla tv. Oltre a danneggiare la dignità delle persone, prosegue l’Agcom, “la reiterazione ossessiva delle immagini, l’affastellarsi di ipotesi delittuose, alimentano incertezza e smarrimento nel pubblico minore all’ascolto, tanto più se in fascia protetta“.

Secondo l’organismo presideuto da Corrado Calabrò “la libertà d’informazione è forse una libertà superiore ad altre costituzionalmente protette e come tale va difesa da ogni tentativo di compressione” in modo che sia garantito un rispetto rigoroso  ”della dignità umana e della vita privata e familiare“, valori tutelati dal Trattato di Lisbona. Intanto la Procura di Taranto ha avviato un’indagine per fuga di notizie e violazione del segreto istruttorio, a cominciare dalla divulgazione dei verbali e dalle registrazioni degli interrogatori di Michele e Sabrina Misseri.




31
ottobre

BENEDETTA PARODI ARRIVA SU DAVIDEMAGGIO.IT. MARTEDI PROSSIMO, ALLE 11.30.

Benedetta Parodi

INTERVISTA A BENEDETTA PARODI

MARTEDI ALLE 11.30 su DAVIDEMAGGIO.IT


30
ottobre

E SE DOMANI: UN PILOTA SPIEGA LA SCIENZA IN TV. SU RAI3 PARTE LA NUOVA SFIDA DI ALEX ZANARDI

E Se Domani su Rai3 con Alex Zanardi

Alex Zanardi è di nuovo in pole positon, motori accesi, attende solo di partire. Il circuito non sarà tra i più semplici da praticare, ma il campione di F1 ne ha vinte tante di sfide, e anche stavolta lo spirito sembra quello giusto. Tutto pronto per divorare la strada della prima serata, l’ex pilota scatterà all’accendersi della lucina rossa, quella della telecamera. Oggi alle 21:30 Zanardi esordirà in tv alla conduzione di “E se domani. Quando l’uomo immagina il futuro“, nuovo programma di Raitre. Sarà un percorso lungo le curiosità della scienza, le innovazioni tecnologiche e le risorse di cui l’uomo dispone per vivere al meglio il presente.

L’ex pilota di F1 guiderà il pubblico e gli farà da portavoce al cospetto di esperti e luminari che, rispondendo alle sue domande, spiegheranno teorie scientifiche e studi con parole comprensibili a tutti. Una formula che si annuncia piacevole, perchè in questo modo toglie al programma di divulgazione quella sicumera che spesso annoia molti telespettatori e li allonata dai tradizionali documentari. ”L’idea si basa su una dato di fatto: Raitre fa una televisione che spiega e divulga. Così, abbiamo deciso di iniziare questo programma con questo spirito. Alex è un conduttore atipico ma allo stesso tempo molto competente, un uomo che ha saputo ricostruire la sua vita  (Zanardi ha perso le gambe in un incidente automobilistico in gara, nel 2001 ndDm)” ha commentato il direttore di Raitre Paolo Ruffini.

A partire da stasera, il programma si articolerà in sei puntate che avranno come protagonisti ricercatori, studiosi, filosofi. Nel primo appuntamento si parlerà di alimentazione con Guido Barilla e Carlo Foresta, mentre Miriam Mafai offrirà il suo punto di vista intellettuale ed etico sui temi trattati. Ci saranno anche la giornalista ambientalista Paola Maugeri, con un docureality ’ecosostenibile’, il comico Marco Del Noce,  nelle vesti del replicante di Blade Runner, e il “futurologo” Stefano Moriggi. Nelle prossime puntate interverranno anche i filosofi Massimo Cacciari e Giulio Giorello, ma anche la scienziata astrofisica Margherita Hack. Un bel gruppetto di cervelloni per l’esordio in prima serata di Alex Zanardi.





30
ottobre

BARBARA D’URSO E LE FRECCIATINE (A LA VITA) IN DIRETTA: POMERIGGIO CINQUE A DIFFERENZA DI ALTRI NON SI OCCUPA SOLO DEL CASO SCAZZI

Barbara D'Urso - Teleratti

A Napoli si dice “quando si ha il pelo in bocca non si sa tenerlo dentro” e Barbara d’Urso, da buona napoletana, tiene fede a questa perla di saggezza partenopea. Nonostante si debba riconoscerle l’impegno ad abbassare quei toni che in passato hanno reso il suo Pomeriggio Cinque un contenitore particolarmente “rumoroso”, Barbarella non ha saputo tenere a freno la lingua e nella puntata di ieri pomeriggio ha lanciato un’altra frecciatina delle sue.

Dopo aver aperto la trasmissione con l’immancabile collegamento da Avetrana, Maria Carmela ha salutato frettolosamente l’inviata Francesca Cenci per passare dal caso Scazzi ad un argomento diverso. Non senza prima, però, cogliere l’occasione per togliersi l’ennesimo sassolino dalla scarpa, dichiarando, in chiusura di collegamento, che Pomeriggio Cinque, a differenza delle altre trasmissioni, si occupa solo in minima parte del caso di Sarah Scazzi, avendo anche ” altre cose” da trattare.

Eccola qua, la d’Urso più vera, quella che, nonostante abbia ormai chiaro il concetto in base al quale polemizzando sull’operato altrui ci si da la zappa sui piedi, si veste di (falsa, agli occhi dei più) modestia, dimentica i buoni propositi e ci ricasca. Siamo lontani dalle forti e ben più esplicite dichiarazioni dello scorso anno (come dimenticare la famigerata critica a Paola Perego e il suo contenitore domenicale) ma la “frecciata” non passa comunque inosservata, e le ragioni sembrano principalmente due.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,


30
ottobre

AMICI: ARRIVA IL DEL BUFALO-PENSIERO. LA NEO-TITOLARE DIANA OSCURA PERSINO LA DIVINA COMMEDIA. CI E’ O CI FA? (FOTOGALLERY)

Amici 10, Diana Del Bufalo

Persino Dante è costretto a mettersi da parte, la prevista interrogazione decisiva dell’alunna Francesca Nicolì la vedremo, probabilmente, in una delle puntate della prossima settimana. Ad Amici quest’oggi la commissione ha deciso di fare sul serio. I concorrenti non possono permettersi di dormire sugli allori e Michelle Vitrano è costretta a lasciare la scuola. La Sanguinaria dapprima ha puntualizzato di non avere alcuna responsabilità sull’eliminazione della concorrente, e dopo il protrarsi del dramma vissuto in diretta dalla ballerina palermitana ha iniziato a lanciarle chiari segnali di insofferenza.

Per una concorrente che è costretta ad andarsene, ce ne sono due che varcano le soglie della scuola di Cinecittà: Alessandro Paparusso e Diana Del Bufalo. Nuova aria in cucina ad Amici e, come segnalano anche i nostri lettori, cosa c’è di meglio di un personaggio clownesco per risollevare l’attenzione nei confronti del talent-show?

Su Diana abbiamo parlato già a lungo. Non a caso, nella diretta appena conclusa, la Sanguinaria ha parlato del nostro articolo inerente la vena artistica che pervade la famiglia dell’allieva. Il Del Bufalo- pensiero ha imperversato nel periodo post-prandiale dell’ammiraglia: lei sostiene di non bere (non ne ha bisogno, aggiungiamo noi), presenta un look atipico che subito conquista la conduttrice, vive in un mondo parallelo. La Del Bufalo ci è fa o ci fa? Sul nostro blog il dibattito tra i lettori è già partito. Qualcuno la paragona ad una macchietta simile a un personaggio di Paola Cortellesi, qualcun altro rammenta gli idoli trash dell’ultimo decennio capeggiati dalla capostipite di tutte le Gemma del Sud del mondo: la ”divina” Jeansy  di Daveblog.





29
ottobre

X FACTOR 4: STEFANO E NEVRUZ I FAVORITI, MA LADY TATA PUNTA TUTTO SU MARIKA

Marika, la speranza di Lady Tata

Nella prima edizione Giusy Ferreri entrò alla settima puntata, sfiorò la vittoria finale e surclassò tutti in quanto a dischi venduti. Sarà per questo che Lady Tata ha visto in Marika l’ultima possibiltà per smuovere le acque ad X Factor e cercare di animare una gara poco agguerrita, dopo essere rimasta senza cantanti. La nuova pupilla di Anna è talentuosa, ma è difficile dire se riuscirà  far breccia nei cuori dei telespettatori dopo solo poche note.

Una volta riequilibrate le categorie (3 concorrenti per Mara, 2 per Elio, 1 per Enrico ed Anna), si pensa al vincitore della quarta edizione. X Factor, pronto a raddoppiare la prossima settimana (in onda martedì e sabato), fino ad ora ha “preservato” dal ballottaggio Nevruz e Stefano. Sarà proprio uno di loro a vincere il talent show?

Se così fosse, a trionfare sarebbe un cantante sui generis, che divide il pubblico, ma che, a quanto pare, ha quel qualcosa in più, che alcuni definiscono fattore X. Buone possibilità anche per Davide, che ha rischiato di uscire martedì scorso. Meno quotate le vittorie di Ruggero, dei Kymera e di Nathalie. Resta da capire il potenziale di Marika, sulla carta davvero molto forte.

XFactor 4: chi vuoi che vinca?

Vedi i risultati

Loading ... Loading ...


29
ottobre

UOMINI E DONNE: L’AMORE NON HA ETA’ MA GIRA TUTTO INTORNO A BUBI, LA PIU’ADOLESCENTE TRA LE 40ENNI.

Uomini e Donne, Bubi e Leonardo

Dopo un periodo di rodaggio, trascorso più a discettare delle differenze tra due generazioni di donne piuttosto che alla pratica del corteggiamento vero e proprio, a mettere un pò di pepe a Uomini e Donne (trono L’amore non ha età) ci pensa Bubi, al secolo Barbara Barbieri, la quarantenne più estroversa tra le corteggiatrici di Leonardo. La donna è pienamente consapevole del suo fascino e come ha detto la De Filippi nella puntata andata in onda ieri “le altre corteggiatrici si diano una mossa, altrimenti Bubi si porta a casa il tronista“.

Premesso che una donna di 40 anni circa che si fa chiamare ancora con l’appellativo “Bubi” dimostra di essere un minimo affetta dalla “Sindrome di Peter Pan”, è il suo atteggiamento a ricordare quello del prototipo tipico della corteggiatrice (che prima delle novità di questa stagione aveva mediamente 20-25 anni). Barbara, infatti, lungi dal dimostrare la maturità tipica di una donna che ha imparato come comportarsi in campo sentimentale, compie una serie di azioni che la retrocedono all’epoca dell’adolescenza.

Dalle investigazioni “in stile Perry Mason” su Facebook finalizzate a scoprire le magagne delle rivali in amore, alla lite con l’altra quarantenne Rosalia, alla sceneggiata con annesso abbandono dello studio, la atipica corteggiatrice mostra bizzarri modi di fare, televisivamente validissimi ma sicuramente più confacenti ad una delle ragazzine tanto criticate dalla corteggiatrice.


29
ottobre

SANTORO RISPARMIA IL ‘BUNGA BUNGA’ A SILVIO, EMILIO FEDE SI INDIGNA. E PER ELIO IL CASO RUBY DIVENTA UN TORMENTONE MUSICALE (VIDEO)

Berlusconi Bunga Bunga (foto tratta da Dagospia)

Alla fine il ”bunga bunga” non c’è stato, o forse sì. Ieri sera in molti si aspettavano che Michele Santoro si infilasse sotto le lenzuola di Berlusconi trattando il caso Ruby, ma invece niente. Per una volta il capo tribù di Annozero ha deciso di lasciare fuori dal villaggio della libera informazione l’ennesimo scandalo sulla vita privata del premier, tra gossip allo stato puro, cene e festicciole esuberanti nella sua villa di Arcore. Qualcuno addirittura sperava che la trasmissione di Raidue ospitasse la procace cubista marocchina che con i suoi racconti ha sollevato la bufera a luci rosse che investe il Cavaliere. Figurarsi, la ragazza è ancora minorenne… Santoro ha deciso di tenere in serbo la cartuccia per la prossima occasione. In fondo, stando a ieri sera, qual era la notizia sconvolgente? Che al Berlusca piace la “gnocca”?!

Annozero ha così dedicato la puntata all’emergenza rifiuti a Napoli e agli scontri di Terzigno, invitando in studio il capo della Protezione Civile Guido Bertolaso. Finalmente Santoro ha abbandonato i noiosissimi piagnistei sulle sue personali beghe con il DG Masi e ha trattato un argomento ben più drammatico e attuale. Apprezzabile il tentativo di dar voce alle popolazioni in difficoltà, peccato che la struttura del programma abbia suggerito agli spettatori la solita conclusione: la Campania è sommersa dalla monnezza? Colpa di Silvio, ovvio. Nonostante il dibattito pacato, la maieutica ideologica di Santoro ha funzionato anche stavolta e la sceneggiata napoletana ha fatto più effetto del tribale “bunga bunga“.

Il caso Ruby, intanto, occupava le aperture dei tg e già imperversava in altri programmi. Il direttore del tg4 Emilio Fede - che sarebbe indagato assieme a Lele Mora per favoreggiamento della prostituzione - durante il suo notiziario ha affermato con indignazione: “La fuga di notizie rischia di rovinare la dignità delle persone coinvolte in un’indagine. Sono rispettoso della giustizia, ma soprattutto della mia coscienza”. Il Tg1 ha parlato di “cene a casa del premier” ed ha attirato critiche per aver utilizzato, secondo i detrattori, troppi condizionali nel raccontare l’affaire del bunga bunga all’amatriciana. Qualcuno già attende che il direttore Minzolini confezioni un editoriale dei suoi, come aveva fatto nel giugno 2009 sul caso D’Addario (“Solo ipotesi e chiacchiericci, non si può privilegiare il gossip“). Se parla il Minzo c’è più gusto.