Televisione


17
dicembre

FINALMENTE! AMICI DOMANI ALLE 13.40. OSPITI ALESSANDRA AMOROSO, MARCO MENGONI E IL CAST DI NATALE IN SUDAFRICA

Amici 10

E’ proprio il caso di dirlo: finalmente. Il popolo della rete l’aveva richiesto a gran voce ed è stato accontentato (almeno per una settimana).  La diretta del sabato con Amici di domani tornerà della sua consueta durata di circa due ore. Con una novità, però,  l’appuntamento con Maria de Filippi è eccezionalmente anticipato alle 13.40. Nessun pericolo, dunque, per Verissimo.

Non solo un orario “sperimentale” la puntata di domani con il talent di Cinecittà prevede tante sorprese. A cominciare dalla presenza di Marco Mengoni, vincitore di XFactor, e del ritorno di Alessandra Amoroso. Accanto a loro il cast di Natale in Sudafrica (Christian De Sica, Belen Rodriguez, Max Tortora, Giorgio Panariello, Massimo Ghini, Barbara Tabita, Serena Autieri, Brenno Placido e Alessandro Cacelli).

Inoltre, visto che l’attesa per l’inizio del serale e la definizione degli allievi che accederanno alla fase finale è febbrile Amici non va in vacanza e gli allievi continueranno a prepararsi e a studiare: potremo seguire le loro vicende durante il day time quotidiano (il 20, 21, 22 dicembre e poi il 27, 28, 29 e 30 dicembre alle 16.15 su Canale 5), mentre l’appuntamento in diretta al sabato con Maria De Filippi torna il 1° gennaio 2011, alle 14.10, naturalmente su Canale 5.




17
dicembre

IL BOSS DELLE TORTE: BUDDY CON LE SUE STRABILIANTI CREAZIONI TORNA DA STASERA SU REAL TIME

Buddy Valastro

Buone notizie per gli amanti delle torte e del buonumore su Real Time torna alle 23.10 Il Boss delle Torte. Il reality con protagonista il maestro delle torte più famoso d’America, Buddy Valastro, è giunto alla terza stagione. Ritroveremo così il simpatico pasticcere che, aiutato dalla sua famiglia, si dimostra un boss nel suo mestiere.

Non c’è nessun limite alla sua fantasia e alla sua bravura, puntata dopo puntata strabilianti torte dalle forme più impensabili, dalla Torre di Pisa ad un granchio in una pentola, vengono create per accontentare la sua esigente clientela. In questa terza stagione il nostro pasticcere farà anche un viaggio in Italia, patria d’origine alla quale sembra essere molto legato. Buddy, infatta, incarna tutti i clichè degli italo-americani: è simpatico, tarchiatello, porta avanti la bottega del papà e con lui lavorano le sorelle e i cognati, sotto la supervisione ovviamente di mammà, e, come se non bastasse, è originario del del New Jersey.

Alla visione dello show astenersi, dunque, da ogni riflessione sugli stereotipi che gli americani conservano sugli abitanti del Belpaese. Ma non è l’elemento reality quello per cui valga la pena guardare Il Boss delle Torte, piuttosto per la bravura di Buddy (più che un pasticcere è “un artista”) che sbalordisce  e, manco a dirlo, fa venire l’acquolina in bocca.


17
dicembre

LA CORRIDA: ANTONELLA ELIA AFFIANCHERA’ FLAVIO INSINNA.

Antonella Elia

Non dite agli amanti della tv innovatrice che non solo sta per tornare uno dei programmi storici della tv italiana ma che addirittura La Corrida potrà contare su una presenza tutt’altro che nuova. Non dite agli ormonosi in cerca di nuove giovanissime icone femminili da idolatrare, che quest’anno potranno soltanto rivedere Michela Coppa su Youtube accontentandosi di filmati di repertorio. Non si può certo dire che la scelta passerà inosservata. 

La nuova edizione dello show del sabato sera, al via a gennaio su Canale 5 con la nuova conduzione di Flavio Insinna, ha decretato un rinnovo totale del cast. Aria nuova al sabato sera dopo l’addio di Gerry Scotti alla storica creatura portata al successo dal compianto Corrado Mantoni. Se fortunatamente la presenza del maestro Vince Tempera è durata solo una stagione e al suo posto troveremo Piero Pintucci, è il nome della “valletta” che desta la più grande sorpresa.  Flavio Insinna, infatti, secondo quanto rivelato dal quotidiano Libero, potrà avvalersi nientepopodimenochè della presenza di Antonella Elia che torna all’ovile.

Ultraquarantenne, la Elia ha già affiancato per diverse edizioni Corrado negli anni 90 prima di dedicarsi ad altre avventure mediatiche e sparire per alcuni anni dalle scene italiane. Poi complice un’Isola dei Famosi di enorme successo, è tornata a popolare il vivaio catodico con un adattissimo ruolo da opinionista. Quella della Corrida è paradossalmente la prima vera grande occasione per un rilancio in grande stile. L’opinionista di Extra Factor è una delle pochissime vallette ad aver avuto la possibilità di affiancare i 3 Grandi della compianta tv di un tempo: Mike Bongiorno, Corrado e Raimondo Vianello.





17
dicembre

FERMI TUTTI! LAMBERTO SPOSINI CONDURRA’ IL QUESTION TIME DI SANREMO 2011

Lamberto Sposini

Sembrava praticamente fatta. E invece Bruno Vespa, a poco meno di due mesi dalla partenza prevista per il 15 febbraio, non sarà più il cerimoniere dell’ormai immancabile Question Time sanremese.

Pare che il giornalista abbia declinato l’offerta ritenendo, in qualche modo, inopportuna la sua presenza ad una “manifestazione leggera” in un periodo in cui il clima politico si prospetta assai infuocato. A prendere in mano le redini del Question Time dovrebbe esserci un altro volto di Rai1, in questo momento baciato dal dio Auditel ben più del collega. A moderare gli incontri tra la stampa e il cast del Festival di Sanremo 2011 ci sarà, con ogni probabilità, Lamberto Sposini.

Il conduttore de La Vita in Diretta, dunque, si lancerebbe in un’avventura per lui nuova raccogliendo la difficile eredità di Maurizio Costanzo che, nel febbraio scorso, aveva gestito con successo lo spazio del Sanremo? Parliamone (questo il titolo scelto nell’edizione precedente per indicare il question time).


17
dicembre

ANNOZERO DI PIOMBO. LA RUSSA SE LA PRENDE CON UNO STUDENTE E DI PIETRO LO MANGANELLA: SEI UN FASCISTA (VIDEO)

Ignazio La Russa

Fascisti, sbirri, compagni e vigliacchi. Tremate tremate, gli anni di “Anni di Piombo” son tornati. Dibattito incandescente ad Annozero sugli scontri tra studenti e forze dell’ordine che martedì scorso hanno devastato la Capitale. Mancavano le mani addosso e qualche fumogeno sparato in diretta, poi il remake televisivo dei turbolenti ‘70 sarebbe stato perfetto. Ieri sera la trasmissione di Michele Santoro ha raccontato le violente proteste di Roma attraverso un reportage del giornalista Sandro Ruotolo; un servizio di ottima fattura che ha colto in presa diretta e i momenti più concitati della guerriglia urbana. Alle immagini sono seguite le parole dello studente Luca Cafagna che ha tentato di motivare le ragioni e le forme del dissenso. E’ a quel punto che Ignazio La Russa, presente in studio, ha perso le staffe ed è cominciata la bagarre.

Sei un fifone e un vigliacco, un incapaceha sbottato il Ministro della Difesa interrompendo lo studente. Poi ha minacciato di abbandonare la trasmissione e ha accusato: “È una vergogna che qui non ci sia a parlare un ragazzo in divisa, un poliziotto“. Alla repentina sfuriata di La Russa ha replicato lo stesso Cafagna (“Lei è figlio di una cultura politica intollerante“), il quale ha però tergiversato sulle stringenti domande di Pierferdinando Casini e di Santoro che gli chiedevano se giustificasse o meno la violenza delle manifestazioni. A quel punto tramontava definitivamente la possibilità di mantenere il dibattito su toni civili e lo studente la sparava grossa: “La verità è che a Roma la Polizia difendeva la compravendita dei voti“. Boom.

La deflagrazione ha scosso pure Antonio Di Pietro, che dopo qualche attimo di stordimento (pareva stranamente taciturno ndDm) trovava la carica per rimproverare a tono l’irruento La Russa. “Non lasci parlare gli altri, sei un fascista!” ha inveito il leader Idv. “E tu sei un analfabeta“ gli ha risposto il Ministro. A spezzare la tensione, una battuta di Casini: “Ora vedete perché ho creato il terzo polo?“. Ieri sera ad Annozero è stata stracciata l’artificiosità che spesso incarta il dibattito politico in tv e così il pubblico ha potuto assistitere ad un momento di autentico reality.





16
dicembre

PARENTHOOD: DA QUESTA SERA SU JOI LE VICENDE DELLA FAMIGLIA BRAVERMAN CON IL RITORNO DI “LORELAI GILMORE”

Parenthood

Sembra davvero un prodotto di buon livello, quello proposto a partire dalle 21.00 di questa sera dal canale digitale Joi: un regista come Ron Howard (uno che di famiglie se ne intende, avendo interpretato l’indimenticabile Richie Cunningham, il figlio che tutta l’America avrebbe voluto avere), due attori già conosciuti ed apprezzati come Peter Krause (Six feet under e Dirty Sexy Money) e Lauren Graham (Una mamma per amica) e una sigla “cult” come Forever young di Bob Dylan.

Sono questi gli ingredienti di Parenthoodtermine inglese che indica la condizione di essere genitore – l’ennesima storia familiare sviluppata in una serie televisiva made in USA. Parenthood è un’idea di Ron Howard datata 1989 che prende le sembianze di un family drama dopo esser stata declinata in un lungometraggio dall’omonimo titolo (1989) che gli adattatori italiani hanno tramutato in “Parenti, amici e tanti guai” e in una non indimenticabile situation comedy dell’anno successivo (titolo italiano “Fra nonni e nipoti”) trasmessa da Rai1 nel 1990 e replicata da Joi – con il chiaro scopo di avvicinare il pubblico del digitale a questa nuova versione – nel luglio di quest’anno.

Il nucleo familiare raccontato da Parenthood è quello della famiglia Braverman con tre generazioni a confronto: i due genitori settantenni, quattro figli ormai adulti e sposati – che oscillano tra i trenta e i quaranta – e i nipotini. Sembra un copione scontato, con una trama che oscilla tra la comicità di Modern Family e le riflessioni di Brothers and Sisters (il New York Times l’ha definito una “copia” di quest’ultima), in realtà i punti di forza della serie che debutta questa sera sono le caratterizzazioni dei personaggi principali, in particolare di Adam (Peter Krause) – un padre apparentemente perfetto alle prese con la sofferenza di un figlio autistico – e Julia (Erika Christensen), avvocato di successo e punto di riferimento della proprio nucleo familiare, sostenuta da un marito che si occupa di compiti tipicamente femminili come l’accudire la figlia di 5 anni o la cura della casa.


16
dicembre

KALISPERA: IL BUONASERA DI SIGNORINI PIACE DI PIU’ AI GIOVANI E AL SUD, DI MENO AI LAUREATI.

Kalispera analisi auditel

Grande attesa ieri sera per la prima puntata di Kalispera, il nuovo talk show di Canale5 targato Alfonso Signorini. Dopo varie ospitate a destra e manca (Grande Fratello e Verissimo, di cui è anche autore), i dirigenti di Cologno Monzese hanno deciso di puntare sul noto Direttore di Chi e Sorrisi per allietare i telespettatori nella seconda serata “natalizia” di Canale5. Complice anche il traino di Paperissima, Kalispera parte “col botto” e totalizza nel target individui il 19.35% con 2.041.487 spettatori (target commerciale: 20.27%) mentre Porta a Porta su Rai1, dedicato ancora al post-fiducia al Governo, si ferma al 13.49% con 1.404.179 spettatori (target commerciale: 11.29%). Andiamo però ad analizzare nel dettaglio gli ascolti del programma che vede alla corte del Direttorissimo anche Elena Santarelli, Ana Laura Ribas e Gabriele Parpiglia.

Kalispera piace a tutti, soprattutto alle donne nel cui target raggiunge il 22.94%, ma anche agli uomini non è dispiaciuto dare uno sguardo alle vicende di casa Signorini (15.12%). Divisi invece i laureati che hanno puntato sullo show satirico di Serena Dandini preferendolo a Porta a Porta e Kalispera. I meno “studiosi” invece si sono dirottati in massa sul talk di Canale5. Per quanto riguarda la divisione territoriale, Kalispera vola nel Sud e Isole (23.24%) mentre arranca nel Nord-est che si divide tra Canale5 (14.95%) e Rai3 (14.29%).

Come facilmente prevedibile, Kalispera vince in tutti i target età tranne che nei 55/64 (Canale5: 13.93%, Rai1: 18.53%) e tra gli over65 (Canale5: 15.95%, Rai1: 21.52%). Nel target 15/19 predomina il talk di Signorini con il 27.43% (asfaltato Porta a Porta al 5.74%), stessa situazione nei 20/24 (Kalispera: 27.93%, Porta a Porta: 6.80%). Il “buonasera” del Direttore di Sorrisi è piaciuto in misura minore anche nei 25/34 (22.10%, Porta a Porta 9.90%), nei 35/44 (22.65%, Porta a Porta 6.92%) e nei 45/54 (20.12%, cresce Porta a Porta all’11.26%).


16
dicembre

SNL: MALGRADO UNA CARRIERA IN CADUTA LIBERA LAURA FREDDI SENTE ODORE DI FLOP E LASCIA IL CAST.

Laura Freddi

Al Saturday Night Live piove sul bagnato. Dopo una prima registrazione talmente disastrosa da non meritare la messa in onda (per maggiori info clicca qui), un’altra tegola si abbatte sullo show comico di Italia1. Laura Freddi, prevista nel cast della trasmissione insieme tra gli altri a Juliana Moreira ed Elenoire Casalegno, ha deciso di dare forfait a pochi giorni dalla partenza. Ebbene sì, malgrado una carriera in caduta libera segnata da cinque anni di pausa della televisione, l’ex velina  ha scelto di non prendere più parte al SNL che prenderà il via domenica prossima in seconda serata.

Nessuno screzio con Elenoire Casalegno, come si poteva pensare facendo riferimento a delle indiscrezioni di stampa, alla base della defezione sembrano esserci valutazioni di merito sul programma. Probabile che la Freddi abbia sentito odore di flop e per questo abbia voluto tirarsi indietro. Ad ogni modo, anche se il SNL poteva non essere la migliore occasione  possibile per un rilancio professionale, la bionda showgirl avrebbe, a parer nostro, avuto le opportunità di dimostrare il suo talento e dire a tutti che “ancora esiste”.

Sulla prossima partenza del Saturday Night Live, invece, una domanda sorge spontanea e se tutte queste “disgrazie” portassero fortuna? Ce lo auguriamo per loro.