Televisione


21
aprile

SOGNI D’AMORE ED IMPEGNO CIVILE: DA STASERA SU RAIUNO TANTE FAVOLE DI VITA COMUNE

I sogni son Desideri @ Davide Maggio .it

Prende il via stasera in prima serata su RaiunoI sogni son desideri”,  il nuovo programma di intrattenimento condotto da Caterina Balivo, con la partecipazione di Marco Liorni. Al centro dello show i desideri della gente comune, quei sogni che emozionano ed accomunano tutte le generazioni. Non a caso il simbolo scelto per raccontare le storie del nuovo people show di raiuno è una vera e propria icona del mondo delle fiabe, Cenerentola. Sarà proprio la sua storia a fare da sfondo a “I sogni son desideri”, a partire dal titolo e dalla sigla, fino all’ambientazione scenografica e al “C’era una volta…” con cui inizierà il racconto delle tante fiabe di vita vera che si avvicenderanno nel corso delle sei puntate.

Non saranno fatti regali preziosi nè esaudite richieste effimere: lo scopo de “I sogni son desideri” è quello di aiutare il suo pubblico a sognare un futuro migliore o anche semplicemente aiutare qualcuno a dire, in maniera spettacolare ed incisiva, “grazie” ad un amico, un genitore, un fratello per tutto ciò che di importante ha fatto; un modo per riflettere su come spesso è più prezioso un gesto semplice e un riconoscimento, di qualsiasi regalo. Ad aiutare Caterina Balivo nell’impresa di far diventare i sogni realtà, ci sarà un vero e proprio principe azzurro: Marco Liorni, al debutto sulla rete ammiraglia.

Sarà lui a girare l’Italia per raggiungere tutte quelle persone che hanno sperato ne “I sogni son desideri” per poter cambiare la propria vita ed accogliere in un periodo buio una “scintilla di magia”. Ma la bacchetta magica di questa fiaba televisiva toccherà anche l’impegno civile, attraverso un viaggio nell’Italia della legalità che lotta quotidianamente, con il supporto dello Stato e delle massime istituzioni, contro un passato ed un presente che impedisce a volte di crescere e migliorare. Molte, infatti, le associazioni di volontari che hanno scritto da varie zone d’Italia al programma, chiedendo attenzione e aiuto per poter guardare in modo nuovo la propria vita.




21
aprile

AMICI 9: RIVOLUZIONE NEL CORPO DOCENTI

Amici Carbone Mensah Satragno Vancol Cantarelli @ Davide Maggio .it

Archiviata l’ottava edizione, con il solito carico di polemiche e più che lusinghieri dati d’ascolto, Maria “la sanguinaria” scalda i motori in vista di Amici 9. La campanella tornerà a suonare a settembre nella scuola televisiva più famosa d’Italia nella quale, anche quest’anno, non mancheranno le novità.

Pensionata la categoria recitazione (quanto meno questo è ciò che è apparso nella prima puntata di Amici Casting), da anni mortificata e privata di visibilità, (ci mancherai Fioretta), anche il ballo godrà di maggiore spazio e lustro, attraverso l’arrivo di nuovi docenti e la previsione di un contratto annuale per i tre ballerini più meritevoli. Accanto ai confermatissimi Garrison, Steve La Chance, Maura Paparo e Alessandra Celentano, siederanno in commissione, infatti, pronti a fustigare eventuali portatori sani di braccia corte, teste grandi e vistosi colli del piede: Giuseppe Carbone e Hans Camille Vancol.

Siciliano, classe 1939, Giuseppe Carbone (1) è stato direttore del corpo di ballo della Fenice di Venezia, del Regio di Torino, della Scala di Milano, dell’Arena di Verona e dell’Opera di Roma. Una carriera prestigiosa la sua, una straordinaria professionalità e competenza alle quali ci auguriamo attingano a piene mani i nuovi discepoli. Ballerino, insegnante e coreografo, con un’esperienza alle spalle di ben 25 anni, Hans Camille Vancol (2) è l’inventore di un nuovo metodo didattico di danza jazz chiamato “neojazz”. Pluripremiato per le sue regie, direttore della Vic Ballet Academy, Vancol è, altresì, direttore artistico di Dream On, progetto di prevenzione promosso dalla Regione Veneto e dall’Osservatorio Regionale sulle Dipendenze di Verona.

Dopo il salto, i nuovi docenti di canto:


21
aprile

GRANDE FRATELLO 9: FRA TEMI SOCIALI E ASCOLTI DA RECORD TRIONFA FERDI.

Grande Fratello 9 Vince Ferdi @ Davide Maggio .it

E’ Ferdi il vincitore di Grande Fratello 9. Il ragazzo 22enne di origini rom, arrivato clandestinamente in Italia più di 10 anni fa dal Montenegro a bordo di un gommone e ora perfettamente integrato nel nostro paese (lavora come aiuto cuoco a Fano e ha fatto il provino per GF agli open cast di Rimini), si è aggiudicato il montepremi finale di 300.000 euro, riuscendo a battere la concorrenza degli altri 3 finalisti: il “playboy” Gianluca (quarto classificato), la supermaggiorata Cristina (terza), e il fornaio Marcello (secondo classificato).

Abbandonato dalla madre quando era piccolissimo (l’ha rivista in un videomessaggio grazie a GF) e separato dalla sorella (anche da parte sua un videomessaggio durante il reality), Ferdi è arrivato nel nostro paese insieme al padre che l’ha costretto a rubare e a partecipare a combattimenti clandestini tra minorenni. I due sono stati separati dalle forze dell’ordine e Ferdi è cresciuto poi in un istituto. Nonostante le difficoltà non si è mai arreso e, infatti, il suo motto è “viviamo per qualcosa di più grande”. Tra i suoi sogni c’è quello di iscriversi all’università. Sin dai periodi bui della sua travagliata infanzia con il padre, Ferdi aveva intuito che la sua via di salvezza sarebbero stati lo studio, l’impegno e la dedizione al lavoro. Con la sua vittoria, dopo 99 giorni e 2.500 ore di diretta televisiva, si chiude un’edizione da record del padre di tutti i reality. A stasera, infatti, GF9 ha una media di oltre 6.500.000 spettatori e del 30,7% di share sul target commerciale, con puntate che hanno raggiunto picchi superiori ai 10.200.000 spettatori e vicini al 55% di share.

Il programma condotto da Alessia Marcuzzi (che con questa edizione e 63 puntate di prime time diventa la conduttrice più longeva del reality) ha registrato un grande successo anche sul web: il sito ufficiale registra ogni giorno oltre 100.000 visitatori unici, centinaia sono i gruppi nati su Facebook e i video caricati quotidianamente su YouTube dedicati ai protagonisti del reality. La puntata di questa sera si è aperta con un’enorme sfera, posizionata in giardino, che, sulle note di Knocking on heaven’s door, ha iniziato a pulsare come un cuore, simbolo delle forti emozioni vissute dai quattro finalisti. Tutti gli ex concorrenti si sono esibiti poi in un balletto in perfetto stile Bollywood sulle note di Jai Ho dal film The Millonaire.





20
aprile

GRANDE FRATELLO 9 ULTIMO ATTO. BELEN RODRIGUEZ E WALTER NUDO NELLA CASA. MA LA DOMANDA E’: CHI VINCERA’? DITE LA VOSTRA!

Grande Fratello 9 La Finale @ Davide Maggio .it

Dopo 99 giorni, fiumi di polemiche e ascolti record (media di 6.524.000 di telespettatori e del 30,7% di share sul target commerciale) è ora di calare il sipario sulla nona edizione del Grande Fratello. La finale, in onda stasera, promette di essere all’altezza di un’edizione che ci ha regalato grandi emozioni. 

Si inizia con Alessia Marcuzzi e gli ex concorrenti di questa edizione che danzeranno sulle note di Jai ho, la colonna sonora del film The Millionaire. Come in ogni finale che si rispetti, poi, non mancheranno gli ospiti famosi: Belen Rodriguez e Walter Nudo saranno chiamati infatti, la prima, ”a mettere a dura prova” Marcello e Gianluca, ossia gli agenti segreti 035 e 081, il secondo a fare una sorpresa a Cristina, sua grande fan. Ospiti famosi ma anche tante sorprese attendono i quattro finalisti, tra queste la più toccante sarà destinata a Marcello, il Grande Fratello gli mostrerà un videomessaggio del suo padre naturale.

Spazio anche a Francesca che dopo una settimana in isolamento fa il suo ingresso in studio pronta a fornire ulteriori chiarimenti sulla lite scatenatasi con Gianluca e sulla sua storia d’amore con Ferdi. E a proposito della burrascosa querelle tra il napoletano trapiantato a Holliwood e il montenegrino, scopriremo se il Grande Fratello ha deciso di prendere provvedimenti. Gli occhi, dunque, saranno tutti su di loro: Gianluca, Cristina, Marcello e Ferdi. Chi vincerà? Noi di DM abbiamo provato a fare il punto della situazione sui quattro finalisti e sulle loro probabilità di vittoria:


20
aprile

X FACTOR: 500.000 TELEVOTI PER LA FINALE, MA SOLO 16 DI SCARTO TRA MATTEO E I BASTARD. FACCHINETTI: “AL PRIMO POSTO LA CREDIBILITA’ DELLA MUSICA”, MAIONCHI: “UN MIRACOLO IL ROCK IN FINALE”

Matteo Becucci e Morgan

E’ calato il sipario sulla seconda edizione di X Factor con la vittoria, per soli 16 voti, di Matteo Becucci, riuscito nell’impresa di battere i favoriti The Bastard sons of Dioniso e Jury. La finale su Raiuno è stato un successo (quasi 4 milioni e mezzo di telespettatori e il 22.76% di share, con picchi di 6 milioni e del 35%) e il talent show si appresta a tornare su Raidue già a partire da settembre. A pochi minuti dal verdetto finale, il conduttore Francesco Facchinetti, Mara Maionchi e i finalisti hanno incontrato la stampa e  rilasciato interessanti dichiarazioni.

Per Facchinettila vittoria di Matteo è meritata, ha fatto tanta gavetta, un percorso in salita, le cover che ha cantato sono finite subito in top10 su I tunes. Jury ha dimostrato una grande forza, è un ottimo comunicatore. I The Bastard sono la rivelazione del programma, hanno portato in prima serata un genere musicale, il rock, molto difficile in Italia e hanno avuto il coraggio di portare un pezzo che li rappresenta al 100%“.

La vittoria di Matteo è stata risicata al massimo: 16 voti di scarto su 500.000 televoti arrivati durante tutta la serata; Facchinetti commenta: “anche nella semifinale la differenza di voti era davvero minima. Programmi che fanno il 28% di share non arrivano a questi numeri di televoto, noi andiamo nella direzione della credibilità contro forti competitor, ma l’importante è che ci sia sempre più spazio a programmi del genere, quello che conta è il fine comune, scoprire e lanciare dei veri talenti. In due edizioni non ho mai visto una lite tra i cantanti, questo testimonia l’armonia del programma, tutto incentrato sulla musica”.

Se Morgan ha portato a casa la vittoria per la seconda volta, anche Mara Maionchi piò considerarsi vincitrice: “Portare il rock in prima serata, arrivare in finale e non aver vinto per 16 voti è un miracolo, e questo tutto merito dei Bastardi. Per loro è solo l’inizio, in autunno arriverà il primo album di inediti”.





20
aprile

GRANDE FRATELLO 9, LA FINALE. CONSIDERAZIONI E RICORDI DI UN SUCCESSO LUNGO 3 MESI

Grande Fratello 9 Finalisti @ Davide Maggio .it

Abbiamo gioito, sofferto, riso e pianto insieme a loro. Abbiamo imparato a conoscerli, ci siamo appassionati alle loro storie, li abbiamo derisi e crudelmente sbeffeggiati e ora stiamo per salutarli. In poco più di tre mesi tante cose sono cambiate.

99 giorni fa ignoravamo che fra i nani di Biancaneve vi fossero anche “Nannolo e Emmolo”, o che il must del nuovo millennio fosse presentarsi in discoteca con un nano (vero) al guinzaglio, né minimamente sospettavamo che la casa più spiata d’Italia si sarebbe trasformata nell’ormai tristemente nota “Villa Grande Fratello”, casa di cura per disadattati mentali senza alcuna seria possibilità di guarigione. Ingenuamente credevamo che non vi fosse al mondo persona più goffa nel ballo di Luca Giurato, ma Marcello c’ha smentito, o più drammaticamente instabile di Karina Cascella, la quale, vista all’opera la mai dimenticata Federica, d’un tratto c’è apparsa come un’asceta tibetano.

Volge a conclusione, dunque, la nona edizione del Grande Fratello, un’edizione fortunata e coronata da più che lusinghieri risultati in termini d’ascolto (il programma ha viaggiato intorno ad una media superiore al 30%). Un cast ricco (un record con addirittura 25 ingressi) e, indiscutibilmente, ben assortito che ha fatto la vera fortuna del programma, quest’anno, dopo l’emorragia d’ascolti degli ultimi anni.


20
aprile

AL VIA I TELERATTI 2009: QUANDO I TELEGATTI NON CI SONO… I TELERATTI BALLANO!

TeleRatti 2009 - Da Domani

Ladies and gentlemen, Siori e Siore… puntuali come un orologio svizzero e sicuramente più puntuali di un treno regionale italiano, tornano per il terzo anno consecutivo I Teleratti, la web manifestazione di davidemaggio.it che si pone l’ambizioso obiettivo di “premiare” il peggio della stagione televisiva in dirittura d’arrivo.

Numerose le novità di questa edizione 2009: una giuria prestigiosissima di 13 raffinate penne del giornalismo italiano, 17 esilaranti categorie, una ”sorpresa materiale”, un regolamento rinnovato e un claim straordinario.

Non poteva essere certamente trascurata, infatti, una delle più significative mancanze nei palinsesti televisivi di quest’anno e, proprio per questo, la terza edizione dei Teleratti avrà un claim decisamente originale: “Quando i Telegatti non ci sono… i TeleRatti ballano!“. E i ratti televisivi più celebri del Paese apriranno le danze domani, quando potrete iniziare a scremare programmi e personaggi da mandare in nominations.

In attesa di tutti i dettagli, una comunicazione rivolta ai webmaster, gestori di portali web, titolari di blog, siti, testate online: quest’anno c’è la possibilità di contribuire all’elezione del peggio della tv 2009 portando le preferenze dei propri lettori su davidemaggio.it per le relative segnalazioni e votazioni. Basterà richiedere l’apposito banner all’indirizzo email press@davidemaggio.it ed inserirlo nel sito per il quale si richiede il “gemellaggio”. Tutti i siti/blog che sposeranno l’iniziativa verranno elencati nel post di chiusura della manifestazione e nei comunicati stampa finali.


20
aprile

LE POLEMICHE NON SEMPRE VINCONO: E’ BALDINI IL CONTADINO TRIONFATORE DELLA FATTORIA 4

La Fattoria 4 Marco Baldini @ Davide Maggio .it

La Fattoria 4 ha dimostrato in poco più di un mese che le polemiche non sempre servono. In una finale piena zeppa di tele risse mancate e polemiche su amori e amorazzi vari, a trionfare con il 68% dei voti è stato Marco Baldini, arrivato in finale con una petulante Morena Zapparoli Funari.

Non sembrano aver giovato agli ascolti le polemiche stagnanti del reality bucolico di Canale5, che non ha neanche potuto contare su coloro che erano, o avrebbero dovuto essere i due “attori” principali: Fabrizio Corona e Marina Ripa di Meana. Due assenze che hanno, di puntata in puntata, fatto subodorare un sempre più fastidioso… odor di flop. E le polemiche non sono servite nemmeno ai loro protagonisti, perchè nessuno di loro ha avuto l’onore (se di onore si tratta) di trovarsi al televoto finale che ha decretato la vittoria della spalla storica di Fiorello.

Dai tradimenti di Lory Del Santo al negazionismo (sentimentale) di Marianne Puglia; dalle dichiarazioni di Mara Venier (che ha prontamento smentito di essersi pentita di aver preso parte al reality) ai presunti scoop di Roberto Alessi: tutta la puntata non è stata altro che un carosello dedito al gossip, con una conduttrice che lascia i suoi concorrenti fermi per segmenti interi del programma, al fine di potersi dedicare agli inciuci da salotto tanto graditi ad ospiti ed opinionisti. Ma l’ultima della Fattoria ha visto trionfare colui che non ha mai avuto bisogno di scontri come questi, che ha vissuto il soggiorno a Paraty fra un battuta e un patetico tentativo di far passare una nomination verso un collega come l’atto più doloroso e faticoso che ci possa mai capitare di dover fare nella vita. Ha vinto il buonismo, se così vogliamo chiamarlo, di chi non metteva mai becco nelle discussioni. E se i suoi compagni non mancavano di farglielo notare, additandolo fino alla fine come “quello che non si è mai schierato”, erano comunque pronti a tifare per lui, in barba ad una Morena in grado di asfissiare chiunque con le sue lamentele ritmate come le più noiose fra le nenie.