Televisione


26
giugno

DESAPARECIDOS: LORENZO CIOMPI, SARA RICCI, DANIELA FAZZOLARI E MASSIMO BULLA, QUANDO LA SOAP È UN IMPIETOSO UFFICIO DI COLLOCAMENTO…

Daniela Fazzolari, Massimo Bulla, Sara Ricci e Lorenzo Ciompi

Vivere, Centovetrine e Incantesimo: tre soap opera in piena regola che danno lavoro a tutti. Un vero e proprio ufficio di collocamento che scova talenti e brucia mancate promesse al sacro mondo della tv. Bastano pochi minuti al giorno di messa in onda per conquistare il pubblico, per appassionarlo o per irretirlo. Ma bastano altrettanti minuti per far si che lo stesso pubblico si dimentichi della loro esistenza mediatica. Che fine hanno fatto vecchie glorie della soap nostrana?

Lorenzo Ciompi è stato il feticcio dorato di Vivere per molti anni, il cattivo per antonomasia, vittima degli intrighi di Rebecca Sarpi (l’ottima desaparecida Annamaria Malipiero). Ha studiato all’Actor’s Studio di New York e ha anche prestato la sua indiscussa professionalità nella sesta serie di Incantesimo, con Antonia Liskova. Dopo Questa è la mia terra, semi-fortunata fiction di Canale 5 sullo sfondo delle bonifiche dell’Agro Pontino, l’attore è sparito dalle scene. Ricercato.

Sara Ricci. Il nome magari non vi suggerisce nulla, ma in realtà dietro di lei si nasconde il magistrato Adriana Gherardi, eroina romantica e anche un po’ idealista di Vivere. Il pubblico femminile predilige notevolmente i caratteri maschili, i bei tenebrosi che talvolta hanno successo anche al di fuori delle solite produzioni giornaliere. Ma per le attrici, lasciare per sempre i cinque minuti di popolarità televisiva quotidiana equivale a inabissarsi in un paludoso ambiente di non ritorno. Il risultato? O si va a finire a fare l’opinionista all’Italia allo Specchio, e Sara Ricci ne sa qualcosa, o si ritorna a zappare i campi. Prepariamo le vanghe.




25
giugno

ADDIO FARRAH FAWCETT, ICONA POP ED INDIMENTICATO ANGELO BIONDO DELLA TV

Farrah Fawcett @ Davide Maggio .it

Se ne è andata poco dopo l’annuncio, da parte di Ryan O’Neall, il suo compagno, di un matrimonio da celebrarsi appena lei avesse avuto la forza di pronunciare il fatidico si. Stiamo parlando dell’angelo biondo Farrah Fawcett, che per il pubblico di tutto il mondo è rimasta nell’immaginario collettivo come la più popolare delle tre Charlie’s Angels.

Autentica icona pop, il cui mito è andato oltre la generazione di chi ha potuto apprezzarla all’apice del suo successo televisivo, Farrah Fawcett si è spenta oggi, a 62 anni, nella clinica di Los Angeles in cui era ricoverata per continuare la battaglia contro quel cancro di cui non ha mai fatto mistero, e dal quale era stata colpita nel 2006. Ha vissuto la malattia con dignità, l’angelo di Charlie, facendo anche discutere per la sua scelta di vivere parte delle cure sotto l’occhio impietoso delle telecamere, il cui scopo era quello di mostrare, in un documentario, la lotta per la sopravvivenza contro un male che troppe volte colpisce e vince. Da quando aveva incontrato la malattia, l’attrice si era dedicata ad attività di supporto e promozione della ricerca scientifica.

Farrah Fawcett è nata nel 1947. Dopo aver posato come modella per alcune pubblicità incontra la popolarità con il serial Charlie’s Angels, prodotto da un vero e proprio genio dei telefilm, Aaron Spelling, in cui interpreta Jill Munroe, l’angelo sportivo. Il suo volto è da sempre associato a questo show, che la rese famosa, e che grazie alla sua interpretazione, e a quella delle sue colleghe, Jaclyn Smith e Kate Jackson, entrò nel cuore di milioni di spettatori in tutto il mondo. Dopo aver lasciato il piccolo schermo prova la carriera cinematografica, tentativo che non si realizzerà mai veramente e che la vedrà impegnata in pochi film di successo, fra i quali Saturn III (1980), Oltre ogni Limite (1986), L’apostolo (1997) e Il Dottor T e le donne (2000).

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,


25
giugno

ZITELLA REFERENZIATA CERCA TRONISTA AL SECONDO GIRO. NO PERDITEMPO.

Zitella Cerca Tronista

Voglio lanciare un appello alla tv. Eh si, perché alla tv ormai possiam chieder di tutto, no? Di risolverci piccoli problemi legali e sentimentali, di consolarci se siamo vittime di ingiustizie, di farci processare nel migliore dei modi e col minimo della pena, di renderci più belli, e di trovarci marito. E già! Da molto ci prova la tv: è da decenni che le mogli di Costanzo s’impegnano, prima la Marta, poi la Maria.

Però, accidenti, il marito lo trovan sempre per quelle che non lo vogliono. Si, perché le corteggiatrici, mamma che giovani le corteggiatrici, hanno ancora tanto tempo davanti e poi non lo vogliono davvero il tronista di Maria; loro, quando sarà il momento, si cercheranno un bel calciatore di serie A.

Produttori, broadcaster italiani, c’è un buco, un buco di format, un buco di target. E siamo noi, le single dai 30 ai 40! Quelle che Auditel chiama “le sognanti”, le Sex And The City de no’artri, le trendy, le donne in carriera, quelle che passano la vita in Facebook, sperando che un ex compagno dell’asilo si scopra innamorato di loro e venga a portarle via. Noi siamo un target, cavolo! E che target. Autentiche “big spender”, patite di shopping compulsivo, acquirenti di creme, shampini, vacanze, vestiti, e di qualsiasi orpello o stampella ci faccia apparire più ventenni che mai! Anche noi vogliamo il nostro “format”, quello che ci rappresenti, quello che ci dia di diritto il nostro spazio nel cosmo-tv.





25
giugno

AMADEUS IN ESCLUSIVA A DM: “MI HANNO PRESO PER IL CLULESS. VI RACCONTO LA MIA BRUTTA ESPERIENZA A MEDIASET”

Amadeus - Intervista esclusiva 

46 anni, ravennate ma con origini siciliane, inizia la propria carriera con DeeJay Television nel 1987 per arrivare negli anni 2000 ad essere consacrato, in Rai, Re del Quiz con la tuttora imbattibile Eredità. Forte dei successi ottenuti, viene “scippato” alla tv di Stato nel 2006 per dare nuova linfa al preserale di Canale5, ma si è ritrovato ad affrontare uno dei periodi più bui della propria carriera visti i risultati non convincenti dei quiz show sperimentati (Formula Segreta1 Contro 100) e, soprattutto, a causa del clima ostile che ha “accompagnato” il presentatore in quel di Cologno Monzese. Criticato aspramente anche sulle pagine di questo blog, abbiamo pensato, a distanza di anni, di ripercorrere insieme al conduttore la sua parentesi sulla tv commerciale, anche alla luce degli ancor meno esaltanti altrui tentativi di trovare una valida alternativa all’ormai vetusto game show dell’ammiraglia del Biscione. Lo abbiamo fatto a poche settimane da quello che non può altrimenti essere definito se non un “ritorno a casa”. Parliamo chiaramente di Amadeus che DM ha avuto il piacere di incontrare, complice Giovanna Civitillo, nei giorni scorsi a Milano. Ecco cosa è venuto fuori dalla nostra chiacchierata…

  • Allora Amadeus, si torna a casa?

Proprio così. E posso garantire che sarà un ritorno definitivo. Voglio andare in pensione con la RAI. Dovranno cacciarmi loro. Alla presentazione dei palinsesti Rai sono arrivato per primo (Baudo secondo), prestissimo. Non puoi capire quanto sia felice. Era tanta la voglia di tornare in RAI in maniera ufficiale e fortunatamente ho ritrovato tutti (dal cameramen al Direttore, ai colleghi) pronti a darmi il bentornato.

  • Anche Simona Ventura?

Si, mi ha abbracciato e mi ha detto: “Sono contenta che tu sia tornato”.

  • Così brutta l’esperienza a Mediaset?

A livello umano si. Appartengo a quella categorie di persone che si e’ fatto tutta la gavetta partendo da una radio di quartiere a Verona e nella vita non ho mai guardato i soldi, ho sempre privilegiato il lato artistico. Per la prima volta ho dato importanza anche ai soldi. Avevo 43 anni e volevo passare alla cassa, non solo alla gloria. Poi c’era un progetto. Se mi avessero proposto semplicemente un contratto di due anni ma senza che ci fosse stato un progetto alle spalle, probabilmente avrei fatto una scelta diversa.

  • A quanto ammontava il tuo cachet? Si dice, però, che il tuo compenso ti abbia reso uno dei conduttori più pagati. Addirittura al di là dei confini italiani.


24
giugno

CATERINA BALIVO INCORONERA’ SABATO LA 19esima MISS ITALIA NEL MONDO

Miss Italia nel Mondo 2009Portatrici sane di bellezza italiana nel mondo, unitevi! Anche quest’anno Raiuno dedica una prima serata al concorso internazione di bellezza riservato alle ragazze di italiche origini che vivono all’estero e che in Italia tornano per aspirare alla carica di 19a Miss Italia nel Mondo.

L’appuntamento è per sabato 27 giugno alle 21:00, in diretta dal Palazzo del Turismo di Jesolo, in compagnia di Caterina Balivo e delle gag comiche di Biagio Izzo, per una finale che costituirà il punto di arrivo per cinquanta finaliste in lizza per la fascia più ambita. Dopo un soggiorno di due settimane nella città veneta, infatti, le ragazze provenienti da 50 nazioni, e selezionate attraverso un lavoro capillare svolto in 80 manifestazioni, sfileranno per ereditare il titolo di Miss Italia nel Mondo, attualmente nelle mani di Fiorella Migliore (qui una nostra video intervista), ragazza paraguaiana di origini siciliane. La formula del concorso resta sostanzialmente invariata, anche se quest’anno Miss Italia aprirà le porte anche alle ragazze italiane di Guadalupe, Guatemala, Indonesia e Panama, paesi che si troveranno per la prima volta in gara con delle loro rappresentanti.

A presiedere la giuria sarà il campione in carica di Ballando con le Stelle, Emanuele Filiberto di Savoia, già giurato nell’infelice reality di Canale 5 Il Ballo delle Debuttanti e reduce dalla sconfitta elettorale nelle fila dell’Udc. Momenti di comicità assicurati dal duo composto da Max Vitale e Gigi Garretta, e tanta musica con le esibizoni di Raf, Zero Assoluto (in promozione con il nuovo singolo Per Dimenticare) e i tre giovanissimi tenori dello show Ti Lascio una Canzone, Ignazio Boschetto, Gianluca Ginoble e Piero Barone. Si apre così un nuovo anno per l’avventura di Miss Italia, che dopo l’estate vedrà Milly Carlucci alle prese con l’elezione della Miss del 2009, in diretta da Salsomaggiore Terme dal 12 al 14 settembre per la 70a edizione del concorso.





24
giugno

LA7, PALINSESTO AUTUNNALE 2009: TRA CONFERME (D’AMICO, LERNER, PIROSO E CABELLO) E NOVITA’ (IN ARRIVO BARBARESCHI E COSTAMAGNA), SCOPPIA IL CASO CROZZA

La7 (Cabello, Crozza, D’Amico)

Quando si parla di palinsesti della prossima stagione, l’attenzione viene calamitata dai due poli Rai e Mediaset, tralasciando spesso programmi e personaggi della settima rete italiana, che in questi anni è riuscita a ritagliarsi una discreta fetta di pubblico. Tra molte conferme e qualche novità, La7 ha presentato il palinsesto per l’autunno 2009, sperando di confermare i risultati ottenuti in questo inizio d’anno (media del 3.1% di share) puntando sui volti “storici” della rete come Gad Lerner, Antonello Piroso, Ilaria d’Amico e con l’incognita Maurizio Crozza.

Attorno al comico è scoppiato un vero caso: lo show Crozza Italia non è previsto nella programmazione, se non per due puntate speciali verso Natale. Ridimensionato e decurtato, Maurizio Crozza ironizza sulla vicenda, e i dirigenti de La7 promettono per il comico apripista del Ballarò di Floris, un programma nuovo di zecca per la primavera 2010, budget permettendo. Meglio non questionare sui suoi orientamenti politici, anche se un sospetto viene quando si annuncia un nuovo show per Luca Barbareschi, deputato di centrodestra.

L’informazione resterà il cardine del palinsesto de La7: confermati Omnibus e la versione week-end (media oltre il 5% con punte di 6%), Reality, L’infedele (dal 28 settembre), Niente di personale (dal 25 settembre), Exit (dal 7 otttobre) e Otto e mezzo. Ad arricchire la proposta un programma di economia in seconda serata curato da Myrta Merlino e una fascia pomeridiana in diretta condotta da Luisella Costamagna (già vista nei programmi di Costanzo) dedicata a cronaca e attualità.


23
giugno

MYSTERE: CERCHI NEL GRANO E MISTERIOSE SPARIZIONI PER L’ESTATE DI CANALE 5

Mystere

Anticipata in Italia sul canale del digitale terrestre Mya, arriva questa sera, 23 giugno, in prime time, su Canale 5Mystere“, una co-produzione tra Francia, Belgio e Svizzera, che ha raccolto enorme consenso di pubblico fra i nostri cugini d’oltralpe.


23
giugno

CLAUDIA MORI APPRODA A X FACTOR: IPERCRITICA E IMPREVEDIBILE, CON UN DEBOLE PER MORGAN

Claudia Mori e Adriano Celentano

E’ ufficiale: Claudia Mori sarà il nuovo giudice di X Factor. Superata la concorrenza di Ambra, Teo Teocoli e Giorgia, la signora Celentano sostituirà Simona Ventura per la terza edizione del talent show di Raidue, in partenza a settembre. Nelle scorse ore è stato chiuso il contratto e la Mori si racconta in esclusiva al settimanale Tv Sorrisi e Canzoni: “Sarò ipercritica. Una parentesi di ringiovanimento mi farà bene, anche se proprio “vecchia” non mi sento né mi vedo“.

Un ritorno in grande stile sotto i riflettori dopo vent’anni dall’ultima apparizione tv con il programma musicale “Dudù Dudù”. Ad attendere la Mori, classe 1944, interminabili giornate di casting e lunghe dirette televisive, con la passione per la musica in primo piano. L’entusiasmo del produttore Giorgio Gori e del direttore (ormai ex) Antonio Marano hanno fatto il resto. Sistemati gli accordi economici, si è così ricomposto il terzetto della giuria (anche se sul web si parla di un quarto giurato).

Dimostrata una curiosa simpatia per Morgan, ci sarà da divertirsi con l’istrionico giurato in mezzo alle due signore della canzone. Ipercritica e imprevedibile, Claudia Mori promette di essere severa ma anche comprensiva con i talenti musicali. Una scommessa e una voglia di rimettersi in gioco per lady Celentano e per il talent show di Francesco Facchinetti che, con un grande nome della musica come la Mori, metterà a tacere le polemiche sull’inesperta Ventura e punterà ancora di più sulla credibilità, ma dovrà fare i conti con il verdetto dell’auditel e con il riscontro mediatico, garantito da una star come Mona Nostra, non così scontato con la Mori. Ed è proprio il volto di punta di Raidue a dare la benedizione alla sua sostituta dopo la conferma ufficiale: “Sul nome non si discute, competenza discografica ne ha”.