TeleRisse


19
settembre

QUELLI CHE IL CALCIO: DOPO LA CAZZIATA IN DIRETTA A VICTORIA, L’AUTORE CAMPAGNARI: VARRIALE SFORA NEL SUO CERVELLO

Quelli che il calcio

Non avrà la rilevanza mediatica di Francesco Facchinetti – ormai abituato a comunicare ogni singola cosa riguardi la propria vita televisiva e non su facebook – ma un semplice commento postato da Lorenzo Campagnari, autore di Quelli che il calcio, sulla propria pagina del social network rinfocola la polemica relativa al presunto sforamento di Victoria Cabello in chiusura di trasmissione.

I fatti: la conduttrice si collega con Enrico Varriale per la consueta (accadeva sempre anche nelle edizioni targate Simona Venura) staffetta tra il suo programma e Stadio Sprint, quando il giornalista napoletano dà il proprio benvenuto a Vicky:

Dobbiamo essere più rapidi, Victoria. Se no noi iniziamo tardi e non facciamo in tempo“.

Diamo atto alla Cabello di non essersi innervosita più di tanto ma di aver padroneggiato la situazione con la consueta autoironia, esclamando con toni divertiti e sorriso d’ordinanza:

Sono stata appena cazziata in diretta

Ben diversa è stata, invece, la reazione di Lorenzo Campagnari, già autore di Victor Victoria, che commenta il post di un amico sulla propria pagina di facebook con un poco elegante:




10
luglio

TAMARREIDE: LA CRISI DELL’ EQUAZIONE SESSO + RISSA = ASCOLTI

Loro sono Tamarri. E tu?

Giorni di caos quelli che vive la nostra televisione. Tra i mille punti interrogativi sui buchi di palinsesto una nuova questione arriva a tenere banco, o per meglio dire, arriva a smentire le facili congetture sul gusto del pubblico, intorno alle quali per anni abbiamo sentito moralismi e pistolotti infiniti. E’ un dato di fatto ormai che il trash, che avrebbe dovuto sbancare a prescindere, ovunque si palesasse, bussa alla porta dell’Auditel con sempre meno vigore nonostante a portarlo alla ribalta sia la trasmissione più eclatante del momento, Tamarreide.

Sia chiaro che ci sono mille alibi per comprendere il poco seguito televisivo dei tamarri on the road. E’ verosimile che il sistema mediale multipiattaforma faccia sì che molto del potenziale target catodico frammenti la propria fidelizzazione col programma scegliendo quando, come e dove vedere il programma via web. Molti dei ragazzi che ne parlano per strada lo hanno visto on line, o peggio non sanno nemmeno quando sia la reale trasmissione sulla rete giovane Mediaset.

Pesa indubbiamente sul programma oltre che il fattore estate anche una strategia troppo debole di soapizzazione. Probabilmente sarebbe stato molto diverso se ci fossero state delle strisce orizzontali di richiamo costante. Il risultato di Tamarreide è comunque ben al di sotto delle aspettative, specie per chi vedendone il contenuto alquanto spinto ne poteva profetizzare un sicuro feedback da parte dei telespettatori.


13
maggio

MATTINO CINQUE E IL TALK SU BAMBINI E SPETTACOLO. MARINA RIPA DI MEANA SHOCK: “SEDIA ELETTRICA PER I GENITORI”.

Federica Panicucci, Mattino Cinque

Se li conosci, li eviti. Ma, all’occorrenza, li cerchi come non mai. Determinati personaggi sembrano essere nati per scuotere più o meno violentemente la soporifera tranquillità dei salotti televisivi. Ne sa qualcosa Federica Panicucci, profonda conoscitrice dei meandri psicologici dell’opinionista incazzato (citofonare Vittorio Sgarbi ai tempi d’oro de La Pupa e il Secchione). E’ proprio Mattino Cinque, in un caldo venerdì di maggio, teatro di un dibattito sul ruolo dei bambini nel mondo dello spettacolo. Protagoniste assolute Alessandra Mussolini e Marina Ripa di Meana.

Basta, si fa per dire, un servizio sulle angherie subite da baby modelle targate U.S.A. a scatenare l’ira della furibonda deputata, collegata da Roma.

“Il botox lo inietterei nel cervello di quelle madri.”

La bionda riesce così ad attirare l’attenzione, anche distanza. La temperatura, però, è destinata ad aumentare ancora. La rossa contessa Ripa di Meana rincara la dose, condendo il talk con una pietra miliare della tv urlata:

“Per questi genitori ci vorrebbe la sedia elettrica!”

La sfilata degli orrori prosegue rapida come un treno, lasciando spazio anche alle due titolari di un centro estetico per bambine. Le donne, convinte della missione sociale del loro lavoro, ostentano clamorosa tranquillità quando affermano che smalti e tinture, a quest’età, sono solo un gioco.

Il tema, indubbiamente, è fin troppo delicato per essere trattato con leggerezza in televisione. Ma è questo lo scopo di autori e conduttrice del programma di Videonews: mescolare dinamite e ovatta, lasciando che l’ennesimo rvm shock porti la fiamma alla miccia. Gli applausi del pubblico, in momenti del genere, si rincorrono senz’anima, quasi governati dall’assuefazione alla rissa. La vera novità, stavolta, è la semplicità con cui ciò accade in quasiasi fascia oraria, a prescindere dal motivo dello showdown.





6
maggio

UOMINI E DONNE: CLIMA DA SALOON IN TRASMISSIONE. DILETTA E TINA CERCANO DI AGGREDIRE LA PROVOCATRICE BUBI.

Uomini e donne - Telerissa

Diavolo di una De Filippi! Da qualche settimana a questa parte, nella puntata del venerdì di Uomini e Donne dedicata al trono maschile che vede protagonisti Gianfranco Apicerni e Marco Meloni, c’è la presenza fissa in studio di Barbara ‘Bubi’ Barbieri e di Leonardo Greco e Diletta Pagliano. Le due donzelle sono state le protagoniste della precedente edizione del format ‘L’amore non ha età’, contendendosi in una sfida all’ultimo sangue e senza esclusione di colpi l’ambito tronista.

Che i rapporti tra le due siano ai minimi termini è cosa nota, e Maria lo sa bene, al punto che la contemporanea presenza di entrambe serve proprio a vivacizzare le dinamiche di un trono sin troppo floscio. Quest’oggi, però, si è esagerato e gli attacchi verbali delle due ex-corteggiatrici non sono sfociati in vere e proprie risse fisiche solo per il provvidenziale intervento di Gianni Sperti e Leonardo, ‘bodyguards’ per l’occasione.

E dire che tutto era partito all’insegna del più bonario dei ‘volemose bene’ con Bubi che ha ricordato alla coppia di aver mandato a Leonardo un sms per gli auguri di Pasqua. Peccato che per Diletta il gesto sia stato fatto solo in “un momento di squilibrio” con la Barbieri che ha prontamente replicato: “Squilibrio lo dici a tua madre“. La miccia è esplosa e non c’era più la possibilità di tornare indietro e tra un “cafona” e un “fai schifo“, la situazione è presto degenerata con Diletta che ha accusato Bubi di “essersi passata tutti i tronisti” (riferimento al bacio con Angelucci che vi abbiamo documentato?) e l’ha apostrofata con l’oxfordiano termine “sei una squilibrata mentale“. E’ stata brava la De Filippi a glissare richiamando le dame all’ordine con l’aiuto di Tina che ha attirato su di sè l’attenzione. Peccato che si sia trattato solo della ‘fine del primo round’ e che qualche minuto dopo sia stata proprio la Cipollari ad intervenire in prima persona.


22
aprile

POMERIGGIO CINQUE: SCAZZO FURIBONDO TRA BARBARA D’URSO E IL REGISTA. LO VEDREMO IN ONDA?

Barbara D'Urso

Un venerdi di passione. E che passione. Atto II. Gli ‘scazzi‘ sembrano tener banco in questo week end pasquale. Se vi abbiamo già raccontato dell’affettuosissimo scambio di dolcezze telefoniche tra Lucio Presta e Mauro Crippa (info qui) per i programmi Videonews di quest’oggi, è proprio in uno di questi che si è consumato un ’simpatico’ siparietto che non possiamo non raccontarvi.

Sembra, infatti, che ieri, nel corso della registrazione di Pomeriggio Cinque siano volate parole grosse. Ospite Rosita Celentano, Maria Carmela ha pensato bene – come tradizione – di dedicarle una delle sue bislacche soprese che ormai caratterizzano i pomeriggi di Canale 5. Barbarella, infatti, annuncia a gran voce l’ingresso dei cani della Celentano ma la regia manda in onda… un ballerino di flamenco, amico di Rosita.

Non l’avesse mai fatto. La D’urso blocca tutto e davanti al pubblico ‘rimprovera’ il regista in maniera dolcissima. Talmente dolce che pare sia dovuta intervenire dall’alto la produzione per riportare un pizzico di serenità in studio.  Serenità che ritorna solo in parte quando giungono al pubblico le scuse di Maria Carmela.





20
aprile

BALLARO’: ENRICO LETTA ACCUSA LA GELMINI DI NUOVI TAGLI ALLA SCUOLA. IL MINISTRO TENTENNA (VIDEO)

Il Ministro Gelmini a Ballarò

Non chiamateli tagli all’istruzione, sennò il Ministro Mariastella Gelmini si infervora e il dibattito televisivo finisce in vacca. Ieri sera a Ballarò si è innescata una bagarre sulle dichiarazioni di Enrico Letta (Pd), che ha mostrato in diretta tv un documento secondo il quale il Governo avrebbe approvato una restrizione dei fondi alla scuola per i prossimi anni. Tagli sì, tagli no, tagli forse: tra gli ospiti del talk show è iniziato un acceso scambio di battute e smentite reciproche nel quale, ad un tratto, si è inserito pure un collaboratore della Gelmini seduto tra il pubblico. Nello studio di Rai3 si è consumato così un duello inaspettato, insolito rispetto al contegnoso dibattito che va in scena da Floris ogni martedì sera.

L’Italia con il documento che il Ministro Gelmini ha approvato assieme a Tremonti ha deciso che i risparmi continuerà a farli sulla scuola, sui nostri figli, sul futuro“. Il colpo di teatro ieri sera l’ha riservato Enrico Letta. Durante la discussione a Ballarò, il deputato del Pd ha estratto una tabella con cifre sottolineate a penna, contenente i  tagli che – a suo dire – il Governo avrebbe deciso di operare a danno della scuola. Dati che il Ministro dell’Istruzione Gelmini, presente in studio, ha preteso di consultare davanti alle telecamere, come se non ne sapesse nulla. Possibile?

Dopo una breve lettura, però, l’esponente di governo rigettava le accuse di Letta in modo categorico: “Non ci saranno tagli alla scuola!“. Il secchione dei conduttori Giovanni Floris, intanto, passava in rassegna i numerini stampati sul documento e li sottoponeva nuovamente alla Gelmini. Evidente l’imbarazzo del Ministro, alle spalle della quale si agitava a mo’ di ventriloquo un suo collaboratore nel tentativo di  correggere le inesattezze che una lettura affrettata di quelle tabelle avrebbe potuto suggerire. “E’ una vergogna! I collaboratori del Ministro non possono partecipare al dibattito!” irrompeva Giovanni Valentini di Repubblica.


20
aprile

POMERIGGIO CINQUE: TRA GUENDALINA E GIORDANA VOLANO LE PROTESI! LA BISLACCA CI MOSTRI IL FUORI ONDA!

Pomeriggio Cinque

Il sipario sul Grande Fratello 11 è calato da poche ore, Andrea Cocco ha spento le luci della casa chiudendo dietro di sé la porta rossa e portandosi via i 300.000 Euro in palio per questa edizione con un colpo di coda finale che ha spiazzato tutti, giornali compresi. Ma gli antichi ardori tra avversari di gioco e primedonne coatte sembrano ancora lontani dall’essere spenti e quel che rimane di questa edizione è tutto materiale a buon mercato per Pomeriggio Cinque. Nella puntata di ieri, i parenti e gli amici dei quattro finalisti hanno dato vita ad un faccia a faccia con gli ex concorrenti esclusi dalla finale.

Protagonista della puntata è la mamma di Ferdinando che maschera, o almeno ci prova, la delusione per una vittoria annunciata e poi sfumata all’ultimo con una percentuale che rasenta la beffa: 51% a 49%. Mamma Giordano si accontenta del sorriso (fintissimo) stampato sul volto del figlio, bravissimo fino all’ultimo a reggere la parte di chi non è rimasto scottato da un bruciante secondo posto. Ma Guendalina gongola troppo per la vittoria dell’amico Cocco e non ci sta all’atmosfera da mulino bianco che campeggia in studio.

La Tavassi incalza la mamma di Ferdinando: “Il montepremi faceva gola a tutti, anche a suo figlio” e ha il suo ennesimo battibecco con Anna Pettinelli.  Dall’alto dei suoi 107 mila fan, Guendalina è convinta di potersi permettere sfottò e quant’altro le passi per la testa a dimostrazione di come l’umiltà non sia di casa. Al suo fianco, Giordana, annoverata dalla D’urso tra i grandi protagonisti di questa edizione nonostante la breve permanenza nella casa, gesticola e fa la voce grossa contro la sua eterna rivale.


31
marzo

E GUENDALINA MANDO’ AFFANCULO LA D’URSO IN DIRETTA: ‘QUESTA E’ UNA TRAPPOLA, ME NE VADO’.

Pomeriggio Cinque - Guendalina Tavassi e Barbara d'Urso

Tutto ‘regolare’, se di regolarità può parlarsi, sino alle 17.30, ora locale. Ma qualche istante dopo, nel salotto di Pomeriggio Cinque si è scatenato l’inferno. Nemmeno stessimo assistendo ad una versione casereccia de Il Gladiatore.

Ma la bagarre non è stata scatenata dall’ennesimo rap di Giordana Sali, presente in studio al cospetto di Guendalina, o dai commenti sulle forme lievitate della Tavassi. Tutta ‘colpa’ di una telefonata della mamma di Remo che Maria Carmela annuncia con soave leggiadria.

“C’è una telefonata [...] di Teodora, la mamma di Remo”.

Non l’avesse mai fatto! Guendalina Tavassi, come morsa da una tarantola, scatta sull’attenti e coprendo la telecamera con l’abbondante grazia donatale da madre natura si avvicina alla D’Urso e…

Guendalina: “Ciao. Arrivederci, grazie Barbara. Grazie, io vado. Ti avevo chiesto un favore. Grazie, ciao a tutti. (sottovoce alla D’urso) Questa è una trappola“.