Sport in TV


11
luglio

JTV: JUVENTUS CHANNEL CAMBIA NOME E DA’ IL BENVENUTO A CRISTINA CHIABOTTO

Cristina Chiabotto

Nel suo curriculum non compaiono flirt con signori calciatori, ma la carriera di Cristina Chiabotto è comunque legata al gioco del pallone: già presenza femminile a Controcampo su Rete 4 nel 2008, madrina per l’inaugurazione dello Stadium di Torino due anni fa e da molto tempo protagonista dello spot dell’acqua insieme ad un ex volto simbolo della Juventus Alessandro Del Piero, adesso entra a far parte del canale ufficiale della squadra bianconera.

Sarà infatti Miss Italia 2004 il nuovo volto dell’ex Juventus Channel, canale 231 di Sky nato nel 2006 e sospeso momentaneamente nel 2011, che da domani cambia nome e veste grafica diventando JTV. Il canale tematico continuerà ad occuparsi a trecentosessanta gradi della squadra torinese, con interviste esclusive ad allenatori e giocatori, un occhio agli allenamenti e ai campionati del settore giovanile e naturalmente la riproposizione di partite del passato. Non mancheranno poi le produzioni di approfondimento, tutte sempre legate al club.

Il passaggio a testimonial può dirsi nelle corde di Cristina, piemontese doc nata a Moncalieri e tifosissima della Juventus da sempre. La sua carriera televisiva, nata proprio dopo la vittoria a Salsomaggiore con la partecipazione allo Zecchino d’Oro nel ruolo della fatina, l’ha vista protagonista sia a Mediaset che in Rai con Le Iene, il Festivalbar, Ciak… si canta!, Bau Boys. Fino allo sbarco su Sky e precisamente su Comedy Central, per il quale ha condotto dal 2001 Comedy Tour Risollevante.




11
luglio

OLIMPIADI: ALLA RAI RIO 2016 IN ESCLUSIVA, A CIELO SOCHI 2014 IN CHIARO. E LE PARALIMPIADI?

Olimpiadi

Alla fine, come si auspicava nelle scorse settimane, Rai e Sky hanno raggiunto l’accordo per la trasmissione delle Olimpiadi. Capire, però, da quale parte siano i contenti è difficile. Stando a quanto si apprende, infatti, la tv di Stato pagherebbe a quella satellitare circa 60-80 milioni di euro (c’è, però, chi scommette siano di più) per Rio 2016, rinunciando ai Giochi invernali di Sochi 2014, destinati a Sky e al canale Cielo.

Lo sforzo della Rai, dunque, conferma l’intenzione iniziale dei vertici di Viale Mazzini, che era quella di concentrarsi esclusivamente sulle Olimpiadi brasiliane, evitando così un’onerosa uscita alla voce costi (il pacchetto completo Rio-Sochi si aggirerebbe sui 155 milioni di euro). Sarà Rai 2 la rete ufficiale dell’evento, con ampie finestre su RaiSport 1 e RaiSport 2 e serate speciali in onda su Rai 1. Il tutto per un totale di 400 ore di trasmissione dedicate ai Giochi di Rio, in gran parte garantite in HD.

A Sky resta l’esclusiva dei Giochi in chiaro su Cielo per quanto riguarda le Olimpiadi invernali, garantendo alla Rai gli highlight degli avvenimenti principali in cambio di numerosi spazi pubblicitari. Un’intesa, più che un accordo, che oggi sarà sottoposta al voto del Consiglio d’Amministrazione, anche se sembra quasi impossibile che possano alzarsi voci contrarie.


1
luglio

WIMBLEDON 2013: LA TV DISTURBA E L’ARBITRO INTERROMPE IL MATCH

Wimbledon

Nel tennis, si sa, la bolgia da stadio a cui siamo abituati durante le partite di calcio non esiste. Le urla dei giocatori e i grantoli delle ragazze in gonnella dominano sulle “timide” esultanze del pubblico, pur sempre tifoso ma soprattutto spettatore. A Wimbledon, tempio del tennis, tutto è ancor più evidente, dove fascino e tradizione ben si mescolano al rispetto per una location e i suoi protagonisti che ogni anno riscrivono la storia di questo sport.

Succede così, nella giornata di oggi, che un collegamento televisivo mentre sono in corso le partite diventi motivo per interrompere un match. Sul “tetto” del campo 18, dove si stava disputando l’ottavo di finale femminile tra la nostra Flavia Pennetta e la belga Kirsten Flipkens, un servizio live di una delle tante emittenti sbarcate ai Championships ha costretto l’arbitro a fermare le due giocatrici, in attesa che anche il giornalista-inviato “incriminato” interrompesse il suo lavoro, evidentemente troppo rumoroso al punto da disturbare l’incontro.

Persino la Flipkens, nella zona di campo più vicina, ha iniziato a “sbracciare” in direzione della postazione di collegamento, così che si potesse subito riprendere a giocare. Da lì a breve, la tennista belga finirà per avere la meglio 2 set a 0 su Flavia (7-6 e 6-3 i parziali). Chissà, invece, se l’inviato avrà poi completato il suo collegamento.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,





29
giugno

TOUR DE FRANCE 2013: GLI APPUNTAMENTI DI RAI3 ED EUROSPORT

Tour de France

Gli organizzatori e gli sponsor della più importante corsa a tappe planetaria non saranno di certo contenti della “pubblicità” arrecata all’evento da Lance Armstrong, che del Tour de France è stato prima l’eroe (7 volte maglia gialla “sul campo” come amerebbero dire alla Juventus tra il 1999 e il 2005) e poi il grande traditore con la revoca dei titoli conquistati per abuso di doping. Il corridore statunitense, proprio alla vigilia dell’edizione n.100 della corsa, dalle colonne del quotidiano Le Monde ha sparato la bomba:

Impossibile vincere questa corsa senza farmaci. È una prova di endurance in cui l’ossigeno è determinante. L’Epo non aiuta uno sprinter a vincere i 100 metri ma per un corridore di resistenza è fondamentale

Che crediate o meno all’onestà di questo sport, comunque, oggi si ricomincia con le 21 tappe della corsa che si concluderà domenica 21 luglio sui Campi Elisi a Parigi con un arrivo che per la prima volta si svolgerà in notturna, quasi a sottolineare i festeggiamenti per l’anniversario dell’evento sportivo più seguito del mese di luglio.

L’eco del Tour de France è abbastanza rilevante anche nel Belpaese dove è possibile seguire la corsa in HD sulla Rai ed Eurosport con le emittenti che predisporranno tutta una serie di rubriche di contorno per soddisfare gli esigenti palati di tutti gli appassionati di ciclismo.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,


26
giugno

CONFEDERATIONS CUP 2013 – LE SEMIFINALI DA STASERA SU RAI1 E SKY

Italia - Brasile (Getty Images)

Il gioco si fa duro e le nazionali più titolate di questa Confederations Cup 2013 sono pronte a sfidarsi in semifinale per approdare alla finalissima di domenica a mezzanotte ora italiana. Pensate, tra Brasile (5 volte Campione del Mondo), Italia (4), Uruguay (2) e Spagna (1) sono ben dodici i titoli mondiali approdati a questa fase del torneo e la domanda è: riusciranno le sfavorite Italia e Uruguay a scongiurare l’annunciatissima finale Brasile-Spagna?

Per scoprirlo non resta che mettersi in poltrona comodi e sintonizzarsi su Rai1 o Sky per assistere a Brasile-Uruguay (in onda stasera alle 21) e Spagna-Italia (domani 27 giugno, stesso orario). Per chi intendesse seguire i match sulla tv di Stato, è utile sapere che stasera ascolterete la telecronaca di Marco Lollobrigida con il commento tecnico di José Altafini (dopo l’ampio prepartita condotto da Simona Rolandi con la presenza in studio di Gianni Cerqueti, Marino Bartoletti, Bruno Giordano e Alessandro Vocalelli) mentre Sky Calcio 1, per Brasile-Uruguay, schiererà il duo formato da Massimo Marianella e Luca Marchegiani. E gli Azzurri?

Per la rivincita della finale di Euro 2012 – anche se, visti gli esiti della finale degli Europei Under 21 con l’Italia di Devis Mangia ampiamente surclassata dalla Spagna, sarebbe meglio non parlare più di rivincita – sia la Rai che la pay tv di Murdoch schiereranno le loro coppie di telecronisti sulla carta migliori con Stefano Bizzotto e Beppe Dossena da una parte e Fabio Caressa con Beppe Bergomi dall’altra.





26
giugno

FOX SPORTS: IL CANALE 205 DI SKY DEBUTTA CON IL CAMPIONATO FRANCESE

Fox Sports è il nuovo canale di Sky Sport

La stagione tv 2013/2014 di Sky Sport si arricchisce del nuovo canale Fox Sports, inserito senza alcun costo aggiuntivo nel pacchetto Calcio. Sarà visibile dagli abbonati alla numerazione 205, attualmente occupata da Sky SuperCalcio (che traslocherà a sua volta al 204), con una programmazione interamente in HD.

Tutto il calcio, quindi, è ora su Sky. Fox Sports, infatti, trasmetterà in diretta i principali campionati d’Europa: la Premier League inglese (con l’aggiunta della FA Cup), la Liga spagnola e la Ligue 1 francese. La Bundesliga tedesca, invece, torna sui canali Sky Sport, che garantiranno anche la Serie A (e B) italiana, la Champions League e l’Europa League.

La programmazione di Fox Sports, inoltre, si arricchirà di notiziari, programmi e talk sportivi, con l’obiettivo di vivere e raccontare al telespettatore tutto il meglio del calcio. Il canale debutterà – salvo sorprese – venerdì 9 agosto in occasione dell’anticipo della prima giornata di Ligue 1: il match in programma vede il Paris Saint Germain di Zlatan Ibrahimovic ospite del Montpellier.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,


26
giugno

OLIMPIADI: RAI E SKY VICINE ALL’ACCORDO

Olimpiadi 2014

Continua inevitabilmente a tenere banco la questione Olimpiadi in tv. Il rischio che i Giochi invernali di Sochi 2014 e, soprattutto, quelli più attesi di Rio 2016 non venissero trasmessi dalle reti Rai sembra essere scongiurato. O quasi. Sky, che il 30 giugno dovrà definire la questione e chiudere i bilanci annuali, sembra vicina ad un accordo con la tv pubblica.

In realtà, la tv satellitare, che per contratto è costretta a cedere parte delle Olimpiadi in chiaro (circa 100 ore per quelle invernali e 200 per quelle estive), non ha alcuna ansia da prestazione, dal momento che è pronto ormai da tempo il piano b: se la Rai non paga, i diritti di trasmettere i Giochi in chiaro andranno a Cielo, il canale free di Sky. In questo caso, dunque, il mancato incasso verrebbe “coperto” dall’occasione di accendere maggior interesse del pubblico nei confronti della rete, ancora inesplosa.

Il nodo, che nelle ultime ore pare essersi sciolto, riguarda le Olimpiadi invernali del prossimo anno, che la Rai vorrebbe saltare per puntare tutto su Rio 2016. Sky, ovviamente, non ha alcuna intenzione di “regalare” il pacchetto che, come detto, prevede la cessione sia dei Giochi invernali che di quelli estivi. La tv pubblica, quindi, sembra essersi decisa a pagare entrambi gli eventi, come d’altronde ha fatto per Vancouver e Londra, in modo da evitare le infinite proteste che arriverebbero dai telespettatori per la mancanza delle Olimpiadi sui canali Rai.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,


23
giugno

VIALLI: MICROCAMERE SULLE MAGLIE DEI CALCIATORI PER AVERE LA LORO VISUALE. SIETE D’ACCORDO?

Gianluca Vialli

Che la tv condizioni fortemente il calcio, o che il calcio influenzi la programmazione tv (dipende da come la si vuole vedere), è cosa ormai nota a tutti. Lo “spezzatino” cui è costretto da anni il telespettatore tifoso, infatti, ne è la dimostrazione, così come la recente “battaglia” della Rai per impedire che la finale di Coppa Italia tra Roma e Lazio si giocasse nel primo pomeriggio, che avrebbe causato una perdita d’ascolti non indifferente.

D’altronde, dietro al mondo del pallone giocato ce n’è un altro che, tra diritti tv e investimenti, appassiona meno dei gol ma influenza sicuramente di più. L’occhio della telecamera, ormai arrivato persino negli spogliatoi, fino a qualche anno fa luogo sacro dei calciatori, si ferma però a bordo campo, o al massimo sorvola il rettangolo verde per regalare a chi sta a casa qualche azione di gioco da altre angolazioni. C’è, però, chi avanza l’idea che per la telecamera sia arrivato il momento di scendere seriamente in campo. Anzi, sul campo.

In occasione della presentazione della nuova programmazione tv 2013/2014 di Sky Sport, l’ex calciatore e oggi commentatore sportivo Gianluca Vialli ha dato, di fatto, un calcio al passato, auspicando il calcio (del futuro?) che vorrebbe vedere: quello con una microcamera sulla maglia dei giocatori per mostrare il calcio attraverso la loro visuale. Che è quel che succede già in Formula 1, con la telecamera piazzata sulle autovetture dei piloti.