Sport in TV


27
maggio

SPORT IN TV: LA F1 POTREBBE PASSARE SU SKY (CIELO?), DOMANI GIORNATA DECISIVA PER I DIRITTI IN CHIARO DI SERIE A

Formula 1 - Fernando Alonso

Carlo Vanzini, esperto di motori di Sky Sport, si starà fregando le mani. Dopo anni di totale disinteresse della pay tv satellitare per tutto ciò che avesse a che fare con il mondo delle due e quattro ruote sembra arrivato il momento della ‘redenzione’ per il colosso di Murdoch. Dopo i diritti della MotoGP a partire dal 2014 infatti, in quel di Milano Santa Giulia starebbero puntando sulla Formula1 approfittando dei tentennamenti del CdA Rai che non ha ancora presentato alcuna offerta per i prossimi tre Mondiali.

L’aumento del costo dei diritti – che arrivano a 43,9mln di euro annui – ha portato la tv pubblica a non aver ancora rinnovato l’accordo con Bernie Ecclestone e, stando a quanto riportato da La Stampa di ieri, nella trattativa si sarebbe inserita Sky disposta a offrire la cifra richiesta dal patron della Formula1.

Ancora incerte le modalità di trasmissione dei vari GP con due soluzioni al vaglio: la pay tv che potrebbe acquistare l’intero pacchetto per poi cedere alla Rai una metà dei GP in diretta (e l’altra metà in differita di 12 ore). Un’altra ipotesi – chiaramente finalizzata a far sì che la F1 non diventi uno sport d’elite ma resti nazionalpopolare – prevederebbe la messa in onda delle gare in chiaro su Cielo. In ogni caso, sempre secondo il quotidiano torinese, la Rai sembra intenzionata a non presentare alcuna offerta.




26
maggio

ROLAND GARROS 2012 AL VIA: AZZURRI BEFFATI DAL SORTEGGIO. DIRETTA TV SU EUROSPORT E RAI SPORT

Roland Garros - Rafael Nadal è il campione in carica

Dopo la “tappa” romana degli Internazionali BNL d’Italia, il tennis che conta torna a riassaporare il clima e il fascino del Grand Slam. In attesa di Sua Maestà Wimbledon, i riflettori puntano ora sulla terra rossa di Parigi per l’edizione 2012 del Roland Garros. A difendere il titolo i campioni in carica Rafael Nadal nel circuito maschile e Na Li nel femminile.

Due settimane (27 maggio – 10 giugno) da vivere in diretta tv sui canali Eurosport HD (211 e 212 di Sky) –  a cominciare dal primo match in programma domani alle 11.00 - che garantiranno oltre 200 ore di incontri live. Le telecronache sono affidate a Jacopo Lo Monaco, Federico Ferrero, Guido Monaco e Dario Puppo, affiancati dai commentatori Lorenzo Cazzaniga, Gianni Ocleppo, Barbara Rossi, Silvia Farina e Stefano Semeraro. Immancabile l’appuntamento quotidiano con Game, Set and Mats di Mats Wilander, che al termine degli incontri analizzerà con ospiti e protagonisti quanto successo in giornata. Oggi, alle 19.45, puntata speciale su Eurosport HD a poche ore dal via del Roland Garros 2012.

Il secondo slam dell’anno, l’unico dei quattro sulla terra battutta, vede la luce anche sui canali Rai Sport (57 e 58 del DTT, 227 e 228 di Sky). Le telecronache di Rai Sport 1 sono di Alessandro Fabretti, con il commento tecnico di Rita Grande e Stefano Pescosolido. La prima diretta, però, è garantita domani da Rai Sport 2 a partire dalle 15.10.


19
maggio

LA FINALE DI AMICI 11 vs LA FINALE DI CHAMPIONS LEAGUE: CHI LA SPUNTERA’?

Amici all'Arena di Verona

Ennesima sfida stagionale per Maria De Filippi, alle prese con l’ultima puntata del serale 2012 di Amici, mentre su Rai 1 incombe il calcio, con la finale di Champions League tra i tedeschi del Bayern Monaco e gli inglesi del Chelsea. L’Arena di Verona da una parte e l’Allianz Arena di Monaco di Baviera dall’altra: quale “teatro” attirerà più telespettatori?

Una sfida, quella tra calcio e talent al sabato sera, che riporta al 28 maggio dello scorso anno, quando la Champions League (la finale tra Barcellona e Manchester United) ebbe la meglio sulla concorrenza del Biscione (in onda con la quarta puntata di Italia’s Got Talent 2): la partita su Rai 1 interessò 6.245.000 spettatori (con uno share del 26.81%), mentre il talent su Canale 5 arrivò a 5.385.000 (27.21%).

Stavolta, però, la De Filippi potrà contare sull’effetto finale di Amici 11 – in onda a partire dalle 21.10 – che decreterà il vincitore tra i big: chi la spunterà tra Alessandra, Annalisa, Emma e Marco? Attesi a Verona Enrico Brignano, Virginia Raffaele e i Modà, oltre al ritorno del fresco vincitore Gerardo Pulli, che ieri sera ha trionfato nella finale di canto tra le “nuove proposte”.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,





18
maggio

INTERNAZIONALI D’ITALIA: SEPPI E PENNETTA TENTANO L’IMPRESA CONTRO FEDERER E SERENA WILLIAMS. DIRETTA TV DALLE 12

Internazionali BNL d'Italia - Andreas Seppi

Sono in corso a Roma gli Internazionali BNL d’Italia, torneo di tennis tra i più prestigiosi al mondo (è inserito nei nove del circuito ATP World Tour Masters 1000, secondi soltanto ai quattro del Grande Slam). E al Foro Italico, che segna il record di spettatori, i colori azzurri sono a caccia dell’impresa: Andreas Seppi e Flavia Pennetta sono arrivati ai quarti di finale, dove incontrano oggi Roger Federer e Serena Williams.

Quella di Seppi è stata sicuramente una delle vittorie più memorabili del tennis maschile italiano. L’azzurro ha superato il favorito Stanislas Wawrinka per 2 set a 1 (6-7 7-6 7-6), in una maratona che l’ha visto annullare ben sei match point. Ora approda al Centrale per sfidare lo svizzero e da lunedì sarà numero 24 del mondo. L’Italia torna a sorridere agli Internazionali dopo i quarti conquistati da Filippo Volandri cinque anni fa.

Meno sorprendente, perchè più abituata ad assaporare le partite che contano, l’accesso ai quarti di Flavia Pennetta, che ha strapazzato Petra Cetkovska con un secco 2 a 0, lasciando all’avversaria soltanto un gioco (6-0 6-1). Ora la brindisina è attesa al match contro l’americana, dove l’impresa – al pari del collega Seppi – potrebbe non bastare. Entrambi gli azzurri saranno protagonisti oggi sul Centrale: la sessione apre alle 12.00 con la sfida tra Flavia e Serena, mentre chiude alle 21.00 con Andreas e Roger.


16
maggio

IL MOTOMONDIALE SU SKY DAL 2014 (8 GARE DELLA MOTO GP IN CHIARO) E LA SUPERBIKE SU MEDIASET DALL’ANNO PROSSIMO. E SE IL BISCIONE AVESSE FATTO IL COLPACCIO?

Moto GP

Adesso è ufficiale. L’indiscrezione riportata dalla Gazzetta dello Sport solo qualche giorno fa è diventata realtà: Sky Sport ha concluso con Dorna Sports, società organizzatrice del Motomondiale, l’accordo per la cessione dei diritti per la messa in onda delle gare del Campionato del Mondo MotoGP.

La pay tv satellitare avrà così la possibilità di trasmettere in esclusiva le gare di tutte e tre le classi (Moto GP, Moto 2 e Moto 3). Per i soggetti già abbonati e gli appassionati più facoltosi, si tratta dunque di un’ottima notizia dal momento che Sky – oltre a garantire la messa in onda della manifestazione in HD – offrirà la possibilità di seguire l’evento anche su Skygo. Da sottolineare però che in virtù dell’accordo con Dorna, Sky trasmetterà in chiaro ben otto appuntamenti con la Moto GP, vale a dire la classe più appassionante.

Probabile che a commentare le gare su Sky sia l’esperto di motori della pay tv Carlo Vanzini, che probabilmente attendeva da anni di ritornare alle telecronache dopo l’abbandono della Formula uno da parte dei canali di Rupert Murdoch. E proprio a proposito di giornalisti, registriamo la sportiva reazione di Guido Meda che – interpellato su twitter – ha commentato in maniera sobria:

“Sono sicuro che Sky farà molto bene”.





13
maggio

SKY METTE A RISCHIO LA MOTO GP SU ITALIA 1. E MEDIASET PUNTA ALLA SUPERBIKE

Valentino Rossi

Valentino Rossi

Bisogna massimizzare le risorse a disposizione e minimizzare i costi. E lo sport, si sa, si paga caro, molto caro. Non a caso la Rai ha rinunciato ben volentieri alla Champions League, che non garantiva un ritorno pubblicitario sufficiente, e stando a quanto rivelato da la Gazzetta dello Sport, Mediaset potrebbe invece abbandonare la MotoGP, e accaparrarsi una competizione meno costosa ma con un potenziale ancora da esplorare, la SBK.

Il motivo è presto detto: Sky – per accaparrarsi i diritti della famosa competizione motociclistica – si sarebbe presentata con la cifra monstre di 17 milioni di euro, il doppio rispetto a quanto pagato dal Biscione. Una cifra che pare abbia scoraggiato i piani alti di Cologno Monzese, non intenzionati – visto anche il periodo – a rilanciare. Il motomondiale copre però una buona parte del palinsesto di Italia1, tra la diretta delle gare e le qualifiche della Moto2, Moto3 e MotoGP, e quest’anno anche di Italia2, che invece propone le prove libere e i warm-up delle tre classi, garantendo sempre ascolti molto buoni.

E’ per questo che, se la trattativa con Sky andasse in porto, il Biscione potrebbe buttarsi sulla Superbike, finora trasmessa da La7. A dire il vero pare che Telecom Italia Media abbia già delineato con il licenziatario un accordo triennale per la trasmissione del SBK, ma la trattativa – a cui mancava solo la firma – è stata stranamente sospesa. Tra l’altro i dirigenti di Ti Media – rivela la Gazzetta – hanno confermato lo stallo dell’accordo, e i motivi potrebbero essere riconducibili all’interesse manifestato dal Biscione.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , , , ,


9
maggio

ADEM LJAJIC CONTRO DELIO ROSSI: “M’HA DETTO ‘TI VOGLIO AMMAZZARE’, IO NON HO DETTO NIENTE DI BRUTTO”

Adem Ljajic a ViolaChannel

“Prima di tutto volevo chiedere scusa a tutti i tifosi della Fiorentina, a tutta la società, ai miei compagni per quello che è successo”.

Riparte dalle scuse il calciatore serbo Adem Ljajic, protagonista una settimana fa dello spiacevole scontro con l’allenatore Delio Rossi (qui il video) durante la partita Fiorentina – Novara di Serie A, che è costato al tecnico viola l’immediato esonero dalla panchina toscana. Lo fa attraverso le telecamere di ViolaChannel, cercando di spiegare cosa è successo dall’istante in cui rivolge al ct l’applauso ironico per la sostituzione alla sfuriata violenta di Rossi:

E’ successa una cosa brutta, sicuro. Dopo trenta minuti sono uscito e ho fatto un gesto, secondo me, non bello. Ho applaudito e ho detto: ‘Sei un grande mister, bravo così’ [...] Lui m’ha detto delle parole brutte. Prima di tutto che sono stronzo, ‘ti voglio ammazzare’. Poi sicuro io ho detto qualcosa anche in serbo, però dopo che lui ha provato a darmi le botte. Prima io non ho detto niente, niente di brutto”.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,


7
maggio

LA JUVENTUS E’ CAMPIONE D’ITALIA

Juventus Campione d'Italia

La Vecchia Signora torna a sfilare con lo scudetto sul petto. Una passerella lunga trentasette giornate e condita da un’imbattibilità che laurea la Juventus campione d’Italia. C’è una città (Trieste) che assiste al trionfo e un’altra (Torino) che esplode di gioia; in mezzo, e non è poco, la decisiva sfida di Milano tra Inter e Milan (finita 4 a 2), che spegne definitivamente le speranze di Allegri e compagni, costretti al secondo posto. La contemporanea vittoria per 2 a 0 sul Cagliari, infatti, regala alla squadra di Antonio Conte gli 81 punti sufficienti per alzare le braccia al cielo con un turno d’anticipo.

Una storia di soddisfazioni per alcuni e rivincite per altri. Tra questi ultimi c’è sicuramente Gigi Buffon, che nel 2006 salì sul tetto del mondo con la maglia dell’Italia e, dopo un paio di mesi, scese in Serie B con quella bianconera. Ed è proprio dal ricordo di quella stagione che nasce la dedica principale di questo scudetto:

“Ho pensato a tante persone – dichiara il portiere ai microfoni di Sky Sport – le dediche sarebbero tante. Il primo sicuramente è Del Piero, col quale finalmente abbiamo avuto la fortuna di condividere questo grande giorno di riscatto, il giorno dei giorni. Poi sicuramente ho pensato a Camoranesi, a Nedved, a Trezeguet, anche loro meritavano di essere protagonisti in questa serata e in questa stagione (…) Quando devi scendere in Serie B e hai appena vinto un Mondiale da protagonista, credo che non sia mai facile. Credo che l’unica motivazione per cui l’abbiamo fatto è l’amore verso questa maglia, per la riconoscenza nei confronti della società, dei tifosi e probabilmente anche per un senso di appartenenza a questi colori e di amicizia fra di noi”.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,