Serie TV


4
settembre

L’ONORE E IL RISPETTO 2: LAURA TORRISI RINNEGA IL GRANDE FRATELLO (MENTRE ARGENTERO NE VA “ORGOGLIOSO”)

Onore e Rispetto Laura Torrisi Luca Argentero Grande Fratello

Per non peccare di blasfemia verrebbe da tirare in ballo – in luogo del più impegnativo Gesù - Brian di Nazareth, protagonista della pellicola cult dei Monty Python. Uno si dice resuscitasse i morti (“Lazzaro, alzati e cammina!”, tanto per citare il caso più celebre); l’altro, Messia per un giorno, ci piace immaginarlo mentre soccorre, a fronte di un’inferocita sassaiola, la gieffina penitente: alzati e recita, Laura! Poi, sarà l’acconciatura, sarà la barbetta, ma Leonardo Pieraccioni vagamente lo ricorda pure il buon Brian di Nazareth, tanto più che Leonardo mi ha tirata fuori, mi ha restituito fiducia e mi ha dato credibilità”. Leo gratias agamus.

Chi parla è Laura Torrisi e lo fa dalla Mostra del Cinema di Venezia, dove si trova con Gabriel Garko per presentare la seconda serie inedita de L’onore e il rispetto. In onda per sei prime serate dall’8 settembre su Canale 5, la fiction tra passione e criminalità (un successo anche in replica estiva su Rete 4) si è conquistata la ribalta lagunare grazie al suo autore, Salvatore Samperi, ora omaggiato dal Festival a sei mesi dalla sua scomparsa con un documentario che ne ripercorre la carriera firmato da Antonello Sarno. Una ribalta di lusso soprattutto per lei, la Torrisi, passata dai neon del Grande Fratello (2006, sesta edizione) ai riflettori glam di una delle rassegne più importanti al mondo. Nel mentre per la ex gieffina la stima del creatore di Malizia, il film che nel ‘73 lanciò Laura Antonelli nelle vesti di sex symbol, e soprattutto quella del regista - e compagno in odor di nozze - toscano, che la volle come ‘moglie bellissima’ nel suo film del 2007.

Nello scambio di battute tra l’attrice e Michela Tamburrino de La Stampa c’è il tenero ricordo di Samperi“Ha voluto darmi questa bella opportunità. Mi trattava come una nipotina, e io lo ricambiavo con amore” -, ma anche il rigetto del reality, colpevole, a suo dire, di averle rovinato la piazza. “Mi aveva fatto terra bruciata intorno”, dice la Torrisi riferendosi alla Casa di Cinecittà, “Di porte in faccia ne avevo avute tante, mai però così violentemente sbattute come dopo quell’esperienza nefasta“. Ma come, Pieraccioni non la scoprì proprio grazie al Grande Fratello?




3
settembre

GREY’S ANATOMY – ER MEDICI IN PRIMA LINEA: ITALIA1 TRA PASSATO, PRESENTE E FUTURO DEI MEDICAL DRAMA

Grey’s Anatomy e ER (Serata Medical Italia1)

Una suggestiva giustapposizione, di emozioni e storie, personaggi e interpreti, tra i serial che hanno lasciato un’impronta, tra le più visibili, nella storia dei medical:  ER – Medici in prima linea -prima stagione e Grey’s Anatomy. Il passato e il presente dei medical drama a confronto. Adrenalina, ritmo ed essenzialità contrapposte ad empatia, sentimenti e riflessione. Ma soprattutto, per il pubblico femminile, una sfida, a colpi di stetoscopio e fascino, tra il Dottor Ross alias George Clooney e il Dottor Sheperd alias Patrick Dempsey.

A proporci la coinvolgente serata medical è Italia1, che da stasera ore 21:10 propone la quinta stagione inedita, in chiaro, di Grey’s Anatomy e a seguire, in seconda serata, la prima stagione di ER. Ebbene sì, a 13 anni da quell’11 gennaio 1996, che ha segnato il debutto sui nostri teleschermi, ritorna la prima storica stagione del medical più amato di tutti i tempi, che ha spiazzato e appassionato i telespettatori di tutto il mondo. Una rentrèe su Italia1, in grande stile, per il telefilm simbolo di Raidue. La rete Rai che, dopo Friends, si vede costretta così a dire addio a un’altra serie ”identitaria” per una beffarda questione di diritti ed esclusive.

Plauso, ad ogni modo, a Tiraboschi, che ha scelto di puntare sulla qualità, decidendo di valorizzare un telefilm che, per il profilo tipico del suo pubblico, sarebbe sembrato più adatto ad un’altra rete. Stasera sarà altresì un’occasione per ritrovare il cast originale dello show, letteralmente stravolto negli anni, e che comprendeva: Anthony Edwards (dott. Mark Greene), George Clooney (dott. Doug Ross), Julianna Marguiles (infermiera Carol Hathaway), Sherry Stringfield (dott. Susan Lewis), Noah Wyle (John Carter III) ed Eriq La Salle (dott. Peter Benton).


3
settembre

SURVIVORS: STASERA IN PRIMA SERATA SU RAITRE IL REMAKE DELLA CELEBRE SERIE DEGLI ANNI ‘70

Survivors Raitre

Negli anni ‘70 Survivors, giunto in Italia con il titolo “I Sopravvissuti”, incantò il pubblico di tutto il mondo raccontando la storia dei pochissimi scampati all’epidemia causata da un virus altamente letale, colpevole della morte del 99% della popolazione mondiale.

Oggi, grazie ad un remake fortemente voluto dal network inglese BBC, Survivors torna ad appassionare milioni di spettatori, vecchi e nuovi, in tutto il mondo, rimanendo fedele all’idea iniziale della terribile pandemia, e adattando personaggi e dinamiche ai cambiamenti subiti dal nostro pianeta nel corso degli anni. La paura, lo sconcerto e le incertezze vissute dai fortunati scampati al virus approderanno su Raitre stasera alle 21:10, quando anche in Italia potremo seguire le vicende di una Londra dagli scenari post-apocalittici. Gli otto protagonisti, scampati per diverse ragioni alla morte, devono fare i conti con una società che non ha più regole, nè risposte alle tante domande scatenate dall’epidemia.

Fra loro, come nella serie originale, figura Abby Grant, fondatrice del primo gruppo di sopravvissuti e determinata a ritrovare a tutti i costi il figlio Peter, di 11 anni. Con l’episodio pilota faremo la conoscenza di Abby e di tutto il gruppo di protagonisti, molto più eterogeno di quello che negli anni ‘70 fece sognare il pubblico, specchio di una società, quella inglese, multietnica e variegata. A differenza dell’originale, inoltre, Survivors concentra tutta la sua forza narrativa in un numero più esiguo di episodi, 6 (da 60 minuti) a fronte dei 13 della prima versione, assicurando così alla serie un ritmo serrato, senza i temutissimi cali di tensione, e mantenendo il suo appeal intatto dall’inizio fino alla fine.

Dopo il salto scopri protagonisti e interpreti di Survivors:





2
settembre

LA NUOVA SQUADRA: QUESTA SERA, SU RAITRE, LA SECONDA STAGIONE ANCORA RINNOVATA

La Nuova SquadraQuesta sera, con 22 episodi per 11 prime serate, riprende su Raitre La Nuova Squadra, con la seconda stagione in prima tv. La seconda stagione? Sì perchè, effettivamente, dopo il restyling della precedente, pochi sono rimasti i punti in comune con l’orginaria serie; La Squadra, appunto.

Erano rimasti la camorra, la Polizia di Stato e la città di Napoli, a fare da sfondo e da terzo invisibile protagonista della serie. Ed oggi cosa ci aspetta? Ancora novità, dopo una prima, deludente stagione ed uno share dell’8%, di due punti inferiore alla media che raggranellava l’originaria fiction. Sì, perchè nemmeno nemmeno la nuova ambientazione (il commissariato Spaccanapoli), il nuovo corpo di poliziotti (i falchi: quelli in motocicletta, per intenderci), la nuova sigla, le puntate di poco più lunghe ed un cast quasi completamente rinnovato sono bastati a dare nuova linfa alla serie.

A fare un mea culpa è direttamente il responsabile di Rai fiction, Francesco Nardella: “Inutile nascondere che la serie precedente è stata molto controversa dal punto di vista dei contenuti. Non vogliamo negare ciò che abbiamo fatto in passato, ma ne La Nuova Squadra il conflitto interno torna ad essere quello tra polizia e criminalità. Davanti al pericolo esterno, il commissariato si ricompatta“. Ed il pericolo esterno avrà il volto di Andrea Tidona ed il nome di Antonio Barone, detto anche “o cafone”. A fronteggiare questa minaccia, un nuovo vicequestore: Andrea Lopez, interpretato da Marco Giallini. 


2
settembre

THE MENTALIST: CON IL TELEFILM EVENTO DELL’ANNO ITALIA1 LANCIA LA SFIDA ALLA RAIDUE HOUSE OF SERIES

thementalist_simonbaker_patrickjanePatrick Jane riesce a leggere la mente degli individui. Uno straordinario talento, il suo, che gli consente di percepire e stanare il male ma che stavolta non gli servirà. Sì perchè Patrick è il protagonista della nuova serie The Mentalist, chiamata, da Italia1 (da stasera ore 21 e 10), alla difficile prova del ”prime time generalista” e a rinverdire, al tempo stesso, l’immagine, da un pò di tempo appannata, del palinsesto seriale della rete. Nell’arco di pochi anni, infatti, inaspettati flop e un trattamento spesso penalizzante, hanno fatto sì che, nel campo dei telefilm, la rete giovane del Biscione fosse oscurata dalla sua storica rivale, Raidue. La seconda rete di Stato è divenuta, grazie a telefilm cult, come Desperate Housewives e Lost, e grandi successi, come NCIS, capace come nessun’altra di valorizzare ciascuna produzione fidelizzando il telespettatore alla rete e alla serie.

L’occasione di invertire la rotta viene, dunque, da The Mentalist, serie di cui ci eravamo già occupati in occasione del suo passaggio su Joi (per leggere il post di presentazione clicca qui) e che si preannuncia come un evento per il grande successo ottenuto negli Stati Uniti. Quasi 17 i milioni di telespettatori americani che hanno consentito alla serie, nonostante fosse alla sua prima stagione, di collocarsi al terzo posto della classifica dei telefilm più visti, alle spalle dei classici CSI e NCIS. Malgrado la comune appartenenza al genere crime, The Mentalist si differenzia notevolmente dai telefilm che lo precedono nel ranking. 

Gli elementi determinanti cui ci si affida, per la risoluzione delle indagini, non sono le analisi di laboratorio bensì quelle dei comportamenti e delle proprie sensazioni. Alla fredda scienza The Mentalist oppone il fervido istinto del protagonista interpretato da Simon Baker. Quest’ultimo, complice un mix perfetto di bellezza e bravura, è entrato a pieno diritto nell’Olimpo delle star della televisione a stelle e strisce. Nonostante suddette premesse siano ottime, la controprogrammazione prevista, nelle prossime settimane, potrebbe penalizzare, e non poco, il successo della serie. In onda nello stesso slot, tra gli altri, ci saranno la Champions League su Raidue e La Tribù di Paola Perego su Canale5.





1
settembre

MATERAZZI QUERELA L’ISPETTORE COLIANDRO: QUANDO UNA BATTUTA VALE DUE MILIONI E PASSA DI EURO

Materazzi Coliandro

C’è seriamente da augurarsi tocchi al buon vecchio giudice Santi Licheri deliberare a riguardo, ché non sarebbe buona creanza – a essere eufemisti -, oberare i già veterotestamentari tempi della Giustizia italiana per una quisquilia di tanto imbarazzante portata. Che Rita Dalla Chiesa moderi il dibattito, che si ripristino i sassolini, le ciotolette finto ottone e la macro bilancia mandata al macero. Che il piacente Marco Senise ci dia dentro con un paio di pistolotti di relativa utilità sugli estremi della diffamazione e che Fabrizio Bracconeri, se necessario, carichi il querelante come ebbe a fare prima di lui Zidane; poi se, puta caso, a Forum non ci fosse posto, si bussi più e più volte all’aula di Veronica Maya (meglio che niente). Ma si tengano fuori le patrie procure, suvvia! Disgraziatamente però l’accordo extragiudiziale offerto al querelante è già stato rispedito al mittente: ergo, si andrà in un tribunale – un tribunale vero, reale. Ma per cosa?

Perché Marco Materazzi – lui, il calciatore dell’Inter -, ultimamente deve aver perso confidenza col concetto di ironia – magari proprio la stessa frizzante ironia che a Berlino nel 2006 gli procurò la mondiale capocciata sul costato. Di conseguenza il tatuatissimo campione nerazzuro ha deciso di querelare Marco Coliandro – lui, l’ispettore di fantasia creato da Carlo Lucarelli -, per una battuta pronunciata da uno dei protagonisti della serie, da stasera di nuovo in prima tv su Raidue.

Materazzi se l’è presa perchè in una puntata della passata stagione un personaggio che gioca al Fantacalcio perde per colpa sua. E questa cosa non gli è andata giù, hanno detto Antonio e Marco Manetti - a.k.a. Manetti bros., i due fratelli registi della fiction. “Mai rubare in casa dei ladri” il titolo dell’episodio in questione, “Pure stavolta s’è fatto espellere” la frase incriminata. Da qui l’incredibile ricorso alla magistratura da parte di Materazzi e la richiesta di risarcimento di un euro per ogni spettatore di quella puntata (seguita da 2.380.000 spettatori, a voi il calcolo veloce).“E meno male che io sono tifoso dell’Inter!”, l’ha presa con ironia Marco Manetti, almeno lui.


31
agosto

LORENZO FLAHERTY DICE ADDIO AI RIS. IL CAPITANO VENTURI CEDE IL POSTO A EURIDICE AXEN.

Ris Euridice Axen Lorenzo Flaherty

L’ultimo caso del capitano Venturi nella squadra televisiva dei Ris rimarrà quello della setta di Adler, il sanguinario gruppo criminale protagonista dell’ultima stagione della serie televisiva. Per lo storico personaggio, interpretato da Lorenzo Flaherty, non ci saranno altri intricati enigmi da risolvere.

Un allontanamento non voluto, come svela Tv Sorrisi e Canzoni, e arrivato per l’attore come un fulmine a ciel sereno, anche se era noto già da tempo che parte del cast sarebbe cambiata. Flaherty, però, si aspettava di iniziare presto le riprese della sesta stagione della popolare serie televisiva prodotta da Taodue, e così non sarà. “Nella nuova serie, la sesta, non ci sarò. E devo ammettere che quando sono venuto a saperlo sono rimasto sorpreso. E dispiaciuto” – racconta l’interpete del capitano Venturi – “Si sarebbe potuto trovare un giusto equilibrio tra i costi e un gruppo di attori ormai affiatato. E non inserire un elemento di rottura così forte nella scelta del cast“. Al suo posto, infatti, ci sarà una nuova figura che coordinerà le indagini dei Ris, che da Parma cambieranno location per approdare a Roma, l’attrice Euridice Axen, con un passato da doppiatrice, già vista in Centovetrine nel ruolo di Monica Graziosi, e poi in Vivere, in cui ha interpretato Valeria Castri.

Amareggiato Lorenzo Flayerti spiega comunque di poter capire “il periodo storico nel quale viviamo, la crisi economica e la necessità di risparmiare“, e visti gli ascolti non proprio entusiasmanti dell’ultima stagione andata in onda, e il cachet di 800.000 euro dichiarato dall’attore a Sorrisi la scorsa settimana, è anche comprensibile che si sia voluto proseguire facendo però attenzione al “bilancio“. E se i Ris cercano così una nuova strada, e magari una nuova fetta di pubblico per il loro sesto anno, Lorenzo Flaherty non esita a guardare al futuro, dichiarando l’intenzione di passare dal piccolo al grande schermo, con il progetto di un film dal titolo “Coppia da Sballo”, che dovrebbe iniziare a girare già da novembre.


31
agosto

UN COCCODRILLO PER AMICO: L’ENNESIMA RIPROPOSIZIONE DI UN’IMPROBABILE COPPIA CATODICA

Un Coccodrillo per Amico

Si, sono prevenuto. Ma d’altronde chi potrebbe non esserlo nei confronti dell’ennesima riproposizione catodica dell’improbabile coppia Massimo BoldiBarbara De Rossi? Che poi, a volerla dire tutta, potrebbe parlarsi di improbabile trio con l’aggiunta di Maurizio Mattioli. Ma questa è decisamente un’altra storia.

A quanto pare, non è bastato il Ciclone in Famiglia di Italia1 ad affossare la strana coppia, e questa volta ci si mette di mezzo anche il titolo: Un Coccodrillo per Amico. Capite? Un Coc-co-dril-lo per Amico! Almeno Enzo De Caro aveva Una Donna per Amico (Elisabetta Gardini). E la domanda non può non sorgere spontanea: “Ma perchè mai un’attrice come Barbara De Rossi ha scelto di dare una virata assolutamente incomprensibile ad una carriera che, seppur in discesa, ha avuto modo di lasciare il segno?”. 

Ma tant’è, ormai non ci resta che sperare che l’animale sia almeno da intendere in senso metaforico, e per il momento l’unica certezza è che domenica prossima troveremo Lorenzo e Suor Laura (questi i nomi dei personaggi interpretati) ad aprire le danze della nuova stagione di Canale5, per quanto riguarda il prime time. Fortunatamente, s’è pensato bene a Cologno Monzese di riservare all’ “attesissimo” film tv una “domenica qualunque” (fuori garanzia), probabilmente per la consapevolezza dell’appeal di un prodotto come quello di cui parliamo.

Dopo il salto la trama: