Glee


14
luglio

GLEE: CORY MONTEITH E’ MORTO

Cory Monteith

Dopo la scomparsa di James Gandolfini un altro lutto si abbatte sul mondo della serialità a stelle e strisce. Cory Monteith è morto. La star di Glee è stata trovata senza vita sabato a mezzogiorno nel Pacific Rim Hotel di Vancouver dove soggiornava dal 6 luglio. Ad annunciare la triste notizia Doug LePard, vice capo di polizia, nel corso di una conferenza stampa. Le autorità stanno indagando sulle circostanze del decesso. Per l’autopsia bisognerà però aspettare domani. Il corpo non presenterebbe tracce di violenza.

Questa primavera il trentunenne attore era stato ricoverato in rehab per dipendenza da sostanze stupefacenti. Un ricovero che aveva costretto gli sceneggiatori a riscrivere la trama del telefilm cult. L’abuso di droghe ha condizionato l’intera vita dell”interprete del bravo ragazzo Finn Hudson che ha ammesso di aver iniziato ad usare stupefacenti a 13 anni mentre il primo ricovero risale all’età di 19 anni.

Secondo gli investigatori l’attore era solo nel momento del decesso. Cory era legato sentimentalmente a Lea Michele, interprete di Rachel Berry in Glee che per ora non ha rilasciato nessun commento. Il collega di set Mark Salling (Puck) ha invece commentato su Twitter con un semplice “No”. Ma poco dopo il tweet è stato rimosso.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,




11
aprile

GLEE CHIUDE?

Glee

C’era una volta il McKinley High School, un professore di spagnolo desideroso di realizzare un sogno e un gruppo di ragazzi dalla voce portentosa e dalle personalità spiccate desideroso di esibirsi sul palcoscenico e aggiudicarsi un Campionato Nazionale. Iniziava così l’avventura di Glee, il teen drama di Ryan Murphy distintosi, nel corso degli anni, per originalità e ironia. Si sa, il tempo è traditore e Glee, con lo scorrere delle stagioni e delle puntate, inizia a perdere mordente e appeal, schiavo di stereotipi e cliché sempre più rigidi e banali, al punto da spingere i suoi “papà” Ryan Murphy, Brad Falchuck e Ian Brennan a pensare di non rinnovare la serie per una quinta stagione.

Stando a quanto rivela Perez Hilton, malgrado alcuni membri del cast, Lea Michele in primis, abbiano già firmato il contratto e, malgrado le nuovissime idee annunciate da Murphy in merito al prosieguo dell’avventura dei suoi ragazzi, la Fox attende ancora la conferma dei deus ex machina della serie sulla messa a punto della quinta stagione di Glee; conferma che, se non dovesse arrivare, metterebbe a rischio la realizzazione stessa delle avventure del glee club più famoso del piccolo schermo. E così, mentre la Fox aspetta e i creatori tentennano, il The Glee Project, il talent show atto a rintracciare nuovi membri da inserire nel cast, è stato momentaneamente cancellato. Che fare?

Quei personaggi e quelle dinamiche così originali e intriganti all’inizio della serie sono finite per amareggiare e deludere i suoi seguaci: si passa dalla versione abominevole e spassosa di Sue Sylvester a una più blanda e tediosa; da un Will Schuester propositivo e umile a un vanaglorioso e arrivista “politico in ascesa”; da un Blaine Anderson devoto e innamoratissimo del suo Kurt a un ragazzo infedele e insicuro e, soprattutto, da un’affascinante quanto egoista Quinn Fabray a un’ex cheerleader amante del sesso…con le donne.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,


9
aprile

GLEE: NAYA RIVERA (SANTANA) SARA’ A GIFFONI 2013

Naya Rivera

Buone nuove per i fan italiani di Glee. Dopo Dianna Agron, un’altra star del telefilm targato Fox sarà ospite al Giffoni Film Festival (19-28 luglio 2013). A sbarcare in provincia di Salerno quest’estate (la data non è stata ancora comunicata) ci sarà l’attrice latina della serie Naya Rivera alias Santana Lopez.

Pochi sono i dettagli resi noti  finora sull’evento che conferma la capacità del Festival salernitano di attrarre personaggi di sicuro appeal. Naya è tra le più amate protagoniste dello show musicale a stelle e strisce. Dalla prima stagione in cui era relegata quasi nello sfondo come acida cheerleader, l’attrice si è conquistata un posto sempre più grande prima del cuore dei gleeks e, poi, in quello degli sceneggiatori che hanno aumento vertiginosamente la sua presenza nella serie.

L’annuncio dell’arrivo di Naya al Festival dedicato ai più piccoli, giunge in un momento particolare per Glee e il suo cast, ultimamente molto chiacchierato. Da un lato, infatti, la lieta e inaspettata notizia della gravidanza dell’attrice Heather Morris, che interpreta la svampita Brittany, e dall’altro la notizia shock del ricovero in rehab di Cory Monteith che veste i panni di Finn (compagno anche nella vita reale della protagonista Lea Michele).





31
gennaio

GLEE 4 RIPRENDE STASERA ALLE 21.00 SU FOX…DAL NATALE

Lea Michele

Dopo il consueto periodo di pausa per ricaricare le batterie e permettere la registrazione dei successivi episodi, il liceo McKinley riapre i battenti, stasera alle 21.00 su Fox. Prosegue, dunque, l’avventura della quarta stagione di Glee lì dove l’avevamo lasciata: dal consueto episodio di Natale. Dall’ammissione di Kurt (Chris Colfer) alla prestigiosa NYADA e dall’estrema fedeltà dimostrata da Marley (Melissa Benoist) nei confronti del Professor Schuester (Matthew Morrison) e del Glee Club, le vacanze di Natale sono ormai alle porte e i ragazzi sono pronti a festeggiarle a dovere.

Spesso la puntata di Natale ha riservato, nel corso delle precedenti stagioni, uno stand by della narrazione legato a escamotage più o meno originali, ma in parte grevi e tediosi, come il documentario in bianco e nero meticolosamente scritto da Artie (Kevin McHale) nel corso della terza edizione: da qui l’idea di portare avanti la storia attraverso un approfondimento delle relazioni fra i personaggi principali a cominciare dai fratellastri Puckerman, ribelli e ostili l’un con l’altro, e la coppia Kurt-Blaine, ancora profondamente legata da un amore sincero.

L’introduzione di nuovi interpreti e la prosecuzione dei due filoni narrativi, divisi fra Lima e New York, ha portato non pochi problemi alla genuinità della serie, minando la sua compattezza e la sua originalità, sempre più schiava di cliché e di scarse trovate musicali suggestive. Riuscirà la consueta pausa di trasmissione della stagione a ritrovare un pubblico sempre più lontano dai suoi beniamini e dalla rassicurante atmosfera gioviale e coesa?

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,


31
ottobre

STRUCK BY LIGHTNING: ECCO IL FILM DI CHRIS COLFER (KURT DI GLEE)

Struck By Lightning

Un viso glabro e angelico, uno spiccato estro estetico e modaiolo e una predilizione innata per il balletto di Single Ladies: parliamo di Kurt Hummel, il protagonista gay di Glee magistralmente interpretato dal giovanissimo Chris Colfer. Abbandonato il McKinley e messa da parte l’avventura newyorkese a fianco di Sarah Jessica Parker, Chris si guarda intorno e, deciso a non cristallizzarsi in un unico ruolo, punta al cinema proponendo il suo ultimo lavoro: Struck by lightning.

Il film, diretto da Brian Dannelly, narra le avventure del giovane Carson Phillips (Chris Colfer) che si appresta a raccontare la sua storia in un lungo flashback dopo essere morto, all’inizio del film, per colpa di un fulmine scagliatosi su di lui. Carson è uno studente della scuola superiore di Clover intenzionato a ricattare i suoi compagni d’istituto più popolari con lo scopo di fare pubblicità alla rivista scolastica di cui è gestore. Inoltre, sua madre Sheryl cercherà in tutti i modi di ristabilire un contatto con il figlio, mentre il ragazzo si preparerà al futuro con la difficile scelta del collage.

Presentano in anteprima al Giffoni Film Festival 2012 e, ancor prima, al Tribeca Film Festival, la pellicola è prodotta e scritta e interpretata da Chris Colfer che ha dichiarato di voler rendere omaggio, con il suo attento lavoro, ai film di John Hughes degli anni ‘80, confermando il suo viscerale interesse per il mondo del cinema e dell’apparire.





17
ottobre

GLEE: DARREN CRISS DICE SI AI MATRIMONI GAY (E AD OBAMA)

Un bacio gay a Glee

Non si tratta di un coming out, bensì di un endorsement. Ma se a farlo è una star americana della tv, la differenza è poca (o quasi), e il rumore è assicurato. Darren Criss, attore della serie tv Glee, dice sì ai matrimoni gay. Proprio lui, che nella serie americana interpreta Blaine Anderson, studente americano dichiaratamente gay. Proprio adesso, quando a poche settimane dal voto, negli Stati Uniti ferve il dibattito sui diritti delle coppie gay.

Sabato scorso, dal palco dell’ottava edizione degli Outfest Legacy Awards, l’attore di Glee si è esibito cantando un brano da sempre affidato ad una voce femminile, all’interno del musical di Broadway “How to succeed in business without really trying”. La scena del musical in cui canta una voce femminile, denominata “Contenta di tenergli la cena al caldo”, racconta di una moglie in attesa del marito. L’attore di Glee, invece, sostituendosi al ruolo della moglie, ha cantato lo stesso brano al marito, come se fosse sposato con lui.

Da lì, poi, il passo è stato breve e Criss, dopo aver affermato che non si sarebbe mai aspettato “di poter cantare dal palco quel brano, da sempre affidato ad una voce femminile” si è detto “contento di aver realizzato un suo sogno, proprio nel mezzo del periodo politico in cui stiamo vivendo”. Il riferimento è al dibattito in corso tra i due sfidanti alla Casa Bianca, Barack Obama e Mitt Romney, sui diritti da assegnare alle coppie gay, che vede il presidente uscente a favore del matrimonio tra coppie dello stesso sesso, e il candidato Romney contrario.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,


26
settembre

GLEE 4: LA NUOVA DIREZIONE VA AL RALLENTATORE

Dean Geyer e Lea Michele

E’ iniziata ieri (su Fox Italia) la Nuova Direzione di Glee. L’attesa era tanta per una quarta stagione a dir poco rivoluzionata e destinata a rappresentare un precedente nel mondo dei teen drama per lo sdoppiamento delle trame: da una parte quel che succede al vecchio liceo, dall’altra le avventure di Rachel (Lea Michele), la star dei primi tre capitoli volata a New York per frequentare una prestigiosa accademia di spettacolo.

Tanta carne, forse troppa, nel braciere dello showrunner Ryan Murphy che per il momento è riuscito a schivare la complessità senza però conferire mordente al nuovo inizio. Il debutto conquista la sufficienza ma non entusiasma, non alimentando altresì la curiosità per quello che sarà. L’interesse per i successivi episodi rimane ancorato al ritrovare i personaggi storici del telefilm e non alle nuove vicende in evoluzione del cast fisso. Dopotutto Glee ha costruito la propria fortuna, oltre che su un’idea forte, su personaggi ben delineati, talmente attrattivi da far passare in secondo piano alcune pecche nella sceneggiatura.

Ai vecchi protagonisti si contrappongono e affiancano i nuovi, per ora poco convincenti. Troppo buonismo nel ritratto della talentuosa Marley, ragazza povera con una madre obesa; storia difficile alle spalle anche per Jake, fratellastro segreto di Puck; improbabile la “drag” Wade/Unique mentre dal nuovo amore di Rachel, Brody, ci si aspettava un piglio più deciso. E poi c’è la nuova capo cheerleader, Kitty, che, presentata velocemente come un incrocio tra Quinn e Santana, sa di già visto.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes


25
settembre

GLEE, LA QUARTA STAGIONE AL VIA SU FOX

Glee - quarta stagione

Glee - quarta stagione

Tre, due, uno…Glee! Dopo un’infervorante attesa e l’eccessiva curiosità stuzzicata da Ryan Murphy su Twitter, finalmente sbarca in Italia la quarta stagione di Glee che riparte stasera su Fox alle 21.00 con due episodi: “La nuova Rachel” e “Britney 2.0 V.O.”. Dopo tre anni di umiliazioni e di sgargianti e appiccicose granite in faccia, finalmente i membri del Glee Club sono ammessi nei “cool kids”, pronti ad atteggiarsi fra i corridoi del McKinley, rincuorati dalla fama e dal successo riportati alle Nazionali di canto coreografato.

Sconforto e perdita del proprio “io” sono i difficili sentimenti affrontati dai protagonisti: Rachel (Lea Michele) dovrà confrontarsi con la grandiosa ma solitaria esperienza newyorkese alla NYADA, orfana del suo Finn (Cory Monteith) e di Kurt (Chris Colfer), anima in pena inconsolabile ancora stanziata a Lima e bramosa di evadere e realizzarsi. Chi sarà poi “la nuova Rachel” fra Blaine (Darren Criss), Tina (Jenna Ushkowitz), Brittany e Unique (Alex Newell), pronti a decidere chi si meriti più assoli sfidandosi sulle note di “Call me maybe” di Carly Rae Jepsen? Fra le new entry del primo episodio segnaliamo la nuova e odiosissima capo-cheerlearder Kitty (Becca Tobin) e i due acquisti delle Nuove Direzioni: la talentuosa Marley (Melissa Benoist) e l’irascibile Jake (Jacob Artist), fratellastro segreto di Puck (Mark Salling).

Infelice e amareggiata per essere stata cacciata dai Cheerios e per non sentire abitualmente la sua Santana (Naya Rivera) trasferitasi all’Università di Louisville, Brittany (Heather Morris) deve cercare di rialzarsi in piedi, e quale modo migliore se non quello di rendere un nuovo omaggio al suo idolo Britney Spears? In una sorta di pericolosa nemesi la giovane ragazza attraversa tutti i momenti bui vissuti dalla principessa del pop: dalla rasatura e un’imbarazzante versione playback di “Gimme more” che rappresenta un vero affronto per il Glee Club.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,