Recensioni


21
dicembre

MasterChef All Stars: Almo Bibolotti alla riscossa. In sei eliminati

Almo Bibolotti

Almo Bibolotti

Avete presente gli inflessibili giudici di MasterChef, che da sempre si divertono a mettere in difficoltà i concorrenti, che un po’ li scherniscono, dubitando sempre delle loro capacità? Ecco, dimenticateli. Perchè in MasterChef All Stars sia Antonino Cannavacciuolo, da sempre il più morbido del gruppo, che Bruno Barbieri e Joe Bastianich, si sono mostrati diversi. Quasi padri affettuosi ed orgogliosi che, quando riprendono i propri “figli”, lo fanno solo perchè sanno che possono dare di più e vogliono sentirsi fieri del modo in cui li hanno cresciuti.




20
dicembre

Ultimo – Caccia ai Narcos: il baluardo della serialità Mediaset salva una storia poco coinvolgente

Ultimo 5 - Raoul Bova e Nerea Barros

Ultimo 5 - Raoul Bova e Nerea Barros

Le operazioni amarcord in TV funzionano sempre meno, far rivivere i fasti del passato ad un titolo famoso è sempre più difficile. Perchè cambiano le aspettative, l’offerta è ogni anno più ampia, e quello che funzionava prima, risulta stantio dopo. Con Ultimo – Caccia ai Narcos questo non è successo, nonostante la serie Taodue, giocoforza, non abbia più l’appeal di vent’anni fa.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,


18
dicembre

Ecco Sanremo Giovani: tutto sottotono

Ecco Sanremo Giovani

In attesa del debutto in prime time con Pippo Baudo e Fabio Rovazzi, i talenti di  si stanno facendo conoscere nel daytime pomeridiano di Rai1 con una finestra quotidiana presentata da Luca Barbarossa e Andrea Perroni. Poveri ragazzi: - questo il titolo del programma che dovrebbe avvicinarli al pubblico – dà infatti l’impressione di essere stato organizzato alla bene e meglio, senza particolari sforzi autoriali. E, addirittura, senza gli adeguati mezzi.





17
dicembre

Firenze secondo me: Matteo Renzi divulgatore tv del proprio ego

Matteo Renzi, Firenze secondo me

La bellezza serve se ciascuno di noi accetta di mettersi in cammino contro la banalità, la mediocrità, l’ignoranza“. Il Matteo Renzi divulgatore televisivo non è poi così diverso da quello politico: stessa parlantina, stessa indole affabulatoria, stessi giri di parole ad effetto. L’ego ipertrofico, si sa, non gli manca e in questo caso tracima dal piccolo schermo. Ma c’è una sostanziale differenza. In Firenze Secondo Me, il documentario da lui presentato sul Nove, l’ex rottamatore è risultato più convincente e sopportabile del suo alter ego politico, che ultimamente non se la sta cavando benissimo.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,


11
dicembre

Baby: un buon «teen drama» che non rispecchia le aspettative

Baby - Benedetta Porcaroli e Alice Pagani

Baby - Benedetta Porcaroli e Alice Pagani

Gioventù bruciata. Così si potrebbe sintetizzare la trama di Baby, la serie Netflix ispirata al caso di cronaca delle baby squillo dei Parioli (qui tutte le info). Ma anche genitorialità mancata, dal momento che parte della narrazione ruota attorno alle famiglie delle protagoniste e alla miseria interiore che le abita, impedendo a madri e padri di aiutare i propri figli ed evitare che commettano sbagli palesi. Un racconto lento ed attento ai dettagli, che cerca di entrare dentro gli stati d’animo dei personaggi, ma che nulla ha a che vedere con quello che ci si aspettava da esso.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,





10
dicembre

«I nostri figli» racconta l’altra faccia del femminicidio

I Nostri Figli

I Nostri Figli

Un racconto del femminicidio nuovo, diverso, più completo, forse. Il film tv I nostri figli diretto da Andrea Porporati e ispirato al caso di femminicidio di Marianna Manduca, andato in onda su Rai 1, racconta il coraggio e la forza di Anna e Carmelo, interpretati da Vanessa Incontrada e Giorgio Pasotti, alle prese con la difficile scelta di adottare tre orfani dopo l’uccisione della loro madre per mano del padre, condannato per omicidio.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes


3
dicembre

Cuochi d’Italia: un torneo regionale poco originale, con Borghese a fare da animatore

Cuochi d'Italia - Cristiano Tomei, Alessandro Borghese e Gennaro Esposito

Cuochi d'Italia - Cristiano Tomei, Alessandro Borghese e Gennaro Esposito

I programmi culinari sono stati offerti ormai in tutte le salse ai telespettatori, ma le varianti che vanno più di moda al momento sono i talent, arricchiti da giudici inflessibili, o gli show itineranti, che stanano cuochi e ricette a casa loro. C’è però chi ancora offre una sfida a due, con tanto di pubblico in studio, e tra le varie proposte del genere spicca Cuochi d’Italia, in onda dal lunedì al venerdì nel preserale di TV8.


30
novembre

Mai dire Talk: «madreh», che caos! Gialappa’s e Forest salvano in corner il debutto

Mai Dire Talk

«Madreh», che caos! L’ansia da prestazione e la voglia di spiazzare ad ogni costo hanno un po’ fregato quelli di . Il programma comico, che ha debuttato ieri sera su Italia1, si presentava al pubblico accompagnato da una certa attesa e da un onere: quello di ironizzare sull’attualità senza però tradire lo storico e garantito marchio di fabbrica targato Gialappa’s Band. La soluzione televisiva adottata per compiere l’impresa, tuttavia, è stata confusionaria all’esordio, soprattutto a motivo di una scaletta sconclusionata e caotica, per l’appunto, salvata in corner solo dalla prestazione del Mago Forest e della Gialappa’s stessa.