Recensioni


16
marzo

Made in Sud cambia registro (perchè?!) con Gigi D’Alessio. Ma la musica stona con la comicità

Made in Sud - Gigi D'Alessio

Made in Sud - Gigi D'Alessio

Se chiami un cantante a condurre un programma televisivo, lui canta e la butta sempre in musica. E’ una cosa normale e può anche essere decisamente bella, se l’obiettivo dello show è quello di mettere al centro del palco le sette note. Ma se hai a che fare un format rodato, con una sua identità ben precisa e che funziona da anni come Made in Sud, affidarlo improvvisamente a Gigi D’Alessio significa snaturarlo e farne un’altra cosa rispetto a ciò che era.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,




18
novembre

THE WINNER IS, UN MINESTRONE LENTO E NOIOSO

The Winner is...

The Winner is...

Guardi The Winner is… e ti domandi: ma che cosa sarebbe precisamente? Loro lo definiscono un “talent game”, ma a dir la verità non sembra nè l’uno nè tantomeno l’altro. Sì, ci sono parecchi soldi in ballo, c’è un deal (manco così tensivo) tra Gerry Scotti in tandem con Rudy Zerbi – che presiede la giuria ma di fatto vale quanto gli altri 100 giurati (piazzati come a 1 contro 100) pescati tra gli appassionati di musica – e i due sfidanti; e poi ci sono le esibizioni canore, alla base dei vari duelli.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,