Reality/Talent Show


26
maggio

XFACTOR : ECCO I DETTAGLI DELLA FINALE. FIRME D’ECCEZIONE PER I BRANI IN GARA

X Factor @ Davide Maggio .it

TIZIANO FERRO SCRIVE PER GIUSY. MORGAN PER GLI ARAM. LA COPPIA DI HITS-MAKER GALBIATI/GRANDI PER TONY. EMANUELE UNICO CANTAUTORE.

Ospite in studio: Irene Grandi

Inviati Speciali : Elio, Nicola Savino e Daniele Bossari

E’ tutto pronto per l’ultimo atto di X-Factor, il programma condotto da Francesco Facchinetti in onda domani sera su RaiDue dalle 21.00. A contendersi il contratto discografico con Sony/Bmg del valore di 300.000 euro saranno Tony Maiello per la squadra di Mara Maionchi, gli Aram Quartet per quella di Morgan, Giusy Ferreri ed Emanuele Dabbono per il team di Simona Ventura.

Un finale incerto per artisti dai percorsi diversi ma originali. Un percorso cominciato il 10 marzo che si concluderà comunque in bellezza grazie anche al contributo di nomi prestigiosi della musica italiana.

Giusy Ferreri, 29 anni (all’anagrafe Giuseppa Gaetana Ferreri), palermitana trapiantata ad Abbiategrasso (MI), ha uno stile vocale particolare che l’ha portata ad essere accostata a Amy Winehouse. Dotata di un timbro di voce personalissimo, vagamente androgino, ha imparato a suonare piano e chitarra seguendo anche lezioni di canto e suonando in una cover band. Tra i generi musicali predilige la musica blues, il rock and roll, la musica psichedelica e la new wave. Al provino di X Factor ha portato i brani “Rehab” di Amy Winhouse, “La lontananza” di Domenico Modugno, “Con una rosa” di Vinicio Capossela e “Mercedes Benz” di Janis Joplin. Considera “What’s Up” dei 4 No Blondes uno dei suoi brani preferiti.
In finale interpeterà un brano scritto per lei da Tiziano Ferro e Roberto Casalino (giovane autore) dal titolo “Non ti scorderai mai di me”.

I pugliesi Aram Quartet – Antonio, Raffaele, Antonio A. e Michele, dalle cui iniziali deriva il nome – si sono conosciuti circa dieci anni fa frequentando le lezioni di canto del Maestro Nando Mancarella a Lecce e, da quel momento, non si sono più lasciati. In un primo momento si sono incamminati verso la musica jazz per poi dirigersi verso la musica pop-soul, un po’ più commerciale. Un gruppo vocale presentatosi al provino con “With a little help from my friend” dei Beatles e che vanta tra i cavalli di battaglia “When a man loves a woman” di Percy Sledge.
Per l’ultimo atto di X-Factor hanno in serbo una canzone, “Chi (Who)” scritta da Morgan e Gaudi.




26
maggio

(TOTO) ISOLA DEI FAMOSI 6 : SARDONE’ NAUFRAGO, LA DIAVOLITA IN BILICO

Riccardo Sardonè e Melita Toniolo @ Davide Maggio .it

Come vedremo, la prossima stagione sarà dedicata principalmente all’intrattenimento. Ma quest’ultimo non sarà prerogativa esclusiva delle ammiraglie.

Com’è noto, dopo anni di attesa, tornerà uno dei reality show più movimentati del piccolo schermo italiano. A settembre, su Italia1, toccherà a Paola Perego riportare in video La Talpa, una delle poche produzioni della Triangle Production di Silvio Testi ad aver fatto breccia nel cuore dei telespettatori. Ingiustamente assente dai palinsesti per ben tre anni, la Talpa potrà contare anche su Stefano Bettarini, che per l’occasione tornerà a vestire i panni dell’inviato, e un cast di persone comuni che andranno ad affiancare i colleghi più celebri. Per gli aspiranti concorrenti è stato attivato un indirizzo email (questo : latalpa@triangle.it) e un numero di telefono 02/30309010. Stando a quanto dichiarato dalla conduttrice nell’ultima puntata di Buona Domenica, si starebbero cercando “uomini spregiudicati ed affascinanti”.

A Simona Ventura toccherà, invece, condurre la sesta edizione dell’Isola dei Famosi, naturalmente su RaiDue. E proprio in relazione al reality di Magnolia, si dice che Riccardo Sardonè sia, quasi ufficialmente, uno dei prossimi naufraghi. La Mona nazionale, però, vorrebbe tanto far naufragare anche la diavolita già reduce da reality, Melita Toniolo. Ma la procace fanciulla, pare, stia prendendo tempo. Qualcuno le avrà già ventilato l’ipotesi di un caldo approdo a “Controcampo” in seguito all’addio della Canalis? Dopo Lucignolo, naturalmente.

Per la cronaca, anche il reality di Giorgio Gori cerca concorrenti “comuni”. Per candidarsi al naufragio, è stato inaugurato anche un sito web dove potrete avere qualunque ragguaglio. Potete raggiungerlo cliccando qui.


21
maggio

MARA MAIONCHI A DAVIDE MAGGIO : GALEOTTO FU IL CORRIERE DELLA SERA

Mara Maionchi @ Davide Maggio .itProduttrice di successo, si è avvicinata alla musica come Segretaria dell’Ufficio Stampa della casa discografica Ariston. Da quel momento la sua carriera è stata tutta in ascesa.

Ha all’attivo la creazione di due etichette grazie alle quali ha prodotto artisti entrati nella storia della canzone italiana.

La consacrazione (forse inaspettata) come personaggio pubblico è arrivata quest’anno col passaggio dal dietro le quinte al palco del talent show di RaiDue, XFactor.

Con i suoi sessantasette anni portati divinamente e sui quali non fa alcun mistero, è riuscita a scippare l’XFactor a tutti i concorrenti diventando il vero personaggio rivelazione del programma prodotto da Giorgio Gori.

Tutto questo è Mara Maionchi che ha accettato di fare quattro chiacchiere con DM.

Ecco il risultato della nostra chiacchierata.

Iniziamo da Xfactor. Presentato al pubblico come un programma-evento, il talent show portato in Italia da Magnolia, stando ai dati auditel, non è stato propriamente un successo.

In effetti e’ una strana sensazione. C’è una differenza notevole tra i dati auditel e il riscontro in generale del programma.
Pensa che non posso piu’ andare in pace al Casinò di Lugano perché mi fermano tutti.
Per non parlare poi del supermercato… Mio marito non ne può più!

In Inghilterra le cose stanno diversamente però.

Forse perché in Inghilterra non c’erano mai state gare tra cantanti. Noi in Italia proponiamo gare tra cantanti dal 1951 (1^ ed. di Sanremo, ndr)

E’ stato scritto che lo staff inglese del programma è venuto in Italia per cercare di capire le ragioni del mancato successo dell’X Factor italiano.

Non proprio. Gli inglesi sono stati presenti sin dalla prima puntata del programma. Hanno seguito tutti i casting e hanno presenziato alle prime due puntate. Simon Cowell, ideatore del programma, non ha abbandonato Magnolia alla quale ha ceduto, mi pare per 3 anni, i diritti per la realizzazione dell’edizione italiana di XFactor. Un po’ come ho fatto io con Tiziano Ferro cedendo per 10 anni i diritti alle EMI. Ma certamente non l’ho perso di vista!

XFactor può non aver riscosso il meritato successo ma sei stata sicuramente il personaggio rivelazione dell’anno.

E’ andato molto bene anche Morgan. Lo conosco da 17 anni, ogni tanto ci becchiamo ma è un personaggio.

E la Ventura?





3
maggio

X FACTOR : GIUSY FERRERI, TU CHIAMALA SE VUOI… GAETANA, la cassiera di Roberto Rossi

Giusy Ferreri (XFactor) @ Davide Maggio .itX Factor non starà facendo parlare di sé per gli strabilianti ascolti, ma non si può certo dire che stia passando inosservato tra il pubblico e gli addetti ai lavori.

Polemiche, indiscrezioni e strambe casualità rappresentano, ad oggi, l’unica fonte d’ossigeno per un costoso talent show che vivacchia sotto la soglia del 10% di share. Prima la polemica relativa ad una vecchia incisione di Emanuele Dabbono, poi quella su un recente contratto firmato da Ilaria Porceddu con la Sony, rescisso proprio due mesi prima della messa in onda della trasmissione e infine le insinuazioni sull’amicizia tra la Maionchi e Silvia Aprile.

Fuochi di paglia presto spenti da un regolamento che parla chiaro e che vieta ai partecipanti il solo vincolo di un contratto discografico in essere. Però, con l’arrivo della cantante Giusy Ferreri, nel corso della settima puntata, qualche dubbio sarà venuto anche al più convinto dei benpensanti. La ventinovenne palermitana, frettolosamente ribattezzata la “Amy Winehouse made in Italy” ha già al suo attivo un contratto con la Sony Music, anch’esso rescisso poco prima della trasmissione. Proprio come la Porceddu.

Ma a differenza della cantante sarda le “casualità” non finiscono qui. Il direttore artistico della prima fatica discografica della Ferreri, Il Party incisa con il secondo nome di battesimo Gaetana, è nientemeno che Roberto Rossi, uno dei boss della Sony, intervenuto durante l’ultima puntata dello show andata in onda lo scorso 29 aprile. Non solo, sarà lo stesso Rossi a seguire e produrre personalmente il disco del vincitore. Scherzo del destino o selezioni pianificate a tavolino? E’ pur vero che l’ingresso decisivo della brava cantante siciliana è stato determinato dal televoto ma a questo punto risulta assai difficile credere soltanto alla bella favola pubblicata all’interno della pagina dedicata all’artista dal sito ufficiale di X Factor (http://www.xfactor.rai.it/category/0,,1067131-1078129.html), quella di una cassiera che lavora part-time in un supermercato e che scopre il chiacchierato talent show “tramite degli amici”…

A meno che tra quelli stessi amici intendesse proprio Rossi. Il che non farebbe che avvalorare la tesi dei più maligni!


18
aprile

MARIA DE FILIPPI E’ LA VERA VINCITRICE DI AMICI… CHE SI SPOSTA ALLA DOMENICA POMERIGGIO, FORSE!

Maria De Filippi @ Davide Maggio .it

Mercoledì sera su Canale5, si è conclusa la settima edizione di Amici che ha proclamato vincitore il ventiduenne parrucchiere canterino Marco Carta.

Ma la vera trionfatrice è lei, Maria De Filippi, una donna capace di fare della propria assenza fisica all’interno del programma, la sua vera forza.

Un’eminenza grigia, paragonabile a quei mega direttori fantozziani che nessuno vede mai, ma che con il loro “spirito” aleggiano nei corridoi delle aziende incutendo timore reverenziale nei confronti dei propri dipendenti-sudditi.

Questo è la Sanguinaria : una presentatrice che non è una presentatrice e che fa del “proprio nome” l’unica vera garanzia di riuscita.

Ma questa autorevolezza, che riesce a rendere secondari i canoni classici della conduzione televisiva, è un merito indiscusso e può essere considerata frutto di un lavoro puntuale, di una preparazione e supervisione completa di quello che è il prodotto finale. Tutto questo fa della De Filippi un personaggio amato, perchè vedere qualcuno che fa il proprio mestiere con passione, è sempre e comunque stimolante, al di là delle critiche che possono legittimamente esserle rivolte.

E se Maria De Filippi, “in corso d’opera” preferisce tenersi lontana dalla critiche e dai pettegolezzi, a riflettori spenti si lascia andare ai naturali bilanci (più che positivi, ndr) del programma e si prende il merito per ciò che ha costruito.

Al termine di questa settima edizione, in alcune interviste rilasciate alla carta stampata, sostiene che Amici sia l’unico programma in grado di dare realmente spazio ai giovani, di creare lavoro e avvicinare un nuovo pubblico al teatro, portando a testimonianza i riscontri ottenuti con il musical teatrale “A un passo dal sogno” che ha visto nel cast alcuni ragazzi della precedente edizione.

Ma la conduttrice va oltre e parla, da una parte, degli impegni per la prossima stagione tv che vedrà confermati i suoi cavalli di battaglia e, dall’altra, risponde ad alcune voci di corridoio che già da diversi mesi si fanno insistenti.

Continua a leggere il post e scopri qualche anticipazione sulla prossima stagione tv :

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,





9
aprile

GRANDE FRATELLO : UN REALITY ALLA DERIVA?

Alessia Marcuzzi @ Davide Maggio .it

Dal 2000 è cambiato il modo di fare televisione.

Con l’arrivo del Grande Fratello, i professionisti dello spettacolo hanno dovuto cedere il posto a chi, pur non avendo alcuna professionalità in ambito televisivo, è riuscito a calamitare l’attenzione del pubblico.

La gente comune, così viene definita, ha iniziato a diventare parte attiva del piccolo schermo dando vita ad un nuovo corso che, non ancora giunto ad un punto d’arrivo, fa si che la nostra televisione sia, ancora oggi, in un periodo di transizione.

Scoperte le potenzialità di questo nuovo trend, la tv italiana (così come quella degli altri paesi) è stata tutta un pullulare di people e reality show, diventati croce e delizia dei telespettatori nostrani.

Si poteva contare sull’impareggiabile effetto procurato dall’immedesimazione del “pubblico a casa” nelle storie portate in televisione dalla gente comune. Pubblico curioso, e al tempo stesso felicemente sadico, di vedere una parte di se stesso, forse la più intima e la più vera, in un mondo normalmente patinato come quello dello spettacolo.

Un modo per avvicinarsi e sentirsi parte di un ambiente ritenuto irraggiungile. Un modo per sentirsi più simile agli altri.

Pian piano, le lacrime hanno iniziato ad allagare i nostri tubi catodici, le risse da bar ad entrare nelle case degli italiani e le discussioni da pianerottolo a diventare discussioni da… piccolo schermo.

Grazie alla gente comune, dicono.

Se, però, può risultare agevole definire “gente comune” quella che affolla i people show in cui, grazie alla sapiente opera del conduttore, vengono portate a galla storie singolari e spesso recondite, riesce difficoltoso poter fare altrettanto quando si parla di reality show; programmi in cui il ruolo dei protagonisti diventa evidentemente più attivo a differenza di quello del conduttore che diventa spettatore anch’esso della realtà televisiva che presenta. 


20
marzo

DAVIDE MAGGIO INTERVISTA MAURO PETRARCA, CANTANTE MACABRO E CIMITERIALE DI XFACTOR

Mauro Petrarca (XFactor) @ Davide Maggio .it

Mauro Petrarca, cantante cimiteriale

Scrive canzoni, ballate e liriche macabre perchè il suo pensiero vola sempre verso… il camposanto! Il singolare, forse unico, genere musicale che lo contraddistingue l’ha portato sotto la luce dei riflettori sin dal 2004 quando è stato ospite di Cronache Marziane su Italia1. Si sono occupati di lui anche all’Italia sul Due, a La Vita in Diretta e su Rosso Alice.

Alcune radio trasmettono i suoi pezzi e dal 2006 è anche autore della colonna sonora nefasta del programma Melog di Radio 24-Il Sole 24 Ore, condotto da Gianluca Nicoletti. Il 2 novembre 2007, il quotidiano nazionale Libero ha dedicato un articolo alle Sue composizioni musicali cimiteriali. Lo aveva preceduto il 2 novembre di due anni prima soltanto La Stampa che ha dedicato un articolo al Suo Canzoniere Macabro.

Ma il vero successo è arrivato con il nuovo reality targato Magnolia, X-Factor, che l’ha portato alle luci della ribalta.

Non potevamo non intervistare un personaggio come Mauro Petrarca, che si racconta su davidemaggio.it in questa intervista.

  • Allora, caro Mauro, la domanda sorge spontanea. Come ti è venuto in mente di dedicare la tua musica ad un argomento così… funebre?

Non c’è mai stato, nel mio percorso, un momento per interrogarmi sulla poetica che stavo inseguendo. Ogni pensiero, ogni verso dato ai diari, voleva a cornice il camposanto;

  • Il tuo genere musicale è una provocazione oppure ritieni che possa avere una sua collocazione discografica ben precisa?

Oggi siamo abituati ai successi di vendite di artisti importanti come Guccini, Battiato, le compilation dedicate a De Andrè… ma se andiamo a valutare oggettivamente quei lavori, in pochi sottoscriverebbero che hanno coordinate commerciali o discografiche;

  • Come sei arrivato ad X-Factor?

La voglia e lo spirito bambino di rimettermi sempre in gioco, la propensione ad essere deriso nella consapevolezza che i miei baffi coprono il mio riso…

  • Sai se esistono colleghi che si occupano di musica come la Tua?

Ci sono molti esempi in proposito, ma di percorsi così univoci non ne sono a conoscenza;

Ti faccio, allora una piccola sorpresa. Sono riuscito a scovare una coppia di tue colleghe che hanno partecipato alle selezioni della versione inglese di XFactor.

  • In XFactor sei stato scartato durante i provini ma sei riuscito a catalizzare l’attenzione dei media. Soddisfatto oppure gli obiettivi erano altri?

Gli obiettivi erano di portare i miei canzonieri davanti alle telecamere, declamare i miei versi in video, mostrare il mio personaggio anche fisicamente;

Continua a leggere l’intervista :


20
marzo

MAURO PETRARCA, CANTAUTORE MACABRO E CREPUSCOLARE. DA XFACTOR A DAVIDEMAGGIO.IT

Mauro Petrarca @ Davide Maggio .it

Oggi, su DM

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,