Politica in TV


6
dicembre

DiMartedì, Di Maio: «CdA Rai nominato ricorrendo al sorteggio». Poi la gag con Floris

Luigi Di Maio, diMartedì

Impossibile non pensare al sorteggione di fantozziana memoria. Anche se Luigi Di Maio era serissimo. Ieri sera, durante il suo intervento a diMartedì, il candidato premier del M5S ha suggerito un nuovo meccanismo pentastellato per l’elezione dei vertici Rai: un’estrazione a sorte tra alcuni nomi selezionati in base alle competenze. 




27
novembre

Silvio Berlusconi, gaffe da Fabio Fazio: «Cinquestelle nostri alleati» – Video

Silvio Berlusconi, Che tempo che fa

Silvio Berlusconi alleato dei Cinquestelle. La corsa verso le prossime elezioni continua a regalare colpi di scena (e simpatiche gaffes, come in questo caso). Dopo l’endorsement di Eugenio Scalfari per il Cavaliere – pronunciato nei giorni scorsi su La7 – stavolta è stato proprio l’ex premier a far sobbalzare i telespettatori sulla poltrona. Ieri sera, durante l’intervista rilasciata a Che tempo che fa, il leader di Forza Italia ha annoverato per errore i grillini tra i suoi alleati politici: un lapsus che non poteva certo passare inascoltato.


22
novembre

DiMartedì, Eugenio Scalfari: «Tra Berlusconi e Di Maio, sceglierei il Cavaliere»

Eugenio Scalfari, diMartedì

Fermate tutto: Eugenio Scalfari, messo alle strette, ha ammesso di preferire Silvio Berlusconi. A suo giudizio, infatti, l’alternativa pentastellata sarebbe ben peggiore. Ieri sera, durante un colloquio con Giovanni Floris avvenuto a diMartedì su La7, il fondatore di Repubblica ha dichiarato che, di fronte ad una scelta obbligata tra Luigi di Maio ed il leader di Forza Italia, sceglierebbe quest’ultimo. Proprio lui, il nemico di Arcore, il “caimano” osteggiato per anni con infinite articolesse e con pubbliche invettive.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,





6
novembre

Di Maio annulla il confronto TV con Renzi

di maio

Luigi DI Maio

Dietrofront. Dopo il risultato delle elezioni in Sicilia, Luigi di Maio ha deciso di annullare il previsto confronto in diretta su La7 con Matteo Renzi. Queste le motivazioni esposte su Facebook:

“(…) Il Pd è politicamente defunto. A quello che leggo oggi sui giornali in interviste di esponenti Pd, non sappiamo neanche se Renzi sarà il candidato premier del centro sinistra. Anzi, secondo le ultime indiscrezioni riportate dai media, a breve ci sarà una direzione del Pd dove il suo ruolo sarà messo in discussione. Il nostro competitor non è più Renzi o il Pd. Combattiamo contro l’indifferenza che genera l’astensione. Avevo chiesto il confronto con Renzi qualche giorno fa, quando lui era il candidato premier di quella parte politica. Il terremoto del voto in Sicilia ha completamente cambiato questa prospettiva. Mi confronterò con la persona che sarà indicata come candidato premier da quel partito o quella coalizione (…)”


3
novembre

Di Maio vs Renzi: su Twitter si accordano per un confronto in TV il 7 novembre. Il pentastellato vorrebbe sfidarsi a DiMartedì:«È la trasmissione più vista in prima serata»

Luigi Di Maio

Sfida accettata: il faccia a faccia televisivo tra Luigi Di Maio e Matteo Renzi si farà. Ieri, tramite Twitter, il candidato premier del Movimento Cinque Stelle ha lanciato al leader del Pd la proposta di un confronto in tv da tenersi dopo le elezioni regionali in Sicilia. E l’ex premier ha detto sì. Il duello politico si terrà martedì 7 novembre prossimo in prima serata, anche se non è ancora stato deciso su quale emittente (la scelta sarà probabilmente tra Rai e La7). 





11
giugno

Elezioni Amministrative 2017: risultati in diretta su Rai, Mediaset, La7 e Sky

Città al Voto

Città al Voto

Italiani alle urne. Quest’oggi, domenica 11 giugno, saranno 18 le regioni e oltre 1000 i comuni interessati dalle elezioni amministrative. Da nord a sud il voto interesserà in totale 10.616.221 italiani. Le Regioni più coinvolte saranno Lombardia e Sicilia con rispettivamente 139 e 129 comuni al voto. A scegliere  il loro nuovo primo cittadino anche quattro capoluoghi di Regione: Genova, L’Aquila, Catanzaro e Palermo. Con 561.777 elettori è proprio Palermo il comune più popoloso al voto. Il più piccolo invece è Blello, un paesino in provincia di Bergamo che conta solo 71 cittadini ma addirittura 3 candidati al titolo di sindaco. Come consuetudine tutti i principali canali tv seguiranno in diretta gli scrutini con lunghe dirette, maratone e collegamenti con le principali città coinvolte dal voto.


14
ottobre

REFERENDUM COSTITUZIONALE, PAR CONDICIO IN RAI: ECCO IL REGOLAMENTO

Referendum costituzionale

La recente ospitata di Matteo Renzi a Politics avrà messo in crisi i garanti della parità referendaria. Su Rai3, infatti, il premier ha dato vita ad un serrato botta e risposta con i suoi intervistatori, sfidando così il ferreo regolamento sulla par condicio varato di recente dalla Commissione di Vigilanza. Il provvedimento, attuato in vista del referendum costituzionale di dicembre, è stato approvato all’unanimità con alcune modifiche rispetto al testo iniziale, apportate per arrivare ad una formulazione pienamente condivisa.


11
ottobre

DARIA BIGNARDI: POLITICS DIVENTA TRIBUNA POLITICS, MA NON CHIUDE. STASERA RENZI VS BERLINGUER. IL MIO STIPENDIO? NON POSSO TAGLIARLO IO.

Daria Bignardi

Daria Bignardi

La volontà di mantenere il pubblico classico di RAI3, ma anche di allargarlo e ringiovanirlo. Questo uno dei princìpi guida che a otto mesi dal suo arrivo a Rai 3 come direttrice di rete, Daria Bignardi – in un’intervista a Repubblica – dice di voler continuare a seguire. Nel corso dell’intervista fa un primo bilancio della sua esperienza che, ci tiene a sottolineare, per lei rappresenta “una parentesi, seppure appassionante” (siamo già alla parentesi!).

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,