Le Pagelle della Settimana TV


20
giugno

LE PAGELLE DELLA SETTIMANA TV (11-17/06/2012). PROMOSSI BALLANDI E LE TRE ROSE DI EVA. BOCCIATI IL TOTO CDA RAI E ITALIA 2

Sophia Loren e Jorge Javier Vazquez

10 a Sophia Loren. La diva del grande schermo nostrano, la scorsa settimana, è stata accolta con grande calore, dopo circa cinque anni d’assenza, in Spagna nella versione iberica di C’è Posta per Te (Hay una cosa que te quiero decir).

9 a Bibi Ballandi. Non pago di una brillante carriera, lo stimato produttore bolognese ha in serbo ancora ambiziosi progetti per la televisione. I suoi prossimi obiettivi sono due star della musica come Vasco Rossi e Jovanotti, entrambi non facilmente declinabili in uno show a più puntate ma molto suggestive.

8 a Le Tre Rose di Eva. Ad un soffio dall’ultima puntata, è impossibile non constatare il successo della fiction Mediaset. Nulla di eccezionale, intendiamoci, ma di sicuro dà la dimostrazione che per fare ascolti non servono necessariamente grandi star.

7 a Carlo Conti che dopo aver chiuso una stagione decisamente in salita è convolato, alla veneranda età di 51, anni a giuste nozze.

6 al coming out in diretta di Alessandro Baracchini su Rai News. Se da un lato si apprezzano i toni, dall’altro è apparso eccessivo il clamore mediatico suscitato.




12
giugno

LE PAGELLE DELLA SETTIMANA TV (4-10/06/2012). PROMOSSI LA ERRANI E ‘MA COME TI VESTI?’. BOCCIATI MASSIMO GHINI E SERVIZIO PUBBLICO SULLA TV

Claudio Bisio

9 a Sara Errani. A sorpresa la tennista italiana è riuscita a conquistare la finale del Roland Garros e, anche se non ha vinto, di sicuro ha contribuito a far apprezzare ancora di più il suo sport in televisione (13.77% per la diretta su Rai2 di sabato pomeriggio).

8 alla puntata di Ma Come ti Vesti? dedicata ad un’ottantenne. Vedere Enzo e Carla spietati, ma non troppo, alle prese con una signora non più giovane è stato esilarante. Allo stesso tempo il messaggio che passa è positivo.

7 all’estate di Super. Il canale per i più piccoli di De Agostini schiera nella bella stagione Laura Esquivel, Leon Cino e la strana coppia formata da Cristina d’Avena e Patrick Ray Pugliese.

6 al desiderio di Simona Ventura di tornare su Cielo con una sorta di Quelli Che il Calcio. Se l’emittente potrebbe trarne vantaggi in termini di visibilità e di ascolti (meno in termini di budget), per Simona il rischio è di avere a che fare con l’ennesima diminutio: potrà mai garantire il canale 26 gli stessi mezzi messi a disposizione dalla Rai? Non vorremmo comunque essere nei panni di Victoria Cabello.


5
giugno

LE PAGELLE DELLA SETTIMANA TV (28/05-3/06/2012). PROMOSSI CROZZA E POMERIGGIO CINQUE CRONACA, BOCCIATI CENERENTOLA E IL CAOS PALINSESTI IN RAI

Alessandra Viero

10 a Maurizio Crozza.  Altro che Fabio Fazio e Roberto Saviano, il comico genovese si conferma Re Mida de La7 con ascolti superiori all’8% di share. Risultati sì inferiori a quelli fatti segnare da Quello che (non) ho ma, a differenza di quest’ultimo programma, sono stati raggiunti senza poter contare né su budget milionari né tanto meno su grandi ospiti e notevoli battage pubblicitari.

9 alla scelta di Mediaset di non mandare in vacanza Pomeriggio Cinque proponendone una versione rinnovata e affidata alla giovane giornalista Alessandra Viero.

8 a Arturo che fa il colpaccio aggiudicandosi il canale 20 del DTT. L’auspicio è che il canale Sitcom possa essere all’altezza di siffatto posizionamento.

7 alla conferma della giuria di X Factor. D’accordo, una variazione sul tema non avrebbe guastato alla sesta edizione del talent, che a differenza dello scorso anno non potrà contare sull’effetto novità, ma è anche vero che il mix tra Simona Ventura, Arisa, Elio e Morgan era pressochè perfetto.

6 al pungente Piero Chiambretti che, ospite di Tv Talk, dice la sua senza peli sulla lingua in relazione a Quello che (non) ho. Il conduttore stigmatizza l’aspetto didascalico dello show dei ”troppo buoni” Fazio e Saviano mettendosi nei panni dei telespettatori:  “Noi poveri stupidi a casa non sapevamo che il bene era meglio del male“. In più ha da ridire sugli ascolti non eccezionali rispetto ai costi; cosa che si potrebbe far notare anche in relazione ai suoi di programmi.





28
maggio

LE PAGELLE DELLA SETTIMANA TV (21-27/05/2012). PROMOSSI GIRO D’ITALIA E EUROFESTIVAL, BOCCIATI LA RAI SENZA FORMULA 1 E LE VELINE

Ryder Hesjedal

10 al Giro d’Italia. Il ciclismo non è il più patinato tra gli sport e nemmeno il più chiacchierato. Eppure anche quest’anno la caccia alla maglia rosa, conclusasi ieri con il trionfo del canadese Ryder Hesjedal, è riuscita a far impennare gli ascolti di Rai3 e Raisport 2.

9 all’Eurovision Song Contest. D’accordo, è un tantino kitsch, ma è pur sempre un evento, la cui dirompenza a livello europeo è tale da rendere poco ammissibile l’assenza dell’Italia. Inoltre, è interessante guardarlo per cogliere uno spaccato di costume del nostro continente.

8 al ritorno in tv di Monica Leofreddi. Dopo un periodo d’assenza, per l’indimenticata padrona di casa dell’Italia sul due si sta per ripresentare una nuova occasione alla guida de L’estate in diretta, trasmissione che nella scorsa stagione ha rilanciato Marco Liorni. E chissà che anche lei non possa avere la stessa fortuna. Di sicuro se lo merita.

7 Il momento della verità, “trash” che acchiappa. Se la versione italiana non è mai andata in porto, malgrado le premesse per una buona riuscita ci fossero tutte, quella a stelle e strisce è una stuzzicante proposta del palinsesto notturno di Sky Uno. 

6 alla terza stagione di Glee. I personaggi, il concept, l’ambientazione restano da lode ma la sceneggiatura è risultata poco convincente e comunque ben al di sotto delle potenzialità. Non è un caso, forse, che negli Usa si sia registrato un calo d’ascolti.


22
maggio

LE PAGELLE DELLA SETTIMANA TV (14-20/05). PROMOSSI AMOROSO E IL FINALE DI UNA GRANDE FAMIGLIA, BOCCIATI SCHERZI A PARTE E TGCOM 24 SU MELISSA

Extreme Makeover Home Edition Italia

10 ad Alessandra Amoroso. La vittoria ad Amici Big è solo l’ulteriore conferma del fatto che la pugliese di Galatina sia la più amata, e forse talentuosa, cantante nata artisticamente in un talent show.

9Sky che scippa il motomondiale a Mediaset. D’accordo, i costi d’acquisto erano alti e col “declino” di Valentino Rossi, lo sport su due ruote potrebbe perdere d’appeal, ma per la pay tv, già priva di Formula 1, era necessario colmare un vuoto d’offerta e magari al tempo stesso indebolire il rivale.

8 al varo, dopo tanti ripensamenti, di Extreme Makeover Home Edition Italia. I rischi, però, ci sono: quello che Canale 5 offrirà in autunno è un progetto nuovo e di frontiera. Non è esente da insidie nemmeno la messa in onda della versione originale in daytime sull’ammiraglia Mediaset: se da un lato aiuta a familiarizzare con il programma e dovrebbe incontrare i favori del pubblico, dall’altro si potrebbero creare delle aspettative troppo elevate.

7 al finale aperto di Una Grande Famiglia. Gli sceneggiatori potevano essere un tantino “meno avari” nello svelare gli accadimenti ma piace il fatto che una fiction (ben fatta) di Rai1 abbia un cliffhanger.

6 a Quello che (non) ho. Fabio Fazio e Roberto Saviano si sono accontentati di intraprendere un percorso già solcato con Vieni via con me ottenendo discreti risultati senza, però, che questa volta si possa parlare di evento.





15
maggio

LE PAGELLE DELLA SETTIMANA TV (7-13/05/2012). PROMOSSI GIALAPPI E SPADACCINO, BOCCIATI IL BRACCIO E LA MENTE E ITALIA COAST2COAST

Flavio Insinna

10 alla straordinaria tenuta delle fiction Rai. Da Don Matteo a Una Grande Famiglia, tanti difetti ma un unico e fondamentale pregio per la serialità targata Viale Mazzini: intercettare i gusti del pubblico. Lo dimostrano altresì i risultati di RaiPremium che, senza godere di grossi battage pubblicitari, ad aprile è la seconda rete digitale più vista dopo Real Time.

9 all’ingaggio della Gialappa’s Band per commentare l’Eurovision Song Contest su Rai2. Del forte richiamo del trio comico l’evento europeo, con buone potenzialità ma (in Italia) ancora in cerca d’autore, può solo beneficiarne.

8 ai risultati di Tale e Quale Show. L’ultima fatica televisiva di Carlo Conti si è distinta per aver surclassato Zelig e sfiorato, nella puntata finale, il 25% di share. L’appuntamento è per l’autunno prossimo quando si auspica che, forti di tali consensi, si riesca a confezionare un cast più eterogeneo.

7 a Antonino Spadaccino. Il nuovo pupillo di Mara Maionchi si è preso la sua rivincita conquistando la vetta nelle classifiche di download e con un percorso tutto in salita ad Amici dove è tra i favoriti per la corsa al podio.

6 alla conferma di Quelli che il Calcio. Dire addio ad uno dei migliori format della televisione italiana, peraltro pienamente in linea con il “sogno” di una seconda rete “smart”, sarebbe stato un errore. Allo stesso tempo, gli ascolti al limite della sufficienza dovrebbero far fare qualche riflessione più profonda.


8
maggio

LE PAGELLE DELLA SETTIMANA TV (30/04-6/05/2012). PROMOSSI RANIERI E UNA GRANDE FAMIGLIA, BOCCIATI SOLENGHI E SIFFREDI

Antonella Clerici e Rocco Siffredi

9 a Massimo Ranieri. D’accordo, il teatro si gode in teatro e non in televisione, resta però lodevole l’operazione del celebre cantante così come rende lieti sapere che il pubblico l’abbia apprezzato.

8 a Una grande Famiglia. La fiction con Stefania Sandrelli convince, merito di un cast di livello e soprattutto del pregio di portare su Rai1 una storia un tantino meno convenzionale del solito.

7 al promo autoironico di Cucina con Buddy che ironizza sul fatto che le ricette del “Boss delle torte” siano frutto di una tradizione italiana molto ma molto “americanizzata”.

6 a The Money Drop. Penalizzato per la sua natura da format di prima serata - caratterizzato dall’assenza di un gioco finale e da un meccanismo per forza di cose ripetitivo - il game show di Gerry Scotti, senza strafare, ha raggiunto i suoi obiettivi.


2
maggio

LE PAGELLE DELLA SETTIMANA TV (23-29/04/12). PROMOSSI PAOLINI E BONOLIS, BOCCIATI LA RICCOBONO E TITANIC-NASCITA DI UNA LEGGENDA

Hachiko - Il tuo migliore amico

10 a Hachiko – Il tuo migliore amico. In tempi di crisi per i film sulla tv generalista, la struggente pellicola con Richard Gere ha raccolto ben 6.590.000 spettatori, pari al 23.98% di share, in una serata non facile.

9 a Marco Paolini. Lo straordinario prosatore, da un lato, conferma il suo appeal presso il grande pubblico, dall’altro è la dimostrazione che se a La7 un programma piace ed è di qualità non c’è collocazione che tenga.

8 a Paolo Bonolis. La sua ultima creatura mediatica “Avanti Un Altro”, oltre ad aver vinto il confronto a distanza con The Money Drop, ha debuttato con successo in Spagna su Antena 3.

7 al passaggio di Alessandro Borghese a Sky (per maggiori info clicca qui). Il cambio di grembiule del figlio di Barbara Bouchet darà linfa allo sbiadito daytime del canale 109 del satellite e consentirà a Real Time un auspicabile rimpasto di volti.

6 a Dr House. Dopo tanti rinvii, il medico più cinico della tv è tornato con l’ultima stagione su Canale 5. Una scelta azzardata, quella di far tornare la serie sulla rete ammiraglia, che si è rivelata meno disastrosa del previsto (almeno per il debutto); segno della forza del marchio.