Italia's Got Talent


8
agosto

ITALIA’S GOT TALENT 2015: LITTIZZETTO, BISIO, ZILLI E MATANO IN GIURIA. CONDUCE VANESSA INCONTRADA

Italia's got talent 2015: giuria e conduzione

E’ un cast di livello quello che sarà alla guida di Italia’s Got Talent 2015, prossimamente in onda su Sky Uno HD: i giudici Claudio Bisio, Luciana Littizzetto, Frank Matano e Nina Zilli (qui i giudici del sostituto Tu si que vales in onda su Canale 5) con Vanessa Incontrada alla conduzione, saranno i protagonisti della nuova edizione italiana del talent show di successo globale ideato dal grande Simon Cowell, l’unico e originale format dedicato al talento a tutto tondo, con 460 milioni di spettatori in tutto il mondo e trasmesso con ascolti record in 55 Paesi.

Un team pronto a scovare dei veri numeri uno tra i più disparati perfomer attesi sul palco di Italia’s Got Talent 2015, cantanti, cabarettisti, prestigiatori, cori, street artist o circensi che siano. Uno show nello show con un cast straordinario, dove ciascuno con il proprio percorso all’insegna dell’originalità e della creatività e con il proprio “mondo” artistico, porterà ad Italia’s Got Talent esperienza e voglia di esplorare e scoprire nuove forme e nuove espressioni di talento.

Italia’s got talent 2015, giuria: le dichiarazioni di Claudio Bisio

Mi hanno dato del comico, dell’attore, del conduttore, del cabarettista…ma mai del giudice. Mi mancava questo nuovo “mestiere”! Inoltre ritrovare Luciana Littizzetto dopo i nostri esordi a Cielito Lindo e Mai dire Gol, rivedere Frank Matano dopo il film “Ma che bella sorpresa!” (che però devo ancora girare), conoscere Nina Zilli, la cui voce ho conosciuto per la prima volta giocando alla Playstation, mi riempie di gioia! Infine, avere davanti a me Vanessa, a condurre, da sola, dieci serate…già mi mette di ottimo umore!”  ha dichiarato Claudio Bisio.

Attore di teatro e di cinema, stand up comedian, conduttore, scrittore e autore dallo stile unico, Bisio è un interprete che ha speso tutta la sua vita lavorando sull’intreccio tra teatro, cinema e televisione, oltre che un esploratore del campo artistico a 360 gradi. Dopo aver “allevato” talenti comici per molti anni sul palco di Zelig, e dopo essersi lui stesso formato nella straordinaria fucina comica del Derby di Milano, è ora atteso a una prova da talent scout a tutto tondo.

Italia’s got talent 2015, giuria: le dichiarazioni di Luciana Littizzetto




2
luglio

DM LIVE24: 2 LUGLIO 2014. BEYONCE’ SCALZA OPRAH, CASTING APERTI PER ITALIA’S GOT TALENT

beyonce - © Raul Aragão / I Hate Flash

beyonce - © Raul Aragão / I Hate Flash

Beyoncè scalza Oprah

vittoria ha scritto alle 00:18

Beyoncè scalza Oprah Winfrey dalla vetta della “The World’s Most Powerful Celebrities”, l’annuale classifica delle 100 celebrità più ricche e potenti al mondo stilata dal magazine statunitense Forbes. Beyoncè da giugno 2013 a giugno 2014 ha guadagnato 115 milioni di dollari,contro gli 82 della celebre star dei talk-show a stelle e strisce, finita quest’anno al quarto posto. Il marito di Beyoncè Jay-Z è solo sesto, la presentatrice Ellen DeGeneres lo precede al quinto posto, mentre la postar Rihanna è ottava. Per altre info qui

Italia’s Got Talent su Sky: casting aperti

L’attesa sta per terminare: Italia’s Got Talent sta arrivando con l’esplosione di talento più spettacolare di sempre.

Un successo globale, trasmesso con ascolti da record in 55 Paesi, dall’America al Kyrgyzstan, è stato ideato dal grande Simon Cowell, “papà” anche di X Factor. Lo show che ha scoperto il talento incredibile di Susan Boyle, Kenichi Ebina o Jackie Evancho parte ora alla ricerca degli artisti più sensazionali del nostro Paese per la nuova edizione italiana del talent show, targata Sky.

Stuntman, parkour, illusionisti, ballerini, mimi, fachiri, acrobati cantanti, bartender… Dalle abilità più sorprendenti e spettacolari alle performance più stravaganti, il vero talento sta per sbarcare su Sky Uno HD.


13
giugno

BOOM! A ITALIA’S GOT TALENT ARRIVA IL QUARTO GIUDICE

Italia's got talent

Che la sesta edizione di Italia’s got talent si prospettasse rivoluzionata era cosa nota. Che, invece, cambiasse qualcosa anche per quanto concerne le dinamiche del talent, giunge inaspettatamente. Oltre a location, emittente, produzione e, naturalmente, cast, possiamo annunciarvi in anteprima che i giudici del talent show di Sky Uno saranno quattro.

Quattro giudici sia a Italia’s got talent 2015 sia a Tu si que vales

Sì, proprio come a X Factor e proprio come nel rivale/sostituto di Canale 5 Tu si que vales, in cui Geppi Cucciari affiancherà Maria de Filippi, Rudy Zerbi e Gerry Scotti, anche ad Italia’s Got Talent, sulla scia di quanto avvenuto all’estero, arriverà un “quarto elemento giudicante”.

Inoltre, non è da escludere che l’allargamento della giuria possa esser dettato da ragioni specifiche legate alla composizione e all’assortimento del cast, al momento non ancora ufficializzato. Del resto, la sfida – di non far rimpiangere il precedente trittico – che la pay tv è chiamata a compiere non appare delle più semplici.





28
maggio

BOOM! FREMANTLE: AZIONI LEGALI CONTRO LA VERSIONE ITALIANA DI TU SI QUE VALES?

Tu si que vales

Tu si que vales

Avevamo paventato poche settimane fa lo scenario del quale vi scriviamo adesso. A poche ore dal lancio su Canale5 dei casting del “sostituto” di Italia’s Got Talent (migrato da Canale 5 a Skyuno), Tu Si Que Vales, ai piani alti di Fremantlemedia si starebbero valutando eventuali azioni legali. Gli elementi di contatto tra i due format sono infatti molteplici, e il precedente italiano favorevole (“Ballando vs Baila”) avrebbe spinto i legali internazionali di Fremantle a riaprendere in mano le carte preparate in occasione del lancio spagnolo di Tu Si Que Vales.

In Spagna, unico paese dove i due format si sono scontrati, la allora Grundy (oggi Fremantlemedia Espana) decise di non procedere contro Endemol e Telecinco – pare – in larga parte per ragioni di carattere “diplomatico”. All’epoca Grundy aveva infatti in produzione per Telecinco due serie di fiction (Yo Soy Betty la Fea e Sin Tetas No Hay Paraiso) e la società di produzione spagnola era guidata dallo stesso amministratore delegato di Grundy Italia, Roberto Sessa, che aveva rapporti consolidati anche con Mediaset in Italia. La questione fu definitivamente archiviata in seguito all’acquisizione di Cuatro – che aveva trasmesso la prima stagione di Got Talent – da parte di Telecinco.

La strategia per il mercato italiano potrebbe essere differente. A premere per una azione aggressiva sarebbe in particolare Syco, la società di Simon Cowell, detentrice originale del format Got Talent. Resta da capire l’atteggiamento di Sky.


18
aprile

ITALIA’S GOT TALENT 2015: CASTING AL VIA PER LA PRIMA EDIZIONE TARGATA SKY

Italia's Got Talent

Italia's Got Talent

Si aprono i casting per prendere parte alla sesta edizione di Italia’s Got Talent. Il programma, tramesso fino a pochi mesi fa da Mediaset su Canale 5, come è noto ha traslocato sulle frequenze satellitari di Sky e dal 2015 arricchirà la programmazione di SkyUno, rete sempre più talent-addicted con X Factor, The Apprentice, MasterChef (compresa la versione Junior), Hell’s Kitchen – che ha debuttato ieri sera regalando già soddisfazioni sul fronte ascolti – e, per l’appunto, IGT.

Italia’s Got Talent 2015: casting al via con la novità delle audizioni in stile X Factor

La prima edizione targata Sky di Italia’s Got Talent, dunque, apre ufficialmente i battenti con la fase casting. Da oggi, infatti, è possibile iscriversi e prenotare il proprio provino attraverso il nuovo sito del programma italiasgottalent.sky.it (allegando una foto e, facoltativamente, il video della performance) oppure contattando telefonicamente il numero 02.4550.8888 (procedura, questa, obbligatoria per coloro che non hanno ancora raggiunto la maggiore età).

Tra le novità del nuovo IGT ci sono proprio le audizioni che, per la prima volta (come accade già per X Factor), saranno itineranti e, di conseguenza, si terranno in diverse città d’Italia.

Italia’s Got Talent 2015: prosegue la caccia ai nuovi giudici

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,





3
aprile

BOOM! TU SI QUE VALES AL VAGLIO PER LA SOSTITUZIONE DI ITALIA’S GOT TALENT

Tu si que vales

Tu si que vales

A sapere del passaggio di Italia’s Got Talent a Sky, voi lettori di davidemaggio.it siete stati i primi. E sarete i primi a sapere uno dei format al vaglio per la sostituzione del talent che fu di Canale 5.

Dal momento del ‘trapasso’ a miglior vita, è caccia all’erede dello show di Canale 5 con il quale Maria De Filippi riporterà bizzarri talenti sugli schermi della prima rete commerciale del Belpaese.

I format passati (o passandi) al setaccio sono più d’uno, ma possiamo annunciarvi che tra questi c’è sicuramente il discusso Tu si que Vales, prodotto in Spagna da Gestmusic-Endemol (in Italia i diritti sono di Endemol Italia) e in onda dal 2008 su Telecinco.

Nella penisola iberica il format ha fatto parlare di sè per un motivo molto semplice: sono piovute da più parti accuse di plagio secondo le quali il format avrebbe tratto troppa ‘ispirazione’ da – manco a dirlo - Got Talent. Per saperne di più abbiamo chiesto lumi al nostro collaboratore spagnolo, Josep Ballester, che ci illumina sulla questione:


1
febbraio

STRA-BOOM! ITALIA’S GOT TALENT SU SKY. ORA E’ UFFICIALE ANCHE IL PASSAGGIO AL SATELLITE

Italia's Got Talent su Skyuno

Italia's Got Talent su Skyuno

Come un fulmine a ciel sereno, vi abbiamo comunicato ***in anteprima uno degli scoop più clamorosi*** del telemercato nostrano. E se ieri è arrivata l’ufficialità da parte di Mediaset che ha rinunciato ai diritti per lo show di FremantleMedia Italia, oggi è la stessa società di Lorenzo Mieli a comunicare con una nota che

Italia’s Got Talent passa a Sky

Fremantlemedia Italia annuncia di aver concluso un accordo con Sky Italia per la produzione in esclusiva su SkyUno delle prossime due stagioni di Italia’s Got Talent.

Fremantlemedia produrrà internamente il programma, come avviene in tutti i paesi in cui la società opera. Nell’inaugurare questa nuova fase per Got Talent la società esprime in una nota gratitudine nei confronti di Fascino e Mediaset, e in particolare di Maria De Filippi, per lo straordinario lavoro fatto sulle prime cinque edizioni del talent show: un successo enorme, costruito con cura e attenzione da una squadra di grandi professionisti.

La scelta del passaggio a Sky Italia nasce principalmente da motivazioni editoriali: l’ambizione, condivisa con la piattaforma satellitare, di produrre programmi “di nuova generazione”, che esaltino l’impatto visivo, il linguaggio narrativo, e la dimensione interattiva dei format, portandoli a uno standard qualitativo uguale o superiore alle edizioni anglosassoni, proprio come già avvenuto per X Factor.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,


31
gennaio

STRA-BOOM CONFERMATO! MEDIASET RINUNCIA A ITALIA’S GOT TALENT (CHE PASSA A SKY). E’ UFFICIALE

Italia's Got Talent su Sky

Italia's Got Talent su Sky

Dopo la ***notizia bomba*** lanciata da DavideMaggio.it, arriva un comunicato ufficiale di Mediaset che annuncia il mancato rinnovo dell’accordo con Fremantle Media Italia per i diritti di Italia’s Got Talent.

Il comunicato al fulmicotone di Mediaset

Toni al fulmicotone contro la società di Lorenzo Mieli e una conferma indiretta dell’approdo su Sky, sempre anticipato da noi di davidemaggio.it. Eccolo:

Dopo cinque edizioni di successo che hanno affermato in Italia il people-show “Italia’s got Talent”, Mediaset ha deciso di non rinnovare il contratto con Fremantle Media per l’utilizzo del format internazionale.

Mediaset ha giudicato inaccettabili le condizioni richieste dal detentore del diritto che pretendeva di triplicare il costo a puntata del programma senza alcuna motivazione razionale. L’impianto artistico e produttivo che ha costituito l’efficacia della trasmissione è stato infatti creato da Mediaset e Fascino fin dall’esordio: una giuria composta da numeri uno, l’attenta selezione dei concorrenti, la forza unica di Canale 5 che lo porta nelle case degli italiani.

E proprio per non privare il grande pubblico di un genere che rischia di scomparire dalla tv gratuita a favore di operatori a pagamento disposti a superare qualsiasi parametro di mercato – fenomeno già registrato con alcuni sport motoristici e con un altro talent show oscurati dalla tv generalista – Mediaset si sta muovendo autonomamente.