Isola dei Famosi


2
agosto

L’ISOLA DEL CIARPAME FAMOSO: SI AUTOCANDIDA ANCHE LA D’ADDARIO. E TU, VORRESTI UNA PAPI-GIRL SULL’ISOLA?

Patrizia D’Addario

Nuova tentazione ghiotta per la produzione de L’Isola dei Famosi: dopo la famiglia Letizia anche Patrizia D’Addario, ai microfoni di Radio 2, nella trasmissione Un giorno da pecora (un animale a caso eh?), si offre alla Mona nazionale confidando ormai sulla sua celebrità internazionale di tombeuse de monsieur le Prèsident per convincere anche i più renitenti.  Qualora Ventura & Co rifiutassero la sua candidatura, la donna degli scandali ammette di non farsi problemi a sbarcare nel cast dell’omologa isola spagnola (dalla quale pare abbia già ricevuto un’offerta, anche se la vicinanza di Telecinco al nostro primo ministro potrebbe far crollare questo castello di sabbia mediatico che si sta costruendo).

Immaginatele tutte assieme le Certosine (ci riferiamo ovviamente alla villa sarda e non all’ordine religioso), spiaggiate a rompere cocco, magari al ritmo del mandolino di Apicella e con i commenti da studio della signora Lario (che ottima opinionista sarebbe la donna che con i suoi giambi ha scatenato tale polverone). Non ci sarebbe più nemmeno bisogno di costose prove fisiche per la produzione, basterebbe solo dare la mitica collana del leader a chi rende più ‘nudo’ il re Silvio svelandone i particolari meno conosciuti all’opinione pubblica.

Conoscendo la curiosità umana non basterebbero tutti i termometri dell’Auditel a segnare l’audience che raccoglierebbe una tale edizione, che purtroppo rimarrà solo una nostra fantasia, quantomai biricchina, dell’estate. Che caos politico si scatenerebbe con le domande di Repubblica che diventerebbero diecimila e con gli inviti a riferire al Parlamento da parte di tutta l’opposizione che diventerebbero ancora più insistenti? E la stampa estera come sguazzerebbe per bene nelle fanghiglie italiche? Forse è uno scenario così apocalittico che anche il Colle dovrebbe intervenire a placare il politic-spetteguless globale.




31
luglio

CASTING: CONCORRENTI E FIGURANTI E’ IL VOSTRO MOMENTO

Casting @ Davide Maggio .it

D’estate la televisione va in vacanza, è vero. Lo show-biz no, però. Tutte le nuove produzioni, in partenza in autunno, sono alla ricerca di concorrenti, figuranti, attori, ballerine e… chi più ne ha più ne metta. Oggi, in considerazione della quantità industriale di richieste giunte in redazione nelle ultime settimane, vogliamo fornirvi una panoramica dei casting attivi e delle relative modalità di partecipazione.

Affari Tuoi. Per il viaggio della speranza catodica, sono aperte le selezioni per il classico dell’access time di RaiUno. Chiamare il call center della RAI al numero a pagamento 199123000. Entro: il 31 luglio per Lazio, Campania, Puglia, Lombardia, Sicilia; entro il 31 agosto per Calabria, Toscana, Piemonte, Sardegna, Emilia Romagna, Veneto, Umbria, Marche, Liguria, Abruzzo; entro il 30 settembre per Valle d’Aosta, Friuli, Molise, Trentino Alto Adige, Basilicata.

Affari Tuoi – Speciale per Due. Altra chance, invece, per coppie e coppiette in vista di un matrimonio ma già con due mutui sulle spalle e le rate dell’assicurazione dell’utilitaria da pagare. Chiamare sempre il numero a pagamento 199 123000, ma nel periodo che va dal 23 luglio al 31 agosto.

America’s Got Talent. Massimo Donelli dà quasi per certo l’arrivo di questo nuovo reality per la primavera del 2010 su Canale 5: gli servono, infatti, solo 150 talentuosi. Allora, casalinghe di Voghera e pompieri di Viggiù se la vostra ambizione è quella di diventare i nuovi Susan Boyle all’amatriciana? Chiamate il numero 06 3725727.

Amici 9. Il grosso è già stato fatto: ufficialmente i casting sembrerebbero chiusi. Ma il meccanismo lo conosciamo tutti: c’è speranza fino all’ultima puntata prima del serale per buttare fuori dalla scuola il povero disgraziato di turno, farsi odiare un po’ da tutti e salire quanto basta in classifica. Contattate, allora, per mari e per monti la De Filippi (telefono: 06 37351854; fax: 06 72293685; e-mail: amicidimariadefilippi@jumpy.it).

CONTINUA DOPO IL SALTO:


21
luglio

DM LIVE24: 21 LUGLIO 2009

DM Live24: 21 Luglio 2009
Live Comment on davidemaggio.it

Non sai cos’è DM Live24? Leggi qui

Dal Diario di ieri…

  • La PapIsola

Eugenio Viterbo ha scritto alle 21:38

Elio Letizia, padre della più famosa Noemi, dichiara a Diva e Donna, oggi in edicola, che partecirebbe molto volentieri al realty di Simona Ventura, in quanto sarebbe “un’esperienza bellissima”, in grado di farlo crescere; l’intervistato lascia, inoltre, intendere che vi siano dei contatti anche con la stessa Noemi. Rapida, secca e chiara arriva, però, la smentita di Magnolia, casa di produzione dello show targato RaiDue: “Smentiamo categoricamente la notizia apparsa oggi sulle agenzie di stampa circa l’interessamento della produzione de L’Isola dei Famosi alla partecipazione del sig. Letizia e figlia al programma tv da noi prodotto”.





15
luglio

PORNO-REALITY MANIA. QUALE PORNOSTAR FARESTI NAUFRAGARE SULLA PROSSIMA ISOLA DEI FAMOSI?

Porno divi e Reality, chi sarà il prossimo? @ Davide Maggio .it

La prima ad ammetterlo è stata lei, la conduttrice più infervorata della televisione italiana. Ci riferiamo ad Antonellina Clerici, che, in uno storico e commovente momento di tv-verità, ne denunciava attraverso il tubo catodico un sincero attaccamento. Io non posso vivere senza caxxx (guarda il video) dichiarava con fare tranquillo prima di ritrovarsi rinchiusa tra quattro fornelli, prefigurando forse già per se stessa una vecchiaia alla Anna Moroni con un attempato gallinaccio di Bigazzi di turno in preda ad ardori senili e lo spettro di un’incipiente menopausa. Questo prima della cura Eddy Martens. Poi, mai più alcun accenno. Per la serie, “la lingua batte dove il dente duole”.

E se, appunto, la nazionalpopolare Antonella è stata tra le prime a sdoganare, seppur a parole e probabilmente per una gaffe, il sesso nelle tv generaliste, oggi, ormai, è porno-boom. Di cosa parliamo? Della tendenza ormai diffusissima a piazzare divetti e divette hard, anche non più giovanissimi, in ogni talk e, soprattutto, in ogni reality di casa nostra. No, non ci riferiamo a veline e calciatori; questi, al più, sembrano usciti da un colleggio di educande, se messi a confronto. E nemmeno alle hot-lines ed ai programmini scollacciati che imperversano nelle emittenti locali (e, da poco, anche in maniera massiccia ed a pagamento sul satellite). Ci riferiamo, invece, ai veri professionisti del settore, i quali, stanchi del solito triccheeballacche in salsa hot, o perchè al termine di una gloriosa carriera o per rilanciarne una mai realmente decollata, vogliono (s)vestire i panni del concorrente da reality.

L’antesignana del genere è stata Selen, al secolo Luce Caponegro, ne La Fattoria di bignarda memoria. La voglia di uscire dal suo ambiente, di riappropriarsi del suo nome e di darsi al teatro, qualche ospitata in qualche salotto televisivo e, poi, più nulla. I tempi, evidentemente, non erano ancora maturi. Sono passati pochi anni e l’arrivo di due pezzi da novanta come Eva Henger e Franco Trentalance ha avuto un effetto dirompente. La prima ha partecipato nella fazenda brasiliana della D’Urso (Fattoria 2), nel salotto della quale è tuttoggi solita presenziare, per un caffè a Mattino Cinque o per un thè al Pomeriggio Cinque, come una qualunque signora dell’alta borghesia televisiva. Il secondo, invece, che ha ricoperto il ruolo della Talpa nell’omonimo reality, è entrato nell’immaginario femminile collettivo come l’uomo ideale, intelligente, misurato, che ora dispensa consigli ovunque, tramite interviste (qui e qui, rispettivamente la prima e la seconda parte di quella rilasciata in esclusiva a DM), in radio, su magazine e anche per libri (ha dato, infatti, anche alle stampe da pochi mesi il candidato pulitzer “Maneggiare con cura”).   


4
luglio

BELEN, L’ARGENTINA CHE VORREMMO VEDERE IN COPPIA CON LA SVIZZERA

Belen RodriguezQuesta stagione televisiva (per lei, oltretutto, ancora non terminata) l’ha incoronata regina indiscussa del piccolo schermo. Parliamo di Belen Rodriguez (all’anagrafe argentina, Maria Belén Rodriguez Cozzani), anni 24, in ordine: modella, testimonial di intimo, valletta, concorrente dell’Isola dei Famosi 2008 ed ora richiestissima co-conduttrice e show-girl in via di formazione.  

Prima del reality di Simona Ventura, la bella argentina era una delle tante. Una, cioè, delle tante straniere in cerca di fortuna nel Bel Paese, con mai pervenute apparizioni in qualche rete locale (su Tele Boario) e qualche altra, sempre non degna di nota, sul circuito nazionale (Tintoria, RaiTre, in sostituzione della “cugina” venezuelana Carolina Marconi).  

Poi, l’Isola. E con essa gli uomini di tutta Italia ai suoi piedi. Sì, perché Belen Rodriguez possiede l’indiscussa capacità di catalizzare l’attenzione e gli sguardi di tutti gli uomini; e, insieme, la (in)sana invidia dell’emisfero rosa del nostro stivale.





31
maggio

CRISTINA D’AVENA A DM TV: ISOLA DEI FAMOSI? SI, MA DA CASA. AI BAMBINI MANCA BIM BUM BAM


2
dicembre

LA ISLA STONATA

 

Senza parole…


25
novembre

VLADIMIR LUXURIA VINCE L’ISOLA DEI FAMOSI 6

Isola dei Famosi 6 - Vittoria Vladimir Luxuria @ Davide Maggio .itA testa alta e a schiena dritta è salita sul gradino più alto del podio. In una puntata nella quale ha saputo riconquistare le simpatie di coloro che avevano disapprovato il discutibile gesto, seppur efficace ai fini delle dinamiche del reality, nei confronti della collega Belen, Vladimir Luxuria è stata incoronata sesta vincitrice dell’Isola dei Famosi.

Una vittoria che ha assunto un gusto tutto particolare. L’ex parlamentare ci credeva davvero, al punto tale da trasformare una partecipazione ad uno show televisivo in una vera e propria sfida. Probabilmente l’ennesima sfida di una vita difficile nella quale qualunque scelta è stata bersaglio di critiche serrate. Una sfida con se stessa, con i colleghi naufraghi, con il pubblico a casa ma soprattutto contro il pregiudizio. Un pregiudizio nei confronti della diversità che, a quanto pare, è più formale che sostanziale.

Il pubblico italiano sembra non aver avuto alcun dubbio nel consegnare la vittoria nelle mani di colei che rappresentava il simbolo della trasgressione e di una “non convenzionalità” ben distante da un’ortodossia tutta italiana. E a nulla è valso il tanto apprezzato e decantato Lato B di Belen Rodriguez, o, forse, quella stessa ortodossia ha preferito la “non convenzionalità” della transgender più famosa del Belpaese all’infedeltà presunta dell’argentina mozzafiato.