Porta a Porta


6
settembre

PORTA A PORTA, BRUNO VESPA TORNA L’11 SETTEMBRE (CON I PLASTICI) E AVVERTE: “UN MIRACOLO RIUSCIRE A MANTENERE LA MEDIA DEL 15%”

Bruno Vespa

Porta a porta, il contenitore d’approfondimento della seconda serata di Rai1, ritorna da martedì 11 settembre con i consueti quattro appuntamenti settimanali – dal lunedì al giovedì – più una serie di incursioni in prima serata che ci terranno compagnia fino al prossimo 27 giugno. Quest’anno l’edizione del programma condotto da Bruno Vespa sarà più lunga e fitta di argomenti politici attuali e caldi, come le elezioni del Presidente della Repubblica, politiche e quelle degli Stati Uniti.

“Come da tradizione per la prima puntata avevamo invitato il presidente del Consiglio, ma non potrà esserci. Sarà nostro ospite più avanti”

ha commentato il giornalista abruzzese, nel corso della conferenza stampa di presentazione del programma, riguardo l’assenza di Mario Monti che la scorsa stagione televisiva aveva ammonito il conduttore ricordandogli di essere intervenuto alla sua trasmissione non per lui, ma per fornire agli italiani le spiegazioni e le sicurezze che cercavano. Come di consueto il Vespone nazionale si occuperà di tutto: dalla cronaca al turbolento avvicendamento politico, dall’economia al costume, ma “la nostra prevalente attenzione sarà capire cosa succede alla gente, soprattutto a quella meno fortunata”.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,




7
marzo

SILVIO BERLUSCONI DA’ FORFAIT, SALTA LO SPECIALE DI PORTA A PORTA

Silvio Berlusconi, Porta a Porta

Narcotizzato dalla sobrietà montiana, Bruno Vespa ha sentito il bisogno di riportare in tv la politica politicante, quella che fino a pochi mesi fa infuocava il dibattito pubblico trasformandolo in un inferno, con una doppietta di appuntamenti in prima serata con Porta a Porta dedicati rispettivamente a Silvio Berlusconi e a Pierluigi Bersani. Ci ha pensato il Pdl a guastare la festa, però.

Il Cavaliere, infatti, non sarà ospite di Vespa perché a giudizio di alcuni maggiorenti del suo partito avrebbe significato una delegittimazione del segretario Angelino Alfano in quanto nelle prossime settimane, nello stesso salotto, verrà ospitato il segretario del Pd Luigi Bersani.  Il forfait è arrivato qualche minuto prima che iniziasse la registrazione e dopo una serie di telefonate notturne per spingere Berlusconi a non partecipare alla trasmissione.

A spiegare meglio la situazione ci pensa lo stesso Bruno Vespa in una nota:

Silvio Berlusconi è rimasto vittima della par condicio. Com’è noto la legge impone l’equilibrio delle presenze tra rappresentanti di forze politiche di peso equivalente. Sappiamo bene che il segretario del Pdl è Angelino Alfano, che era stato nostro ospite di altre due prime serate insieme con politici di segno diverso, ma Berlusconi non aveva mai parlato in televisione dopo le sue dimissioni da palazzo Chigi del 12 novembre e certamente le spiegazioni che solo lui potrebbe dare sarebbero state interessanti. L’ex presidente del Consiglio  mi ha tuttavia spiegato che – dopo le polemiche dei giorni scorsi sul ruolo di Alfano – una sua presenza  in parallelo con il segretario del Pd avrebbe creato sgradevoli equivoci sulla leadership operativa del Pdl che è di Alfano al quale Berlusconi intendeva confermare ancora una volta tutta la sua fiducia. Ho obiettato che seguendo questo criterio Berlusconi non potrà più comparire in televisione e fatto fermamente presenti le difficoltà  in cui ci metteva questa decisione dell’ultima ora [...]“


21
febbraio

PORTA A PORTA: BRUNO VESPA “INGRIFATO” PER LA FARFALLINA DI BELEN. EMMA E NOEMI SE LA RIDONO

Porta a Porta, Bruno Vespa e la farfalla di Belen

Porta a Porta no, non è l’inferno. Soprattutto quando parla del Festival di Sanremo e riscopre la sua indole più frivola. E’ sul cazzeggio, infatti, che il talk show di Rai1 dà il meglio di sé. Ieri sera il programma ha fatto il bilancio della kermesse canora appena conclusa, ospitando – tra gli altri – anche la vincitrice Emma Marrone e la terza classificata Noemi. La musica, Morandi, Celentano e le polemiche: sono solo parole, ma se a pronunciarle è Bruno Vespa c’è più gusto.

Il conduttore ha commentato tutte le facce del Sanremo 2012, soffermandosi in particolare sulle esibizioni del Molleggiato. A Celentano si devono due incursioni che hanno fatto tremare l’Ariston, l’opinione pubblica e i piani nobili di Viale Mazzini. Ieri a Porta a Porta il direttore di Rai1 Mauro Mazza ha ribadito la sua convinzione che il cantante abbia violato il codice etico, e il prossimo Cda si occuperà della questione. Vespa è stato altrettanto categorico: Adriano ha sbracato.

Il giornalista ha poi parlato della farfallina di Belen. Sul vidiwall di Porta a Porta è comparso uno zoom del lepidottero inguinale e Bruno, manco a dirlo, si è ingrifato. Il Vespone ha preso una bacchetta e si è messo ad indicare con insistenza il malizioso tatuaggio, tra le risate di Emma e Noemi. Tutto eccitato, il conduttore ha raccontato un aneddoto su un collega che dietro le quinte avrebbe assistito alla (s)vestizione della Rodriguez. Pare che il momento sia stato indimenticabile: buono a sapersi, anche questo è servizio pubblico.





9
febbraio

PORTA A PORTA: SPUNTA IL ‘PLASTICO’ DELL’EVASORE FISCALE

Bruno Vespa, cartonato evasore fiscale

Chapeau. Anche i detrattori facciano un passo indietro e lo ammettano: ieri sera Bruno Vespa ha superato se stesso. Il Mandrake dell’informazione televisiva ne ha inventata un’altra delle sue, si è spinto laddove nessuno avrebbe mai osato. Ha regalato al pubblico attimi di pura di magia. Nello studio di Porta a Porta è apparso infatti un cartonato dell’Evasore fiscale, cioè una versione antropomorfa del tanto vituperato plastico.

Così, il laboratorio di Vexper ha creato un altro piccolo mostro (dal latino monstrum: prodigio) lasciando a bocca aperta il telespettatore. Nel programma di Rai1 si parlava di frodi fiscali ed il giornalista ha così  introdotto il modellino del perfetto parassita italico. Il soggetto era riprodotto a grandezza naturale e presentava alcuni tratti squisitamente allegorici: mai sottovalutare la semiotica del plastico.

Durante il dibattito in studio, Vespa si è accostato più volte alla sagoma di colore scuro (forse un’allusione ai redditi in nero dei furbetti) e vi ha ronzato attorno tutto orgoglioso. Il cartonato del parassita italico, del resto, riportava alcune finezze degne di nota, come le immagini di un Suv e di uno Yacht - due beni di lusso – applicate alla sua giacchetta.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,


25
gennaio

PORTA A PORTA: ECCO IL ‘PLASTICO’ DELLA COSTA CONCORDIA.

Plastico Costa Concordia, Bruno Vespa

Mancavano solo la biscaglina di prua e lo squarcio nella carena. Ma per il resto era perfetto. Alla fine in tv è comparso pure il plastico della Costa Concordia, l’ultimo ritrovato della cantieristica navale da talk show. Solido, lucente e dettagliato, il modellino campeggiava ieri sera nello studio di Porta a Porta. Dopo le riscostruzioni della villetta di Cogne e di quella di Avetrana, il programma di Rai1 si è procurato una riproduzione del colosso affondato dieci giorni fa all’Isola del Giglio. Fantastico.

Dunque sia resa lode a Bruno Vespa, che ancora una volta ha trovato il modo di appagare i veri interessi del pubblico. Già, perché – a guardarlo bene – il modellino della Concordia non è altro che un’espressione materiale di quella curiosità da scimmia che caratterizza il telespettatore medio. Parliamo di quel soggetto che in questi giorni è stato incollato al piccolo schermo per seguire gli speciali sul naufragio come fossero puntate di un reality show. Al posto delle nomination, c’erano le telefonate del comandante Schettino e le testionianze dei “superstiti”.

Oggi, infatti, il pubblico vuole scoprire a tutti i costi il dettaglio, deve vedere l’Esclusiva. E il plastico è lì apposta, assemblato per mostrare i retroscena sil teatro della tragedia. Ogni trasmissione ha i suoi ‘trucchi’ per richiamare la curiosità dei telespettatori e Porta a Porta, da parte sua, dispone di un modellino sempre adatto all’occasione. Poi fateci caso: tutte le volte che il diabolico oggetto compare in tv (anche in seconda serata inoltrata), esso genera uno sciame di reazioni a più livelli. E’ irrestistibile.





18
gennaio

VADA A BORDO: BRUNO VESPA E LA SCIARELLI TORNANO SULLA CONCORDIA IN PRIMA SERATA

Bruno Vespa sorvola la Concordia

Eccezion fatta per la fiction di Canale5, la serata televisiva di oggi sarà dedicata alla tragedia della Costa Concordia. Di diritto o di rovescio, le redazioni giornalistiche torneranno sulla nave affondata per approfondire, commentare e dibattere. Come se in tv avessero preso alla lettera l’ordine impartito dall’ufficiale De Falco al comandante Schettino nell’ormai celebre telefonata: “Vada a bordo, cazzo!“. E allora tutti su, in crociera. Ad inaugurare le trasmissioni sarà Bruno Vespa, con uno speciale in prima serata.

Porta a Porta tornerà a parlare dell’incidente nautico all’Isola del Giglio partendo dall’inchiesta avviata dalla magistratura. Gli inquirenti stanno acquisendo prove per attribuire le responsabilità di quello che pare uno sventurato errore umano, mentre Schettino si trova agli arresti domiciliari. Nello studio di Vespa si alterneranno voci, immagini e collegamenti in diretta. Lunedì scorso, il giornalista aveva sorvolato il relitto della Concordia, per mostrare dall’alto il teatro della tragedia.

Su Rai3, dalle 21.10, Chi l’ha visto? dividerà la sua puntata tra gli aggiornamenti sul delitto di Yara Gambirasio e le ricerche dei dispersi della nave Costa. Al momento mancano all’appello 28 persone e Federica Sciarelli lancerà un appello in tv nella speranza di rintracciarle. Dunque, saranno due le reti Rai che si divideranno il pubblico interessato agli sviluppi della vicenda Concordia. Mediaset, invece, si occuperà del naufragio solo in seconda serata.


6
dicembre

PORTA A PORTA, MARIO MONTI TIRA LA MAZZATA ANCHE IN TV: “GLI ITALIANI CAPIRANNO”

Mario Monti, Porta a Porta

Alla fine c’è cascato pure lui, il tassator cortese dal piglio “sobrio” e deciso . Ed eccolo lì, accomodato sullo scranno candido della terza Camera televisiva proprio come i suoi predecessori. Il premier Mario Monti ha partecipato alla eccezionale anteprima di Porta a Porta andata in onda questa sera dalle 20.40 alle 21.10. Un’ospitata per raccontare ai cittadini i dettagli della mazzata anti-crisi del Governo attraverso le domande del cerimoniere Bruno Vespa.

Davvero eravamo a un passo dal tracollo come la Grecia? Quale è stata la misura che le è costata di più? Le famiglie potranno aspettarsi degli sgravi? Il conduttore di Porta a Porta interroga il Primo ministro, che risponde con fare accademico e robotesco. “Ho-chiesto-agli-italiani-molti-sacrifici” spiega, ”ma l’alternativa era che lo Stato non potesse più pagare gli stipendi e le pensioni (…) Sono sicuro che gli italiani capiranno“. Il Professore lascia intendere che la medicina amara sia stata necessaria, anche se dalle sue parole non traspaiono sentimenti: il tono è quello algido del dentista che ti spiega la devitalizzazione di un canino.

Vespa insiste sulle origini della crisi, sulle regole spietate delle agenzie di rating. “I mercati sono delle bestie feroci, utili ma sbilanciate (…) Dobbiamo domare i mercati non demonizzarli“commenta superMario senza scomporsi. Poi annuncia che l’Esecuitivo ha in programma di introdurre altre soluzioni per risollevare il Paese. Annamo bene, proprio bene. Momento cult quando il conduttore fa notare la buona tenuta del premier nei sondaggi. “Allora avrei dovuto intervenire di più nella manovra” chiosa Monti con cinica ironia.


2
dicembre

MARIO MONTI OSPITE A PORTA A PORTA PER SPIEGARE LA MANOVRA ANTI-CRISI. RAI1 MODIFICA IL PALINSESTO

Mario Monti

Il “sobrio ed elegante” premier Mario Monti è al lavoro e si appresta ad illustrare il suo decreto anti-crisi alla Camera. La Terza Camera, of course. Martedì prossimo il presidente del Consiglio sarà ospite di Porta a porta, per presentare agli italiani i contenuti della manovra (leggasi: maxi stangata) che il Consiglio dei Ministri discuterà lunedì in Aula. Riforma previdenziale, tagli, Irpef, Ici e chi più ne ha più ne metta… Al cospetto di Bruno Vespa, il Professore snocciolerà punto per punto le soluzioni pensate dal Governo per salvare l’Italia dal rischio default.

Qualcuno storce il naso di fronte a questa decisione, ma la scelta di andare in tv è una delle più azzeccate tra quelle che superMario ha preso sin ora. Sulla poltroncina candida di Porta a Porta, il premier potrà argomentare e giustificare al meglio le ‘mazzate’ che il nuovo Esecutivo di appresta a varare. Al suo fianco ci saranno anche i ministri dello Sviluppo economico, Corrado Passera e del Welfare, Elsa Fornero. L’auspicio è che Vespa inviti un parterre di giornalisti in grado di incalzare gli esponenti del Governo, mettendoli per la prima volta di fronte alle domande dei cronisti e al giudizio dell’opinione pubblica.

Per l’occasione si aprirà una finestra di 30 minuti in prima serata su Rai1, in sostituzione de I Soliti Ignoti, dalle 20.35 alle 21.05, per poi continuare la puntata nel tradizionale appuntamento in seconda serata.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,