In evidenza


9
aprile

CHIAMBRETTI NIGHT: PIERINO NON PERDONA E “CACCIA” FIAMMETTA CICOGNA

Pierino le ha fatto lo sgambetto, mettendola alla porta senza motivo. Fiammetta Cicogna non ci sta e, dopo essere stata ‘cacciata’ dal “Chiambretti night”, esige delle spiegazioni. Da Mediaset nessuno si è fatto sentire, bocche cucite: solo mezze frasi e niente più. Così la (ex) pianista dello show notturno di Piero Chiambretti, ha deciso di vuotare il sacco al settimanale “Diva e donna”, nella speranza di ottenere almeno una spiegazione. Sarà anche lo show business, ma essere fatti fuori da un giorno all’altro dal programma tv “più cool” del momento non è certo il massimo.

In questi casi non resta che incassare il colpo, e Fiammetta lo ha fatto pure con classe. Di tutta la faccenda ha avuto solo una cosa di cui dispiacersi, il deterioramento del rapporto umano con Chiambretti: “Piero potrebbe almeno rispondere ai miei sms. Invece nulla”. La showgirl è arrivata alla conclusione di non essere più desiderata nel programma dopo aver ‘dato buca’ una volta, a causa di un volo cancellato:

Da quando sono arrivata in aeroporto ho avvisato subito Mediaset che c’erano disagi, fino poi alla cancellazione del volo. Sono arrivata a Milano la sera tardi. E nemmeno sono andata in studio, ma avevo avvisato. Mi è stato detto che avrei dovuto prenotare un volo la sera prima. Figuriamoci! C’era la sfilata di Valentino. Non me la sarei persa neanche per il Papa

A quanto pare Pierino se la sarebbe legata al dito e inizialmente non avrebbe nemmeno creduto alla cancellazione del volo; Mediaset avrebbe poi chiesto di visionare l’elenco dei voli soppressi quel giorno. Poco male, Fiammetta non si è lasciata demoralizzare e ha chiosato la questione in modo sincero:

Io sono fatta così, ho sempre mille cose da fare, mille progetti da seguire. In fondo non è morto nessuno. Però, umanamente, ci sono rimasta male che Piero non mi abbia risposto. Mi spiace che si sia arrabbiato, per questo gli ho mandato molti sms di scuse. Piero chiamami almeno per insultarmi!”.




9
aprile

AMICI 9: EMMA MARRONE, PIERDAVIDE CARONE E LA RIVOLTA DELLE EX

A quanto pare Emma Marrone e Pierdavide Carone, rispettivamente vincitrice e vincitore morale della nona edizione di Amici, sono destinati non solo al successo, ma anche alle invidie che da esso ne derivano. Dalle pagine di DIPIU assistiamo a una vera e propria rivolta delle ex; purtroppo non si tratta di un film in prima visione tv ma di una triste realtà. Il settimanale diretto da Sandro Mayer, con due interviste al vetriolo a Laura Pisu e a Stefania Antonacci, rispettivamente ex collega di Emma ed ex fidanzata di Pierdavide, prova a sciogliere i non pochi dubbi circa il ”tremendo” passato dei due talenti di origini pugliesi.

Non manca certo stile alla Pisu, aspirante pop-star sarda, nel ricordare a tutti i fans della Marrone che quest’ultima non è una verginella del palcoscenico, come aveva dichiarato dopo la vittoria ad Amici, con la frase “Fino ad oggi non ero nessuno”, ma era già stata una stella fortunata, componente del trio delle Lucky Star appunto, senza mai parlarne. Emma infatti, assieme a Colomba Pane e Laura Pisu, nel 2003, ha vinto il music-talent-show Super Star, in onda su Italia uno e condotto da Daniele Bossari e Michelle Hunziker, arrivando fino agli Italian Music Awards, con il singolo Stile. La sua voce, già a 18 anni, era graffiante come la migliore Nannini, e il suo look era molto aggressive, spaziando dall’hip-hop al rock-style. E solo dopo il flop dell’album LS3, avvenuto nel 2006, la band ha deciso di sciogliersi e ognuna ha proseguito per la propria strada. Tra goie e rimpianti, soddisfazioni e frustrazioni, il gruppo musicale finisce nel dimenticatoio come le precedenti Lollipop, la brutta copia italiana delle Spice Girls, ma la talentuosa Marrone, senza perdersi d’animo, è riuscita, quest’anno, ad entrare nella scuola di Cinecittà e il finale è già storia.

Dalle parole della Pisu, ritornata a casa con la coda della stella cometa tra le gambe, emerge il rammarico di non essere mai stata citata e allora sputa il suo veleno dichiarando che il successo non è una novità per Emma e che, prima di arrivare alla gloria di platino da solista, tra il 2003 e il 2006, ha vinto un talent-show grazie al televoto, ha fatto concerti in giro per l’Italia e ha inciso ben due dischi. Oltre a ringraziare la sua famiglia, il Salento e la sua Casa Discografica, doverosi sarebbero stati, secondo l’intervistata, i ringraziamenti alle sue ex colleghe e ai fans delle Lucky Star, perchè è anche grazie a loro se lei è risultata la trionfatrice di Amici. L’accusa rivolta alla brava cantante di Aradeo è di essersi dimenticata dell’esperienza di sette anni fa e di aver abbandonato quelle amiche con le quali aveva condiviso tre anni di vita professionale.


8
aprile

ISOLA DEI FAMOSI 7: PAMELA COMPAGNUCCI NUOVA NAUGRAFA ALLA FACCIA DELL’EX FEDERICO, VERDE D’INVIDIA. ELIMINATO A SORPRESA DAVIDE DI PORTO.

 

Serata con grandi colpi di scena per la settima puntata dell’Isola dei famosi. Finalmente un po’ di brio per un’edizione che in molti hanno definito noiosa. Ma ci ha pensato una Simona Ventura con cofana a vivacizzare le dinamiche con un ingresso che ha colpito tutti, ma in particolare Federico Mastrostefano, fresco di eliminazione e fresco di tinta biondo polenta (biondo limoncello per Giovanni Veronesi). La sua ex, scaricata in diretta qualche mercoledì fa, non era in studio ad attenderlo per cantargliene quattro, ma è stata spedita direttamente in Nicaragua e si è collegata con Milano dal famigerato elicottero, pronta per tuffarsi e raggiungere il cast del reality.

Pamela Compagnucci è infatti la nuova naufraga dell’Isola. Evitato il momento trash tra i due ex picccioncini, o forse solo rimandato di qualche puntata (le premesse si sono viste via etere), anche il televoto del pubblico ha riservato una bella sorpresa. Davide, er coatto de Roma, è stato eliminato dopo aver sconfitto ben due vip (Mastrostefano e Lecciso, ndDM) da Silvia Zanchi, che può ora continuare la sua spasmodica ricerca dei piaceri carnali -per il momento non pervenuti – tra i colleghi concorrenti. E mentre Davide aspetta una chiamata per il cinema il popolo grida a gran voce: Ida (la moglie) santa subito!

Dopo settimane di calma apparente, è arrivato il momento delle nominations tutti contro tutti e, come si suol dire, il più pulito dei naufraghi ha la rogna. Tra intrighi, strategie e ladri di cocchi, a rischio eliminazione troviamo Aura Rolenzetti e Dario Nanni, votato dal leader Daniele Battaglia. Un altro nip dovrà lasciare il gioco la prossima settimana.





7
aprile

ISOLA DEI FAMOSI: L’ULTIMA TENTAZIONE DELLA “WOMAN FIFTY FIFTY”

L’ultima puntata dell’Isola dei Famosi ci ha regalato una certezza: la scuola di inglese di Simona Ventura non vuol essere citata per nessun motivo nel corso del programma. “Woman fifty fifty” – così si è definita mercoledì scorso Mona Nostra - stiamo ancora cercando di capire cosa voglia significare. Ma per non sentirsi sola, la conduttrice ha pensato bene di incentrare tutta la puntata sull’italiano der coatto de Roma Davide Di Porto. Con la differenza che per la Ventura l’inglese è una lingua straniera, per Di Porto l’italiano è la lingua madre. Anche se il sospetto che si tratti di un grado di parentela ben più lontano rispetto a madre-figlio è forte. Molto forte.

La sesta puntata ha creato anche un “nuovo mostro” destinato a far furore negli italici tubi catodici: l’opinionista muta. Nadege è stata, difatti, la nuova presenza femminile sulle bianche poltrone dello studio isolano. Presenza che ha fatto proseguire, da un lato, la carrellata di opinionisti di nicchia, prestigiosi e raffinati, ma sconosciuti al grande pubblico, e dall’altro l’ha arricchita di una nuova peculiarità: il mutismo.

Terzium non datur. Ma se l’Isola numero 7 stenta a decollare, il piatto forte è stato servito domenica scorsa da Rossano Rubicondi che ha messo sul fuoco una sostanziosa porzione di prelibata carne: ha pensato bene, infatti, di prendersela con la produzione lamentando, come un Luca Ward qualunque, l’incompetenza dello staff nicaraguense con annesso pericolo per l’incolumità dei naufraghi. Protagonista, infatti, della dimostrazione della prova leader della settimana, il caro inviato dell’Isola dei Famosi ha ripercorso – più o meno – disavventure simili a quelle dei concorrenti, catapultati, durante la prima puntata, su un’acqua poco cristallina ma soprattutto poco profonda.


6
aprile

MATRIX: PER LA PRIMA VOLTA PARLA ALBERTO STASI.

Stasera parla lui, il biondino dagli occhi di ghiaccio, schivo e riservato, ma solo fino ad ora. Alberto Stasi ha deciso di comparire davanti alle telecamere di Matrix, su Canale 5, e di raccontarsi per la prima volta dopo la sentenza di assoluzione nel processo che lo vedeva imputato per l’omicidio della fidanzata Chiara Poggi.

Il delitto, le accuse, il carcere, le prove, un lungo processo (in aula e sui giornali), il rapporto con Chiara e la nuova vita: Alberto Stasi non è più il ragazzo di poche parole che eravamo abituati a conoscere dalle cronache dei tg e da quelle riprese fatte a tradimento mentre usciva, stremato e a capo chino, da ore di interrogatorio. E’ un fiume in piena capace di parlare per due ore raccontando dettagli personali su alcuni dei momenti più difficili della sua vicenda. “Non si è trattato di celebrare un’altra volta il processo di Garlasco, ma, dopo oltre due anni e mezzo dove si è scritto e detto di tutto, abbiamo trovato giusto dare la parola ad Alberto Stasi per offrire al pubblico a casa la possibilità di farsi un’opinione sulla persona più ‘inseguita’ ma meno disposta a parlare della cronaca italiana” ha spiegato Alessio Vinci, conduttore di Matrix, a margine dell’intervista che andrà in onda quest’oggi, in seconda serata.

La vita di Alberto Stasi ricomincia anche da qui, dal desiderio di raccontarsi con lucidità a quell’opinione pubblica che spesso gli ha puntato il dito contro, emettendo sentenze pesanti come un macigno, capaci di cambiarti la vita prima ancora che sia un tribunale a poterlo fare. “Non temevo la condanna, con la mia coscienza sono sempre stato a posto. Non ho mai avuto nulla di cui rimproverarmi; anche quando sono stato ingiustamente portato in prigione, il giudice ha subito riconosciuto l’errore che era stato commesso. Naturalmente per una persona che viene accusata ingiustamente per così tanto tempo, più di due anni, l’assoluzione è il risultato che si è cercato per tutto il tempo”. Con queste parole Stasi esce da un cono d’ombra che lo avvolgeva da più di due anni. Lo fa sospirando, fissando senza timore l’occhio della telecamera.





6
aprile

PECCATI – I SETTE VIZI CAPITALI: LA SECONDA SERATA DI MONICA SETTA DAL 15 APRILE SU RAIDUE

Daria Bignardi dovrà farsene una ragione: la sua Era glaciale rimarrà in soffitta anche per questa primavera e probabilmente non ci sarà nessuna nuova edizione neppure il prossimo autunno. Quanto meno sulla TV di Stato. E se il venerdì sera è occupato dall’Ultima parola di Paragone, da giovedì 15 aprile è pronta a tenere compagnia ai tira tardi del secondo canale Monica Setta con un programma nuovo di zecca dal titolo Peccati – I sette vizi capitali.

Dopo l’Annozero di Santoro, alle 23.35 tocca alla Setta traghettare il pubblico di Raidue nel mondo dei peccati capitali, declinato in salsa rosa. Tra intrattenimento, attualità e infomazione, verranno infatti trattati i temi del mondo della donna dei giorni nostri, con numerosi ospiti, artisti e cantanti. Le puntate previste dovrebbero essere sette, come gli stessi peccati capitali.

Numerose donne vip si alterneranno nello studio della Setta “peccaminosa”, ma siamo certi che non ci sarà traccia di Simona Ventura dopo le recenti frecciate isolane per un Busi censurato. Non resta che aspettare il 15 aprile per scoprire il meccanismo del programma, mentre Monica Setta si gode il successo quotidiano de Il fatto del giorno, tornato ad occuparsi di attualità e politica dopo il black-out pre elettorale.


4
aprile

E’ MORTO SANTI LICHERI

Non c’è più neanche lui. E’ stato il simbolo, e sicuramente continuerà ad esserlo, del tribunale catodico più celebre della Penisola. Santi Licheri, o Santino, come ormai lo chiamava Rita Dalla Chiesa, ci ha lasciati oggi all’età di 92 anni (li avrebbe compiuti il prossimo 13 aprile). Lo comunicano a DavideMaggio.it delle fonti vicine alla famiglia.

Magistrato, Presidente aggiunto onorario della Corte di Cassazione, è stato giudice di Forum sin dall’inizio della trasmissione (1985) e fino alla conclusione dell’edizione del 2009. La sua assenza, quest’anno, aveva già allarmato i telespettatori che continuavano a chiedersi il perchè della sua assenza.  

Santi Licheri, figlio di un magistrato sardo, nasce il 13 aprile del 1918 a Ghilarza, in provincia di Oristano, in una famiglia di dieci figli. Trascorre la sua giovinezza a Sassari, dove sviluppa le sue doti d’intellettuale, grazie all’importante biblioteca dello zio che lui stesso riordina con passione.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,


3
aprile

ISOLA DEI FAMOSI 7, RUBICONDI RIFIUTA IL COLLEGAMENTO CON QUELLI CHE IL CALCIO E SIMONA VENTURA PASSA ALL’ATTACCO: SE NON VUOLE FARE PIU’ L’INVIATO PARLIAMONE.

Se Rossano Rubicondi non vuole fare più l’inviato parliamone. Se all’inizio Simona Ventura sembrava sposare in toto la vis polemica dell’inviato dell’Isola, è bastato che i toni di Mister Trump si accendessero più del dovuto per tirar finalmente fuori gli artigli e rispondere all‘attacco frontale sferrato da Rossano Rubicondi (clicca qui per saperne di più) nei confronti della sua Isola dei Famosi.  La conduttrice, stizzita dal rifiuto di Rubicondi di un nuovo collegamento con Quelli che il Calcio, rincara, infatti, la dose e difende il suo programma: “120 persone si fanno un mazzo così per portare a casa un programma che è il vanto di quest’azienda, nonostante c’è chi pensa il contrario. Difenderò sempre queste persone (…) Bisogna avere spirito di sacrificio”.

Come promesso, poi, ad intervenire in collegamento dal Nicaragua è il delegato della produzione Cristiano, il quale con toni pacati non può che difendere lo staff dalle parole di Rubicondi: “Vorrei tranquilizzare tutti, qua non si rischia la vita. E’ dura, lavoriamo, qui ci sono i più grandi professionisti in giro in quanto alla tecnica e gli altri giochi”. Sorprendentemente, inoltre, mostra parole di comprensione per l’inviato: “Rossano, lo capiamo anche, ha avuto paura ieri. Ci dispiace, ma questo sfogo è legato alla situazione che ha vissuto ieri. Fortunatamente non si è fatto nulla. Quando si prova un gioco a volte ci si può far male. Ieri un ragazzo ha dato una botta al polpaccio”.

Sembra non aver pace, dunque, quest’edizione dell’Isola che iniziata con i tuffi “pericolosi” di tre concorrenti, con tanto di minaccia di risarcimento da parte di uno di loro (Luca Ward) prosegue con le accuse alla produzione di un componente del cast. E dire che sono passati solo pochi giorni da quando Giorgio Gori aveva rassicurato tutti sulle condizioni di lavoro e sulla qualità dello staff presente in Nicaragua.