In evidenza


3
aprile

ISOLA DEI FAMOSI 7: SI INFORTUNA ANCHE RUBICONDI ED E’ GUERRA CONTRO LA PRODUZIONE.

“Qui non si rispettano le misure di sicurezza (…) C’è gente incompetente che viene a lavorare qua”. E’ un Rossano Rubicondi furioso quello con cui Simona Ventura si collega nel corso di Quelli che il calcio, eccezionalmente in onda oggi per le festività pasquali. L’inviato dell’Isola dei famosi è letteralmente fuori di sè dopo un incidente che lo ha visto coinvolto ieri, in prima persona, nel corso della dimostrazione della prova leader.

Una rabbia, la sua, che lo porta a scagliarsi contro la produzione, in particolare contro “gli incompetenti che avrebbero scelto gli addetti ai giochi” che, a suo avviso, avrebbero colposamente concorso al suo infortunio. A tal proposito Rubicondi rivela che un altro membro dello staff, ora in ospedale, il giorno prima si era fatto male nelle stesse circostanze. 

Dinanzi a cotanta ira nulla può la stessa conduttrice che - basita - riesce a far valere la difesa delle sue maestranze solo al termine dell’intervento dell’inviato pur dando ragione al suo inviato in Nicaragua. E a riprova della correttezza e della buona fede dello staff, la Ventura invita il delegato della produzione, nel successivo collegamento, a chiarire la situazione. Restiamo, dunque, in attesa.




3
aprile

IL COMMISSARIO REX: ETTORE BASSI SUBENTRA A KASPAR CAPPARONI

Ennesimo cambio di protagonista per il Commissario Rex: dopo Tobias Moretti, Christian Bock,  Gedeon Burkhard,  Alexander Pschill, Elke Winkens  e l’italiano Kaspar Capparoni (subentrato con il passaggio di location da Vienna a Roma) ad affiancare nella quattordicesima stagione il pastore tedesco più conosciuto al mondo – secondo quanto rivelato da Cinemotore – ci sarà Ettore Bassi.

Ettore Bassi nasce come conduttore per la tv dei ragazzi (La Banda dello Zecchino, Ma che domenica, Disney Club) e nel 2004 ha l’opportunità di lavorare (come inviato) al fianco di Alberto Castanga in Cosa non farei, people show di Rete4 che non ebbe il successo sperato. Debutta come attore ne I ragazzi del muretto ma la notorietà arriva grazie a Carabinieri e al ruolo del Maresciallo Ferri, interpretato per ben quattro stagioni.

Una carriera tutta in salita culminata con le più importanti fiction Rai: Chiara e Francesco, Bakita, Giuseppe Moscati e Mal’aria. Tutte fiction di grande successo che però non hanno permesso al giovane attore di fidelizzare il rapporto con il pubblico. Rex arriva quindi come una “manna” dal cielo e dà certamente a Bassi la possibilità di riscattarsi in un ruolo a lui forse più consono.


3
aprile

E’ MORTO MAURIZIO MOSCA

All’età di 69 anni, a giugno ne avrebbe compiuto 70, è morto questa notte all’ospedale San Matteo di Pavia Maurizio Mosca. Ne dà notizia la famiglia. Noto giornalista sportiva, opinionista nei più importanti salotti calcistici, è l’inventore del mitico “pendolino” per prevedere i risultati dei big match di calcio. Di Maurizio Mosca rimaranno il suo temperamento e la sua passione per il mondo dello sport.  Nonostante fosse malato da tempo, il giornalista aveva continuato a lavorare, di ieri l’ultimo articolo scritto sul suo blog.

Il primo ad annunciare in diretta televisiva la sua scomparsa è stato il collega Gianfranco Mazzoni che, nel corso delle qualifiche del Gran Premio della Malesia di Formula1, ha espresso il cordoglio di RaiSport.

Ciao Maurizio.





2
aprile

GHIGLIOTTINA IN RAI: RIMOSSI DAL VIDEO TRE CONDUTTORI DEL TG1. A RISCHIO ANCHE LAMBERTO SPOSINI.

Non solo quella di Carlo Conti. Dicono che al Tg1 abbiano ripristinato la ghigliottina e che il vento post-elettorale abbia portato con sé la necessità di “tagliare” alcune teste. Zac! La voce si è sparsa dopo che Augusto Minzolini, il direttore di Tg più tartassato del momento, ha deciso di rimuovere dal loro incarico di conduttori tre volti di punta dell’informazione targata Rai1: Tiziana Ferrario (tg delle 20), Paolo Di Giannantonio (13.30) e Piero Damosso (in onda al mattino). Al loro posto andranno Francesco Giorgino, Laura Chimenti e Francesca Grimaldi. Apriti cielo: nemmeno il tempo di capirne le motivazioni e il provvedimento aveva già scatenato polemiche e levate di scudi contro Minzolini e la sua linea editoriale.

 La prima a strapparsi le vesti e a parlare di “epurazione” era stata Maria Luisa Busi, storica conduttrice del Tg1, che in una discussa intervista a La Repubblica aveva dichiarato: “C’è un clima insostenibile in redazione. Non c’è più la dialettica tra le varie sensibilità” e ancora “Credo si tratti di una rappresaglia, nessuno aveva mai osato tanto. Siamo un tg schierato, e perdiamo pure ascolti”. L’accusa della Busi è molto precisa: Minzolini avrebbe fatto fuori quei conduttori che nelle scorse settimane non avevano firmato una lettera in suo sostegno, dopo che era stato preso di mira dalle inchieste di Trani (è in corso un’indagine per violazione di segreto d’ufficio) e dall’opinione pubblica per i suoi editoriali ‘filo-governativi’.

La replica del direttore del Tg1 non si è fatta attendere: “Sono stati assunti diciotto precari per dare un segnale di cambiamento e mostrare volti nuovi. Sono decisioni prese da tempo e i documenti, né quelli a favore né quelli contro, non c’entrano assolutamente niente”. Nessuna epurazione, quindi, ma un semplice cambio generazionale. Come prevedibile, in pochi hanno creduto alla versione di Minzolini e i Pasdaran della libertà di stampa hanno nuovamente imbracciato i fucili contro di lui. Puntare, fuoco!


2
aprile

L’EMILIO FURIOSO ABBANDONA ANNOZERO: GRILLO E’ LA VERGOGNA DELLE VERGOGNE

Chi poteva inaugurare il nuovo ciclo di Annozero, dopo l’esilio elettorale, se non il vero ed unico alterego di Michele Santoro? Emilio Fede, naturalmente. L’inimitabile patron del tg più super-partes della tv commerciale, si è concesso ai microfoni del talk show più alter-partes della tv di Stato, andando (come prevedibile) su tutte le furie.

Dopo la messa in onda del comizio politico del comico Beppe Grillo, tenutosi qualche settimana fa in occasione  delle ultime elezioni regionali, il direttore del Tg4 ha cominciato a mostrare alcuni chiari segni di indifferenza accompagnati da smorfie di noia. E non appena il conduttore lo ha coinvolto nella discussione, Fede, che non aspettava altro, si è fortemente scagliato contro Grillo e i suoi grillini:

“Sono veramente esterrefatto, la mia educazione e il rispetto per l’informazione hanno fatto si che sono rimasto qua… Grillo è un imbecille, metaforicamente parlando [...] E’ la vergogna delle vergogne”.

Il Fede-pensiero si conclude con un’affermazione che in molti avrebbero voluto proferire: “Saprei bene dove buttare Grillo con il suo canotto, nel fiume Lambro”. Ed infatti, l’Emilio nazionale pare proprio un ‘Lambro’ in piena, che straripa completamente dopo le parole di Andrea Scanzi, giornalista de La Stampa ed autore del libro Ve lo do io Beppe Grillo, che, intervistato dalla neo-annozerina Giulia Innocenzi riguardo il successo elettorale dei grillini, sentenzia:





1
aprile

STAVOLTA PARLA ELISA ISOARDI: IL RITORNO DELLA CLERICI MI FA STAR MALE.

E’ tempo di cambiamenti in Viale Mazzini. E di questo ce n’eravamo accorti un po tutti: da qualche tempo impazzano, come nelle migliori lotterie, i toto-abbinamenti conduttore-programma per la prossima stagione tv. Di ipotesi se ne sono fatte tantissime, ma la più chiacchierata – al momento - rimane quella del ritorno di Antonella Clerici a “La prova del cuoco”. Un ritorno desiderato dalla stessa conduttrice che ha più volte dichiarato di volersi riappropriare dei fornelli del mezzogiorno di Raiuno. E sembra che dopo gli ottimi risultati ottenuti dalla sua fatica sanremese, non le si possa negare proprio nulla.

Ma se fino ad ora a dar fiato alle trombe è stata Antonellona, adesso è Elisa Isoardi, dopo mesi di “chiacchiericcio”, a parlare apertamente mostrando tutto il disappunto per l’eventuale passaggio di consegne: “Dentro sto male. Non è bello, umanamente, tutto questo chiacchiericcio: è come fare un funerale prima che morte sia avvenuta. Io cerco di sorridere ma, certe sere, mi fa male il fegato… eppure dovrei esserci abituata: da sempre Antonella dice di rivolere La prova del cuoco. Ero stata chiamata per sei mesi e, alla scadenza, ero pronta a ridarle il posto. Poi, se sono rimasta dov’ero, non è perché io le abbia rubato la poltrona, come ha detto qualcuno: è stata una decisione aziendale. Neppure io me lo aspettavo”. Questo, quanto ha dichiarato sulle pagine del settimanale Donna Moderna.

Risulta francamente impossibile darle torto, sopratutto perchè l’Isoardi – in questi mesi - il suo mestiere l’ha fatto e anche bene: verba volant, scripta manent, che piaccia o no, i dati parlano chiaro. Il programma ha ottenuto indici d’ascolti non dissimili da quelli della collega, con un investimento economico minore per la conduzione.


1
aprile

ZELIG E LA RICERCA DEL PELO NELL’UOVO: IL PROGRAMMA NON PIACE ALLE DONNE INSODDISFATTE.

 

Zelig si è spento martedi sera lasciando un vuoto incolmabile. Il programma era anziano ma non malandato, anzi, godeva di ottima salute, ma i palinsesti si sa, vogliono così. Sì, perché le cose che funzionano in tv vanno tutelate, protette, quindi centellinate, ibernate per un po’ e poi riesumate. Vorrai mica investire su un’idea nuova?!

 Anche questa volta, il vecchio Zelig ha fatto il suo dovere. Ha chiuso infatti con una media del 24,22% (6.062.000) ed un pubblico di un generalista che di più non si poteva: ci sono i maschi (24,75%) e le femmine (23,79%), ci sono i bambini, quelli in fasce, quelli in età prescolare, quelli da bullismo, e poi ci sono i ggiovani, (quelli che Eurisko chiama “i ragazzi evolutivi”) di tutte le fasce, dai 20 ai 50 anni, ci sono i ricchi e i poveri, i settentrionali e i meridionali (meno), i laureati e quelli col diploma.  L’unica fascia che non cede al fascino del cabaret targato Gino e Michele sono le categorie che Eurisko chiama “i signori equilibrati” e “gli anziani da osteria”, insomma i soliti ultra 55enni, ma tanto a Mediaset quelli non interessano!

E’ così difficile parlar male di Zelig perché con tutto quello che passa in tv, almeno Zelig è innocuo, pulito, simpatico, e ben confezionato, come scriveva il collega Dorati, è “una macchina perfetta”. Eppure, a volte, quando lo guardo mi accorgo che sto invecchiando. Zelig, infatti, mi soddisfa sempre meno. I dati d’ascolto del resto mi confortano e confermano questo trend: le fasce di età più appassionate sono quelle dagli 8 ai 14 anni (35,87%) e quelle dai 15 ai 24 anni (35,99%); ma da lì in avanti si scende gradualmente: 25 – 34 enni al 34,33%, 35 – 44 enni al 32,09% e poi 45 – 54 enni al 28,61% e così via fino alla “fascia villa arzilla” degli ultra 65 enni all’11,67%

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,


31
marzo

ISOLA DEI FAMOSI 7: LA SESTA PUNTATA LIVE SU DM. DUE ELIMINATI E FACCHINETTI INVIATO SPECIALE

Giro di boa per l’Isola dei famosi. Giunti alla sesta puntata, è tempo di dare una svolta al reality con una doppia eliminazione che coglierà i naufraghi di sorpresa. Il primo eliminato sarà uno tra Roberto Fiacchini, figlio adottivo di Renato Zero, e il manager napoletano Dario Nanni, mentre un altro concorrente dovrà lasciare il Nicaragua e tornare nello studio di Milano, dove questa sera troveremo come opinionisti Claudio Lippi e Nadege, dopo la poltrona calda lasciata da Monica Setta che non ha ancora digerito le polemiche incrociate con Aldo Busi.

Oltre alla doppia eliminazione, l’altra sorpresa della serata sarà lo sbarco sull’Isola di Francesco Facchinetti, già concorrente nel 2004 e inviato nel 2007, che porterà un po’ di scompiglio tra i naufraghi. La cronaca isolana vede il timido ingegnere Luca Rossetto leader della settimana e si registra una forte litigata tra il rugbysta Denis Dallan e Fiacchini.

L’ultima eliminata Claudia Galanti farà il suo ingresso in studio mentre non sono scoppiate ancora scintille con l’ingresso dell’italian stallon Domenico Nesci che si è tutto ustionato vista la sua pelle candida. Riuscirà il latin lover dalla mutanda tricolore a fare conquiste anche sull’Isola dei famosi?

Ne sapremo di più tra poco in diretta su Raidue. Rimanete sintonizzati su DM e… affilate le tastiere!

Isola dei Famosi 7, chi vuoi che esca?

  • Roberto Fiacchini (53% con 310 Voti)
  • Dario Nanni (47% con 272 Voti)

Voti Totali : 582

Loading ... Loading ...