Golden Globes


14
gennaio

GOLDEN GLOBES 2013: I VINCITORI

Golden Globe 2013

Si è conclusa alle 5 di stamattina la cerimonia di premiazione dei Golden Globe Awards 2013. Avendo passata la notte a commentarla in diretta, vi toccherà leggere qui il resoconto completo della serata. Beh, si. E’ un pò lungo, ma, a nostra difesa, sappiate che sono state tre ore di trasmissione serrata. A un certo punto, ci sono quasi mancati i lunghi silenzi alla Celentano. Quasi.

D’accordo. Vi facciamo qualche rivelazione. The Big Bang Theory non ha vinto. Però, se può consolarvi, avrebbe vinto. Se avessero aperto un televoto dall’Italia. Che noi con quelli ce la intendiamo. Jodie Foster ha ricevuto il premio alla carriera e ha un ex “partner in love” da ringraziare. Che sia un uomo o una donna non ci importa più di tanto. Partner in love… è semplicemente romantico. E asessuato. Comunque, se siete in una fase meno romantica della nostra e volete il gossip, c’è sempre il resoconto di cui sopra pronto da leggere!

Tina Fey e Amy Poehler hanno confermato le aspettative. Ironiche e dissacranti nei loro interventi, peraltro brevi e pochi. Ebbene si, le conduttrici a supporto dello show e non viceversa. Homeland – Caccia alla spia ha confermato i pronostici della vigilia e vinto tutto. Miglior attore, Damian Lewis, miglior attrice, Claire Danes e migliore serie drama.

Di seguito tutte le nomination con i vincitori evidenziati in grassetto corsivo. Perchè non è divertente sapere chi ha vinto senza sapere chi è stato battuto!

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,




14
gennaio

GOLDEN GLOBE 2013: LA CERIMONIA DI PREMIAZIONE IN DIRETTA WEB SU DM

Golden Globe 2013

Computer carico, atmosfera da red carpet creata e decoder pronto a sintonizzarsi sul canale 109 di Sky. Mancano poco più di due ore – si comincia alle 2 di stanotte – alla settantesima cerimonia di premiazione dei Golden Globe Awards, i riconoscimenti assegnati ai migliori prodotti televisivi e cinematografici dell’anno appena concluso. Le nomination, che potete leggere qui, sono state annunciate lo scorso 13 dicembre.

Padrone di casa al Beverly Hilton Hotel di Beverly Hills saranno Tina Fey e Amy Poehler, brillanti rappresentanti della televisione statunitense.  Pronti a scoprire e a commentare con noi i premi assegnati dai 90 giornalisti dell’HFPA?

AFFILATE LE TASTIERE

I GOLDEN GLOBE SONO LIVE SU DM DALL’1.30

ore 1:00 comincia il collegamento. Le star stanno scendendo dalle limousine e presto percoreranno il red carpet che li porterà verso il Beverly Hilton Hotel dove si terrà la cerimonia di premiazione.

ore 1:15 arrivano le due conduttrici Tina Fey e Amy Poehler, emozionate ma pronte ad affrontare la serata con  il loro stile di attrici brillanti e irriverenti.

ore 2:00 in diretta al salone del Beverly Hilton Hotel… welcome alla cerimonia di premiazione dei settantesimi Golden Globe Awards. “Solo ai Golden Globe gli sfigati della tv si trovano fianco a fianco con le star del cinema“, esordisce Amy Poehler, sul palco insieme a Tina Fey.

ore 2:15 Inizio scoppiettante delle due conduttrici, che coinvolgono gli ospiti in sala e no nelle loro battute pungenti. “Meryl Streep è a casa con l’influenza. E pare la interpreti benissimo“.

ore 2:20 Bradley Cooper e Kate Hudson danno inizio alle premiazioni. Si parte dal miglior attore non protagonista in un film. And the Golden Globe goes to… Christoph Waltz per Djano Unchained, il film di Quentin Tarantino. Ringraziamenti di rito per lui.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,


13
gennaio

GOLDEN GLOBES 2013: LE NOMINATIONS

Boardwalk Empire

Boardwalk Empire

Siete curiosi di scoprire se in questo lungo anno televisivo avete guardato le serie tv giuste o se invece vi siete concentrati su quelle sfigate che le avete guardate solo voi e i parenti stretti dei protagonisti? Bene, allora stanotte dall’una, che tecnicamente è già 14 gennaio, dovete sintonizzarvi su Sky Uno per assistere alla settantesima edizione dei Golden Globe Awards, i riconoscimenti che una giuria composta da 90 giornalisti iscritti all’HFPA (Hollywood Foreign Press Association) assegna ai migliori prodotti dell’intrattenimento televisivo e cinematografico.

Prima però passate da un bravo psicoterapeuta che se avete mostrato questo tipo di curiosità, vuol dire che avete sviluppato una dipendenza da televisione che nemmeno noi di davidemaggio.it. E no. La dottoressa Dani Santino di Terapia d’Urto non va bene. Non è in nomination.

La serata, dicevamo, verrà trasmessa in diretta da SkyUno dall’una con il collegamento dal red carpet e, a seguire, con la cerimonia di premiazione e sarà presentata da Tina Fey e Amy Poehler, entrambe della scuola del Saturday Night Live.

Passiamo quindi alle nomination e all’azzardo dei pronostici, che se avete visto “Homeland – Caccia alla spia” c’è poco da azzardare. Se no, allora fatevi una domanda. Una del tipo, “cosa cavolo la guardo a fare la televisione se poi mi perdo una delle migliori serie tv del decennio?”. E rispondetevi.

Ecco l’elenco delle nomination TV. A seguire, quelle del cinema.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,





18
gennaio

GOLDEN GLOBES 2012, I VINCITORI: TRIONFANO MODERN FAMILY, HOMELAND E DOWNTON ABBEY

Zachary Levi con Eric Stonestreet di Modern Family

Serata d’eccezione quella di domenica sera per la tv americna che ha trasmesso la cerimonia di premiazione dei Golden Globe 2012 che ha radunato davanti al piccolo schermo quasi 17 milioni di telespettatori. Una parata di star del cinema e della televisione ha presenziato alla manifestazione sfilando come da tradizione sul red carpet del Beverly Hilton Hotel prima dello show e dell’esclusivo party di chiusura.

Se The Descendants e The Artist hanno trionfato rispettivamente come miglior film drammatico e miglior commedia, per quanto riguarda la televisione è Modern Family ad aggiudicarsi il titolo di miglior serie comica superando tra gli altri Glee e la novità di questa stagione New Girl. Il titolo di miglior serie drammatica è andato a Homeland mentre Downton Abbey ha trionfato come miglior miniserie.

Un riconoscimento è andato anche a Jessica Lange di American Horror Story come miglior attrice non protagonista, mentre nella stessa categoria ma al maschile ha vinto Peter Dinklage di Game of Thrones. Kate Winslet si aggiudica il premio come miglior attrice in una miniserie per il suo ruolo in Mildred Pierce mentre Claire Danes di Homeland incassa il premio come miglor attrice in una serie drammatica. Dopo il salto l’elenco completo dei vincitori.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,


17
dicembre

GOLDEN GLOBES 2012: DOWNTON ABBEY E MILDRED PIERCE SONO I PIU’ NOMINATI. NEW GIRL, GLEE E MODERN FAMILY IN CORSA PER LA MIGLIOR COMEDY.

New Girl in corsa come miglior comedy

Sono state annunciate le nomination per la 69esima edizione dei Golden Globe, i riconoscimenti al meglio del cinema e della televisione assegnati da circa novanta giornalisti della stampa estera iscritti all’Hollywood Foreign Press Association. A guidare le categorie televisive sono Downton Abbey e Mildred Pierce con quattro nomination ciascuno mentre tra le rivelazioni spiccano le tre candidature per Homeland e le due per New Girl che si accostano alle tre ricevute da  Boardwalk Empire e Modern Family.

Per il titolo di miglior serie tv drammatica, dominano le reti via cavo: American Horror Story (FX), Boardwalk Empire (HBO), Boss (STARZ), Il trono di spade (HBO) e Homeland (SHOWTIME) sono in corsa per il titolo. I maggiori network si rifanno con le commedie e i musical: le nomination sono andate a Glee (FOX), Modern Family (ABC), New Girl (FOX) e poi Enlightened (HBO) e Episodes (SHOWTIME).

Julianna Margulies per The Good Wife e Madeleine Stowe di Revenge sono in corsa come miglior attrici in una serie drammatica mentre Zooey Deschanel di New Girl, la solita Tina Fey per 30 Rock e Laura Linney per The Big C concorrono come miglior attrici in una commedia o musical.





16
gennaio

Dr. HOUSE RIPRENDE SERVIZIO: DA VENERDI LA 3^ SERIE

Dr. House Medical Division @Davide Maggio .it

Incredibile ma vero. Italia 1 ha mantenuto la parola data ai suoi telespettatori, evento piuttosto raro quando si tratta di serialità televisiva.

A partire dal 19 gennaio il Dottor House riprende servizio.

Il 22 novembre 2006 lo avevamo lasciato sospeso tra la vita e la morte nel corso di una puntata a dir poco allucinogena.

Venerdì alle 21 scopriremo qual è stato il suo destino e soprattutto lo vedremo alle prese con casi sempre più complessi, alcuni dei quali davvero al limite dell’ in-credibile : pensate… il caro Dr. Gregory House, nel corso della 3^ serie, finirà addirittura in galera per una diagnosi sbagliata!!!

Non un atto di generosità quello di Italia 1 ma più che altro la necessità di battere il ferro finchè è caldo, dal momento che quest’anno le avventure dell’irritante medico hanno permesso alle rete di totalizzare ascolti record, decisamente al di sopra degli obiettivi prefissati.

E proprio questo successo ha portato Mediaset a mandare in onda gli episodi di una terza stagione calda, anzi caldissima dal momento che sta ancora andando in onda negli Stati Uniti (il martedi alle 21 su Fox) e la produzione non ha ancora completato le riprese (ne mancano otto alla fine).

Singolare anche la scelta, da parte dell’emittente di Cologno Monzese, sulla messa in onda che ricorda le abitudini americane. Non più due episodi nel giorno di programmazione ma uno solo proprio come è abituato il popolo televisivo degli states che riterrebbe insopportabile stare davanti al video per due ore di fila a seguire il proprio telefilm preferito.

Le sorprese però non finiscono qui, perchè oltre al Dr. House, subito dopo potremo vedere le puntate inedite di Grey’s Anatomy (seconda stagione) e dulcis in fundo quelle di Nip/Tuck (quarta stagione).

E se ancora non vi bastasse una novità assoluta per il nostro Paese di cui mi ero già occupato, Huff.

Un venerdì a dir poco cool quello di Italia 1 che si gioca le sue carte migliori tutte in una serata col probabile intento di sfruttare l’acquisita popolarità della serie per “trainare” e fidelizzare i telespettatori anche verso gli altri telefilm in programmazione al venerdi che potrebbero, in un futuro abbastanza prossimo, trovare una diversa collocazione nel palinsesto della rete garantendo ad Italia1 un’equa distribuzione degli ascolti.

In attesa del gradito ritorno, qualche curiosità sul Dr. House :

  • La sigla della serie nella versione americana è Teardrop dei Massive Attack ma in alcuni Paesi, tra i quali spicca l’Italia, i diritti d’autore non sono stati concessi. I creatori della serie hanno così pensato di creare il Dottor House Theme ovvero la sigla che noi abbiamo ascoltato nella prima serie e parzialmente nella seconda, visto che poi è stata lievemente modificata;
  • La sigla MD presente nel titolo (Dottor House Md) non indica l’estensione Medical Division ma è l’acronimo con in quale in genere viene chiamato un medico in America. Per ovvie ragioni nell’adattamento italiano le due lettere sono state utilizzate in maniera differente;
  • Il titolo della serie è stato ispirato da un articolo del New York Times che parlava di casi clinici di difficile risoluzione;
  • Hugh Laurie (Dr. House) ha vinto all’edizione dei Golden Globes appena conclusa il premio come Miglior Attore in una serie drammatica;

10
aprile

MELANIE GRIFFITH DENUNCIATA

Giunge da New York, fresca di stampa, una notizia che ha dell’incredibile.

Eh si… Melanie Griffith pare sia stata denunciata da Niklas Palm.

Vi chiederete chi sia costui…

Parliamo dello stilista che ha “conciato per le feste” la Griffith e le sue due figlie, Dakota Johnson e Stella Banderas, all’ultima cerimonia per la consegna dei Golden Globes.

Motivo della denuncia!?!

Melanie non avrebbe pagato i vestiti realizzati per l’occasione, il cui costo sarebbe stato di “soli” 26.000 euro.

Probabilmente lo stilista aveva già il dente avvelenato dal momento che la “nostra” aveva anche omesso di citare la paternità degli abiti durante la prestigiosa kermesse.

Che dire… più ne hanno e più ne vogliono e, a quanto pare, MENO NE SPENDONO!!!

Dimenticavo. Per le mie affezionate lettrici credo di essere riuscito a trovare gli abiti oggetto della discordia. Eccoli qua