Fiction


19
febbraio

PROVACI ANCORA PROF 4: PERSONAGGI E ANTICIPAZIONI

Flavio Montrucchio e Pino Ammendola

Questa sera e domani in prima serata su Rai1, doppio appuntamento con Provaci ancora Prof 4, la serie con protagonista Veronica Pivetti nei panni della Professoressa Camilla Baudino. La serie, diretta da Tiziana Aristarco, ritorna in tv dopo ben 4 anni d’assenza. La terza stagione andò in onda nell’autunno del 2008 ottenendo una media di circa 5.500.000 spettatori e il 22% di share.

Nel nuovo capitolo della serie, esce di scena il personaggio del Commissario Berardi, interpretato da Paolo Conticini. A far battere il cuore della Prof Pivetti, ci penserà però la new entry Cesare Bocci, impegnato nel vestire i panni di Marco Visconti De Matteis, un aitante esportatore di vini pregiati. L’uomo è fratello di Paolo De Matteis, il nuovo commissario interpretato da Flavio Montrucchio.

Tra i nuovi arrivi della serie anche Franco Oppini e Sarah Maestri, nei panni di due insegnanti del liceo in cui Camilla, tra un’indagine e l’altra, insegna. Ma conosciamo nel dettaglio i protagonisti di questa quarta stagione, che a partire dalla terza puntata, occuperà la prima serata del martedì.




19
febbraio

PROVACI ANCORA PROF 4: DA QUESTA SERA LA NUOVA STAGIONE CON BOCCI E MONTRUCCHIO

Provaci ancora Prof 4

Veronica Pivetti torna a vestire i fortunati panni di Camilla Baudino, la professoressa di lettere con la passione per le indagini. A partire da questa sera alle 21,30 su Rai1, riprendono, infatti,  le avventure di Provaci ancora Prof, la serie prodotta da Endemol Italia e diretta da Tiziana Aristarco. Nei sei appuntamenti di questa quarta stagione, ancora una volta ispirati ai romanzi di Margherita Oggero, accanto al cast storico, arrivano numerosi nuovi personaggi. Primi fra tutti Cesare Bocci, nei panni dell’affascinante Marco Visconti, che farà perdere la testa alla Prof, eFlavio Montrucchio, che interpreterà invece il nuovo commissario di Polizia.

Ben quattro anni fa, avevamo salutato la Prof in partenza per Barcellona dove il marito Renzo (Enzo Decaro) aveva deciso di trasferirsi per motivi di lavoro. Ma qualcosa è andato storto, e così Camilla è tornata a Roma, insieme alla figlia Livietta (Ludovica Gargari), e ha ripreso l’insegnamento nel suo vecchio liceo. A scuola sono arrivati due nuovi professori: la professoressa Anna Scarpa (Sarah Maestri), insegnante di scienze, timida e impacciata, e il prof. Sanfilippo (Franco Oppini), un insegnante vecchio stampo prossimo alla pensione.

Oltre all’impegno scolastico, Camilla continua a coltivare la sua antica “passione”: risolvere complicati casi gialli in cui si trova casualmente invischiata. Questa volta, però, non trova più al suo fianco il commissario Gaetano Berardi (Paolo Conticini), che è stato nominato questore in un’altra città. A sostituirlo c’è Paolo De Matteis (Flavio Montrucchio), un trentacinquenne puntiglioso, che non ama le incursioni della prof nelle sue indagini. Nonostante questo, Camilla non rinuncia alla sua passione e, in più di un’occasione, si troverà inevitabilmente a scontrarsi con De Matteis.


17
febbraio

1992: DA UN’ IDEA DI STEFANO ACCORSI SKY PREPARA LA SERIE TV SU TANGENTOPOLI

Stefano Accorsi, ideatore di '1992'

A vent’anni esatti (era il 17 febbraio 2002) da quello che è stato il primo, simbolico, atto – l’arresto dell’allora presidente del Pio Albergo Trivulzio e esponente del PSI Mario Chiesa - con il quale si fa coincidere l’inizio dell’inchiesta che ha sconvolto l’Italia e frantumato la Prima Repubblica, Sky annuncia che è in fase di scrittura la prima fiction televisiva incentrata su Mani Pulite.

Si chiamerà semplicemente 1992 e racconterà in dieci episodi, uno per ogni mese dell’anno solare, la storia di sei persone comuni che vedono le proprie vicende personali intrecciarsi con l’inchiesta. Nel periodo compreso quindi tra il 17 febbraio e il 15 dicembre – quando Bettino Craxi venne raggiunto dal primo avviso di garanzia – assisteremo alle avventure di un poliziotto che collabora con il pool di Mani Pulite, un pubblicitario decisamente anticonformista che pone le basi per la nascita di un nuovo progetto politico, un reduce della guerra in Iraq che si avvia alla carriera parlamentare, una giovane showgirl che deve trovare nuovi “agganci politici” perchè i precedenti sponsor sono stati coinvolti in Tangentopoli, una rampante giornalista che vuole ad ogni costo primeggiare e una giovane che si ribella alla famiglia finchè suo padre non viene travolto dallo scandalo.

L’idea creativa è di Stefano Accorsi mentre ad occuparsi della produzione sarà Wildside, che ha già lavorato alla realizzazione del ‘telepanettone’ Un Natale per due (con Brignano e Gasmann,  trasmesso da Sky il 25 dicembre) e del film di Boris oltre ad aver collaborato con la Taodue per la fiction di Canale5, Benvenuti a Tavola – Nord vs Sud, ex Famiglia Italiana.





13
febbraio

PIANO FICTION RAI 2012: TRA LE POLEMICHE ARRIVANO MOLTE CONFERME E QUALCHE NOVITÀ

Fiction Rai 2012

Presentato la scorsa settimana al Cda dal direttore generale Lorenza Lei, e bocciato clamorosamente dai consiglieri Rai, il piano Fiction Rai per il 2012 è stato  ritirato dal Dg, che lo ripresenterà con i dovuti ritocchi a fine febbraio. Ad aver creato particolari malumori la questione legata al costo di attivazione della seconda serie della fiction Bentornato Nero Wolfe. Il Cda si è chiesto, infatti,  come mai per la fiction prodotta dalla Casanova Multimedia di Luca Barbareschi, la cui prima stagione non è neppure andata in onda, il costo per attivare la produzione sia stato stimato in 948 mila euro, a fronte dei 300 mila euro necessari in media, per una serie in otto puntate.

In attesa di conoscere gli sviluppi sulla questione, e le eventuali modifiche apportate dal Dg, conosciamo il contenuto del piano fiction, ricco di molte conferme e qualche novità. Sul fronte delle conferme, con buona pace per i detrattori delle fiction sin troppo buoniste a marchio Lux Vide, ritroveremo le seconde stagioni di Un passo dal cielo, con Terence Hill, e Che Dio ci aiuti con Elena Sofia Ricci. Come confermato nelle scorse settimane dallo stesso Lando Buzzanca, tornerà la prossima stagione nella collocazione della domenica (dopo Che tempo che Fa di Fabio Fazio?) anche la nuova serie de Il Restauratore.

Sempre al giorno di festa è destinata l’ottava serie di Un medico in famiglia, la fiction targata Publispei, che per l’occasione ritrova Lino Banfi nei panni di Nonno Libero. La società produrrà anche la miniserie dedicata alla figura di Grace Kelly. In lizza per il ruolo della principessa di Monaco troviamo la regina della fiction Rai Vanessa Hessler, che proprio in questi giorni ha concluso le riprese in Tunisia della miniserie biografica Santa Barbara.


12
febbraio

IL GENERALE DEI BRIGANTI: LA DISCUSSA FIGURA DI CARMINE CROCCO NELLA FICTION CON DANIELE LIOTTI

Il Generale dei Briganti

“Volevamo raccontare i problemi dell’unificazione d’Italia da un altro punto di vista, per approfondire il fenomeno del brigantaggio, una pagina della storia poco esplorata sia dal cinema che dalla letteratura”.

Con queste parole il direttore di RaiFiction Fabrizio Del Noce, ha presentato Il Generale dei Briganti, la miniserie in due puntate, in onda questa sera e domani in prima serata su Rai1.

La coproduzione Rai Fiction e Ellemme Group – come la recente miniserie Anita – rientra nell’ambito delle celebrazioni del 150esimo anniversario dell’Unità d’Italia, e  racconta la vita di Carlo Crocco, un uomo dalla personalità forte e decisa, un personaggio dalle origini umili che, grazie ad un’intelligenza fuori dal comune, è divenuto nel tempo l’archetipo del brigante risorgimentale. La sua figura, tuttora al centro di pareri discordanti – c’è chi lo considera un carnefice e chi un eroe popolare – ha affascinato intere generazioni.

A dare il volto a Crocco, ribattezzato da tutti “Il Generale dei briganti”, l’attore Daniele Liotti. Nel cast della fiction, diretta da Paolo Poeti che firma il soggetto con Antonio Ferraro e la sceneggiatura con Giovanna Koch e Carlo Felice Casula, anche Raffaella Rea, Danilo Brugia, Christiane Filangieri e Massimo Dapporto.

Ecco la ricca e avventurosa trama, nella quale, alla figura storica di Crocco, vengono affiancati numerosi personaggi di finzione, fondamentali nel creare gli intrecci necessari allo sviluppo di una fiction destinata alla grande platea televisiva:





8
febbraio

IL TREDICESIMO APOSTOLO: MEDIASET ANNUNCIA LA SECONDA STAGIONE

Il Tredicesimo Apostolo, Claudio Gioè e Claudia Pandolfi

Si è conclusa ieri sera la serie tv di Canale 5, Il Tredicesimo Apostolo, incollando alla tv oltre 6 milioni di spettatori. Numeri che ai vertici del Biscione non sono di certo passati inosservati, tanto che Giancarlo Scheri, direttore della Fiction Mediaset, annuncia la realizzazione di una seconda stagione:

“Il nostro pubblico ci chiede sempre più qualità e innovazione. La serie ‘Il tredicesimo Apostolo’ è stata la migliore risposta. Un lavoro straordinario della Taodue di Pietro Valsecchi e Camilla Nesbitt che hanno creato un nuovo brand di successo. Abbiamo già dato il via alla seconda serie. Grazie e complimenti a tutto il gruppo di lavoro, con in testa gli attori Claudio Gioè e Claudia Pandolfi e il regista Alexis Sweet”.

Un successo che, seppur “macchiato” da un calo degli ascolti nelle sei settimane di messa in onda, ha comunque portato Canale 5 ad una media di 5.767.000 spettatori a puntata, pari al 21.06% di share. E, per una fiction targata Mediaset, di questi tempi (ma anche in quelli passati) è oro.


8
febbraio

LA CERTOSA DI PARMA: LA FICTION “HOT” CON ALESSANDRA MASTRONARDI E RODRIGO GUIRAO DIAZ. IL 4 E 5 MARZO SU RAI1

La Certosa di Parma

Arriverà il 4 e 5 marzo sugli schermi di Rai1 la fiction La Certosa di Parma. Tratta dall’omonimo romanzo di Stendhal, la miniserie in due puntate diretta da Cinzia TH Torrini, già artefice del successo di Elisa di Rivombrosa e Terra Ribelle, avrà tra i protagonisti due beniamini del pubblico televisivo italiano.

Nel ruolo di Fabrizio Del Dongo, giovane nobile milanese ci sarà infatti, l’attore argentino Rodrigo Guirao Diaz, interprete di Terra Ribelle e più recentemente della miniserie, sempre in costume, Violetta. Clelia avrà invece il volto di Alessandra Mastronardi, la celebre Eva Cudicini de I Cesaroni, nonché prossima protagonista dell’attesissimo Titanic – Blood and steel.  Tra i due giovani attori non mancheranno certo dei momenti ad alto carico di erotismo. Ad assicurarlo è la stessa regista:

“Ho girato scene d’amore non convenzionali chiedendo agli attori di interpretare la sensualità senza tecnica e azione diretta. Così facendo sono riuscita ad ottenere il risultato più erotico della mia carriera.”

La miniserie prodotta da Rai Fiction con la partecipazione di France 3, è stata girata tra Parma, Soragna, Palazzo Albergati a Zola in 52 giorni, lo stesso tempo che Stendhal impiegò per scrivere quella che si rivelò la sua ultima opera. Una sorta di testamento spirituale in cui l’autore francese mise in scena se stesso, i suoi dubbi, i suoi pensieri, delegandone il compito al personaggio di Fabrizio Del Dongo.


7
febbraio

IL TREDICESIMO APOSTOLO: STASERA L’ULTIMA PUNTATA. CI SARA’ UNA SECONDA STAGIONE?

Il Tredicesimo Apostolo

Ultimo appuntamento, eccezionalmente al martedì sera, per Il Tredicesimo Apostolo – Il prescelto, la fiction con protagonisti Claudio Gioè e Claudia Pandolfi. Sospese tra scienza e fede, in un’atmosfera degna di un romanzo di Dan Brown, le vicende del giovane Padre Gabriel e della psicologa Claudia Munari, hanno conquistato nel corso dei primi cinque appuntamenti una media di 5.724.000 telespettatori e del 21% di share.

Ascolti indubbiamente inferiori alle aspettative, soprattutto se si considera il risultato record di 7.145.000 spettatori e del 27,17% di share, ottenuto nei primi due episodi andati in onda la sera del 4 gennaio, ma comunque buoni rispetto alle performance di gran parte della fiction Mediaset, da sempre in seria difficoltà nel conquistare l’attenzione dei telespettatori. Al di là dei risultati d’ascolto, per la verità influenzati da una notevole concorrenza al mercoledì sera, va riconosciuto a Il Tredicesimo Apostolo, il merito di aver proposto un prodotto coraggioso ed originale.

Gli episodi a finale aperto, le ambientazioni mistiche, il paranormale declinato in mille sfaccettature, con bambini che levitano e ragazzine che lacrimano sangue, il continuo gioco di sguardi tra Padre Gabriel e Claudia, sfociato in una travolgente passione nel penultimo episodio, non avranno infatti convinto del tutto il pubblico italiano – da anni abituato alle più rassicuranti avventure di Don Matteo – ma quantomeno portato una ventata di novità nella fiction italiana. Una serie che meriterebbe dunque una seconda stagione, la cui realizzazione appare al momento quasi certa, ma non ancora ufficializzata.

Anticipazioni sull’ultima puntata: