Fiction


10
agosto

LE TRE ROSE DI EVA: ARRIVA SUL SET LA SOAP DESTINATA ALLA PRIMA SERATA DI CANALE 5. NEL CAST FRANCESCO ARCA

Francesco Arca

Le prime indiscrezioni su cast e trama risalgono al 2009, ma soltanto ora, dopo essere stata più volte rimandata,  arriva sul set la tanto attesa serie tv Le tre rose di Eva. Due anni di tempo nei quali con tutta probabilità si è stati attenti a pianificare ogni minimo dettaglio di quello che si preannuncia come un progetto di punta di Canale 5.  Le tre rose di Eva non sarà, infatti, la solita fiction di media o lunga durata, ma una soap seriale da destinare alla prima serata della rete ammiraglia Mediaset.

La soap diretta da Raffaele Mertes, che per Mediaset ha già girato le serie Carabinieri, Questa è la mia terra e lo sfortunato Angeli e Diamanti, avrà tra i protagonisti Anna Safroncik, Roberto Farnesi, Luca Ward, Edoardo Sylos Labini, Sara D’Amario e Kaspar Capparoni, quest’ultimo nel ruolo di guest star. Nel cast sarà inoltre presente Francesco Arca, sempre più intenzionato, dopo la partecipazione nella serie Ho sposato uno sbirro, a lasciarsi alle spalle l’etichetta di ex-tronista e intraprendere una carriera d’attore.

Non si conoscono ancora con certezza i dettagli della trama, ma alcune indiscrezioni trapelate in rete, giustificherebbero il titolo Le tre rose di Eva con la presenza nella soap di tre famiglie. Tre nuclei familiari molto diversi tra loro, che condividono lo stesso territorio: una cittadina piemontese che fa da sfondo alla soap. Nuovi amori, passioni e rancori attendono dunque gli spettatori, in un progetto in cui le incognite sembrano però essere ancora tante.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes




1
agosto

MANUELA ARCURI SARA’ PUPETTA MARESCA in PUPETTA, IL CORAGGIO E LA PASSIONE

Manuela Arcuri in Pupetta - La ragazza con la pistola

In attesa del debutto a settembre nella miniserie Sangue Caldo, per l’infaticabile Manuela Arcuri non è ancora arrivato il tempo delle vacanze. La prosperosa attrice di Latina è, infatti, impegnata in queste settimane sul set di Pupetta – Il Coraggio e la Passione, ennesima fiction a marchio Ares che la vedrà protagonista nei panni della celebre criminale.

La miniserie in 4 puntate, in onda su Canale 5 presumibilmente nei primi mesi del 2012, racconterà la vita di Assunta Maresca detta Pupetta. Una vita a stretto contatto con la camorra, balzata agli onori della cronaca per un delitto che fece epoca: l’uccisione del killer di suo marito. Sposata a soli 17 anni con il camorrista Pasqualone è Nola, la Maresca rimase vedova ad appena quattro mesi dalle nozze. Il rivale Tonino ò Bastimento gli uccise il marito, e lei, incinta di sei mesi, non esitò a vendicarsi, ammazzandolo il giorno dopo in un bar del centro di Napoli. Condannata a 18 anni di reclusione, nel corso della sua detenzione nel carcere di Poggioreale partorì il primo figlio, Pasquale. Ricevuta in seguito la grazia e tornata in libertà, intrattenne una relazione con un altro boss, Umberto Ammaturo, da cui ebbe due gemelli. Nel 1974 il primogenito Pasquale venne ucciso nel corso di un agguato (rapito, legato ad un sasso e gettato in mare). Il 13 febbraio 1982, in una conferenza stampa, da lei stessa indetta, minacciò apertamente Raffaele Cutolo e la Nuova Camorra Organizzata.

Un’esistenza ricca di colpi di scena che il regista Luciano Odorisio ha cominciato a girare a Roma. Proprio sul set della miniserie l’Arcuri ha ricevuto la visita della Maresca. L’ex ragazza con la pistola, oggi 76 enne, ha autorizzato la realizzazione della fiction, e, in occasione della visita, ha dato all’attrice alcuni consigli sul look da adottare. Pupetta sembra tenere particolarmente a questa fiction che in qualche modo potrebbe riscattare la sua immagine agli occhi del pubblico e far capire che le sue azioni all’epoca furono dettate da un forte desiderio di vendetta. Sceneggiata da Teodosio Losito, la miniserie vede un cast composto da: Tony Musante, Stefano Dionisi, Barbara De Rossi, Luigi De Filippo, Eva Grimaldi, Gabriele Morra e Sergio Arcuri.


20
maggio

GABRIEL GARKO E MANUELA ARCURI: TRE NUOVE MINISERIE PER LA COPPIA D’ORO DELLA FICTION

Manuela Arcuri

Apprezzati e, a detta dei maligni, anche scritturati, più per l’indiscussa avvenenza fisica che per le reali doti recitative, Gabriel Garko e Manuela Arcuri continuano a monopolizzare  la fiction italiana. Piacciano o meno nelle loro performance sul set, ciò che non si può certo discutere sono gli ottimi risultati d’ascolto puntualmente raggiunti dalle fiction che vedono entrambi  come protagonisti. Da soli o in coppia, i due attori rappresentano una vera e propria garanzia sul fronte auditel.

Anche la prossima stagione tv vedrà la coppia d’oro della fiction italiana impegnata su più fronti. I due protagonisti di serie di successo come L’onore e il rispettoIl peccato e la vergogna, torneranno a recitare insieme in Sangue Caldo, miniserie in 6 puntate prodotta dalla Ares Film, che vedrà nel cast anche Asia Argento. La fiction andrà in onda in autunno su Canale 5.

Sempre sulla rete ammiraglia Mediaset, è prevista per la prossima stagione, un’altra produzione a firma Ares. La serie in 4 puntate dal titolo Viso d’angelo, vedrà Garko nei panni di Roberto Parisi, un commissario distrutto dalla tragica scomparsa della moglie, incinta di suo figlio. Il giovane vedovo, che dopo la morte dell’amata consorte si dedica anima e corpo alla sua professione, troverà un aiuto e anche un nuovo amore nella poliziotta Angela Garelli, interpretata da Cosima Coppola.





8
settembre

L’ONORE E IL RISPETTO 2: IL RITORNO DEI FRATELLI FORTEBRACCI DA STASERA IN PRIMA TV SU CANALE5

L’Onore e il Rispetto, parte seconda (Gabriel Garko)

Gabriel Garko

La strabiliante media dell’11% di share (e oltre) su cui hanno viaggiato le repliche della prima serie appena trasmesse da Rete4 conferma quanto ormai si sia fatta spasmodica l’attesa della platea televisiva per il sequel de “L’onore e il rispetto“, la fiction che ha fatto dell’eterno dualismo tra bene e male, tra ragione e passione, e del mito immortale di Caino e Abele i propri punti di forza. Sarà morto davvero Tonio? Riuscirà a sconfiggere la cupola siciliana il virtuoso Santi? Quale il destino della tormentata Olga e della creatura che porta in grembo? In onda da stasera su Canale5, questa ‘parte seconda’ si ripromette di bissare il successo incontrato sugli schermi dell’ammiraglia Mediaset nel settembre di tre anni fa, quando i fratelli Fortebracci fecero il loro esordio da emigranti nella Torino pre-boom economico crescendo nella speranza di un riscatto sociale subito disillusa da un ambiente intriso di corruzione e illegalità; uno spaccato di storia italiana realmente accaduta e perciò vincente” come ha detto oggi Gabriel Garko a Il Giornale spiegando i perché di un riscontro tanto ampio tra il pubblico.

Da un’idea di Teodosio Losito (già “Io ti assolvo”, “Il sangue e la rosa”, “Mogli a pezzi”, per citare i lavori più recenti), prodotte da Alberto Tarallo per la Janus International, le sei puntate inedite de “L’onore e il rispetto – parte seconda” sono state appena presentate alla Mostra del cinema di Venezia come omaggio postumo al loro regista, Salvatore Samperi, scomparso sessantacinquenne nel marzo scorso: “Un amico che purtroppo ho perduto, un folletto, un uomo saggio e un bambino”, le parole commosse spese da Gabriel Garko per il maestro di “Malizia”; “Il mio nonnino: mi trattava come una nipotina e io lo ricambiavo con amore”, il ricordo affettuoso su La Stampa di Laura Torrisi, nuova entrata in un cast ancora una volta corale che comprende anche Alessandra Martines, Valeria Milillo, Angela Molina, Vincent Spano, Ben Gazzara e Paul Sorvino.

La gieffina penitente (leggete qui la sua crociata anti reality), vestirà i panni della sensuale Carmela Di Venanzio – e Diva e donna ce l’ha già mostrata come protagonista di una torrida scena d’amore con Garko, confermato nei controversi panni di Tonio Fortebracci. Altre conferme quelle di Giuseppe Zeno (Santi Fortebracci), Cosima Coppola (Melina) e Serena Autieri (Olga). Ma dove li avevamo lasciati?