Davide Maggio TV


3
maggio

X FACTOR : GIUSY FERRERI, TU CHIAMALA SE VUOI… GAETANA, la cassiera di Roberto Rossi

Giusy Ferreri (XFactor) @ Davide Maggio .itX Factor non starà facendo parlare di sé per gli strabilianti ascolti, ma non si può certo dire che stia passando inosservato tra il pubblico e gli addetti ai lavori.

Polemiche, indiscrezioni e strambe casualità rappresentano, ad oggi, l’unica fonte d’ossigeno per un costoso talent show che vivacchia sotto la soglia del 10% di share. Prima la polemica relativa ad una vecchia incisione di Emanuele Dabbono, poi quella su un recente contratto firmato da Ilaria Porceddu con la Sony, rescisso proprio due mesi prima della messa in onda della trasmissione e infine le insinuazioni sull’amicizia tra la Maionchi e Silvia Aprile.

Fuochi di paglia presto spenti da un regolamento che parla chiaro e che vieta ai partecipanti il solo vincolo di un contratto discografico in essere. Però, con l’arrivo della cantante Giusy Ferreri, nel corso della settima puntata, qualche dubbio sarà venuto anche al più convinto dei benpensanti. La ventinovenne palermitana, frettolosamente ribattezzata la “Amy Winehouse made in Italy” ha già al suo attivo un contratto con la Sony Music, anch’esso rescisso poco prima della trasmissione. Proprio come la Porceddu.

Ma a differenza della cantante sarda le “casualità” non finiscono qui. Il direttore artistico della prima fatica discografica della Ferreri, Il Party incisa con il secondo nome di battesimo Gaetana, è nientemeno che Roberto Rossi, uno dei boss della Sony, intervenuto durante l’ultima puntata dello show andata in onda lo scorso 29 aprile. Non solo, sarà lo stesso Rossi a seguire e produrre personalmente il disco del vincitore. Scherzo del destino o selezioni pianificate a tavolino? E’ pur vero che l’ingresso decisivo della brava cantante siciliana è stato determinato dal televoto ma a questo punto risulta assai difficile credere soltanto alla bella favola pubblicata all’interno della pagina dedicata all’artista dal sito ufficiale di X Factor (http://www.xfactor.rai.it/category/0,,1067131-1078129.html), quella di una cassiera che lavora part-time in un supermercato e che scopre il chiacchierato talent show “tramite degli amici”…

A meno che tra quelli stessi amici intendesse proprio Rossi. Il che non farebbe che avvalorare la tesi dei più maligni!




2
maggio

TELERISSA DELL’ANNO (ZERO): IL RITORNO DEL PROFESSORE VS MARCO TRAVAGLIO


17
aprile

IL PUSHER DEL TG5

Avevo deciso, tempo fa, di dedicare un post alle telemarkette del TG5 che ormai da tempo assorbono gli ultimi secondi del popolare telegiornale.

Autopromozioni che se possono essere ammissibili, nel contesto del quale parliamo, per programmi bene o male adatti ad essere “promossi” in un TG, dovrebbero trovare un limite quando l’unico motivo promozionale è quello che sottende la guerra degli ascolti tv.

Ma ieri, c’è stata addirittura la telemarketta sbagliata.

Clemente J. Mimun, probabilmente intento a sviluppare i 3 punti per il rilancio di RaiDue (!), per bocca di Cristina Parodi in Gori ha annunciato che ospite d’onore della finalissima di Amici sarebbe stata l’immarcescibile Raffaella Carrà.

Ma della Carrà, ad Amici, non s’è vista nemmeno l’ombra.

Sbagliare a meno di un’ora dalla messa in onda è decisamente imbarazzante!

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,





2
aprile

SEPARATI IN CASA

Veltrusconi @ Davide Maggio .it

Invidio l’America. Invidio gli americani. Televisivamente!

E questa volta l’ammirazione non riguarda uno show qualunque ma più semplicemente una possibilità. Quella offerta ai cittadini degli Stati Uniti di vivere in prima persona una campagna elettorale che viene affrontata dai candidati, e presentata ai naturali destinatari, come il migliore degli show a cui si possa assistere.

Confronti pubblici in arene infuocate, pubblico attento e presente, candidati sotto pressione e giornalisti pronti a interrogare con domande incalzanti, come il più pignolo professore, gli aspiranti Presidenti degli USA.

Candidati evidentemente in tensione e sotto analisi che devono dar prova di sè perchè consapevoli di dover conquistare, in queste occasioni, un Popolo intero.

Eventi mediatici eccellenti e sicuramente “calamitanti”.

Proprio l’opposto di ciò che accade nel nostro Paese dove gli italiani sono costretti a sottostare al minuzioso minutaggio delle apparizioni televisive dei politici che le emittenti devono rispettare in nome della par condicio o, ancora peggio, ad assistere alle beghe da pianerottolo che si scatenano simultaneamente alle decisioni da prendere per la trasmissione di uno, soltanto un confronto televisivo in diretta tra i candidati alla Presidenza del Consiglio. Un ribaltamento di quella che dovrebbe essere la norma e che fa apparire la campagna elettorale del nostro paese… un self made in cui gli elettori rimangono spettatori completamente passivi di uno show poco entusiasmante e sicuramente triste messo in scena dai protagonisti della politica.

Poco entusiamo e tanta tristezza esasperati, per assurdo, dalle bislacche leggi del nostro Stato grazie alle quali i due candidati non si sono neanche potuti sfiorare e non hanno potuto essere neanche applauditi perchè ormai a dover essere equamente distribuiti devono essere anche i battimani degli astanti.

Un inaridimento di una già arida politica che allontana ancora di più i cittadini da scelte essenziali per il Paese in cui vivono.

E così, per assurdo, qualora si voglia guardare un duello televisivo tra candidati, non rimmarrà altro che ripiegare sui confronti pubblici di Hillary e Obama perchè, questi si, vengono trasmessi senza alcun problema, in diretta, da RaiNews24.

Ma come sempre, il pubblico sentenzia. E ieri sera, purtroppo, a (non) seguire i “confronti” politici della prima serata di RaiDue ci sono stati 3.100 ascoltatori con l’11,02% di share per Silvio Berlusconi e 3.836 spettatori con il 13,91% per Walter Veltroni. Certo, sempre più di X-Factor. Ma Francesco Facchinetti non è chiamato a governare un paese.

E sono quasi certo che l’attenzione si catalizzerà, in mancanza d’altro, su quello che per alcuni è stato l’unico momento di brio della serata : la rimozione, dopo la conferenza stampa di Silvio Berlusconi, del cuscino sul quale si era accomodato.

Ecco il video…


31
marzo

LA GRANDE AVVENTURA (9^ PUNTATA) : STAGIONE TV 1989/1990

Silvio Berlusconi (La Grande Avventura) @ Davide Maggio .it

Riprende dopo una piccola pausa la Grande Avventura, la storia della TV Commerciale di Silvio Berlusconi (1978 – 1993) che ho iniziato a scrivere lo scorso settembre. Come saprete questi post richiedono uno sforzo decisamente notevole per rimettere insieme i tasselli che hanno composto la tv commerciale negli anni che abbiamo preso ad oggetto. Per questo devo ringraziare di cuore Capitano Sal senza il cui apporto questa puntata non sarebbe stata possibile.

Ci eravamo lasciati con la stagione televisiva 1988/1989. Prima di proseguire con quella successiva, però, è opportuno ricordare, in apertura di post, due programmi che videro la luce nella seconda parte dell’ultima stagione di cui ci siamo occupati. Visti i successi di programmi come Striscia la Notizia e Odiens, infatti, il 1° gennaio del 1989 inaugurò Emilio, varietà satirico della domenica sera di Italia1 affidato alla regia di Lella Artesi prima e Beppe Recchia poi. Scritto da Andrea Brambilla, Nino Formicola, Giorgio Faletti, Teo Teocoli, Soragni, Rossi, Gino e Michele, Marco Posani e la Gialappa’s Band, Emilio voleva rappresentare la trasposizione televisiva della redazione di un periodico comico. Redazione che fu animata dalla caporedattrice Athina Cenci e da Zuzzurro e Gaspare, Giorgio Faletti, Silvio Orlando, Teo Teocoli, Enrico Beruschi, Giannina Facio e Laura Delasiega ai quali si aggiunsero Gene Gnocchi e Carlo Pistarino nella seconda serie.

L’apprezzabile successo che il programma riscosse (ascolto medio : 2.784.000 spettatori) fece si che si proponesse una seconda serie di 26 puntate che ebbe dati d’ascolto altrettanto interessanti (2.650.000, l’ascolto medio).

Due settimane dopo il debutto di Emilio, il 16 gennaio 1989, fece la propria comparsa su Canale5 l’indimenticabile Agenzia Matrimoniale di Marta Flavi che teneva compagnia alle telespettatrici nel pomeriggio televisivo dell’ammiraglia del Biscione. Ce ne siamo già occupati su DM e potete trovate i dettagli del programma in questo Amarcord. Agenzia Matrimoniale proseguirà, visto il buon riscontro di pubblico, anche nella stagione della quale ci occupiamo quest’oggi. Ogni pomeriggio erano, infatti, sintonizzati circa 2 milioni di ascoltatori con una share che ha raggiunto anche il 30%. Il programma diede vita anche a due spin-off (troverete info nell’Amarcord già segnalato) e animerà i cuori solitari di Canale5 sino al 1995 quando il programma traslocò su Retequattro per poi venire definitivamente chiuso. Una chiusura in cui c’entrarono indubbiamente anche le vicende sentimentali della Flavi che dopo la separazione con Maurizio Costanzo riuscì a mantenere aperta la propria agenzia ma non si distinse per gratitudine nei confronti dell’ex marito.

Dop questa necessaria parentesi, passiamo alla stagione televisiva 1989/1990. Stagione che non si distinse per l’arrivo di show memorabili. Ma le novità, naturalmente, non mancarono… soprattutto nel week end.

Venerdì 29 settembre debutta, infatti, Finalmente Venerdì, uno straordinario varietà in 16 puntate diretto da Davide Rampello, scritto da Mario Amendola, Bruno Corbucci, Stefano Jurgens, Luca Goldoni e condotto da un eccezionale Johnny Dorelli con Heather Parisi (ballerina), Gloria Guida (cantante), Gioele Dix (comico) e Paola Quattrini con Corrado Pani. Bellissima l’apertura della della prima puntata in cui Dorelli presentava, cantando, lo staff del programma. Una presentazione che non potevo non mostrarvi nel video che segue…

Continua a scoprire la stagione televisiva 1989/1990 :





29
marzo

ECCO I VIDEO DI CIO’ CHE NON VEDRETE MAI AL GRANDE FRATELLO ITALIANO!

Grande Fratello - Grande Censura

Grande Fratello - Grande Censura

Trombate! Ma non permettetevi di farlo davanti alle telecamere. Potrebbe costarvi la carriera.

Questo è ciò che rischia la concorrente del Grande Fratello 8 Lina Carcuro, ventiseienne medico napoletano, che s’è lasciata andare con Roberto Mercandalli, meglio noto come El Cumenda, ai piaceri… della carne!

Piaceri che, in perfetta sintonia con la bigotta ipocrisia tutta italiana, hanno “costretto” gli autori del programma ad oscurare la diretta nella versione live (Sky, Mediaset Premium) per non permettere che cose del genere fossero mandate in onda.

Ma l’Ordine dei Medici di Napoli e Provincia, cui Lina è iscritta (tesserino n. 32038), ha fatto di più. Si asserisce, infatti, che il comportamento scostumato della concorrente costituirebbe una violazione dell’art.1 del Codice Deontologico secondo il quale [...] Il comportamento del medico anche al di fuori dell’esercizio della professione, deve essere consono al decoro e alla dignità della stessa, in armonia con i principi di solidarietà, umanità e impegno civile che la ispirano”.

Questa infrazione potrebbe, dunque, comportare la radiazione dall’Ordine per Lina Carcuro.

Follia, che mista alla bigotta ipocrisia fa venir da ridere!

E la risata non è dettata dalla voglia di vedere a tutti i costi un accoppiamento tra due concorrenti di un programma televisivo, ma dall’inspiegabile moralismo che colpisce, anzi… che ha sempre colpito, i media italiani che si scandalizzano di fronte ad una scena di sesso in tv ma che poi sono pronti a riempire il piccolo schermo italiano con volgarità ben peggiori potendo semplicemente contare sull’ “invisibilità” delle pudenda.


25
marzo

SU RETE4 LA FORTUNA HA FATTO 90. UNA SOLA VOLTA, con IVA ZANICCHI. GUARDATELA!

La Fortuna fa 90 @ Davide Maggio .it

Cari lettori, ricordate quando, tempo addietro, Vi parlai della puntata zero di un nuovo quiz su Rete4 condotto da Iva Zanicchi?

Si trattava de La Fortuna fa 90, programma che, oltre ad avere una caratteristica interessante (come vedremo a breve), si dice avesse già uno sponsor pronto a sostenere Iva e il suo show per un’eventuale realizzazione di questo quiz.

Al momento sembrano non esserci novità al riguardo ma, cosa decisamente singolare se non unica, potrete vedere uno spezzone della puntata zero registrata a Cologno Monzese e, in quanto tale, MAI ANDATA IN ONDA.

Inutile invitarVi ad apprezzare la scenografia completamente virtuale oltre all’exploit della concorrente in chiusura di programma!

Per informazioni sulla struttura de La Fortuna fa 90, visitate questo post. Per dire la Vostra, i commenti sono aperti!

[Ringrazio MAD Entertainment per la gentile concessione dei diritti di riproduzione del video]


20
marzo

DAVIDE MAGGIO INTERVISTA MAURO PETRARCA, CANTANTE MACABRO E CIMITERIALE DI XFACTOR

Mauro Petrarca (XFactor) @ Davide Maggio .it

Mauro Petrarca, cantante cimiteriale

Scrive canzoni, ballate e liriche macabre perchè il suo pensiero vola sempre verso… il camposanto! Il singolare, forse unico, genere musicale che lo contraddistingue l’ha portato sotto la luce dei riflettori sin dal 2004 quando è stato ospite di Cronache Marziane su Italia1. Si sono occupati di lui anche all’Italia sul Due, a La Vita in Diretta e su Rosso Alice.

Alcune radio trasmettono i suoi pezzi e dal 2006 è anche autore della colonna sonora nefasta del programma Melog di Radio 24-Il Sole 24 Ore, condotto da Gianluca Nicoletti. Il 2 novembre 2007, il quotidiano nazionale Libero ha dedicato un articolo alle Sue composizioni musicali cimiteriali. Lo aveva preceduto il 2 novembre di due anni prima soltanto La Stampa che ha dedicato un articolo al Suo Canzoniere Macabro.

Ma il vero successo è arrivato con il nuovo reality targato Magnolia, X-Factor, che l’ha portato alle luci della ribalta.

Non potevamo non intervistare un personaggio come Mauro Petrarca, che si racconta su davidemaggio.it in questa intervista.

  • Allora, caro Mauro, la domanda sorge spontanea. Come ti è venuto in mente di dedicare la tua musica ad un argomento così… funebre?

Non c’è mai stato, nel mio percorso, un momento per interrogarmi sulla poetica che stavo inseguendo. Ogni pensiero, ogni verso dato ai diari, voleva a cornice il camposanto;

  • Il tuo genere musicale è una provocazione oppure ritieni che possa avere una sua collocazione discografica ben precisa?

Oggi siamo abituati ai successi di vendite di artisti importanti come Guccini, Battiato, le compilation dedicate a De Andrè… ma se andiamo a valutare oggettivamente quei lavori, in pochi sottoscriverebbero che hanno coordinate commerciali o discografiche;

  • Come sei arrivato ad X-Factor?

La voglia e lo spirito bambino di rimettermi sempre in gioco, la propensione ad essere deriso nella consapevolezza che i miei baffi coprono il mio riso…

  • Sai se esistono colleghi che si occupano di musica come la Tua?

Ci sono molti esempi in proposito, ma di percorsi così univoci non ne sono a conoscenza;

Ti faccio, allora una piccola sorpresa. Sono riuscito a scovare una coppia di tue colleghe che hanno partecipato alle selezioni della versione inglese di XFactor.

  • In XFactor sei stato scartato durante i provini ma sei riuscito a catalizzare l’attenzione dei media. Soddisfatto oppure gli obiettivi erano altri?

Gli obiettivi erano di portare i miei canzonieri davanti alle telecamere, declamare i miei versi in video, mostrare il mio personaggio anche fisicamente;

Continua a leggere l’intervista :