Davide Maggio TV


20
agosto

MARIA DE FILIPPI: UN FASCINO DA 48 MILIONI DI EURO L’ANNO

Maria De Filippi (Fascino PGT)

Era da tempo che molti di noi erano desiderosi di “frugare tra le tasche” della regina Mida della televisione per farsi un’idea del gettito che Maria De Filippi riesce a produrre grazie alla sua formidabile strategia comunicativa. Ci ha pensato l’analisi pubblicata questa mattina da Italia Oggi, e ripresa dai colleghi di Televisionando, che riesce a fornirci la dimensione d’impresa di Fascino, “sanguinaria” società di produzione di cui la  De Filippi detiene la metà delle azioni (il partner azionario per la restante quota è Mediaset con RTI).

Il 2008 è stato un anno eccezionale infatti per le produzioni  di Maria de’Miracoli e nonostante l’atmosfera di pesante recessione che ha fatto crollare globalmente i mercati, il bilancio Fascino è lapalissianamente in positivo. Le cifre parlano chiare: utile di 48 milioni di euro (+ 15, 6% rispetto al 2007), risultato che deriva dal successo combinato di almeno tre abilità di gestione del patrimonio mediatico defilippiano.

Innanzitutto balza agli occhi la riuscita strategia di internazionalizzazione dei prodotti con la conseguente vendita sui mercati esteri, in primo luogo la Spagna con Telecinco, dei format che in Italia primeggiano con forza nel daytime, ovvero il vituperatissimo Uomini e Donne e, più recentemente, Amici (info in questo post).




18
agosto

COSI’ FAN TUTTE, ANCHE ALESSIA MARCUZZI. ECCO LA NUOVA SEXY-SITCOM DI ITALIA 1

Così Fan Tutte (Alessia Marcuzzi, Promo)

Periodo d’oro per la Grande Sorella di Canale5. Dopo i buonissimi risultati dell’ultima edizione del Grande Fratello, Alessia Marcuzzi sarà in video con un’esposizione degna delle sue colleghe più titolate, una sorta di prova del nove per testare l’infallibilità mediatica della conduttrice/attrice. 

Gli impegni saranno decisamente diversi: oltre alla big-edition del GF che potrebbe rivelarsi tanto una croce quanto una delizia per il palinsesto Mediaset vista la durata, al varco la attende anche il compito di non far rimpiangere Camera Cafè (e i simpatici Luca e Paolo), con un nuovo prodotto che riempirà, presumibilmente da metà settembre, proprio lo spazio lasciato libero dagli ex suoi colleghi de Le Iene.

Vous le femmes, questo il titolo della nuova “sfida”, poi rimodulato in Così fan tutte condivide con il celebre format che va a rimpiazzare la provenienza francese ed in nome della continuità con Camera Cafè anche la scelta della spalla comica: sarà infatti Debora Villa (manco a dirlo ex iena pure lei), alias la segretaria Patty, a condividere le sciagure e le emozioni della serie. Ma se il titolo vi ha fatto tornare alla mente, oltre alla nota consonanza con l’opera di Mozart, anche il film in cui Tinto Brass costringeva Claudia Koll ad essere davvero birichina, beh… la Marcuzzi non sarà da meno.


17
agosto

DE GRANDE FRATELLO HISTORIA UNIVERSALE/ 3: FILIPPINE

Pinoy Big Brother

Prosegue il nostro tour planetario alla scoperta delle costanti tematiche e sociologiche collegate alla rivoluzione percettiva del Grande Fratello nella società contemporanea. Dopo l’edizione nazionale olandese e quella continentale africana, oggi scendiamo immaginariamente nel Sud-Est asiatico per conoscere l’evoluzione del reality in terra filippina.

The soap of real life è lo slogan che accompagna il Pinoy Big Brother (dove ‘pinoy’ indica colloquialmente l’aggettivo ‘filippino’) seguito dagli spettatori via etere, tramite streaming on line e persino con la tecnologia via cavo appositamente predisposta per far seguire agli affezionati il live ininterrottamente.

In nessun altro paese c’è stata una simile educazione graduale del pubblico alla nuova frontiera dello spettacolo ma, considerato il carattere fortemente conservatore del paese, la strategia di lancio può essere definita corretta.  La produzione (la prima edizione risale al 2005) decise infatti di introdurre, con piccole pillole, la popolazione al nuovo fenomeno televisivo realizzando due puntate promo di familiarizzazione con un tipo di realtà sino ad allora quasi sconosciuta, in cui i filippini potessero conoscere il successo internazionale del format e avvicinarsi mentalmente all’innovazione dei contenuti, veicolati dal gioco, tramite un assaggio di convivenza spiata chiusosi in 24 ore.





10
agosto

SINGLE NEL MONDO, ASPETTARE (E GUARDARLO) NON SERVE: ANDREA SPADONI LO SVELA MINUTO PER MINUTO DAL WEB.

Andrea Spadoni svela Single nel Mondo

Sono arrivati ieri a Salta, nord dell’Argentina, e stasera si dedicheranno ad una prova da veri cuori impavidi: l’imbottigliatura del vino in altura. Un gruppo di simpatici pensionati in gita? No, stiamo parlando dei concorrenti del reality che tutti non vediamo l’ora di (non) vedere, il così poco atteso ”Single nel Mondo”.

Eh si, perchè se pensavate che l’idea di base di questo reality fosse già poco originale, e se siete fra quelli che pensano che un reality come questo si porti dietro il grave handicap di essere registrato, che cosa direte quando scoprirete che tutto quello che accade in “Single nel Mondo” si può seguire, giorno dopo giorno, sul sito ufficiale di uno dei suoi partecipanti? Lui si chiama Andrea Spadoni, ex-gieffino, e la sua idea ha dello straordinario: scrivere un diario giornaliero in cui fare la cronaca delle gesta dei concorrenti del reality, corredando il tutto con una splendida galleria video, così da non far soffrire troppo i suoi fan (se mai ce ne fossero) per la sua mancanza dall’Italia. E così sappiamo che i nostri single temerari sono divisi in squadre, di cui apprendiamo la composizione, e possiamo anche essere aggiornati su vincitori e sconfitti, con tanto di riassunto accuratissimo su punteggi parziali e totali. Di questo passo speriamo di leggere presto anche il nome del vincitore, così non avremo proprio nessuna scusa per sorbirci “Single nel Mondo” in tv. Geniale!

Si, il caro Andrea, che qualcuno ricorderà per le poco eroiche gesta da innamorato nella casa del Grande Fratello settima edizione, sembra essere davvero sicuro che questo show abbia l’appeal necessario a fare presa sul pubblico, e forse non teme che le sue super-dettagliate anticipazioni possano far venire meno l’unico elemento su cui poter sperare, ovvero il fattore sopresa. Non ci resta che provare ad immaginare che cosa riesca a far sentire lo Spadoni così sicuro di questo successo. Forse l’idea vincente ed originale dei single in viaggio per l’Argentina impegnati ad imbottigliare vino e a ballare il tango? Oppure lo sfavillante cast, che vanta al suo interno nomi del calibro di Max ParodiChiara Giallonardo e Nicoletta Candeloro? Magari spera che i suoi reportage video, mano ferma alla Blair Witch Project e commento degno dei peggiori servizi trash di Studio Aperto, possano stuzzicare l’appetito catodico di qualche ignaro internauta?


10
agosto

DE GRANDE FRATELLO HISTORIA UNIVERSALE / 2: AFRICA

Grande Fratello (Big Brother Africa)

Per chi credeva che alle falde del Kilimangiaro vivessero ancora in stato primigenio come i Watussi di Edoardo Vianello dovrà fortemente ricredersi perchè anche l’Africa (paese di cui vi parleremo oggi, dopo il primo appuntamento della rubrica che celebrava i fasti olandesi) ha ormai battezzato da tempo il suo Big Brother e si avvia a celebrare una nuova edizione, la quarta, che è annunciata per i primi giorni del prossimo mese.

La prima particolarità del format Endemol versione continente nero è quella di recludere in un’unica casa , di solito in Sudafrica, concorrenti provenienti da ben 12 diverse nazioni africane, dall’Angola allo Zimbabwe: razze e colori diversi tutti assieme per il primo caso di Grande Fratello ad estensione continentale in cui il sistema di eliminazione ha la particolarità di suddividere il voto per i diversi stati, attraverso il criterio una nazione-un voto, per poi decidere l’eliminazione a maggioranza (una sorta di nomination federale).

Era il 25 maggio 2003 quando per la prima volta il reality più celebre del mondo accendeva le proprie telecamere in Africa trasmettendo le vicende dei propri inquilini in ben 42 stati diversi, con una media di ascolti pari a 30 milioni di telespettatori a puntata. Il successo mediatico fu eccezionale, grazie anche alle strategie di scambio di concorrenti con l’edizione inglese, e varcò anche gli oceani consentendo alla trasmissione di vincere il premio di format internazionale dell’anno al Festival della Televisione di Montecarlo.





8
agosto

I RE DEL CAZZEGGIO: DIVENTARE FAMOSI FACENDO GLI IDIOTI IN TV

I re del Cazzeggio GXT Sky

Siamo solo dei cretini con una missione: è questo lo slogan che accompagna le avventure mediatiche di un gruppetto di sei ragazzotti scozzesi che, sfruttando quella che fu la trovata iniziale di Jackass, si sottopongono ad ogni tipo di gioco, volutamente fuori di testa, per colpire nel segno. Il loro obiettivo è sfruttare al meglio lo spazio offerto da Gxt, il canale più gigione e farlocco di Sky, che potete trovare al numero 146 del vostro bouquet.

In ogni episodio un pezzo grosso dello spettacolo dedica un quarto d’ora del proprio tempo agli scalmanati che, autodefinendosi gli stuntmen dell’idiozia, puntano a bucare lo schermo. Lo scopo che si prefiggono è infatti quello di convincere registi, produttori e manager a farli recitare nei loro film, o perlomeno a farli comparire in videoclip o spot pubblicitari (basta insomma che la loro immagine venga sdoganata). Ma il posto al sole ad Hollywood non arriva mai perchè i giudici vip non sono mai soddisfatti, o almeno fingono di volere sempre di più per aizzare la spettacolarità delle prove. Il risultato è che la girandola del pericolo adrenalinico non si arresta mai e i protagonisti devono osare per risultare più coraggiosi di tanti protagonisti dei reality o dei programmi giapponesi Mai dire Banzai style.

Il treno del successo per scappare dalla loro Scozia sembra non arrivare mai, ragione per cui la fantasia è  sempre costretta a sfornare nuovi mostri per scongiurare il pericolo di rimanere seppelliti tra il suono delle cornamuse e i muggiti delle vacche cornute, spettri che la regia agita constantemente per esasperare l’azione del gruppetto degli arrivisti, disposti veramente a tutto.


3
agosto

DM LIVE24: 3 AGOSTO 2009

DM Live24: 3 agosto2009
Live Comment on davidemaggio.it

Non sai cos’è DM Live24? Leggi qui

Dal Diario di ieri…

  • Debutta Livio Beshir

Nedda ha scritto alle 14:22

Oggi (ieri ndDM) esattamente alle 13:50 ho finalmente visto il nuovo annunciatore di RaiDue; dopo le tante polemiche ha finalmente realizzato il suo sogno. Certo essendo abituati a vedere la bella morettina l’impatto visivo è un pò traumatico ma se l’è cavata bene!

  • All’improvviso una sorpresa. I TeleRatti anche su Naked News.

La redazione di DM non ne era a conoscenza e lo ha scoperto solo oggi. Si è occupato di TeleRatti anche il canale Naked News, celebre negli States e da poco arrivato in Italia. Ecco il video


30
luglio

VITE SPIATE: PRIME NOTIZIE SULLA DESIDERATA SECONDA EDIZIONE DEL WEB REALITY

Vite SpiateSembra che stavolta ci siamo. Dopo infinite procrastinazioni e silenzi prolungati, la produzione si rifà viva e svela qualche anticipazione su Vite spiate 2, più volte annunciato ed altrettante volte sospeso. Volete una data certa? Troppa grazia chiedete. Nel comunicato diffuso dal team si parla genericamente di autunno e considerato il fatto che il casting richiederà certamente un impiego di tempo non indifferente rassegnatevi ad attendere almeno ottobre prima di rivedere in streaming sul web il reality meno censurato d’Italia (ecco alcune immagini) che tanto avete amato.

L’oracolo sibillino evoca Lele Mora come direttore artistico di produzione e precisa che Vite Spiate si configurerà come contenitore di reality (Spiati Vip, Spiati People e Spiati Business) che intreccerà le vicende del loft (celebre per la disinvoltura dei partecipanti della prima edizione) alle ospitate di personaggi famosi presumibilmente legati al Pigmalione Mora che invece di scendere in campo in prima persona nei reality preferisce continuare a sguinzagliare i suoi assistiti.

Le prime indiscrezioni parlano di un live channel, tra i tanti che si stanno progettando, che avrà l’aspetto di  casa di talenti in cui sarà possibile seguire sia la vita artistica sia la quotidianità dei protagonisti che saranno costretti a convivere per due mesi senza che il pubblico possa eliminarli anzitempo (possiamo affermare con buona dose di certezza che mai come quest’anno i media puntano sul concept del talent). L’obiettivo è quello di dare a questa parte del gioco il profilo di un reality-agenzia